Language   

Io rifiuto il nucleare

Artisti uniti contro il nucleare
Language: Italian

List of versions


Related Songs

Nucléaire
(Komandant Simi Ol)
Nuclear, sí
(Aviador Dro)


"Io rifiuto il nucleare" è una canzone realizzata da giovani artisti che, uniti, hanno espresso attraverso la musica il proprio punto di vista sul discusso tema delle centrali nucleari, da anni al centro dell' attenzione e ancora oggi oggetto di numerosi dibattiti di natura etico-politica.

Il referendum italiano sul nucleare probabilmente salterà, ma questo perchè il "progetto-nucleare", purtroppo, è solo temporaneamente sospeso. Quando riprenderà, tu dovrai essere pronto. Pronto ad anteporre la sicurezza del cittadino alla sete di progresso. Pronto a proporre valide alternative, come l'utilizzo di fonti di energia rinnovabili, inesauribili. Pronto a ricordare le tragedie, le vittime causate dall' energia nucleare, ciò che insegnano. Pronto a rifiutare il nucleare, in Italia e nel mondo.

HANNO PARTECIPATO ALLA REALIZZAZIONE DI QUESTO PROGETTO

- VOCI : Armando Simonini, Rocco, Daniela Dirlea, Fabio Minelli, Tommaso Zenti, Michele Mapelli, Nicola Gervasoni;

- TESTO : Fabio Minelli, Michele Mapelli;

- MUSICA : Fabio Minelli;

- REGIA E PRODUZIONE : Michela Longobardo, Fabio Minelli.
Mi chiamo Pietro
e vorrei tornassimo indietro
dall'uranio e dalle scorie
e scoprie terra e acqua
vento e sole
io non capisco, che senso abbia
commemorare una tragedia e le sue vittime
farle rivivere una volta all'anno
se quello che insegnano
si dimentica, si dimentica
e chi ci dice che non succederà a noi
e chi ci dice che non succederà a te
a chi mi dice che non succederà a me
io risponderò:
chi si dimentica
dimentica o non può ricordare
Io non capisco
perché mentre tutti smaltisco-no
io costruisco
voglio dimenticarlo
perché ricordar fa male
strano eppure dicon che
dagli sbagli puoi imparare
strano come infondo questa sua forma normale
ti voglion confondere
deve farti pensare
metti sì se rifiuti il nucleare
mica è scemo il presidente vuole riuscirci a fregare
ma si sbaglia noi siam forti
noi spieghiamo come l'energia solare
voliamo con l'eolico,
ci sappiamo rinnovare
io non dimentico i morti in Ucraina
non mi scorderò mai di quel bambino che grida
la sua mamma è in bagno a terra
geme ha spasmi e eppure di fare la chemio
ha smesso che saranno tre anni
non dimentico i visi di Fukushima
di quel padre disperato piangere la sua bambina
la leucemia riscuote,
ma non voglio più pagare
anche tu metti sì al rifiuto al nucleare
Io dimentico che ogni volta quando cago
spreco 10 litri di acqua potabile
Io dimentico che esiste un'altra soluzione
che si chiama energia rinnovabile
Io dimentico di quei bambini
che per colpa dell'uranio muiono di leucemia
Io dimentico che sacrificare la sicurezza
in nome del progresso è una follia
e chi ci dice che non succederà a noi
e chi ci dice che non succederà a te
a chi mi dice che non succederà a me
io risponderò:
che al mondo non c'è un'assicurazione
pronta a garantire... chissà perché?
dimentica, dimantica, dimentica
dimentica, si può ricordare
Io non capisco
perché mentre tutti smaltisco-no
io costruisco

Contributed by DonQuijote82 - 2011/5/23 - 09:28


So che probabilmente esisteva già da tempo ma ho notato solo oggi che alle canzoni anti centrali nucleari è dedicata un'intera sezione: nella mia umile opinione stona un po' avere una sezione dedicata a questo accanto a tutte le sezioni contro la guerra, la tortura, la pena di morte, ecc... per il semplice fatto che se le altre sono cose sbagliate SEMPRE e COMUNQUE, il nucleare (IMO) non lo è. Voterò ovviamente contro al nucleare al referendum (se si farà -.-) ma non sono affatto sicuro che se tutta l'energia prodotta dal nucleare negli anni passati (diciamo almeno fino agli anni '90 quando le energie alternative sono diventate competitive) fosse stata prodotta con petrolio, carbone, metano, vivremmo in un mondo migliore, anzi... l'ambiente probabilmente starebbe molto peggio.
Insomma, per rimanere in tema Referendum all'acqua pubblica voterei SI in qualunque momento dello spazio tempo, al Nucleare voto sì hic et nunc e per questo non mi pare giusto associarlo agli altri temi, per il resto continuate così ;)

Lorenzo Caccianiga - 2011/5/28 - 21:34


Caro Lorenzo, sul perché della mia opposizione al nucleare ho già detto e non voglio ora ripetermi. Capisco cosa vuoi dire ma è anche vero che arricchendo solo un po' di più l'uranio si passa dalla centrale nucleare alla bomba atomica... e solo questo dovrebbe far pensare a quanto sia legato il tema dell'energia atomica a quello della guerra.

E comunque la cosa più importante: il referendum SI FARA' certo che sì. Tutto il resto è solo ignobile disinformazione fatta per boicottare il referendum e impedire che si raggiunga il quorum. Io, in quanto residente all'estero, ho già votato per corrispondenza e ti assicuro che la scheda con il quesito sul nucleare c'era !

Lorenzo Masetti - 2011/5/30 - 09:40


Be' tra il 3% di 235U necessario per i reattori nucleari e il 90% necessario per le bombe atomiche ne passa di tecnologia. Una prova lampante è il fatto che il Giappone, nonostante non gli sia neanche stato consentito di ricostruire un esercito dopo la II guerra mondiale non c'è stato nessun problema a consentirgli di costruire centrali nucleari. Se la correlazione ho centrali nucleari->ho armi nucleari fosse così stretta gli USA non gliel'avrebbero mai consentito.

La realtà è che c'è solo un principio fisico uguale di mezzo ma da Fermi in poi le due cose sono state piuttosto divise. Praticamente una centrale nucleare sta ad un'arma atomica come il microonde di casa sta alla sedia elettrica: funzionano entrambi con la stessa fonte di energia, e basta (e se il microonde di casa ti può folgorare come una sedia elettrica una centrale nucleare non esploderà mai come una bomba atomica ;) )

sono invece molto contento se mi dici che il referendum si farà comunque!

Lorenzo Caccianiga - 2011/5/30 - 18:42



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org