Language   

Davide Van De Sfroos: Il camionista Ghost Rider

GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG
Language: Italian (Lombardo )

List of versions


Related Songs

Fendin
(Davide Van De Sfroos)
La tusa d’Usmà
(Maltra B-Folk)
Ciamel amuur
(Davide Van De Sfroos)


[2011]
Dall’album “Yanez”
Testo e musica di Davide Bernasconi, ovvero Davide Van De Sfroos

DavideVanDeSfroos Yanez

Mettetela come volete ma, per me, con tutti quelli che carica su ‘sto camionista comasco questa è un CCG/AWS docg…
truck

Al lunedè meti deent la prema
spazzeti'l muund cui tergicristai
pizzi i fanai per majà la cürva
banana negra che la voer scapà
ma me la ciapi cunt el vulaant
el me mutuur la digerirà
i cupertoni san giamò a memoria
ogni chilometro de spetascià

All'autogrill prima del Gottardo
gh'è Johnny Cash che voe sultà soe
el voer un passagg fin in funt al tunnel
verdi la porta el foe setà giò
el paltò l'è negro cume la chitara
la facia düra cume sti muntagn
el dis me spiàs sun dumà un fantasma
ma svolza la radio che me canti amò

Hey Johnny Cash scià che vèmm scià che vèmm
e tant anca 'l Gottardo l'è un oltru anell de fööch
e canta “Cry! Cry! Cry!”(1) e “Ghost Rider in the Sky”(2)
e visto che te seet te te lassi anca fümà

In sull'autostrada a Casalpusterlengo
gh'è una gran pulver se veed nagott
l'è menga nèbia l'è menga foemm
l'è tüta sabia e in mezz gh'è un omm
el gh'ha soe un capell che'el par quasi un strasc
el gh'ha i salopett i scarponi gross
el riid un zicc e po'l tussis
g'ha la tera in facia e in fuunt ai pulmòni

Hey Woody Guthrie scià che vèmm scià che vèmm
questa tèra l'è la tua tèra ma adess però mangen pioe
l'onda verde la diis nagott ma questa nigula finirà
de dree gh' è mia la California ma a Cesenatico podum ruva

All'usteria visén a Faenza gh'è un fio elegant
cun't i oecc de matt
el beev gio whisky cume beev gazusa
la sua chitara par che la va a tocch
el g'ha i dii cume dees anguillla pèll maron e la vuus de dona
el me diis "G'ho de scapà del diavul
che'l me cerca cun scià el me cuntratt"

Hey Robert Johnson scià che vèmm scià che vèmm
Comacchio non è la Louisiana ma i zanzar i henn püssèe catiiv
gnanca el diavul el se fa vedè quaand l'è scià l'ura del tramuunt
e non temere per il crocevia che che in Italia urmai i henn tücc rondò

E rua voenn in fund alla pianüüra che l'è vestiì cume un arcubalen
la sua chitara a l'è incendiada de dre de lüü pasa el tempuraal
el dupèera i tron el dupèera i fulmin i a liga insema i a sona amo
la tèra gialda la paar el so palco e tutt el cieel un amplificaduur

Hey Jimi Hendrix scià che vèmm scià che vèmm
Forli l'è menga Woodstock e fra un po' brüset anca te
e a suon de “Purple Haze”, “Little Wing” e “Voodoo child”
adess gh'è scià la grandin e i cuntadini i henn mea taant cunteent

E al casell de Cesena Nord la stradal l'ha ma fermà
fann el giir del camion varden l'abitacul
varden departutt e poe se varden luur
"ma è strano sembravate in cinque
dentro la cabina un minuto fa"
"ci son solo io con tutti i mei dischi
ma prego pòduf cuntrulà"

Contributed by Bartleby - 2011/8/4 - 13:33




Language: Italian

Traduzione italiana di GR da Testi Tradotti
IL CAMIONISTA GHOST RIDER

Al lunedì ingrano la prima
spazzolo il mondo col tergiscristallo
accendo i fanali per mangiare la curva
banana nera che vorrebbe scappare
ma la prendo con il volante
il mio motore la digerirà
i copertoni sanno già a memoria
ogni chilometro da calpestare

