Language   

Nel ghetto

Alberto Radius
Language: Italian


Related Songs

Ridi pagliaccio
(Fratelli di Soledad)
Economical Slavery
(Misty in Roots)
Pour toi Arménie
(Charles Aznavour)


[1977]
Album “Carta straccia”
Interpretata anni dopo anche dai Fratelli di Soledad
Carta Straccia
Testo di Daniele Pace e Oscar Avogadro
Musica di Alberto Radius

Da quel momento non mancherà nulla: nelle università, per le strade, nelle piazze saranno scontri fra le periferie politiche extra moenia, fuori dalle mura del Parlamento. Le periferie extraparlamentari. Nascono neologismi come “gambizzare”, cioè sparare alle gambe. E così si “gambizzano” Indro Montanelli, Emilio Rossi, direttore del Tg1, e dirigenti politici vari dalla Democrazia cristiana al Partito comunista passando per Comunione e liberazione. È l’anno della morte di Giorgiana Masi, diciannove anni, studentessa, colpevole di essere scesa in piazza il 12 maggio per ricordare festeggiando l’anniversario della vittoria del referendum sul divorzio di tre anni prima. È l’anno in cui si parla di “riconversione”: un eufemismo, il solito, per giustificare tagli sui posti di lavoro. Quel morso dei Settanta stringe ovunque e non risparmia nessuno. Il 17 febbraio gli “indiani metropolitani”, periferia estrema e autonoma della sinistra, ribalteranno sia lo slogan “arrivano i nostri”, sia il camion sul quale Luciano Lama tentava un comizio sindacale. Lama, segretario storico della CGIL, aggredito da sinistra sul piazzale dell’Università di Roma. È tensione periferica forte con la voglia di sfasciare o colorare tutto. Ovviamente la parte colorata era da preferirsi: nascono allora graffiti, murales, dipinti di arte metropolitana.

Umberto Broccoli
Manca l'aria,
manca un grido,
manca un dio,
sulla strada solo io.
La miseria
dei cervelli del fair-play
mi vorrebbe come lei

Io non ho cultura ma non voglio stare male,
che si arrangi chi ha paura del caviale.
E bruciare tutto
non è sempre così brutto
come leggi il giorno dopo sul giornale

E no,
io non ci sto!
E no,
io non ci sto!
Lasciatemi nel ghetto ancora un po'…

Io non ho un partito,
non mi basta il sindacato,
un lavoro non me l'hanno mai trovato.
La riconversione non mi sembra una ragione
per confondere
lo schiavo col padrone

L'intellettuale
sfrutta come paravento
"la congiura dell'isolamento",
dice dal palazzo
cosa è male cosa è bene,
io da perdere ho soltanto le catene

E no,
io non ci sto!
E no,
io non ci sto!
Lasciatemi nel ghetto ancora un po'…

Contributed by The Lone Ranger - 2010/8/6 - 09:57



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org