Language   

L’Odineide

Gualtiero Bertelli
Language: Italian (Veneto)


Related Songs

No sta piàndar Catineta
(Giovanni Olivotto)
Vedrai com'è bello
(Gualtiero Bertelli)
Mi voria saver
(Gualtiero Bertelli)


[1964 e 1975]
Parole di Mario Isnenghi (1938-), storico ed accademico italiano.
Musica di Gualtiero Bertelli
Nell’album intitolato “Mi voria saver” del 1975.
Testo trovato su Il Deposito

Mi voria saver

Don Odino, parroco veneto, esponente della Chiesa più retriva e tradizionalista, racconta del grande spavento del 1948, quando i comunisti rischiavano di bussare al portone della canonica (mi ha ricordato parecchio la scena iniziale de “La Tosca” di Luigi Magni, quando il 14 giugno 1800 a Roma il papa-re Pio VII - interpretato da Aldo Fabrizi - e la sua corte stanno con il fiato sospeso in attesa dell’esito della battaglia di Marengo tra le truppe napoleoniche e quelle austriache, tra giacobini e difensori della fede…); nel brano successivo troviamo il prevosto Don Odino intento a dare saggi consigli di voto a bigotte e beghine; poi un dialogo tra Don Odino e Don Floriano sul nuovo, scampato pericolo nelle elezioni politiche del 1963, dove comunisti e socialisti superarono la diccì ma poi Pietro Nenni strizzò l’occhio ad Aldo Moro e così nacque il centro-sinistra organico che ancora oggi ci sfracella i cabbasisi; infine un brano in cui Don Odino manifesta tutta la sua gioia e la sua speranza in vista del Giubileo indetto da Paolo VI per il 1975.

“[…] All'ultimo anno di magistrali, nei 1963, avevo avuto come docente Mario Isnenghi, neolaureato in lettere. Con lui, finito l’anno scolastico, lui mi ha detto: ‘Io faccio dei testi e tu fai la musica’. E mi ricordo che nel luglio 1964 abbiamo musicato le prime tre strofe di quella che poi è diventata L’Odineide. Io mi vergognavo a cantarla a casa mia, non sapevo bene cosa poteva succedere, come avrebbe reagito mia madre, e siamo andati in barca. Ci siamo messi in mezzo alla laguna, vicino alle Grazie, e con la fisarmonica abbiamo suonato e cantato L’Odineide, allora fatta di tre ballate (ne abbiamo poi aggiunta un'altra nel 1975, L'ano santo). ll primo ottobre 1964 prendevo ruolo come insegnante e il 22 settembre, a casa della mia maestra elementare, ci siamo trovati un gruppo di amici a fare una festa. È arrivata Luisa Ronchini con il suo chitarrista Franco Baroni; stava allora cominciando a cercare canzoni veneziane. ‘Senti un po’, mi dice, perché non ci mettiamo assieme e facciamo un gruppo? Io sono collegata con Renzo Aristolao e i Dischi del Sole che mi hanno proposto di metterlo in piedi… Perché non lo facciamo? Potremmo chiamarlo Canzoniere Popolare Veneto […]”
(Gualtiero Bertelli in “Una storia cantata. 1962-1997: trentacinque anni di attività del Nuovo Canzoniere Italiano / Istituto Ernesto de Martino”, a cura di Cesare Bermani, 1997)
- La note di quel 18 aprile 1948

No ti ghe geri quel mese di aprile
- dise el prevosto al capelan -
no se g'avemo perso de animo,
ma se g'avemo roso el figà.

Giorni tristissimi de patimento
lota la casa col tradimento
i rossi infuriano, el fià ne manca,
ma no alzemo bandiera bianca.

Povera Italia, ne la sembrava volerne più.
Poveri nu.

Tuti a palazo, el dì, la note
stanchi, sfinii, co le ossa rote,
reverendissimi e monsignori
omeni, done, sempi e dotori.

Prevosti e muneghe, zagheti e frà,
beghine e nonsoli che i ven, che i va,
i siga, i calcola, i se prega adosso,
el portaordini el ghe n'ha dà.

Povera Italia, ne la sembrava volerne più.
Poveri nu.

Rito nel mezo de la bataglia
come un arcangelo tra la plebaglia
insone e vigile, sempli e fiero
sta nostra eminenza, vestita di nero.

Fa segno e un parroco strissa dal mucio
ghe porta i dati de la sezione
riparte e un chierico adeto all'ussio
el se ghe prossima co discression.

“Ghe saria - mormora - quel onorevole”.
“Che passi”, e uno trionfante, in estasi
entra de freta e poi servizievole
se ghe precipita drito ai suoi piè;
el ghe ciapa la man, el ghe la copre de basi.
“L'è fata - grida - par nu, par la fè!”.

Ahi, Don Rosario mi so vecio e vu si fio,
e no podè forse nianca capir,
a quel anuncio sorse un grido,
giubilo, pianti, pregar, benedir!

e lu nel mezo radioso e fiero
come un arcangelo o un cavalier
alto, solenne, vestito di nero
ne benediva el condotier.


- El voto de le femene

“Se va in çielo”, ghe ga dito
el prevosto a la me nona
“se va in çielo co se vota
tuti quanti par la DC.”

“Mi no so, caro prevosto
no me so mai interessada
mi so dona, so malada,
so 'na vecia senza fià”.