All'autogrill prima del Gottardo
c'è Johnny Cash che vuole salire
vuole un passaggio fino in fondo al tunnel
apro la portiera e lo faccio sedere
il paltò è nero come la chitarra
la faccia dura come queste montagne
dice, mi spiace ma sono solo un fantasma
ma alza la radio che io canto ancora

Hey Johnny Cash dai che andiamo, dai che andiamo
e tanto anche il Gottardo è un altro anello di fuoco
e canta “Cry! Cry! Cry!” e “Ghost Rider in the Sky”
e solo perché sei tu ti lascio anche fumare

Sull'autostrada a Casalpusterlengo
c'è un gran polverone non si vede niente
non è nebbia non è fumo
è tutta sabbia e nel mezzo c'è un uomo
ha in testa un cappello che sembra quasi uno straccio
ha la salopette e gli scarponi grossi
ride un po' poi tossisce
ha terra sulla faccia e dentro ai polmoni

Hey Woody Guthrie dai che andiamo, dai che andiamo
questa terra è la tua terra però adesso non mangiarne più
l'onda verde non dice niente ma questa nuvola finirà
Dietro non c’è la California, ma a Cesenatico possiamo arrivare

All’osteria vicino a Faenza c’è un ragazzo elegante
con gli occhi da matto
beve giù whisky come fosse gazzosa
la sua chitarra sembra andare a pezzi
ha le dita come anguille la pelle marrone e la voce da donna
mi dice "Devo scappare dal diavolo
che mi cerca con in mano il mio contratto"

Hey Robert Johnson dai che andiamo, dai che andiamo
Comacchio non è la Louisiana ma le zanzare sono più cattive
nemmeno il diavolo si fa vedere quando arriva il tramonto
e non aver paura per l'incrocio che in Italia ormai sono tutte rotatorie[1]

E arriva uno in fondo alla pianura che è vestito come l'arcobaleno
La sua chitarra si è incendiata dietro a lui passa il temporale
usa i tuoni e usa i fulmini li lega insieme e suona ancora
la terra gialla sembra essere il suo palco e tutto il cielo un amplificatore

Hey Jimi Hendrix dai che andiamo, dai che andiamo
Forlì non è Woodstock e tra un po’ bruci anche tu
E a suon di “Purple Haze”, “Little Wing” e “Voodoo child”
Adesso arriva la grandine e i contadini non sono molto contenti

E al casello di Cesena nord la stradale mi ha fermato
fanno il giro del camion e guardano l'abitacolo
guardano dappertutto e poi si guardano tra loro
"Ma è strano sembravate in cinque
dentro la cabina un minuto fa"
"Ci sono solo io con tutti i miei dischi,
ma prego potete controllare"

[1] Narra la leggenda, alimentata anche dallo stesso Johnson, che il giovane bluesman avesse stretto un patto col Diavolo, vendendogli la sua anima in cambio della capacità di poter suonare la chitarra come nessun altro al mondo.

Tale fosca mitologia è sorta e si è consolidata negli anni a seguito di diversi fatti: la sua stupefacente tecnica chitarristica, basata sul fingerpicking e tuttora additata come una delle massime espressioni del delta blues; le evocazioni generate dalla sua voce e dalle sue complesse strutture chitarristiche; il sinistro contenuto dei suoi testi, pur largamente improvvisati (come era ovvio per il genere, all'epoca), spesso narranti di spettri e demoni quando non esplicitamente riferiti al suo patto col Diavolo in persona.

Vi contribuirono inoltre i racconti dei vari musicisti che lo conobbero e che riferiscono della sua iniziale goffaggine nel suonare la chitarra: in base a questi racconti, peraltro tutti concordanti, Johnson scomparve dopo la morte della moglie per poi riapparire, l'anno successivo, dotato di una bravura e di un'espressività tali da lasciare tutti allibiti.

