Language   

Portavérta

Lorenzo Monguzzi
Language: Italian (Lombardo brianzolo)

List of versions


Related Songs

S'eri là fœura che lavoravi
(Anonymous)
Si potrebbe
(Lorenzo Monguzzi)
La Cantagranda
(Ivan Della Mea)


2013
Portavérta

HKM173

Anticipa il nuovo album solista del cantante dei Mercanti di Liquore


Ecco il nostro video, come augurio per l'anno che viene.
Racconta di un paese che ci piace, un paese accogliente, fatto di gente che non si rassegna, di facce sorridenti e fiduciose...nonostante tutto.
Grazie di cuore a tutti coloro che hanno partecipato, grazie dell'impegno e della pazienza.
Non tutti siete presenti nel video e me ne scuso, abbiamo ricevuto moltissimo materiale sia audio che video e purtroppo non era possibile usarlo tutto. La scelta è stata fatta solo in base a criteri tecnici o di qualità della ripresa.
Un grazie particolare a Max Franceschini che tra i suoi impegni di lavoro e di padre di famiglia ha saputo ritagliare un po' di tempo anche per questo bellissimo progetto.
Vi abbraccio tutti e che l'anno nuovo vi assomigli un po' di più...
in ogni caso, mai paura!!
Sun ‘nà in gir per el mund, te disi in cunfidénsa,
sèmm minga dumà nünch che ghèmm una cusciensa.
Gh’è gent che mör de fàmm, san pü ‘duè giràss,
e a dìla propri tütta, ghèm poch de lamentàss.

Gh’è gent nasùda in guera, în semper dré a masàss
e nün’ chì a bestemà per minga pagà i tass.

E tücc che vören sarà sü la porta e inveci a mí me piâs lasàla vèrta.
E tücc che vören sarà sü la porta e inveci a mí me piâs lasàla vèrta.

Se go’ de fagh, a mí, a mí me piàss la gent,
che la sia del me paés o de n’alter cuntinent.
E tücc cun la sua storia, e tücc coi so problemi,
pensà che nünch sèmm mej l’è un ragiunà de scemi.

Ghe tuca de scapà perchè mören de famm,
l’è no una nuvità, l’han fa’ anca gli italiàn.
E chì se trata minga de perd l’identità,
ma basta dagh la culpa a quei püssé sfigà.

E tücc che vören sarà sü la porta e inveci a mí me piâs lasàla vèrta.
E tücc che vören sarà sü la porta e inveci a mí me piâs lasàla vèrta.

Vi alter disaré che gh’è tròpa delinquensa,
che ‘em supurtà fin tròpp e adess ghèm pü pasciensa.
Che a caminà per strada, nel centro de Milàn
l’è come vess formagg in mèss ai pantegàn.

Sèmm chì a cuntàss i ball, perché la verità
l’è che una volta ghérum ben poch de fass rubà,
e adèss che ghèm püssé, adèss che ghèm quejcòss
sèmm diventà cativ perché se càgum adoss.

E tücc che vören sarà sü la porta e inveci a mí me piâs lasàla vèrta.
E tücc che vören sarà sü la porta e inveci a mí me piâs lasàla vèrta
E tücc che vören sarà sü la porta e inveci a mí me piâs lasàla vèrta.
E tücc che vören sarà sü la porta ma a mí me piasarìa lasàla vèrta.

Contributed by DoNQuijote82 - 2013/7/10 - 01:47




Language: Italian

Traduzione in italiano dal Sito ufficiale
PORTA APERTA

Ho girato per il mondo, ti dico in confidenza
noi non siamo gli unici ad avere una coscienza:
C’è gente che muore di fame, non sanno più da che parte girarsi
e, a dirla proprio tutta, abbiam poco di cui lamentarci

C’è gente nata in guerra che continua ad ammazzarsi
e noi qui a bestemmiare per non pagare le tasse

E tutti vogliono chiudere la porta e invece a me piace lasciarla aperta
E tutti vogliono chiudere la porta e invece a me piace lasciarla aperta

