Language   

God Knows I'm Good

David Bowie
Language: English

List of versions


Related Songs

She's Got Medals
(David Bowie)
Gunman
(Adrian Belew)
La Mousse du Vestiaire
(Marco Valdo M.I.)


[1969]
Album “Space Oddity”

space

Vi è mai capitato, in uno dei nostri opulenti, luccicanti e straripanti supermercati, di assistere al fermo di una donna che ha cercato di rubare da mangiare? A me è capitato di recente, e la signora aveva anche due bambini appresso… Ho provato la sua umiliazione e la sua disperazione…
Uno dei tanti aspetti della “Guerra dei Centomila Anni che i ricchi conducono contro i poveri”, come direbbe il nostro Marco Valdo M.I.
In aggiunta, una delle tante prove dell’inesistenza di Dio.
Ricordo al proposito una bellissima citazione di Heinrich Heine che il buon Venturi fece prima di mandare a fare in culo, giustamente esasperato, una tal “celestiale maria Rosaria”:

“Maledetto il buon Dio! Noi lo pregammo
nelle misere fami, nei freddi inverni;
lo pregammo, e sperammo, ed aspettammo:
egli, il buon Dio, ci saziò di scherni.”
I was walking through the counters of a national concern
And a cash machine was spitting by my shoulder
And I saw the multitude of faces, honest, rich and clean
As the merchandise exchanged and money roared
And a woman hot with worry slyly slipped a tin of stewing steak
Into the paper bag at her side
And her face was white with fear in case her actions
were observed
So she closed her eyes to keep her conscience blind

Crying
God knows I'm good
God knows I'm good
God knows I'm good
God may look the other way today

God knows I'm good
God knows I'm good
God knows I'm good
God may look the other way today

Then she moved toward the exit clutching tightly at her paper bag
Perspiration trickled down her forehead
And her heart it leapt inside her as the hand laid on her shoulder
She was led away bewildered and amazed
Through her deafened ears the cash machines were shrieking on the counter
As her escort asked her softly for her name
And a crowd of honest people rushed to help a tired old lady
Who had fainted to the whirling wooden floor

Crying
God knows I'm good
God knows I'm good
God knows I'm good
Surely God won't look the other way

God knows I'm good
God knows I'm good
God knows I'm good
Surely God won't look the other way
Hey

Contributed by Bartleby - 2010/11/8 - 11:50



Language: Italian

Traduzione italiana da Velvet Goldmine con qualche intervento di Bartleby (sperando di averla migliorata e non il contrario…)
DIO SA CHE SONO BUONA

Stavo camminando tra i banchi di un supermercato
E un registratore di cassa stava sputacchiando alle mie spalle
E vidi la moltitudine di facce, oneste, ricche e pulite
Come la merce scambiata ed il suono dei soldi
E una donna – che ansia aveva - fece scivolare furtivamente un barattolo di stufato
Nella borsa al suo fianco
Era bianca per la paura che i suoi gesti
fossero osservati
Così chiuse gli occhi perché la sua coscienza non vedesse

Piangendo
"Dio sa che sono buona
Dio sa che sono buona
Dio sa che sono buona
E forse oggi guarda dall’altra parte

Dio sa che sono buona
Dio sa che sono buona
Dio sa che sono buona
E forse oggi guarda dall’altra parte "

Poi andò verso l'uscita stringendo forte la sua borsa
Il sudore le colava dalla fronte
E il cuore sobbalzò quando la mano le si posò sulla spalla
E venne portata via confusa e imbarazzata
Nelle sue orecchie i registratori di cassa facevano un rumore assordante
Quando l’addetto le chiese piano come si chamasse
E una folla di persone oneste corse ad aiutare una vecchia signora stanca
Che era svenuta sul
pavimento di legno che vorticava

Piangendo
"Dio sa che sono buona
Dio sa che sono buona
Dio sa che sono buona
Sicuramente Dio non guarda dall’altra parte

Dio sa che sono buona
Dio sa che sono buona
Dio sa che sono buona
Sicuramente Dio non guarda dall’altra parte "
Già…

Contributed by Bartleby - 2010/11/8 - 11:52



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org