Language   

Ode al Passannante

Carlo Ghirardato
Language: Italian



Una giacca di velluto
Per otto soldi hai venduto
Per accattà quel coltello,
mezza lira, e fare lo sfregio
al re Umberto: primo di che?

Passannante ahi guaglione!
Prometeo del mondo cafone,
un mondo che a volte, con tue parole:
“baratta pur’ anco l’onore
delle proprie figliuole”

Madre Maria Fiore
mamma resa idiota
da fame e dolore,
pena e ancora dolore
per Giovanni fra tutti
il figlio migliore

Giovannino
in sella all’alfabeto e
di sghimbescio paladino,
cercando il drago
tu scopri il re, e quello
era nudo come te!

Uè guaglione
figlio plebeo
dal cuore di un signore
magari ci avevi pure ragione:
il re come nuvola
tra noi e il sole.

Poi arrivò la grazia
non più la morte
ma sepolto vivo
sotto una torre
e sotto il livello del mare,
dove brucia nel sale
la grazia regale.

Passannante mai pentito
di quel gesto contro l’oblio,
mite sguardo da fanciullino;
il Pascoli lo hai irretito
e il poeta mise sulla piaga
il dito.

Passannante no, nun chiagn’e cchiù
che lo re nun regnii cchiù.


Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org