Language   

S'ciòp e Picòun

Modena City Ramblers
Language: Italian (Emiliano Modenese)

List of versions


Related Songs

Quasi l'alba
(Mauro Punteri)
Know your rights
(Guacamaya)
Curre curre guagliò
(99 Posse)


Da Sul tetto del mondo 15-3-2011
11213 cover sul tetto  1 m
La nèbia cme 'na quèrta la quacia sò la basa
'Na schina d'apenein e i spali màj ed guasa
Galena! trincea! Fiòm, giaròun e acqua
A Rez la nòt la canta e i sò muntagni san de grapa!

Partiven da l'Italia dòp du àn ed Resistèinsa
Scapeven la miseria, la guèra l'eva magnè sò tòtt
Minera, carboun, guèra, tèra ed fama
Du arzàn e un mudnes rivè in Belgio da 'na stmana

La lùs ed la candela, la fa da òc al me picoun
Supli mateina e sira sensa mai veder al sol
La luna, la stèsa cumpagna a còla dl'apenein
Ma chi sa se l'as capis s'as dà al curàg per n'ètra lòta

Luna 'scolta, luna bàla
L'è la sola banda cl'intona la to fòla
Luna canta, Luna 'scolta
I solit delinqueint ch'in scampè alla Resistèinsa

Fra 'na scrana e 'na tomana sdù cme sac ed pòm da tèra
Ciacaveren intant che biven e s'ricordeven 'dla sò tèra
A Modna! A Rez! Slonga al bràz e su bicer
Canta, bov e sbraita luna l'è pèina pasè na stmana

La nèbia cme 'na quèrta la quacia sò la basa
'Na schina d'apenein e i spali màj ed guasa
Galena! trincea! Fiòm, giaròun e acqua
A Rez la nòt la canta e i sò muntagni san de grapa!

Luna 'scolta, luna bàla
L'è la sola banda cl'intona la to fòla
Luna canta, Luna 'scolta
I solit delinqueint ch'in scampè alla Resistèinsa
Trincea, calanc, muntagna e minera
Du òc, la luna, s'ciòp e picòun
Adèsa som vècc che nostalgia 'dla gioventò
Adèsa soma cà, trop stòff, per 'na rivolusiòun!

Contributed by DonQuijote82 - 2011/3/15 - 19:18



Language: Italian

Traduzione italiana da I testi dei MCR 1993-2015
FUCILE E PICCONE

La nebbia come una coperta copre la bassa pianura}
una schiena d'Appennini, e le spalle bagnate di rugiada
golena! trincea! fiume, sassi e acqua
a Reggio la notte canta, e le sue montagne sanno di
grappa

Partivano dall'Italia dopo due anni di resistenza,
scappavano dalla miseria, la guerra s'era mangiata tutto.
miniera, carbone, guerra, terra di fame
due reggiani e un modenese arrivati in Belgio da una
settimana

la luce della candela fa da occhi al mio piccone
seppellito mattina e sera, senza mai vedere il sole
la luna, la stessa, uguale a quella dell'Appennino
ma chissà se ci capisce, se ci dà il coraggio per un'altra lotta

Luna, ascolta, luna, balla
è la solita banda che intona la tua favola
luna, canta, luna, ascolta
i soliti delinquenti che sono sopravvissuti alla resistenza

Fra una sedia e una poltrona, seduti come sacchi di patate
chiacchieravano mentre bevevano e ricordavano la loro
terra
a Modena! A Reggio! Allunga il braccio e sù il bicchiere
canta, bevi e urla luna è passata appena una settimana

Da quanto la nebbia come una coperta copriva la
bassa pianura
una schiena d'appennini, e le spalle bagnate di rugiada.
Golena! Trincea! Fiume, sassi e acqua
a Reggio la notte canta, e le sue montagne sanno di grappa

Luna, ascolta, luna, balla
è la solita banda che intona la tua favola
Luna, canta, luna, ascolta
I soliti delinquenti che sono sopravvissuti alla resistenza
Trincea, calanchi, montagna e miniera
Due occhi, la luna, fucile e piccone
Adesso siamo vecchi, che nostalgia della gioventù
adesso siamo a casa, troppo stanchi, per una rivoluzione

Contributed by Dq82 - 2020/5/2 - 17:42



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org