Language   

Forse c'è la guerra

Aldo Granese & la Diaspora Band
Language: Italian




Forse c'è la guerra dietro quella parete,
come un' ombra avanza l'esercito della sete,
una sigaretta ce la passiamo di bocca in bocca
nell' attesa di sapere chi sarà il prossimo,
a chi tocca.

Tu sei un mago potente... quindi tiraci tutti fuori
da questa logica puzzolente che ingrassa i cimiteri,
ma vedi di far presto
che ho perso già troppi compagni
per una burla, un reo pretesto
e l'artefice si vergogni!

C'è pace qui in trincea,
ma è solo un breve riposo di vento
e non sappiamo quanto dura...

La guerra: che idiozia!
Di uccidere un uomo non me la sento
e voglio una degna sepoltura.

Questa tregua è un' arma per coglierci di sorpresa,
una spia, una tarma che fa buchi nella divisa.
Me ne voglio andare!
E' fin troppo anche un altro minuto!
Voglio disertare! Di servirli io mi rifiuto!

Ho scelto: pace sia!
Accetto una vita da fuggiasco
e me ne frego se perdete.
Adesso vado via!
Potrebbe essere un grosso fiasco,
ma il mio volto non lo rivedrete...

Sia pace sui mortai,
sui pettirossi, sugli operai,
in ogni angolo, in ogni porto!
Sia pace da ora in poi!
Io approfitto del buoi e voi?
Chi resta per me è già morto!


Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org