Language   

Vinegar Tom

Darren Hayman
Language: English


Related Songs

The Laughing Tree
(Darren Hayman)
Kill the King
(Darren Hayman)
Outsiders
(Darren Hayman)


‎[2012]‎
Parole di Darren Hayman
Musica di Darren Hayman, insieme a “The Long Parliament”, il gruppo di musicisti che ‎l’accompagnano in questo concept album. ‎
Album “The Violence”‎

2319960262-1

The Violence, ultimo degli album di Hayman, prosegue sulla strada ‎del concept che caratterizza tutta la produzione solista dell’ex Hefner, concentrandosi in modo ‎originale e meritevole su una misconosciuta e tragica pagina della storia del XVII secolo: la ‎persecuzione nei confronti delle “streghe” nell’Inghilterra rurale, in un torno d’anni in cui il paese ‎era travagliato dalla Guerra Civile, per intenderci, quella in cui il Re venne messo a morte e ‎sostituito dal “Lungo Parlamento” di Cromwell.” (Andrea Cornale su ‎‎OndaRock)‎

The Violence is a 20-song, double LP chronicling the 17th century Essex Witch Trials ‎during the English Civil Wars.
Between 1644 and 1646, approximately 300 women were executed for witchcraft in the eastern ‎counties of Essex, Suffolk and Norfolk.
The album deals with fear and isolation, the way we use our own terror in times of trouble to lash ‎out at the weak. It’s about how societies persecute otherness and outsiders.
The Violence “it’s about how violence frightens us and how fear just leads to greater ‎violence,” says Hayman.‎

‘The Violence’ è un concept album di 20 canzoni che raccontano i processi per stregoneria ‎che si tennero nell’Essex inglese nel 17° secolo, durante il periodo delle guerre civili.‎
Tra il 1644 ed il 1646, nelle contee dell’Essex, del Suffolk e del Norfolk, circa 300 donne furono ‎giustiziate come streghe.‎
I temi dell’album sono la paura e l’isolamento sociale, il modo in cui nelle epoche di particolare ‎difficoltà gli essere umani usano il terrore sopraffacendo ed eliminando i più deboli tra di loro, ‎perseguitando quelli che appaiono diversi, i marginali, gli estranei/stranieri alle loro comunità.‎
‎“Con ‘The Violence’ – dice Darren Hayman – ho voluto spiegare come la violenza ci terrorizzi e ‎come la paura indotta porti soltanto ad una violenza ancora maggiore”


In Europa, a partire dal 15° secolo, la “caccia agli eretici” tipica dell’età ‎medievale evolse e venne sostituita dalla “caccia alle streghe” che raggiunse l’apoteosi tra la fine ‎del 16° e l’inizio del 17°, soprattutto in Germania, Scozia e Inghilterra. Proprio nelle contee ‎orientali inglesi - mentre imperversava il duro scontro, sfociato ben presto in una vera e propria ‎guerra civile, tra la monarchia (Carlo I Stuart e la sua sposa cattolica Enrichetta Maria di Borbone) ‎ed il Parlamento sostenuto dal puritanesimo protestante (il leader era Oliver Cromwell) – ‎l’interazione tra il buio di quei tempi violenti e fratricidi ed il radicalismo puritano partorì il mostro, ‎che nel caso specifico ebbe il nome di Matthew ‎Hopkins.‎

“The ‎discovery of the witches”, 1647, pagina dal manuale di caccia alle streghe scritto da Matthew ‎Hopkins.‎
“The ‎discovery of the witches”, 1647, pagina dal manuale di caccia alle streghe scritto da Matthew ‎Hopkins.‎



Poco si sa di lui prima della sua auto-investitura a “Witch-Finder General” …‎
Sappiamo però che questo giovane uomo di poco più di 20 anni (anche se viene sempre raffigurato ‎come più anziano) fu il responsabile della morte di almeno 300 donne, ‎‎giustiziate come streghe tra il 1644 ed il 1646.‎
I metodi di “indagine” di Hopkins erano in parte assai moderni, molto simili a quelli recentemente ‎utilizzati dagli USA a Guantanamo ed Abu Ghraib... La tortura non era legale nell’Inghilterra del ‎‎600 ma il nostro Hopkins si inventò la deprivazione del sonno, un metodo che si rivelò ‎estremamente efficace per estorcere confessioni alle vittime, tutte donne povere e ignoranti, giovani ‎e sole, oppure vecchie ed invalide, marginali ed emarginate dalle loro comunità. Una di loro, tal ‎Rebecca West, per scampare alla tortura e aver salva la vita, non esitò a denunciare amiche e ‎congiunte, financo la madre e la sorella, che vennero poi impiccate… ‎

A proposito del presunto galleggiamento delle ‎streghe sull’acqua. Il Witch ducking o Swimming test, era uno dei metodi d’interrogatorio ‎preferiti da Hopkins. (Curioso… anche l’apostolo Matteo racconta di quello stregone di Gesù Cristo ‎cui piaceva stupire camminando sulle acque!)‎
A proposito del presunto galleggiamento delle ‎streghe sull’acqua. Il Witch ducking o Swimming test, era uno dei metodi d’interrogatorio ‎preferiti da Hopkins. (Curioso… anche l’apostolo Matteo racconta di quello stregone di Gesù Cristo ‎cui piaceva stupire camminando sulle acque!)‎



