Language   

You'd Better Leave Segregation Alone

Anonymous
Language: English

List of versions


Related Songs

Seize the Time
(Elaine Brown)
Fayette County
(Pete Seeger)
Birmingham Sunday
(Richard Fariña)


Questo canto è stato scritto nel 1960 da alcuni studenti dell'American Baptist College, in occasione dei primi
sit-ins di Nashville contro la segregazione razziale nei locali pubblici. Sulla musica di Leave My Kitten Alone, di Little Willie John. Testo da: Negri U.S.A. Nuove poesie e canti, introduzioni critiche e traduzioni di Gianni Menarini, Milano, Sansoni-Accademia, 1969, pag. 240.
You'd better leave segregation alone
because they love segregation
like a hound dog loves a bone.
Wall I went down to the dime store
to get myself some eats,
they put me in the jail
when I sat at them folks seat.
You'd better leave segregation alone
because they love segregation
like a hound dog loves a bone.
Well I went down to the dime store
to get myself a coke,
the waitress looked at me
and she thought it was a joke.
You'd better leave segregation alone
because they love segregation
like a hound dog loves a bone.

Contributed by L.L. - 2014/1/11 - 22:58



Language: Italian

Traduzione italiana di Gianni Menarini
MEGLIO CHE NON TOCCHIATE LA SEGREGAZIONE

Meglio che non tocchiate la segregazione
perché quelli sono innamorati della segregazione
come un cane del suo osso.
Sono sceso alla tavola calda
per farmi uno spuntino,
mi hanno messo in prigione
quando mi sono seduto al tavolo di quella gente.
Meglio che non tocchiate la segregazione
perché quelli sono innamorati della segregazione
come un cane del suo osso.
Sono sceso alla tavola calda
per farmi una Coca Cola,
la cameriera mi ha guardato
credendo che scherzassi.
Meglio che non tocchiate la segregazione
perché quelli sono innamorati della segregazione
come un cane del suo osso.

Contributed by L.L. - 2014/1/11 - 23:08



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org