Language   

Il lamento dei mendicanti

Matteo Salvatore
Language: Italian (Pugliese Foggiano)

List of versions


Related Songs

I due fannulloni
(Matteo Salvatore)
Curre brijante
(Festa Farina e Folk)
A nnomme ’e Dio
(Enzo Avitabile)


‎[1966]‎
Album “Il lamento dei mendicanti”, I Dischi del Sole
Interpretata anche da Vinicio Capossela ed Enzo Avitabile.‎

Il lamento dei mendicanti
Facite l'alamosena a 'sti pezzente
e quedde ca ce dete nui pigghieme
quedde ca dete a nui vanne ch'li morte
arrefreschete l'anema d'lu priatorie
Li puverette tutti ce l'anne dete
li ricchi 'nc'anne avute dà nu stozze
o Gesù Criste tu l' a fa' murì
li ricchi lu pene a nnui nun 'nce l'anne dete
Lu sacche già è chiene nu ci li eme
li figghi a nui ci aspettene c'anna a magnà
li chene tirene verse la chesa nostra
li figghi vonnu lu pene ann'a magnà
E sime arrivete a li mura nostra
li figghi a nui ce venne a cumprentà
ch'li mene dint' lu sacche pigghianu lu pene
magnete figghi mia fino a quanno ve saziete.‎

Contributed by Dead End - 2013/3/19 - 11:36




Language: Italian

Traduzione italiana da La ‎musica nell’anima
IL LAMENTO DEI MENDICANTI

Fate l'elemosina a questi pezzenti
Quello che ci date noi prendiamo
quello che ci date è benedizione per i morti
Siano benedette le anime del Purgatorio
I poveri come noi ci hanno dato quello che potevano
I ricchi, neanche un tozzo di pane
Ah, Gesù! Devi dar loro la morte‎
I ricchi a noi non hanno dato niente
Il sacco è già pieno e noi ce ne andiamo
I figli ci aspettano per mangiare
I cani ci accompagnano verso casa
I figli vogliono il pane: hanno fame‎
E siamo arrivati alle mura di casa
I figli affamati ci vengono incontro‎
Le mani nel sacco, prendono il pane:‎
Mangiate, figli miei, fino a quando sarete finalmente sazi.‎

Contributed by Dead End - 2013/3/19 - 11:37




Language: Italian

La versione di Vinicio Capossela da “Le canzoni della Cupa”.

Le canzoni della Cupa
IL LAMENTO DEI MENDICANTI

Fate la carità a questi pezzenti
che quello che ci date noi prendiamo
quello che date a noi va per i morti
rinfrescate le anime del purgatorio

I poveretti tutti ce l’hanno data
i ricchi non hanno buttato neanche un tozzo
o Gesù Cristo mio tu l’hai fa murì
i ricchi il pane a noi non ce l’hanno dato

Il sacco ora s’è pieno, noi ce ne andiamo
i figli a noi ci aspettano e la fame
i cani tirano verso le case nostre
i figli vogliono il pane, hanno a mangiare

I cani non ce la fanno più a tirare
il polverone ceca gli occhi ai cani
siamo rimasti soli al mezzo della via
nessuno più ci può aiutare
nessuno più ci può aiutare

E siamo già arrivati alle mura nostre
i figli ora ci vengono ad affrontare
le mani dentro il sacco buttano sul pane
mangiate figli miei
fino a quando vi saziate
mangiate figli miei
fino a quando vi saziate

Fate la carità a questi pezzenti.

Contributed by Bernart Bartleby - 2017/3/29 - 09:43



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org