Language   

L'Astego

Stefano Maria Ricatti
Language: Italian (Veneto)

List of versions


Related Songs

Fuma el camin
(Alfredo Lacosegliaz)
El xera lì
(Stefano Maria Ricatti)
Centomila disoccupati
(Stefano Maria Ricatti)


[1978]
Album “La Corriera”
Testo trovato su La Musica de L’Altra Italia

copcorriera

L’Astico è un torrente che scorre in provincia di Vicenza…
So 'ndà a dodes'ani so 'ndà
la prima volta a l'Astego so 'ndà
in un paradiso ciamà
"la casa brusà"
el xe diventà la me istà
se 'ndava da puareti in do par bicicleta
la xera na suada ma na volta rivà xerimo pascià

l'aqua a xera freda ma che aqua
le piane d'un verde ma che verde
me pareva de xugar
nea foresta de Tarsan
se podea sognarghe na vita
se podea noarghe se podea pescarghe se podea
quasi beverla che l'aqua là così giasà

me son portà anca la tosa me son portà
ghe xera mile angoli apartà
e na volta cava xo
el coraio vegnea da solo
e se se ritrovava indormensà
e po se se sveiava col canto dei usei
col sole ormai calà lasava l'acqua inargentà

a son tornà a l'Astego si tornà
e so restà de boto sofegà
quando ca go visto
vegner xo dala vale
un mostro tuto xalo a bole maron
e i sasi tacà a la riva tuti incatramà
ma xe vegnù el gropo me son sentio parfin invecià

e parfin le piante tute sfrondà
giuro le pare disperà
pare che le diga porteme via de qua
porteme int'un buso do' che le fabriche ne ase scampar.

Contributed by The Lone Ranger - 2010/8/4 - 11:34



Language: Italian

Traduzione italiana da La Musica de L’Altra Italia
L’ASTICO

Sono andato a dodici anni sono andato la prima volta
la prima volta all'Astico sono andato
in un paradiso chiamato
"la casa bruciata"
è divenuto la mia estate
si andava da poveri in due per bicicletta
era una sudata ma una volta arrivati eravamo dei pascià

l'acqua era fredda ma che acqua
gli alberi di un verde ma che verde
mi pareva di giocare
nella foresta di Tarzan
si poteva sognare una vita
si poteva nuotare si poteva pescare si poteva
quasi berla quell'acqua là così ghiacciata

mi sono portato anche la ragazza mi sono portato
c'erano mille luoghi appartati
e una volta spogliati
il coraggio veniva da solo
e ci si ritrovava addormentati
e poi ci si svegliava con il canto degli uccelli
quando il sole ormai basso lasciava l'acqua inargentata

sono tornato all'Astico sono tornato
e sono rimasto quasi soffocato
quando ho visto
venir giù dalla valle
un mostro tutto giallo a bolle marrone
e i sassi vicino alla riva sporchi di catrame
mi è venuto il nodo alla gola e mi sono sentito invecchiato

e perfino gli alberi ridotti senza foglie
giuro sembrano disperati
sembra che dicano "portatemi via di qua
portatemi in un posto dove le fabbriche mi lascino vivere."

Contributed by The Lone Ranger - 2010/8/4 - 11:35



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org