“Ma xe una caso de cossienza”,
ghe risponde el sior curà,
“'na cristiana de cossienza
fa quel che ghe dise el curà.

E sicome che go l'obligo
de tratarve come piegore,
vegnì qua, senteve done,
Bice, Gina, Mariarosa,
vegnì qua che ve spiego
tuto quel che 'avè da far.

Comunisti e socialisti
no xe el caso de parlar
no la xe roba par vu femene
e lassemoli pur star.

Proseguendo, ghe xe i monarchici
che voria da capo el re
ma i xe fiapi, i ga la spussa
co' fa el pesse che xe passà.

I fassisti ga dei meriti
no se pol dir de no,
ma i xe stai un poco rusteghi
i s'ha fato voler mal.

I pol anca tornar boni
in un'altra situassion
par intanto i tegnimo
de riserva e de scondòn.

Liberal, Santa Maria,
e no steme far dir de più!
La xe 'na perfida genia
i ga distruto el papa-re.

E po dopo, in confidenza,
badè a mi se me scoltè,
la xe roba da paroni
no par vu che lavorè.

No ne resta che afidarse
ai miliori che ghe xe.
Boni, semplici, virtuosi,
i ghe crede anca a la fè.

E perciò, scolteme o femene
credo di avervi dimostrato
che chi non vota scudo crociato
fa un grandissimo pecà.

Lo vol Dio, lo vol la cesa,
per la patria e per la fè;
e no ste badarghe ai omeni,
se cristiane, ascoltè me!”


- I do piovani

Don Odino e don Floriano
al tramonto e de scondòn
van tenendose per mano
l'indoman de l'eleziòn.

I camina a colo basso
con el core che ghe duole
i g'ha in pansa un gran tremasso
a pensar quel che sarà.

“Maria vergine” - ghe fa
don Odino a don Floriano –
“se prepara per noialtri
un grandissimo malano.

Adio cese, adio perpetue,
adio nonsoli e conventi,
adio decime e limosine,
adio santa religion.

No i capisse 'sti siori
che ogigiorno ne tradisse,
che se la cesa la finisse
la xe finia anca par lori.

Adio cese, adio perpetue,
adio nonsoli e conventi,
adio decime e limosine,
adio santa religion.”

“Non pol essere” - ghe fa
don Floriano a don Odino –
“vu zoghè col vostro dano
ma la cesa prevarrà.

La ghe n'ha passae tante
liberali e framassoni
Dante, i Mille e i Borboni,
Crispi, el fassio e tute quante,
bone o brute che le xe stae
re, tirani, massiniani,
laici, duci, partigiani,
in malora tuti quanti s
ol la cesa s'è salvada
la s'ha sempre tegnìo su.

E perciò, scoltime Odino,
su la vita e in alto i cuori
come xe passai 'st'altri
passarà anca 'sti bolori.

Come xe passai 'st'altri
passarà anca 'sti bolori
passarà anca 'sti bolori
viva nu, e in malora lori”.


- L'ano santo

No so se me insogno o se so' desmissià
no so se xe 'na fiaba, opur se xe realtà.
Oh Maria tochèmose, me manca anca el fià
saria i veci tempi, Dio voglia, tornà?

Se fa l'Ano Santo, savè, tolè su
se fa l'Ano Santo e 'sta volta in tivù.

E vu, svergognate, che ghe 'ndavi drio
a 'sti cagabudi, e a tutto el desìo,
ai preti co le braghe, ai frati dotori,
ai sputasentense, ai puti in calore.

A omeni e done muciai su l'altare
che i sona la chitarra, che i sta a ciacolare
che i siga de Vietnam, de fame, paroni,
ma el prete, in 'sta Russia, el g'ha ancora i cogioni?

E vu teste marse che ghe 'ndavi drio
“El xe sta el concilio” disevi, par zio!
Ma no, xe 'sta el diavolo che tuto ha cambià
che so da l'altare el ne g'ha rovinà.

Verà quel momento, el papa no'l pol
'sta cheba de mati star sito a vardare,
de scioperi, lote, casin, perdissiòn,
de Acli che predica la rivolussiòn.

De aborto, divorsio, de preti operai
de falce e marteo co la croce missiai
de muneghe e preti che vol far l'amor
de centro sinistra che va a rebaltòn.

De femene nue, de oposti 'stremismi
de democristiani che fa i comunisti
de bombe che i dise sia nere, ma mi
g'ho sempre pensà che le sia del picì.

Creature, i fassisti xe boni italiani
i rompe un fià i bisi, ma i rossi i xe cani
no stemo fidarse, pensemoghe sora
che no xe mai tardi par burali fora.

Adesso, par zio, se fa l'Ano Santo
xe vero, no sogno, vegnù xe el momento.
Go el cuor che s-ciopa da tanto contento
so serto che l'ordine cussì tornarà.

Co l'ordine vecio ritorna a regnare
i omeni a cotimo, e no a sioperare,
le femene a casa e zo da l'altar,
i tosi che i studia, e no in piaza a sigar.

Per Paolo e Amintore su su in alto i cuori
ofrimoli a Dio 'sti sete dolori,
tornemo a la casa, tornemo co Pietro,
o Satana! in mona, cioè... vade retro.

Contributed by Bernart Bartleby - 2014/1/9 - 15:23



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org