Language   

Molto stanco

Luca Serio Bertolini
Languages: English, Italian

List of versions


Related Songs

Madre
(Luca Serio Bertolini)
Gino
(Mutina Golem)
Noris, Imelde
(Morandi, Ghiacci, Pinna)


(Luca Serio Bertolini)
Gianmaria Jambo Iori: basso;
Andrea Monchio Monchiari: batteria;
Alessio Berrè: mandolini, banjo;
Luca Serio Bertolini: voce, chitarra
cori: gli Yonders con Gigi e i Cock & Bull Story

Produzione artistica: Luca Serio & the Yonders
Registrato e mixato da L. S. Bertolini @ Yonder Studio, San Polo d'Enza (RE), febbraio 2012 www .yonderstudio .it


Tutti i brani di Battaglione Alleato (2012):

tratto dal libro "II bracciale di sterline . Cento bastardi senza gloria. Una storia di guerra e di passioni" di Matteo Incerti e Valentina Ruozi

Battaglione Alleato MCR
CD1
1. Introduzione (Modena City Ramblers e Bruno Cappagli)
2. Avevamo vent'anni (Canto del volontario della libertà) (Modena City Ramblers)
3. Al Pivarol C'al Vin Dal Ciel (The Brave Scottish Piper) (Modena City Ramblers)
4. C'era (Rossopiceno)
5. Bastardi e pezzenti (Nuju)
6. This Time (Lion D)
7. Molto stanco (Luca Serio & the Yonders)
8. Modena (Dudu & i semi del male)
9. Ofelia Neri staffetta partigiana (Logici Zen)
10.Libertà e Foresta (Elizabeth)
11.Non era un animale (Luca Giovanardi)
12.Gino (Mutina Golem)
13.Notturno prima della battaglia (Leo Sgavetti)

CD2
1. Partigiano Hans (Popinga)
2. Tombola (Jason McNiff)
3. 27 marzo (set) (Ned Ludd)
4. Gordon, Glauco (Modena City Ramblers)
5. 22 ore (Ned Ludd)
6. L'amore altrove (Massimo Ice Ghiacci)
7. Gufo nero (Modena City Ramblers)
8. Noris, Imelde (Morandi, Ghiacci, Pinna)
9. Cinque tedeschi ad Albinea (Bertolini, Ghiacci)
10.La libertà è disobbedienza (Elizabeth e Modena City Ramblers)
11.Nozze partigiane (Fryda)
12.Testamento partigiano (Milo Brugnara)
13.Avevamo vent'anni (Canto del volontario della libertà) (al fuoco di bivacco)
(Modena City Ramblers)



Molto Stanco era il cannone della 2nd SAS britannica, un 75mm Pack Howitzer M1, impiegato durante diversi raid tra i quali quello sulla città di Reggio Emilia il 21 aprile 1945. Veniva normalmente trainato da una jeep ma lungo i più impervi sentieri era trascinato dai partigianì, da cui il nome. Nell'immaginario "Yonders", Molto Stanco prende vita dopo essere stato lanciato sull'Appennino e assemblato e, come un neonato abbandonato, riconosce nei partigiani e negli alleati i suoi fratelli, figlio di quell'aereo che un giorno lo paracadutò sugli Appennini.

I fought, my bullet scared and killed most of them,
my mother was a kind of a big stork,
my father a fighter bomber and that's
what i wannabe when i grow up...
Thats what i wanna be when i grow up

I fell in a cold dark night from the sky
My brothers taught me how to fight

Seint che bot, Dimondi Stof le dree a trer
E i crok e scapen via cme di gaat
Dimondi Stof al soraia e al còcia in dree
E i crok e scapen via...

I'm, not as tired as you are, I'm alright,
you pushed me up and down on mule tracks,
i swear, brothers, soon or later i will walk,
brother, soon or later i will fly,
true as the freedom in your eyes...
My mother taught me how to fly

"Il cannone Molto Stanco spara
23 colpi del suoi fieri colpi
dal Buco della Signora sul centro di Reggio
nell'Emilia, è l'inizio della Liberazione!"

I fell in a cold dark night from the sky,
my mother, my father, my brothers gave me life

"Farran! Ma sa's tirom a dree da fer cl'usvej ch'è?
Cl'e peis, al rosla mia e al tira in dree..."
"Man! This weapon is freedom, te sre' mia stof?"
"Se ma, al Bus dla Sgnora impiom i noster rag,
et vedre i crok che scapen via cme di gaat!!!"

I fell in a cold dark night from the sky,
my mother taught me how to fly, my father
taught me how to fight,
hese guys taught me how to win and we won

Contributed by DonQuijote82 - 2012/3/28 - 09:52



Language: Italian

Traduzione dal dialetto emiliano e dall'inglese
Ho combattuto, i miei proiettili hanno spaventato e ucciso molti di loro.
Mia madre era una grande cicogna,
mio padre un bombardiere,
ed è quello che diventerò.

Sono caduto in una notte fredda e buia,
i miei fratelli mi hanno insegnato a combattere.

Senti che botto, Molto Stanco sta sparando
e i tedeschi scappano come gatti.
Molto Stanco urla e rincula
e i tedeschi scappano via...

Non sono stanco come voi, sto bene.
Mi avete spinto su e giù per queste mulattiere,
vi assicuro che un giorno volerò.
E' la verità, come vera è la libertà nei vostri occhi.
Mia madre mi ha insegnato a volare.

"Il cannone Molto Stanco spara
23 colpi del suoi fieri colpi
dal Buco della Signora sul centro di Reggio
nell'Emilia, è l'inizio della Liberazione!"

Sono caduto in una notte fredda e buia.
Mia madre, mio padre, i miei fratelli mi hanno dato la vita.

"Farran! Ma cosa ci portiamo dietro a fare questo aggeggio?
È pesante, le ruote girano a fatica e sembra che non abbia voglia di muoversi...".
"Ragazzo! Quest'arma è la libertà, non sarai mica stanco?".
"Si ma, arrivati al Buco della Signora accenderemo i nostri fuochi d'artificio
e vedrai i tedeschi, scapperanno come gatti!
Sono caduto In una notte fredda e buia.
Mia madre mi ha insegnato a volare,
mio padre mi ha insegnato a combattere,
questi ragazzi mi hanno insegnato a vincere e abbiamo vinto.

Contributed by DonQuijote82 - 2012/3/28 - 09:56



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org