Language   

Gaston Couté: Le déraillement

GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG
Language: French

List of versions


Related Songs

Premier Mai
(Gaston Couté)
La tête de mort
(Gaston Couté)


‎[intorno al 1900]‎
Poesia di Gaston Couté messa in musica da Gérard Pierron nel suo disco intitolato “La chanson du repêché” del ‎‎1981-‎
In seguito proposta anche dal gruppo “Le P'tit Crème” nel loro disco intitolato “A l'auberge de la ‎route” del 1997.‎

|La chanson du repêchéA l'auberge de la route


Un “pauvre peineux”, un misero bracciante, sta viaggiando in terza classe, seduto in un vagone ‎pidocchioso… Sullo stesso treno, ma in prima classe, un riccastro se ne sta col culo su di un bel ‎sedile di seta e velluto confortevole… All’improvviso il treno deraglia ed i due malcapitati ‎rimangono uccisi fra le lamiere contorte delle rispettive carrozze… Vengono rinvenuti due torsi ‎straziati, senza testa, senza arti: quale il corpo del bracciante, e quale quello del ricco signore?‎
Un peineux avait pris eun' foués
L'mêm' train qu'son voisin : un bourgeoués.

L'train les roulait ben doucett'ment
Chacun dans leu' compartiment :

En troisiém' classe el' pauv' peineux
Guerdillait su' un banc pouilleux,

Tandis qu'en première el' bourgeoués
S' carrait l'cul dans l' v'lours et la souée.

Mais 'tt' à coup, avant d'arriver
V'là l'train qui s' met à dérailler,

Et, quand qu'après on détarra
Deux morts qu'avint pus d' têt's ni de bras,

Parsounn' put dir' lequel des deux
Qu'était l'bourgeoués ou ben l'peineux.‎
Note in francese tratte da Gaston Couté (1880-1911) le gâs qu'a mal ‎tourné...

Guerdiller = Grelotter de froid.
Peineux = Qui est en peine, bien triste et malheureux. Désignait aussi le journalier agricole peu ‎payé.‎

Contributed by Bernart - 2013/8/22 - 10:48



Language: Italian

Versione italiana tratta da: "La canzone pacifista di uno a cui è andato tutto storto - Gaston Couté, chansonnier dimenticato" di Flavio Poltronieri pubblicato su "Azione Nonviolenta" numero 636 Novembre/Dicembre 2019.
IL DERAGLIAMENTO

Un pezzente aveva preso una volta
lo stesso treno del suo vicino: un borghese.
Il treno li faceva rotolare dolcemente
ciascuno nel proprio compartimento:
in terza classe il povero pezzente
tremava di freddo su una panca schifosa,
in prima, il borghese si accarezzava il culo nei velluti.
Ma tutto ad un tratto prima di arrivare
ecco che il treno deraglia
e quando poco dopo li hanno seppelliti,
due morti senza testa e braccia,
nessuno poteva dire quale dei due
era il borghese o quale il pezzente.

Contributed by Flavio Poltronieri - 2020/3/2 - 11:28



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org