Language   

Opillopillopì

Aramirè
Language: Italian (Pugliese Salentino)

List of versions


Related Songs

A lu Savoia
(Anonymous)
Simu li pacci
(Après La Classe)


‎[1975-2001?]‎
Testi di Cicì Cafaro, Salvatore Caldarazzo, Pellegrino e Roberto Raheli.‎
Su di una melodia del repertorio di Luigi Stifani, detto maestro Gigi (mesciu Gigi, in dialetto ‎salentino, Nardò, 1914–2000), barbiere, violinista, mandolinista, chitarrista e grande divulgatore ‎della cultura popolare del tarantismo salentino.‎
Nel disco del 2003 intitolato “Mazzate pesanti”‎
Poi anche nel libro+CD audio “Il ritorno della taranta. Storia della rinascita della musica popolare ‎salentina”, di Vincenzo Santoro, Edizioni Squilibri 2009.‎

mazzate pesanti

‎“Opillopillopì è una canzone popolare scritta ‘a più mani’, nel senso che a un testo iniziale, con una ‎melodia e un ritornello molto riconoscibili, composti probabilmente nella prima metà degli anni ‎Settanta, sono state fatte successivamente diverse aggiunte, da parte di ‘autori’ diversi. E' anche una ‎canzone ‘di protesta’, indiscutibilmente politica (molti dicono che nel Salento il "canto sociale" non ‎esiste o quasi, ma è una balla colossale!). Roberto Raheli qualche anno fa l'ha ‘adattata’ alla ‎situazione di quel periodo (governo Berlusconi 2 – ma il riferimento all’espressione ‘unto del ‎Signore’ farebbe pensare al primo governo Berlusconi del 1994-95, ndr), che sembrava ‎drammatica, scrivendo dei versi che parlano di solidarietà con gli immigrati, diritti sociali, ‎televisione spazzatura e della sinistra capace solo di fare danni: vi ricorda qualcosa??? Fantastica ‎poi l'ultima parte della canzone, pura espressione di saggezza popolare, nel suo giudizio lapidario ‎sul l'ex presidente del Consiglio graziato dall'autoprescrizione. Viste le vicende di questi ultimi ‎tempi, mi è venuto una grande voglia di riprendere questa canzone - rimasta evidentemente di ‎grande attualità - che non si può più sentire dal vivo, perché gli Aramirè si sono sciolti qualche anno ‎fa, e nessuno dei centinaia di gruppi della pizzica esegue repertori di questo genere (comunque si ‎può reperire sul disco ‘Mazzate pesanti’, oppure nel cd allegato al libro ‘Il ritorno ‎della taranta’). Insomma, pare proprio che siamo condannati a soffrire senza neanche poterci ‎consolare con le canzoni. Comunque riporto il testo, magari a qualcuno può venire la voglia di ‎risentirla (e di risuonarla...)” (da ‎‎VincenzoSantoro.it)‎
[1975] Uè caru Pascalinu, caru nunnu Tore
lassati alli fili vosci lu modu de pensare
e tie caru Narducciu quante notti ca nu dormi
percé li patruni toi te schiaccianu comu vermi
e tie caru Franciscu alla scola no' poi andare
percé se sai qualcosa allu patrunu li face male

Opillopillopì opillopillopà
bisogna pur lottare ma per la libertà

E non diciti sempre mundu era e mundu ete
se non ne domandamu in Vietnam ce sta succede
ce sta succede in Cile, in Portogallo in Palestina
ce sta succede all'Africa e a tutta l'Indocina
lu mundu se riggira, lu mundu se ribbella
percé ci nu fatica face sempre la vita bella
lu mundu se ribbella, lu mundu se riggira
percé ci fatica, nu porta mai na lira

Opillopillopì opillopillopà
bisogna pur lottare ma per la libertà

[Primi anni 90] Lu 1970 è già passato
cantamu sta canzone per comu fu cantata
ma tocca cu decimo scusate amici cari
li problemi de allora su rimasti tali e quali
prima erano italiani costretti ad emigrare
osci su l'arbanesi ca traversanu lu mare
de lu Maruccu all'Africa lu Senegal la Turchia
li poveri caminanu ca cercanu la via

Opillopillopì opillopillopà
bisogna pur lottare ma per la libertà

[1994 o dopo 2001] Confrontu a sti disastri non me pozzu lamentare
ca a quista Italia nostra nu se more cchiù de fame
de libertà se parla se continua mò a parlare
la libertà al padrone si però de licenziare
se la Democrazia Cristiana non c'è chiui
‎'nc'è l'unto del Signore ca è scisu fino a quai
e sta sinistra è bona sulu face opposizione
ca cu ngarra na mossa pare tene lu terrore
cu ste televisioni nu' se capisce niente
programmi spazzatura scemuniscenu la gente

E quindi per finire ieu tocca cu bu dicu
aggiu giratu u mundu qualche cosa aggiu capitu
aggiu giratu u mundu aggiu visti fiacchi e boni
lu cchiù pesciu de tutti ete lu Sirvio Berlusconi!

Opillopillopì opillopillopà
bisogna pur lottare ma per la libertà

Contributed by Dead End - 2012/9/17 - 12:31



Language: Italian

Traduzione italiana da ‎‎La ‎Putea
OPILLOPILLOPÌ

Caro Pasqualino, caro Nonno Tore
lasciate ai vostri figli il modo di pensare
e tu caro Narduccio, quante notti che non dormi
perché i tuoi padroni ti schiacciano come vermi
e tu caro Francesco non puoi andare a scuola
perché se sai qualcosa, fai male al padrone.‎

Opillopillopì opillopillopà
bisogna pur lottare ma per la libertà.‎

E non dite sempre “mondo era e mondo è”‎
sennò ci chiediamo che accade in Vietnam
che succede in Cile, in Portogallo, in Palestina
che succede in Africa e in tutta l'Indocina‎
il mondo si rivolta, il mondo si ribella‎
perché chi non fatica fa sempre la bella vita
il mondo si ribella, il mondo si rivolta‎
perché chi lavora non porta mai una lira.‎

Opillopillopì opillopillopà
bisogna pur lottare ma per la libertà.‎

Il 1970 è già passato
cantiamo questa canzone per come fu cantata
ma devo dirvi, scusate amici cari
i problemi di allora sono rimasti tali e quali.‎
Prima erano gli italiani costretti ad emigrare
oggi sono gli Albanesi che attraversano il mare
dal Marocco all'Africa, il Senegal, la Turchia
i poveri viaggiano e cercano benessere.‎

Opillopillopì opillopillopà
bisogna pur lottare ma per la libertà.‎

Rispetto a questi disastri, non posso lamentarmi
che in questa nostra Italia non si muore più di fame
di libertà ci parlano, ci continuano a parlare
la libertà del padrone che può licenziare.‎
Se la Democrazia Cristiana non c'è più
c'è l'unto del Signore sceso fino a noi
e questa sinistra va bene solo a fare opposizione‎
perché per fare una mossa, sembra averne terrore‎
con queste televisioni non si capisce più niente
programmi spazzatura rimbambiscono la gente.‎
E quindi per finire mi tocca dirlo
ho girato il mondo, qualcosa l'ho capita‎
ho girato il mondo, ho visto buoni e cattivi
il peggiore di tutti è Silvio Berlusconi.‎

Opillopillopì opillopillopà
bisogna pur lottare ma per la libertà.‎

Contributed by Dead End - 2012/9/17 - 15:04



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org