Language   

Terra Innamorata. 7: In piazza Quattro Novembre

Canzoniere del Valdarno
Language: Italian


Related Songs

Terra Innamorata. 1: Un'introduzione
(Canzoniere del Valdarno)
Dopo la retata del velodromo d'inverno
(Vittorio Merlo)
Terra Innamorata. 4: Vent'anni
(Canzoniere del Valdarno)


Prima gli scioperi, poi
i partigiani, poi
il fascismo caduto - lo disse
la radio una sera,
e fecero festa, e fecero baldoria
la gente nelle strade.
La belva nera sfodera gli artigli
ultimi, l'ultima rabbia, l'ultimo
truce livore: è ormai finita, è
condannata, è solo
questione di ore...
Un giorno, una brigata di SS
invase Castelnuovo dei Sabbioni.
Rastrellò tutti gli uomini
del paese, li ammassò nella chiesa e li trucidò
a colpi di mitraglia. I morti furono...
tanti, troppi.
Pochi giorni dopo, la stessa rappresaglia
fu eseguita a Meleto Valdarno, cinque
chilometri più in là: i morti furono...
tanti, troppi.


Quanto devi ancora soffrire
povera terra martoriata?
Quanti figli dovranno morire
prima che tu sia liberata?

Una mattina giunsero i nazisti
casa per casa sfondarono le porte
e le finestre: giovani, ragazzi
vecchi ammassaron giù, lungo la strada.

Quanto devi ancora soffrire
povera terra martoriata?
Quanti figli dovranno morire
prima che tu sia liberata?

Urlavano le donne e i bambini
il prete disse: "liberate tutti
prendete me" fu spinto dentro il gruppo
furon condotti in piazza della chiesa.

Quanto devi ancora soffrire
povera terra martoriata?
Quanti figli dovranno morire
prima che tu sia liberata?

Maledetti aguzzini, pagherete
anche questa - gridarono i compagni
qualcheduno pregava, qualcheduno
piangeva in ginocchioni, lì sul selciato.

Quanto devi ancora soffrire
povera terra martoriata?
Quanti figli dovranno morire
prima che tu sia liberata?

Erano cento e più, come animali
schiacciati contro il muro della chiesa
cominciò il fuoco e durò a lungo, come
uno straziante lungo vecchio canto.

Quanto devi ancora soffrire
povera terra martoriata?
Quanti figli dovranno morire
prima che tu sia liberata?

Ora son tutti morti, uno sull'altro
povere mani cercano un marito
un figlio un padre - cosa cerchi cosa
povera mano, non c'è che dolore.

Quanto devi ancora soffrire
povera terra martoriata?
Quanti figli dovranno morire
prima che tu sia liberata?

Contributed by Riccardo Venturi - 2006/5/23 - 00:18



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org