Language   

Pinocchio da vecchio

Lello Vitello
Language: Italian

List of versions


Related Songs

Georges Brassens: Trompe la Mort
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)
I treni per Lione (Val di Susa 2050)
(Lello Vitello)
La pace può
(Elio e le Storie Tese)


3 ottobre 2009
scritta da Lello Vitello
written by Lello Vitello


Le avventure di Pinocchio si concludono quando lui da burattino diventa un bambino, cioè quando in realtà la vita è appena iniziata. Vi siete mai chiesti come può aver passato il resto della vita una persona con un' infanzia tanto particolare?

E se... alla fine, forse, potrebbe aver addirittura rimpianto uno stato così inusuale come l'esser fatto di legno?

Questa idea mi ha portato a scrivere una canzone melanconica, atipica, con qualche battuta ma tutto sommato oserei dire piuttosto triste. Forse è l'inizio di una mia nuova fase, non lo so, posso solo dire che a me piace molto.

La bella immagine che accompagna la pagina di questa canzone è stata gentilmente concessa da Serena Romio.


(Lello Vitello, dal suo Sito ufficiale)

Fermi, fermi...tutto qui? Forse, magari, Lello non ha voluto dire di più su questa sua canzone atipica; forse atipica per chi lo conosce soltanto, appunto, dalle sue canzoni "alla bona", divertenti, irridenti, parodistiche, vetrioliche, scanzonate...che poi dicono ben più, e arrivano ben più diritte, di qualche tonnellata di canzoni più "serie". Ma io che Lello lo conosco bene, non trovo affatto "atipica" questa sua canzone dove, probabilmente, ha messo dentro tutta la sua vita. È un bel mestiere far ridere gli altri, ma non sempre ride dentro. Anzi, quasi mai; come un tempo c'insegnò Buster Keaton. In questo Pinocchio che rimpiange, come già quello di Edoardo Bennato, quand'era di legno e senza fili, c'è la vita di molti se non proprio di tutti. Il primo amore eclissatosi chissà dove, il primo lavoro che ti porta via la giovinezza oltre che un dito (quando va bene!), il fuoco di un momento che divora lasciando cenere...e chissà quante ancora ne avrebbe da dire, questo vecchio Pinocchio strappato alla sua legnezza. Ne avrebbe da raccontarcene altre, di belle storielline sul "lavoro" inframmezzate a amori andati più o meno in cenere. Ne avrebbe da raccontarcene, magari anche d'aver fatto, a un certo punto della sua vita, un Pinocchino che è ancora in tempo a restare di legno e a non trasformarsi in carne da macello per il sor padrone e per la sora vita umana. [RV]
Sono Pinocchio, un tempo ero un burattino
E quante ne passai, lo avrete già sentito.
Ma quando alla fine diventai un bambino
Dopo un po' di tempo ero già pentito.

Nell'adolescenza amai Annalisa,
Non era di legno, ma un giorno fu di ghisa,
Lei mi disse addio, e purtroppo aveva un cuore,
Fossi stato ebano non c'era quel bruciore

Era bello da burattino
Masturbarsi col temperino,
Oppure far l'amore
Con la gamba del tavolino.

A vent'anni poi ero disoccupato,
Lucignolo aveva un cognato all'agenzia interinale,
In nome dei bei tempi mi mise ad una pressa
(Al nero, sai com'è...non è il paese dei balocchi).

Quando quella cosa mi stritolò un dito
Non venne Geppetto a rifarmene uno nuovo,
Dovetti anzi negare di essere mai stato là,
Stai zitto oppure...tutta la mano partirà.

E ripenso a quando ero di legno,
Viaggiavo nello stagno,
Confesso, sono stato io
Ad uccidere l'Uomo Ragno.

E poi a quarant'anni incontrai una ventenne,
Era molto bella, ma crudele più che mai
Per lei ero fuggito nel cuore delle Ardenne,
Un giorno disse: Mangiafuoco mi può dar di più...

