Language   

The Velvet Underground: Sunday Morning

GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG
Language: English

List of versions


Related Songs

I carbonari
(Armando Trovajoli)
Russian Reggae
(Nina Hagen)
Fighter Pilot
(John Cale)


(1966)

Album: The Velvet Underground & Nico - 1967

Words and music by Lou Reed & John Cale

The Velvet-Underground & Nico

Lou Reed se n'è andato una domenica mattina d'ottobre.

Gli rendiamo omaggio con questa famosissima canzone che apriva un album che - come disse Brian Eno - avrà venduto originariamente 30.000 copie ma tutti quelli che ne hanno comprato una copia hanno poi fondato una band.

Svegliarsi una domenica mattina, un apparente risveglio tranquillo, ma con il fantasma degli anni sprecati, la paranoia di avere il mondo intero dietro le spalle, la depressione, l'ansia strisciante, i postumi dell'eroina...

The Velvet Underground & Nico
Sunday morning, praise the dawning
It's just a restless feeling by my side
Early dawning, sunday morning
It's just the wasted years so close behind

Watch out, the world's behind you
There's always someone around you who will call
It's nothing at all

Sunday morning and I'm falling
I've got a feeling I don't want to know
Early dawning, sunday morning
It's all the streets you crossed, not so long ago

Watch out, the world's behind you
There's always someone around you who will call
It's nothing at all

Sunday morning
Sunday morning
Sunday morning

2013/10/27 - 20:40




Language: Italian

Versione italiana
a partire da Musica e memoria, ma con qualche cambiamento

lou reed and nico
DOMENICA MATTINA

Domenica mattina, gloria all'alba
ma c'è una sensazione d'irrequietezza che m'accompagna
Le prime luci dell'alba, domenica mattina
E gli anni sprecati sono appena dietro di te

Attento! Hai il mondo intero alle tue spalle
c'è sempre qualcuno intorno a te che chiamerà
ma non è niente

Domenica mattina, e sto cadendo
Ho una sensazione che non voglio riconoscere
Le prime luci dell'alba, domenica mattina
Sono tutte le strade che hai percorso, non tanto tempo fa

Attento! Hai il mondo intero alle tue spalle
c'è sempre qualcuno intorno a te che chiamerà
ma non è niente

Domenica mattina
Domenica mattina
Domenica mattina

2013/10/27 - 21:00




Language: German

Versione tedesca di Nina Hagen
dall'album FreuD euch (1995)

SONNTAGMORGEN

Sonntagmorgen
Und deine sorgen moecht' ich mal haben,
Du verwoehnter reicher mann

Sonnenaufgang
Sonntagmorgen
Es sind all die vielen jahre noch gar nicht so fern

Pass auf!
Die welt kommt noch dahinter,
Da kommt irgendwie immer einer
Unter deinen hut,
Und alles ist gut


Sonntagmorgen
Und meine sorgen
Es is'n gefuehl,
Das ich dir ersparen will

Sonnenaufgang am sonntagmorgen
Es sind all die wege, die sich kreuzen
Bis tief in die nacht

Pass auf!
Die welt kommt noch dahinter,
Da kommt irgendwie immer einer
Unter deinen hut,
Und alles ist gut!

Sonntagmorgen
Sonntagmorgen
Sonntagmorgen

2018/12/23 - 12:38


Omaggio doveroso ad uno dei più grandi autori contemporanei. Sempre in prima linea e, a modo suo, sempre "contro". Ci mancherà...

Paul - 2013/10/29 - 15:07


IL RICORDO DI PATTI SMITH
da Loureed.it

Lou and PattiMi sono alzata presto, domenica mattina. La sera prima avevo deciso di andare al mare, perciò ho messo in borsa un libro e una bottiglia d’acqua e mi sono diretta a Rockaway Beach. La data mi sembrava importante, ma non comprendevo il motivo. Ho trovato la spiaggia deserta e con l’anniversario dell’uragano Sandy incombente, il mare piatto sembrava incarnare il carattere contraddittorio della natura. Sono rimasta lì per un po’ a seguire la traiettoria di un aeroplano che volava basso quando ho ricevuto un messaggio da mia figlia Jesse.

