Language   

Il Violino di Luigi

Modena City Ramblers
Language: Italian (Emiliano modenese)



Fratello di ombre, fuoco, candele,
fratello di note e di sere gelate,
oggi è tornato di nuovo quel suono,
oggi la luce dopo il tuono.

L'odore dell'uva e questo solaio
dove riposo da un tempo lontano,
ora sento le voci, storie, leggende,
parlan di te, fratello scomparso.

Souna ben, souna mel,
souno viulen per la ginta ch'la riva
per quela ch'la và e per chi ga srà,
par quei ch'in partii e mai i turnarà.

Musica, la nostra, e la paura svaniva,
Selvino al tuo fianco rideva e cantava,
a Casoni il deposito di munizioni,
ma domani è domani, ora un'altra canzone.

Souna ben, souna mel,
souno viulen per la ginta ch'la riva
per quela ch'la và e per chi ga srà,
par quei ch'in partii e mai i turnarà.

Le mie corde invecchiate, strappate dal tempo,
le mie corde, la corda che ti tolse il respiro,
oggi è tornato di nuovo quel tuono,
oggi ricordo la tua voce ed il suono.

Souna ben, souna mel,
souno viulen per la ginta ch'la riva
per quela ch'la và e per chi ga srà,
par quei ch'in partii e mai i turnarà.
I passi di danza, le mani ed il fuoco,
noi l'orchestra delle notti di Resistenza.


Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org