Language   

Sento il fischio del vapore

Anonymous
Language: Italian

List of versions



sento il fischio del vapore



Probabilmente ispirato dalla spedizione italiana in Albania del 1914 ed inserito nel clima antimilitarista della Settimana Rossa questo canto ci viene tramandato da Giovanna Daffini, mondina e cantastorie.
Il duro lavoro nelle risaie della pianura Padana produsse solidarietà di classe, coscienza politica ed emancipazione femminile. Molte delle più belle canzoni popolari dell'Italia settentrionale, legate alla quotidianità, alla cronaca, alla vita privata e collettiva, nascono e vengono cantate proprio nelle risaie.
(dalle note alle canzone nel disco "Il fischio del Vapore" di Francesco De Gregori e Giovanna Marini)
Sento il fischio del vapore del mio amore che 'l va via,
sento il fischio del vapore del mio amore che 'l va via,
e l'è partito per l'Albania, chissà quando ritornerà!

Ritornerà sta primavera con la spada insanguinata,
Ritornerà sta primavera con la spada insanguinata,
e se mi trova già maritata, ohi che pena, ohi che dolor!

Ohi che pena, ohi che dolor, che brutta bestia è mai l'amore,
Ohi che pena, ohi che dolor, che brutta bestia è mai l'amore,
Starò piuttosto senza mangiare, ma l'amore lo voglio far,

Lo voglio far mattina e sera finché vien la primavera
Lo voglio far mattina e sera finché vien la primavera
la primavera è già arrivata ma il mio amore non è tornà.

[variante: strofa aggiuntiva]
Mi hanno rinchiuso in un convento
e mi han tagliato i miei capelli;
ed eran biondi e ricci e belli,
m'han tagliato le mie beltà.


Language: English

Versione Inglese

This song is probably about the italian military expedition in Albania (1914) . Giovanna Daffini, rice weeder and song teller used to sing this song in the 60's. Besides the political requests against the war the lyrics represent an example of struggle for the emancipation of the woman
I HEAR THE WHISTLE OF THE STEAM

I hear the whistle of the steam of my love goin' away
I hear the whistle of the steam of my love goin' away
he left to Albania, who knows when he'll come back

He'll come back this spring with the blood on his sword
He'll come back this spring with the blood on his sword
and if he finds I'm already married, oh what a pain, oh what a sorrow

Oh what a pain, oh wat a sorrow, what an awful beast love is
Oh what a pain, oh wat a sorrow, what an awful beast love is
I'd rather live without eating, but I want to make love

I want to make it in the morning and in the night until spring comes
I want to make it in the morning and in the night until spring comes
Spring has come but my love didn't come back


Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org