Lingua   

Don Michè

Riccardo Scocciante
Lingua: Italiano ((Napoletano finto))



Io mi chiamo Michele Santoro
ciò contratti d'oro, sto meglio d' un re.
Io mi chiamo Santoro Michele,
sto in televisione dal cinquantatré.
E al centesimo politicante
alla sera me sent' che schiante
ma in campagna elettorale
c'è un uomo geniale che viene da me

Tutti i giorni con Monti e Bersani,
Casini, Maroni e pure Miccichè.
Tutte l'ore puro co' Schifani
che sputa e minaccia e s'a piglia co' me.
Ma alla fine m'assetto papale,
vado in onda dop' 'o teleggiornale,
mi consiglio co' 'o Cavalie',
comincia o' sciòvve e faccimm' l'odièns.

A che bello l'odièns,
proprio ammodo 'o saccio fa',
e parlamm' d'o' ciccirinellum
e poi d'o' porcellum
e c'avimm' a fa',
A che bello l'odièns,
proprio ammodo 'o sapimm' fa',
e parlamm' d'o' ciccirinellum
e poi d'o' porcellum
e di Napulità'.

Prima paggina c'è 'o Beppeggrille
ma in televisione però nun ce va,
se venisse farebbe scintille
e più spettator' che Messi e Kakà.
Mi scervello e mi asciugo la fronte
per fortuna quanno vad' in onde,
c'è quell'uomo sceltissimo immenso,
e io creo 'o consenso a 'o Cavaliè

Stà già pronto tutt' 'o armamentaglio,
c'è puro 'o Travaglio co' o disegnatò',
mentre chill' ggià parla in toscane
e io delle puttane e di Villa Certo'.
Ma vi basta una mossa e una voce,
puro 'na bbarzellett' veloce,
già stà l'indice sul trentatré,
stasira ci avimm' sfondato l'odièns.

A che bello l'odièns,
proprio ammodo 'o saccio fa',
e parlamm' d'o' ciccirinellum
e poi d'o' porcellum
e c'avimm' a fa',
A che bello l'odièns,
proprio ammodo 'o sapimm' fa',
e parlamm' d'o' ciccirinellum
e poi d'o' porcellum
e di Napulità'.

Qui ci stà depressione e puro 'a recessione
e 'a ggente nun tiene a mmagnà,
io non tengo compendio che chillo stipendio
ma in Rai sogno di turnà.
Cavaliè, nun tenete clemenza,
ho purtat' già troppa pazienza,
'o vedete che facimm' odiè',
m'accontenterei puro di Raitré

Voi che siete 'o chiù brav' e 'o chiù bell',
cinquanta prociess', manc' nu chiavistell',
se ci siete nun c'è mai la noia,
e duman' me toccano Grasso e l'Ingroia
pe' stasira vi chiedo Eccellenza
d'impennare 'nu poc' l'Odienza,
io già tengo qui 'o collegamè',
le finte schermaglie e facimm' l'odièns.

A che bello l'odièns,
proprio ammodo 'o saccio fa',
e parlamm' d'o' ciccirinellum
e poi d'o' porcellum
e c'avimm' a fa',
A che bello l'odièns,
proprio ammodo 'o sapimm' fa',
e parlamm' d'o' ciccirinellum
e poi d'o' porcellum
e di Napulità'.

Qui non c'è chiù decor' con quel professòr'
ma piàce' tant' a 'o Vaticà',
sì lo so che voialtri siete tanto sc'caltri
e 'a Merchel 'a state a cazzià.
Cavaliè voi politicamente
io ve lo ggiuro siete 'nu delinquente,
ma in poltrona se stanno a annojà',
alzamm' 'o sc'contro sennò qui non va

A proposito se riturnate
vi prego indicate puro l'invitate,
se vulite qualche comunista,
qualche capolista o Pannell' sgonfiat'.
Voi che fate sali' 'o ggradiment',
farò tutt' pe' farvi cuntent',
con rispetto s'è fatto le tre,
vulit' a Storace o 'a Santanché?


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org