E allora, e allora, vai da Mangiafuoco!
Si vede che per te era solo un gioco,
Io m'attacco al primo ramo, non vivrò più senza te,
E tu ripetevi, Sai quanto me ne frega a me...

E io capii: O fortunata,
Sei ancora di legno, te...
Il mio collo non lo spezzai
Ma il tuo legno lo bruciai.

E ora che sono vecchio e solo
Maledico la Fata Turchina,
E invidio un pezzo di legno,
C'era una volta, solamente...

Un re!

E Pinocchio da vecchio,
E Pinocchio da vecchio,
Un vecchio Pinocchio,
Pinocchio da vecchio...

Contributed by CCG/AWS Staff - 2010/8/26 - 19:16



Language: French

Version française – PINOCCHIO LE VIEUX – Marco Valdo M.I. – 2010
Chanson italienne – Pinocchio da vecchio – Lello Vitello – 2009

Les aventures de Pinocchio se terminent quand de marionnette, il devient un enfant, c'est-à-dire quand en réalité sa vie est à peine commencée. Vous ne vous êtes jamais demandé comment a bien pu se passer le reste de la vie d'une personne avec une pareille enfance ?

Et si... à la fin, peut-être, il n'a pas regretté vraiment un statut aussi inhabituel que d'être un être fait de bois ?

Cette idée m'a conduit à faire une chanson mélancolique, atypique, avec l'une ou l'autre plaisanterie, mais tous comptes faits j'oserais dire plutôt triste. Peut-être est-ce le début d'une nouvelle phase pour moi, je ne sais, mais je peux dire seulement qu'à moi, elle plaît beaucoup.

La belle image qui accompagne la page de cette chanson a été gentiment prêtée par Serena Romio.

(Lello Vitello, de son Sito ufficiale)
PINOCCHIO LE VIEUX

Je suis Pinocchio, un temps, je fus marionnette
Et de mes fredaines, vous en avez entendu parler
Mais quand à la fin, je devins un garçon,
Il m'a fallu peu de temps pour m'assagir.

Dans mon adolescence, j'aimai Annalisa
Elle n'était pas de bois, mais un jour elle se glaça
Elle me dit adieu, et pourtant elle avait un coeur.
En ébène, je n'aurais pas connu cette brûlure

C'était chouette en marionnette
De se masturber au couteau
Ou bien de faire l'amour
Avec la jambe de la table.

À vingt ans, j'étais chômeur
Lumignon avait un beauf à l'agence d'intérim
En souvenir de ces beaux temps, il me mit à une presse
(Au noir, tu penses bien... Ce n'est plus le pays des jouets).

Quand cette chose m'amputa d'un doigt
Geppetto ne vînt pas m'en remettre un neuf,
Je dus même nier d'avoir jamais été là,
Tais-toi sinon... Toute ta main y passera.

Je repense au temps où j'étais de bois
Je voyageais sur l'étang
Je le confesse, c'est moi
Qui ai tué l'homme araignée

Et puis à quarante ans, j'ai rencontré une jeunette
Elle était fort belle, mais cruelle au-delà de tout
J'ai fuis pour elle au coeur des Ardennes
Un jour elle me dit : Mangefeu me donne plus

Alors, alors, va chez Mangefeu
On voit que pour toi, c'était seulement un jeu
Je me pends à la première branche, je ne vivrai plus sans toi
Et tu répondis : « Si tu savais comme je m'en fous de toi... »

Et moi, j'ai compris : Oh, chanceuse,
Tu es encore de bois...
Je ne brisai pas mon cou
Mais je l'ai brûlé ton bois.

Maintenant vieux et seul
Je maudis la Fée Bleue
Et j'envie un bout de bois,
Seulement c'était autrefois...

Un roi !

Vieux Pinocchio
Vieux Pinocchio
Un vieux Pinocchio
Pinocchio le Vieux ...

Contributed by Marco Valdo M.I. (et fier de l'être) - 2010/8/28 - 22:19



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org