Language   

Father Was Killed by the Pinkerton Men

William W. Delaney
Language: English


Related Songs

Homestead
(Joe Grushecky)
Homestead Strike Song‎
(Pete Seeger)
The Great Divide
(Janis Ian)


‎[1892]‎
Testo trovato su Mudcat Café

Ad Homestead, Pennsylvania, nei primi giorni di luglio del 1892 gli operai ‎siderurgici in sciopero si confrontarono armi in pugno con gli sgherri della famigerata agenzia ‎Pinkerton chiamati dalla Carnegie Steel Company per stroncare la protesta.‎

 ‎Homestead Strike, 1892. Il disegno mostra le protezioni di acciaio costruite dagli operai per ‎difendersi dai colpi degli agenti della Pinkerton.‎
‎Homestead Strike, 1892. Il disegno mostra le protezioni di acciaio costruite dagli operai per ‎difendersi dai colpi degli agenti della Pinkerton.‎



Il combattivo sindacato “Amalgamated Association of Iron and Steel Workers” (AA), nato nel ‎‎1876, aveva condotto negli anni precedenti importanti battaglie per migliorare le condizioni di vita ‎dei lavoratori dell’acciaio, conquistando per esempio una sorta di contratto triennale e ‎l’agganciamento dei salari al costo dei beni di prima necessità. Ma nel 1881 il proprietario della ‎compagnia, il signor Agnelli, pardon, Carnegie chiamò al suo servizio un ‎amministratore delegato, il signor Marchionne, pardon, Frick il quale cercò subito di ‎far fuori la FIOM, pardon, l’AA perché riteneva che la fabbrica non producesse al suo ‎massimo proprio a causa delle conquiste sindacali. Cosa fece Marchionne, pardon, ‎Frick? Convocò le organizzazioni dei lavoratori al tavolo di trattativa e quando la ‎FIOM, pardon, l’AA, che allora rappresentava circa 800 dei 3800 lavoratori, chiese ‎l’aumento dei salari in relazione all’aumento degli utili della compagnia, allora Marchionne, ‎pardon, Frick disse che la FIOM, pardon, l’AA non era rappresentativa e che non ‎poteva sedere a quel tavolo. Poi pose un termine molto stretto per i negoziati scaduto il quale senza ‎un accordo la compagnia non avrebbe più riconosciuto qualsiasi organizzazione sindacale ‎nell’azienda e, anzi, i lavoratori con la tessera della FIOM, pardon, dell’AA non ‎sarebbero più stati ammessi, licenziati in tronco. ‎



Per dare corpo alle sue minacce Marchionne, pardon, Frick, fece costruire un’alta e ‎robusta rete di recinzione intorno agli impianti di produzione, con torrette di controllo con cecchini ‎armati, dotate di grossi proiettori, e squadre di vigilantes agli ingressi dotati persino di cannoni ad ‎acqua, antesignani dei moderni idranti.‎
La FIOM, pardon, l’AA, ottenuto il sostegno delle altre sigle (non erano CISL e ‎UIL…) dichiarò lo sciopero e i lavoratori militarizzarono letteralmente la città per impedire che i ‎crumiri, interni ed esterni, potessero raggiungere la fabbrica. La compagnia chiese l’intervento dello ‎sceriffo che però nulla potè contro la determinazione dei manifestanti. Così fu la Pinkerton National ‎Detective Agency ad essere contrattata per assicurare la ripresa della produzione. ‎



Gli sgherri se ne arrivarono via fiume armati fino ai denti su due specie di piccole imbarcazioni da ‎guerra. Gli operai andarono loro incontro e la notte tra il 5 ed il 6 luglio 1892 lo scontro fu ‎inevitabile e violentissimo. Dopo alcune ore – e dopo 16 morti, 9 operai e 7 agenti - quelli della ‎Pinkerton furono costretti ad arrendersi, furono catturati, disarmati e picchiati prima di essere ‎rispediti a Pittsburgh. ‎




Solo a quel punto il governatore Pattison mandò ad Homestead i soldati per “ristabilire l’ordine”. ‎Ben 6000 soldati, accolti pacificamente da operai ed abitanti, nel giro di venti minuti, senza sparare ‎un colpo, presero il controllo della fabbrica e della città. Ci si sarebbe aspettati allora che le autorità ‎mediassero nel conflitto, ma Pattison era stato eletto con i voti degli industriali della Pennsylvania, ‎Carnegie in testa, e non fece altro che restituire l’impianto ai padroni, facendo con i suoi soldati ‎quello che Agnelli e Marchionne, pardon, Carnegie e Frick non erano riusciti a fare con ‎gli sgherri della Pinkerton. Per giunta, nonostante la completa militarizzazione della città, il 23 di ‎luglio Marchionne, pardon, Frick, fu ferito in un attentato, colpito dagli spari di un ‎anarchico di nome Alexander Berkman (un amante di Emma Goldman) che, non si sa come, era ‎riuscito ad intrufolarsi negli uffici della compagnia… L’ad sopravvisse ma rifiutò la richiesta della ‎‎FIOM, pardon, dell’AA di riaprire i negoziati in cambio della fine dello sciopero. ‎



Tutto era perduto: travolta dalla violenza scatenata dalla compagnia, spiazzata dal voltafaccia ‎dell’opinione pubblica borghese dopo il tentato assassinio di Marchionne, pardon, Frick ‎ad opera di un anarco-individualista che con lo sciopero e la causa non c’entrava nulla, tradita dallo ‎Stato e dal governatore che invece di mediare si era schierato con i padroni suoi grandi elettori, ‎‎la FIOM, pardon, l’AA perse il sostegno dei lavoratori che votarono per il ritorno in ‎fabbrica alle condizioni inizialmente imposte da Agnelli e Marchionne, pardon, Carnegie e ‎Frick, ossia con un decremento dei salari di circa il 22%.‎




Lo sciopero era fallito. ‎
La FIOM, pardon, l’AA era stata sconfitta ed il suo peso grandemente ridimensionato. ‎
Il maledetto Marchionne, pardon, Frick aveva vinto.‎



A partire dalla fine degli anni 70 la produzione dell’acciaio andò in crisi. ‎
La Homestead Steel Works ha chiuso definitivamente i battenti nel 1984.‎
Della fabbrica restano solo le ciminiere, all’ombra delle quali ora sorge un grande centro ‎commerciale.‎
Gli abitanti di Homestead erano circa 20.000 intorno al 1920… Oggi sono poco più di 3.000.
‎'Twas in a Pennsylvania town not very long ago‎
Men struck against reduction of their pay
Their millionaire employer with philanthropic show
Had closed the works till starved they would obey.‎
They fought for home and right to live where they had toiled so long
But ere the sun had set some were laid low;‎
There're hearts now sadly grieving by that sad and bitter wrong
God help them for it was a cruel blow.‎

God help them tonight in their hour of affliction
Praying for him whom they'll ne'er see again‎
Hear the poor orphans tell their sad story
‎"Father was killed by the Pinkerton men."‎

Ye prating poiiticians, who boast protection creed,‎
Go to Homestead and stop the orphans' cry.‎
Protection for the rich man ye pander to his greed,‎
His workmen they are cattle and may die.‎
The freedom of the city in Scotland far away
Is presented to the millionaire suave,‎
But here in Free America with protection in full sway
His workmen get the freedom of the grave.‎

God help them tonight in their hour of affliction
Praying for him whom they'll ne'er see again
Hear the poor orphans tell their sad story
‎"Father was killed by the Pinkerton men."‎

Contributed by Dead End - 2012/9/18 - 09:04



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org