Language   

State of Arkansas (My Name Is Terry Roberts)

Pete Seeger
Language: English


Related Songs

The Housewife Terrorists
(Pete Seeger)
Why? (Am I Treated So Bad)
(Staple Singers)
Battle Of Maxton Field
(Malvina Reynolds)


[1957]
Parole di Dave Arkin, cantautore di Los Angeles.
La musica è quella di “State of Arkansas”, una canzone tradizionale ripresa dagli Almanac Singers
In “Gazette With Pete Seeger, Vol. 1”, Folkways Records, 1958.

Gazette With Pete Seeger, Vol. 1


Nel 1954 la Corte Suprema degli USA decretò la fine del sistema di segregazione razziale, a cominciare dalle scuole. Nel 1957 la Central High School di Little Rock, Arkansas, si apprestava ad aprire le sue porte ai primi 9 studenti afroamericani (tra di loro il giovane Terrence “Terry” Roberts) quando il governatore dello Stato, Orval Faubus (del Partito Democratico!), con la scusa di dover mantenere l’ordine a fronte delle proteste organizzate da gruppi di cittadini razzisti, fece intervenire la guardia nazionale che, invece di contenere l’aggressione dei segregazionisti, impedì ai “Little Rock Nine” di accedere all’edificio scolastico. Il sindaco di Little Rock, Woodrow Wilson Mann, denunciò subito il grave fatto al presidente Dwight Eisenhower, il quale immediatamente mandò un’intera divisione aerotrasportata dell’esercito federale e “federalizzò” la guardia nazionale dell’Arkansas, sottraendola alla disponibilità di Faubus.



I nove giovani di colore poterono così entrare a scuola, ma furono subito costretti a subire ogni sorta di maltrattamenti ed abusi da parte degli altri studenti: acido gettato in faccia, ustioni, insulti e botte. Gli unici provvedimenti presi dall’autorità scolastica furono le sospensioni a carico delle vittime…



Intanto il governatore Orval Faubus non si era dato per vinto: prima invocò un rinvio della desegregazione, poi chiuse d’autorità le scuole e indisse un referendum contro le risoluzioni federali, vincendolo. La tracotanza e l’ottusità di Faubus (ma anche della maggioranza della comunità bianca dello Stato che lo sosteneva e che lo avrebbe rieletto anche per il mandato successivo e fino al 1967!) portarono ad un anno di “stand by” dell’istruzione pubblica e all’esasperazione del conflitto (“The Lost Year”). Poi, di fronte all’alternativa di abbandonare in massa le scuole pubbliche e sobbarcarsi le spese ben più ingenti di quelle private, i cittadini di Little Rock scesero a più miti consigli: sostituiti i consiglieri segregazionisti con altri più moderati, le scuole poterono riaprire nell’estate del 1959.



Ernest Green, Elizabeth Eckford, Jefferson Thomas, Carlotta Walls LaNier, Minnijean Brown, Gloria Ray Karlmark, Thelma Mothershed, Melba Pattillo Beals e anche Terrence “Terry” Roberts, protagonista della canzone di Pete Seeger, ricominciarono a frequentare la Central High School di Little Rock.



Le violenze da parte dei loro compagni bianchi però non cessarono.
Solo nel 1996 alcuni di questi, ospiti con sette dei “Little Rock Nine” al popolare show televisivo di Oprah Winfrey, hanno chiesto scusa per il tormento che inflissero ai loro compagni di colore.
My name is Terry Roberts,
From Little Rock I come.
I went down to the schoolhouse,
The place they kept me from.
I went down to that schoolhouse,
And this is what I saw…
State troopers with steel helmets
In the State of Arkansas.

I went up to the troopers
And said, “Please let me in.”
And all their guns were pointed
At the color of my skin.
They kept me from that schoolhouse
Where I’d be by law.
And that’s what they call justice
In the State of Arkansas.

Now his name is Orval Faubus,
The governor of the state,
He sent his army charging down,
Nine kids at the gate.
Three hundred National Guard were there
Dressed up to fight a war,
And that is why I’m late for school
In the State of Arkansas.

Oh listen, Mr. Governor,
And Mr. President, too.
Give me that constitution
That’s what you’ve got to do.
Give me that constitution
I ask for nothing more.
Yes, that’s what I want to study
In the State of Arkansas.

I’ve traveled this wide world over,
Some ups and downs I’ve saw,
But I never knew what misery was
Til I hit old Arkansas.

Contributed by Bernart - 2013/11/29 - 13:18



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org