Cosa ci posso fare, a me, a me piace la gente
che sia del mio paese o di un altro continente
E tutti con la loro storia, e tutti con i loro problemi
pensare che noi siamo meglio è un ragionamento da scemi

Sono costretti a scappare per non morire di fame
non è una novità, l’han fatto anche gli italiani
E non si tratta di perdere l’identità,
smettiamola di dare la colpa a quelli più sfortunati
E tutti vogliono chiudere la porta e invece a me piace lasciarla aperta
E tutti vogliono chiudere la porta e invece a me piace lasciarla aperta

Voi direte che c’è troppa delinquenza
che abbiamo sopportato fin troppo e adesso non abbiamo più pazienza
Che a camminare per strada, nel centro di Milano
è come essere formaggio in mezzo alle pantegane.

Ci raccontiamo frottole, perché la verità
è che una volta avevamo ben poco da farci rubare,
e adesso che abbiamo di più, adesso che abbiamo qualcosa
siamo diventati cattivi perché ci caghiamo addosso
E tutti vogliono chiudere la porta e invece a me piace lasciarla aperta
E tutti vogliono chiudere la porta e invece a me piace lasciarla aperta
E tutti vogliono chiudere la porta e invece a me piace lasciarla aperta
E tutti vogliono chiudere la porta e ma a me piacerebbe lasciarla aperta

Contributed by DoNQuijote82 - 2013/7/10 - 01:48




Language: French

Version française – PORTE OUVERTE – Marco Valdo M.I. – 2015
d'après la version italenne d'une
Chanson en Lombardo brianzolo – Portavérta – Lorenzo Monguzzi - 2013
PORTE OUVERTE

J'ai voyagé par le monde, je te dis en confidence
Nous ne sommes pas les seuls à avoir une conscience :
Il y a des gens qui meurent de faim, ne savent plus de quel côté se tourner
Et, pour tout dire, dont nous avons peu à nous plaindre

Il y a des gens nés au cœur de la guerre qui continuent à se tuer
Et nous ici à pester de devoir payer les taxes

Tous veulent fermer la porte
Et par contre, il me plaît à moi de la laisser ouverte.
Tous veulent fermer la porte
Et par contre, il me plaît à moi de la laisser ouverte.

Qu'est-ce que ça peut me faire à moi, à moi plaisent les gens
Qu'ils soient de mon pays ou d'un autre continent
Et tous avec leur histoire, et tous avec leurs problèmes
Penser que nous sommes mieux est un raisonnement stupide

Ils sont forcés à fuir pour ne pas mourir de faim
Ce n'est pas une nouveauté, ce fut aussi le sort les Italiens
Et il ne s'agit pas de perdre l'identité,
Cessons de jeter la pierre sur les plus malchanceux
Tous veulent fermer la porte
Et par contre, il me plaît à moi de la laisser ouverte.
Tous veulent fermer la porte
Et par contre, il me plaît à moi de la laisser ouverte.

Vous direz qu'il y a trop de délinquance
Que nous avons déjà trop supporté et que maintenant, nous n'avons plus de patience
Et qu'au centre de Milan, marcher dans la rue
C'est jouer au fromage dans la souricière.

On nous dit des mensonges, car la vérité
Est qu'autrefois, nous avions bien peu à voler,
Et maintenant que nous avons quelque chose, que bien plus nous avons,
Nous sommes devenus mauvais, car dessus nous-mêmes, nous nous chions.

Tous veulent fermer la porte
Et par contre, il me plaît à moi de la laisser ouverte.
Tous veulent fermer la porte
Et par contre, il me plaît à moi de la laisser ouverte.
Tous veulent fermer la porte
Et par contre, il me plaît à moi de la laisser ouverte.
Tous veulent fermer la porte
Et par contre, il me plaît à moi de la laisser ouverte.

Contributed by Marco Valdo M.I. - 2015/2/8 - 14:46



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org