Lingua   

Italia minore

Eugenio Bennato
Lingue: Italiano, Italiano (Pugliese Foggiano)



Spiavo ‘n cielo chissà chiuvesse
manco na lacrima infunneva la terra
la siccità è più amèra de la guerra
mena lu ventu cucente cucente

Grande poeta di povera gente
figlio diverso del sud dell'Italia
la tua canzone è un mendicante
che è passato dalla notte sull'aia.

La tua canzone, la povertà
è la canzone più bella che c'è.

Tu che ci parli di una fontana,
di una cometa e di un aquilone,
il tuo dialetto è una musica strana
perchè appartiene a un' Italia minore.

Ma la canzone della povertà
è la ricchezza che porti con te.

Grande poeta di povera gente,
figlio diverso del sud dell'Italia,
la tua canzone è un emigrante
che va a cercare fortuna in Germania.

La tua canzone, la povertà
è la canzone più bella che c'è.

Secoli e secoli di lontananza
da ogni potere, da ogni padrone.
Musica anonima senza importanza
per chi appartiene a un' Italia minore.

Ma la canzone della povertà
è la ricchezza che porti con te.

E' l'Italia che tu canti,
è l'Italia che tu suoni,
la canzone dei briganti,
la canzone dei terroni.
Le finestre degli amanti
e la luna eccezionale
di chi dorme sotto i ponti
della musica popolare.

In questa Italia distratta ed assente
rincoglionita di televisione,
c'è un'altra Italia controcorrente
e ognuno sceglie la propria canzone.

La tua canzone, la povertà
è la canzone più bella che c'è.

La tua poesia è una nave pirata
e io che mi sento pirata nel cuore,
io voglio perdermi nella tua strada,
fiero di essere Italia minore.

Ma la canzone della povertà
è la ricchezza che porti con te.

E' l'Italia che tu canti
è l'Italia che tu suoni,
la ricchezza che nascondi
nelle povere canzoni.
La tua arte che i mercanti
non potranno mai comprare
i rubini e i diamanti
della musica popolare.

Chistu munno è troppo amère
chi sta buono e chi sta mele
chi cammina cu dulure
ogni passo ‘na pena de core
Chistu munno è troppo amère
chi sta buono e chi sta mele
chi cammina cu dulore
ogni passo ‘na pena de core
Spiavo ‘n cielo chissà chiuvesse
manco na lacrima infunneva la terra
la siccità è più amèra de la guerra
mena lu ventu cucente cucente

E' l'Italia che tu canti,
è l'Italia che tu suoni,
la canzone dei briganti,
la canzone dei terroni.
Le finestre degli amanti
e la luna eccezionale
di chi dorme sotto i ponti
della musica popolare.


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org