Voci dell'epoca tramandano di un incontro, avvenuto allo scoccare della mezzanotte a un crocevia desolato, tra Johnson e un misterioso uomo in nero il quale gli avrebbe concesso un ineguagliabile talento chitarristico in cambio della sua anima. In realtà la versione "ufficiale" è che Johnson, nel corso del suo vagare, abbia incontrato un misterioso bluesman di nome Ike Zinneman, il quale ebbe a fargli da maestro. La sinistra figura di Zinneman risulta comunque celata da un fitto velo di mistero; l'unico dato, nel completo oblìo sui suoi dati biografici, riguarda la sua abitudine di suonare nei cimiteri, tra le tombe, nota al punto da venire additato quale emissario del demonio.
wikipedia

Contributed by Bartleby - 2011/8/4 - 13:34




Language: French

Version française – LES FANTÔMES DU CAMIONNEUR – Marco Valdo M.I. – 2011
Chanson comasque - Il camionista Ghost Rider – Davide Van De Sfroos – 2011
LES FANTÔMES DU CAMIONNEUR

Lundi, j'enclenche la première
Je nettoie le monde avec l'essuie-glace
J'allume les feux pour avaler la courbe
Banane noire qui veut s'échapper
Mais je la ferre avec mon volant
Mon moteur la digère
Les pneus savent déjà par cœur
Chaque kilomètre à écraser.

À l'autogrill avant le Gothard
Il y a Johnny Cash qui veut monter
Il veut un passage jusqu'au fin fond du tunnel
J'ouvre la portière et je le fais asseoir
Son paletot est noir comme sa guitare
Son visage dur comme la montagne
Il dit, désolé mais je ne suis qu'un fantôme
Mais ouvre la radio que je chante encore.

Hey Johnny va-z-y qu'on y aille, va-z-y qu'on y aille
Et tant que le Gothard est un anneau de feu
Et chante Cry! Cry! Cry ! et Ghost Rider in the Sky
Et c'est seulement car c'est toi que tu peux fumer.

Sur l'autostrade à Casalpusterlengo
Il y a une telle poussière qu'on n'y voit goutte
C'est pas du brouillard, c'est pas de la fumée
C'est du sable et au milieu, il y a un homme
Sur la tête, il porte un chapeau en lambeaux
Il a une salopette et de gros souliers
Il rit un peu et puis tousse
Il a de la terre sur le visage et dans les poumons.

Hey Woody Guthrie va-z-y qu'on y aille, va-z-y qu'on y aille
Cette terre est ta terre, mais maintenant n'en mange plus
La vague verte ne dit rien, mais cette nuée finira
Derrière ce n'est pas la Californie, mais on y arrivera à Cesenatico

À l'auberge près de Faenza, il y a un gars
Avec des yeux de fou
Il descend le whisky comme de la limonade
Sa guitare tombe en morceaux
Il a des doigts comme des anguilles, la peau noire et une voix de femme
Il me dit « Je dois échapper au diable
Qui me cherche avec mon contrat à la main. »

Hey Robert Johnson va-z-y qu'on y aille, va-z-y qu'on y aille
Le Comace, c'est pas la Louisiane, mais les moustiques y sont plus féroces
Le diable lui-même se fait voir quand arrive le crépuscule
Et n'aie pas peur des croisements ; en Italie, ce sont tous des giratoires.

Voilà qu'arrive de la plaine un gars vêtu comme un arc-en-ciel
Sa guitare flamboie ; derrière lui, passe l'orage
Il jette des sons et des éclairs, il les lie et joue encore
La terre ocre paraît sa scène et tout le ciel est son amplificateur

Hey Jimi Hendrix va-z-y qu'on y aille, va-z-y qu'on y aille
Forlì n'est pas Woodstock et sous peu tu brûleras toi aussi
Aux sons de Purple Haze, Little Wing et Voodoo child
Voici venir la grêle et les paysans ne sont pas vraiment contents.

Au péage de Cesena nord, la routière m'arrête
Ils font le tour du camion et regardent dans l'habitacle
Ils regardent partout et puis se regardent
« C'est étrange vous sembliez être cinq
Dans la cabine, il y a un instant ».
« Il y a seulement moi et mes disques
Mais je vous en prie, contrôlez ».

Contributed by Marco Valdo M.I. - 2011/8/6 - 13:20



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org