Language   

Questa prigione è scura

Canzoniere del Proletariato
Language: Italian



Questa prigione è scura non si vede mai nessuno
soltanto il capoposto che porta la razion.
Un gavettino d’acqua e un pezzettin di pane
mi chiude la porta in faccia come se fossi un can.

Come se fossi un cane legato alle catene
e queste son le pene del povero soldà.
Del povero soldato, figlio di proletari
mandato dal padrone a fare il militar.

A fare il militare contro i propri interessi,
opprimere gli oppressi che voglion libertà.
E voi cari compagni che siete in libertà
dite alla mia ragazza che sono carcerà.

Che sono carcerato perché ho disobbedito
dicono che ho tradito la patria e Saragat.
La patria l’ho tradita perché non è la mia
e il nostro Presidente è un uomo della Cia.


Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org