Language   

Stèteve attente (E lu menestre Colombe)

Giovanna Marini
Language: Italian (Lucano)


Related Songs

Scappat scappat
(Ferdy Sapio)
Ama chi ti ama
(Giovanna Marini)
Io vorrei
(Giovanna Marini)


[1963]
Canzone scritta da Giuseppe Miriello, cantoniere, cantastorie e militante del PCI.
Nel disco “Canti del lavoro, vol. 4”, nella versione originale registrata a Matera nel 1963 dalla voce di tal Eustachio Fiore.
Poi anche nello spettacolo di Govanna e Francesco Marini intitolato “L'aria concessa è poca”, 1970.
Testo trovato sul sito del gruppo di canto popolare Voci di mezzo

Invettiva contro il ministro democristiano Emilio Colombo (1920-2013), eletto in Basilicata e quindi, nell’immaginario popolare, responsabile di ogni decisione funesta, come quella di costringere i disoccupati a emigrare per trovare lavoro…

Lu menestre Colombe (purtroppo non riconosco il personaggio che lo accompagna…)
Lu menestre Colombe (purtroppo non riconosco il personaggio che lo accompagna…)


Il testo originale in realtà era più lungo.
La traduzione delle strofe mancanti dal sito delle Voci di Mezzo: “Le mogli si sono unite, sono andate su al Partito perché a Matera vogliono il marito. Il Partito Comunista gli ha dichiarato: ‘Statevi attente quando andate a votare’. Le donne si sono impegnate: ohè, adesso, questa volta per i comunisti voteranno Statevi attenti voi, o popolazione, adesso che faranno quest’altra votazione”.
E lu menestre Colombe ha fètte lu progette,
e lu menestre Colombe ha fètte lu progette,
ha fètte lu progette pe li disoccupète.

Stèteve attente e voi la pop'lazione,
'mparateve a legge e scrive
pe' difèndeve dai patrone.

Tutt'i disoccupète dai mugghieri l'ha separète,
tutt'i disoccupète dai mugghieri l'ha separète,
dai mugghieri l'ha separète,
a lu confine l'have mannète.

Stèteve attente e voi la pop'lazione,
'mparateve a legge e scrive
pe' difèndeve dai patrone.

Tutt'i disoccupète dai mugghieri l'ha separète,
tutt'i disoccupète dai mugghieri l'ha separète,
ha fètte lu bollettine
alla Germania l'have mannète.

Stèteve attente e voi la pop'lazione,
'mparateve a legge e scrive
pe' difèndeve dai patrone.

Contributed by Bernart - 2013/11/25 - 10:27



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org