Language   

Winterspruch

Bertolt Brecht
Language: German

List of versions


Related Songs

Kälbermarsch
(Bertolt Brecht)
Bauernkantate
(Hanns Eisler)
Mama
(My Chemical Romance)


‎[1930]‎
Versi di Bertolt Brecht, estratto dall’opera teatrale “Die heilige Johanna der Schlachthöfe” (“Santa ‎Giovanna dei macelli”)‎
Musica di Hanns Eisler dall’ “Hollywooder Liederbuch / Hollywood Songbook” ‎‎(1942/43)‎

51ngoEwbiKL. SL500 AA300


Brecht, attento descrittore dei suoi tempi ma anche profeta di situazioni schifosamente attuali, e ‎penso a tutto il luridume che si nasconde dietro vicende più o meno recenti, come i mutui subprime ‎certificati da Standard & Poor’s, il Monte dei Paschi e la sua “Banda del 5%”, l’ENI di Scaroni e le ‎tangenti per centinaia di milioni in Algeria, i crack Parmalat e Cirio, i “tango bond” venduti dalle ‎banche a decine di migliaia di piccoli investitori proprio mentre l’Argentina si preparava a ‎dichiarare bancarotta…‎

<br />
‎“Im Schlachthaus” (1893), olio su tela ‎del pittore impressionista ed espressionista tedesco Lovis Corinth (1858-1925).‎

“Im Schlachthaus” (1893), olio su tela ‎del pittore impressionista ed espressionista tedesco Lovis Corinth (1858-1925).‎


“Santa Giovanna dei Macelli” è un'opera ambientata a Chicago, durante la ‎grande crisi economica del 1929. Nel dramma i protagonisti sono più d'uno. Primo tra tutti Pierpont ‎Mauler, un ricco industriale (proprietario dei macelli), che è coinvolto dalla crisi. Egli salverà sé ‎stesso a danno dei concorrenti, sconfitti grazie all'aiuto delle informazioni che gli giungono dagli ‎amici finanzieri di Wall Street.‎

E' una figura, quella di Mauler, costruita sull'ambiguità del potere economico, che ha come unico ‎obiettivo il profitto, ma che deve anche dare l'impressione di mirare al benessere di tutti. Egli è ‎infatti apparentemente combattuto tra l'esigenza di preservare il suo capitale e la pietà per i ‎lavoratori senza lavoro, o gli allevatori che devono fornirgli la carne per i macelli. In realtà è lui ‎stesso che provoca la sofferenza per la quale mostra compassione.‎

Mauler è fronteggiato da Giovanna Dark, una sorta di Giovanna D'Arco a capo di un buffonesco ‎Esercito della Salvezza. Il personaggio di una donna onesta e ingenua, che davvero crede di poter ‎risolvere i problemi del suo tempo attraverso la carità e i buoni sentimenti. Impresa destinata al ‎fallimento: sono gli anni della nascita di una classe dirigente risoluta, che emerge dalle ceneri del ‎primo dopoguerra e che sta gettando le basi del capitalismo moderno. E per ottenere quel che vuole ‎non esiterà a far scoppiare guerre e seppellirà milioni di morti. ‎

Quando Giovanna capirà che l'interesse di Mauler è strumentale, e non sono certo i discorsi sulla ‎natura dell'uomo a poterlo distogliere dal suo obiettivo, tenterà un avvicinamento ai lavoratori in ‎sciopero. Ma sarà tardi e non ci sarà tempo per completare questa sorta di educazione alla politica.‎

Terzo lato di questo triangolo di protagonisti è un soggetto collettivo, la classe operaia, le migliaia ‎di lavoratori dei macelli in sciopero per il posto di lavoro e contro lo sfruttamento.‎

Impresa non facile, quella di raccontare la storia di Mauler, che pare essere travolto dal crollo della ‎borsa - ma è solo una minaccia, e sarà ancora una volta l'intervento di Wall Street a far diventare ‎Mauler ancora più potente - e insieme il percorso a tappe di Giovanna, che nella sua delirante ‎ingenuità s'immagina a capo della rivoluzione pacifica che dovrebbe condurre col buonsenso sia a ‎risolvere le difficoltà dei padroni che a risollevare le sorti dei lavoratori sfruttati e licenziati, un ‎sogno dove le fabbriche riaprono e i lavoratori sono riammessi nella catena produttiva…‎
Un buonsenso che si schianta contro la logica del profitto, e che ha la sua prima vittima proprio in ‎Giovanna. (dalla scheda introduttiva all’opera messa in scena dal ‎‎Teatro Due Mondi di Faenza)
Der Schnee beginnt zu treiben.‎
Wer wird denn da bleiben?‎
Da bleiben, wie immer so auch heut,‎
Der steinige Boden und die armen Leut. ‎

Contributed by Dead End - 2013/2/8 - 13:28




Language: French

Traduzione francese da Médiathèque – Cité de la Musique
MOT D’HIVER

La neige commence à flotter dans l’air.‎
Que reste-t-il dehors ?‎
Comme toujours, il reste
Le pavé et les pauvres.‎

Contributed by Dead End - 2013/2/8 - 13:30




Language: Italian

Tentativo di traduzione italiana (dal francese) di Dead End
CONSIDERAZIONE INVERNALE

La neve comincia a cadere
Cosa resta all’addiaccio?‎
Come sempre, restano
I ciottoli e i poveri.‎

Contributed by Dead End - 2013/2/8 - 13:30




Language: Portuguese

Traduzione portoghese di Maria de Nazaré Fonseca da RTP – ‎Antena 2
PALAVRAS NO INVERNO

A neve começa a cair
Quem ficará ali então?
Ali permanecerão como sempre
As frias pedras e os indigentes. ‎

Contributed by Dead End - 2013/2/8 - 13:31




Language: Finnish

Traduzione finlandese / Finnish translation / Suomennos: Juha Rämö
TALVEN VALTA

Kun talven valtaan vaipuu maa,
ken sinne jäädä haluaa?
Niin kuin kautta aikain sinne jää
maa kivikkoinen ja köyhä kansa tää.

Contributed by Juha Rämö - 2015/7/23 - 08:49



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org