Lou Reed era morto.

Ho fatto un respiro profondo. L’avevo visto di recente con la moglie Laurie e avevo capito che era malato. Una certa inquietudine velava la solita vivacità di lei. Quando Lou mi ha salutata, mi è parso che i suoi occhi scuri contenessero una tristezza infinita e benevola.

Ho incontrato Lou al Max’s Kansas City nel 1970. I Velvet Underground suonavano due set a sera per diverse settimane quell’estate. Il critico e studioso Donal Lyons era scioccato che io non li avessi mai visti e mi ha accompagnato al piano di sopra per il secondo concerto della loro prima notte. Mi piaceva ballare, e potevi farlo per ore sulla musica dei Velvet Underground. Un drone dissonante surf doo-wop ti permetteva di muoverti molto veloce o molto lento. E’ stata la mia tardiva e rivelatoria introduzione a “Sister Ray”.

Nel giro di pochi anni, nella stessa sala al secondo piano del Max’s, Lenny Kaye, Richard Sohl ed io presentammo il nostro “Land of a thousand dances”. Lou spesso si fermava a vedere cosa facevamo. Un uomo complesso, incoraggiava i nostri sforzi, poi si girava e mi provocava come uno scolaretto machiavellico. Cercavo di evitarlo ma, come un gatto, riappariva all’improvviso e mi disarmava con alcuni versi di Delmore Schwartz sull’amore e il coraggio. Non capivo il suo comportamento erratico o l’intensità dei suoi stati d’animo che cambiavano, come anche il suo parlare, dal concitato al laconico. Comprendevo però la sua devozione alla poesia e la qualità trascinante delle sue performance. Aveva occhi scuri, una maglietta nera e la carnagione pallida. Era curioso, a volte sospettoso, un lettore vorace e un esploratore di suoni. Un oscuro pedale per chitarra era per lui un altro tipo di poesia. Era la nostra connessione con il circolo famigerato della Factory. Aveva fatto ballare Edie Sedgwick. Andy Warhol gli sussurrava nell’orecchio. Lou portava la sensibilità dell’arte e della letteratura nella sua musica.

Era il poeta di New York della nostra generazione, raccontava i disadattati come Whitman aveva fatto con i lavoratori e Lorca con i perseguitati.

Man mano che il mio gruppo evolveva e facevamo cover di sue canzoni, Lou ci ha elargito le sue benedizioni. Verso la fine degli anni ’70, mi stavo preparando a lasciare la città per trasferirmi a Detroit quando m’imbattei in lui nell’ascensore del vecchio Gramercy Park hotel. Avevo in mano un libro di poesie di Rupert Brooke. Prese il libro dalle mie mani e guardammo insieme la foto del poeta. “Così bello” disse, “così triste”. Era un momento di calma infinita.

Mentre la notizia della morte di Lou si diffondeva, una sensazione a onde montava, poi è deflagrata riempiendo l’atmosfera di energia ipercinetica. Pile di messaggi mi hanno raggiunta. Una chiamata da Sam Shepard alla guida di un camion nel Kentucky. Un modesto fotografo giapponese che spedisce un messaggio da Tokyo: “Sto piangendo”.

Mentre lo piangevo sulla spiaggia, mi sono apparse due immagini in filigrana su quel cielo di carta.

La prima era il viso di sua moglie Laurie. Era il suo specchio; nei suoi occhi intravedi gentilezza, sincerità, empatia. La seconda era il grande veliero su cui lui sognava di navigare nel testo del suo capolavoro Heroin. Ho immaginato che la nave lo stesse attendendo sotto la costellazione formata dalle anime dei poeti a cui aspirava di unirsi.

Prima di andare a dormire, ho fatto una ricerca: volevo capire perché avevo la sensazione che quella data – il 27 ottobre – fosse significativa. Ho scoperto che è il compleanno di Dylan Thomas e di Sylvia Plath.

Lou ha scelto il giorno giusto per salpare: il giorno dei poeti, una domenica mattina, il mondo alle spalle.

2013/11/19 - 11:32



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org