Altri metodi erano invece assai più arcaici e a sfondo religioso, come l’ordalìa ‎dell’acqua, dove la sventurata, ben legata, veniva gettata in acqua: siccome l’acqua è segno ‎del battesimo e le streghe la aborriscono, se la poveretta affondava era innocente ma se ‎galleggiava… O come la ricerca di segni visibili o invisibili del “marchio del ‎demonio”: tali erano inequivocabilmente considerati, per esempio, malformazioni come la ‎politelìa (presenza di capezzoli accessori) o la polimastìa (mammella sovrannumeraria) perché è da ‎lì che si credeva la strega allattasse gli emissari del demonio, individuati quasi sempre in poveri ‎animali domestici, soprattutto gatti e cani.‎
In solo un paio d’anni di attività Matthew Hopkins trovò più streghe che nei 100 precedenti. In ‎pochi gli si opposero, tra questi il religioso puritano John Gaule, che manifestò anche per iscritto ‎scettismo ed opposizione all’azione del Witch-Finder General.‎



Per fortuna Matthew Hopkins morì nel 1647, ufficialmente di tubercolosi, ma secondo alcune fonti ‎fu lui stesso sospettato e indagato per stregoneria o quanto meno per falsa testimonianza. La ‎leggenda vuole che fece la fine delle sue vittime.‎
Purtroppo però Hopkins fece scuola ed i suoi metodi furono ancora usati nel famoso caso di ‎stregoneria a Salem, Massachusetts, del 1692-93.‎
E’ vero che a partire dal 18° secolo la caccia alle streghe fu soltanto più sporadica ma bisogna ‎ricordare che proprio nell’Essex, a Sible Hedingham, nel 1863, un vecchio sordo muto conosciuto ‎come Dummy (non si ‎conoscono le sue vere generalità) fu torturato ed ucciso da una folla inferocita aizzata contro di lui ‎da due compaesani che lo avevano accusato di essere uno stregone, lui che per sbarcare il lunario ‎s’improvvisava indovino. I suoi accusatori vennero poi condannati per falsa testimonianza alla ‎terribile pena di… sei mesi di galera!


Questa l’introduzione che il suo autore ‎fa del brano:‎

‎“One of Elizabeth Clarke's supposed imps was named by Hopkins as 'Vinegar Tom', a dog with a ‎cow's head and horns.
The one-legged Clarke had to be helped up the steps to the gallows and I imagine Vinegar Tom as ‎nothing more than her only true friend, a beloved dog. Just before her death, Elizabeth contemplates ‎the frozen River Stour and their sweet, blissful escape.”‎

Uno dei supposti animali demoniaci di Elizabeth Clarke – la prima donna di Manningtree ad essere ‎accusata di stregoneria e ad essere mandata sul patibolo in base alle relazioni del “Witch Finder ‎General” – fu chiamato da Hopkins “Vinegar Tom” e venne raffigurato come un cane da caccia con ‎la testa bovina e tanto di corna.‎



La vecchia Elizabeth era zoppa ed abbe bisogno di essere aiutata a salire sul patibolo… E pensare ‎che Vinegar Tom non doveva essere altro che il suo amato cane, forse dalle fattezze un po’ strane ‎ma sicuramente in quel momento il suo solo vero amico. Nella canzone, poco prima di morire ‎impiccata, Elizabeth contempla le sponde del fiume Stour ed il paesaggio intorno a Manningtree, ‎così dolce ed incantevole…


Nel 1976 “Vinegar Tom” divenne il titolo di una celebre opera teatrale scritta dalla drammaturga ‎femminista Caryl Churchill (1938-) in cui l’autrice esaminava i rapporti di genere e di potere ‎proprio a partire dagli Essex Witch Trials del 600.‎



L’elenco delle canzoni dall’album. Le più significative verranno progressivamente inserite.‎

‎1. The Violence
‎2. Impossible Times
‎3. How Long Have You Been Frightened For?
‎4. We Are Not Evil
‎5. The She-Cavaliers
‎6. Elizabeth Clarke
‎7. Vinegar Tom
‎8. Parliament Joan
‎9. The Word and the Word Alone
‎10 I Will Hide Away
‎11. When the King Enjoys His Own Again
‎12. Henrietta Maria
‎13. A Dogge Called Boye
‎14. Outsiders
‎15. Arthur Wilson’s Reverie
‎16. Rebecca West
‎17. Desire Lines
‎18. Kill the King
‎19. A Coffin for King Charles, a Crown for Cromwell and a Pit for the People
‎20. The Laughing Tree

Oh Vinegar Tom, does the dark, cold, night,
Make your dog bones, shake and rattle?

Oh Vinegar Tom, the water’s frozen over,
We could limp across the river, crawl away.

There’s no love or kin who can hold me here,
Just you, you pretty, wretched hound.

We could tumble down the banks, and skid between the boats,
And pray the ice will hold us.

When you get old, baby,
The black days disappear.
When you get old, baby,
You won’t be shaking with the fear.
Just close your eyes, baby,
And dream of life after the war.
I’m just old honey,
But I was young before.

There was a pox upon the children, a blight upon the land,
A curse upon the animals, No blood upon my hands.

We could tumble, we could fall,
And nobody would notice at all.

And all my friends have just upped and died,
Or turned away, or weren’t friends anyway.‎

Contributed by Dead End - 2013/1/15 - 15:55



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org