Language   

Amazin' Man

John Bird
Language: English



[1975]
Album “The Collected Broadcasts of Idi Amin”
Scritta da Alan Coren, scrittore umorista e satirico, autore di diversi popolari programmi della BBC.
Testo trovato su Mudcat Café
Il pezzo fa parte anche del repertorio di Dr. Demento.

IdiAmin CD L F
Visto che siamo in un periodo in cui tante dittature africane apparentemente inossidabili sembrano invece essere in rapido dissolvimento, vorrei qui proporvi una divertente canzone satirica, con annesse scenette in stile Monty Python, dedicata a colui che forse può essere considerato “the most amazin’ african dictator of the 20th century”…
Ve lo ricordate Idi Amin Dada?




Beh, ieri sera mi sono visto il grande Denzel Washington che lo interpreta magistralmente in “L’ultimo re di Scozia”, film del 2006 diretto da Kevin Macdonald, e stamattina, dopo qualche ricerca, mi sono imbattuto in questa stupenda canzone sul grosso dittatore psicopatico dell’Uganda degli anni 70.
Non sto a tediarvi con una delle mie solite schede introduttive. Vi basti ricordare che Idi Amin, che si era formato nell’esercito coloniale britannico, nel 1971 prese il potere con un colpo di stato sostenuto dagli inglesi (con sudafricani ed israeliani) e poi per otto lunghi anni sprofondò l’Uganda nel terrore (300.000 morti). Psicopatico totale, forse reso tale dalla neurosifilide, Idi Amin sfuggì al controllo dei suoi mèntori e, dopo aver troncato le relazioni con Sudafrica ed Israele (non che avesse fatto male, ma ve la ricordate la vicenda di Entebbe? Accadde proprio in Uganda…), si avvicinò all’Unione Sovietica e soprattutto ad un altro psicopatico di cui si parla molto in questi giorni: Muammar Gheddafi. E come il raìs libico, anche Idi Amin – che non si fidava di nessuno ed era solito sterminare periodicamente persino i suoi comandanti militari – aveva organizzato l’esercito facendo ampio ricorso a mercenari di altri paesi africani. Nel 1978, poi, Gheddafi mandò i suoi soldati a sostegno di Amin che aveva deciso di invadere la Tanzania. Per fortuna, e nonostante le “truppe cammellate” di Gheddafi, la scriteriata avventura militare andò in vacca e la controffensiva tanzaniana costrinse Amin alla fuga ed al definitivo esilio, prima in Libia e poi in Arabia Saudita, dove è morto nel 2003.

Tutto questo non certo per dire che stiamo facendo bene a bombardare la Libia, anzi, ma visto che ci siamo, mi piacerebbe che tutti quei missili non fossero sparati qua e là alla cazzo, uccidendo gente inerme, ma che venissero tutti concentrati sul raìs (che invece - guarda un po’ – “non è un obiettivo della coalizione”): mezz’ora di fuoco incrociato, con tutte le armi disponibili e, se poi caso mai ne uscisse un po’ più malleabile, prenderlo, impacchettarlo e spedirlo in esilio dorato a Jedda, magari nell’appartamento che il suo vecchio amico Idi Amin ha lasciato libero qualche anno fa.


[Suoni di prova d’orchestra]

[Idi Amin] OK. Right now, here we goin' again from the top. An' this time, de first violin, er, I want you to plug the instruments into, er, into the gas main, because, er, I'm not getting the sound I am liking. An' the wives what am forming the backing group, let, er, you come round to the front of me where I can keep my eye on you. Dat better. Right now, here we are going. Stop now. Stop now when i am telling you! LISTEN, STOP! SHUT UP!
[Sparo. Silenzio]
Thank you. Now, I am counting you in with the well-known counting things.
Here we go. One, two ... Oh, no! What come after two? ... Five!

[Coro, due contralto, due soprano]
Idi, Idi, Idi Amin, most amazin' man, there's ever been.
He's de general, de president, de king of the scene,
Idi, Idi, Idi Amin.

[Idi]
Look at the history, it packed with men,
What rising to the top and getting chopped agen.
No one fathoming the secret of the whole damn thing.
You got to give the population something to sing!

[Coro]
Idi, Idi, Idi Amin, most amazin' man, there's ever been.
He's de general, de president, de king of the scene,
Idi, Idi, Idi Amin.

[Idi]
Take Hitler, Stalin, Attilla the Nun,
No one got a good word for a single one.
Where these first-class geniuses all goin' wrong,
They never got the population singing along.

[Coro]
Idi, Idi, Idi Amin, most amazin' man, there's ever been.
He's de general, de president, de king of the scene,
Idi, Idi, Idi Amin.

[Idi]
Listen, would the world-famous Kampala Glee Club mind keeping in the damn background? What the hell goin' on here? It looking like some kind of musical coup to me.
[Sparo, grido di una soprano]
That better. Three people more than enough for a quartet anyhow.

[Coro, con una soprano di meno]
Idi, Idi, Idi Amin, most amazin' man, there's ever been.
He's de general, de president, de king of the scene,
Idi, Idi, Idi Amin.

A modern leader gotta twist and shout,
Got tell the people let it all hang out.
If you don't want to vanish with a boot up the bum,
You gotta give the population something to hum.

[Coro, nel bel mezzo si sente Amin che urla “You still crowding the star!”, poi due spari e una contralto che continua da sola]
Idi, Idi, Idi Amin, most amazin' man, there's ever been.
He's de general, de president, de king of the scene,
Idi, Idi, Idi Amin.

[Idi]
Hmm, that a pretty good voice you got there. That voice possibly taking you right to the top of the charts. Yes, sir, ma'am, every chance you getting to the number one spot on the Uganda hit parade with a voice like that. You could be the next Englebert Bassey! You could be the new Zulu!
[Sparo, urlo]
Pity, the world only needin' one new star, really.

[Dopo aver sterminato il coro Idi continua da solo]
Idi, Idi, Idi Amin, the most amazin' man de world has seen,
I de general, de president, de king of the scene,
Idi, Idi, Idi Amin.
This chorus singin' a piece of cake! Let's go now!

Idi, Idi, Idi Amin, Wow wow, Idi, Idi, Idi Amin...
Listen to the falsetto goin' there! Not often a black man get that far up, you know.
Idi Amin, Idi Amin, Idi Amin, Idi, Idi Amin, Idi...
Don't forget the name there, folks!
IdiAminIdiAmin...
How I love the sound of it!
Idi Amin, Idi Amin. Ooh, Idi, Idi Amin, Idi AminIdiAmin...?
Who wrote the lyrics? This is poetry!
IdiAminIdiAminIdiAmin...

[La musica sfuma malamente…]

Contributed by Bartleby - 2011/3/21 - 10:12



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org