Language   

Primavera di Paga

Riccardo Scocciante
Language: Italian



Di antichi pasti il frigo svuotato
grigio guardava un precario incazzato:
a fine mese il salario arrivava,
tagli consueti sulla busta paga.

Se ci hai un lavoro, è grassa se dura
e se non voli da un'impalcatura,
non tornan mai quegli stronzi di conti,
e se non tornano dillo a Tvemonti.

Son come falchi già tutti appostati,
noi ci giriamo e ci han già spolpati;
tasse e balzelli ovunque tu vada,
e si assottiglia la tua busta paga.

Fanno gli accordi e la concertazione
dei “sindacati” che stan che col padrone,
e sulla pelle di uomini e donne
vendono il culo alla Emma e a Marchionne

Vendono il culo a un lavoro di merda
con il ricatto che non lo si perda,
e la Thyssen Krupp di nuovo bruciava
mandando al rogo la tua busta paga.

Dimmi chi sono quei tanti dementi
che stanno zitti, imbecilli contenti;
dimmi chi sono quei tanti coglioni
che hanno votato per il Berlusconi.

Dimmi chi era che in piazza gridava,
dimmi se c'era e non si rassegnava
mentre incazzato e non muto lanciava
l'ultima occhiata alla sua busta paga,

Dimmi chi era che più non ci stava
mentre il Tronchetti se la spassava
mentre incazzato e non muto gridava
l'ultima occhiata alla sua busta paga,
l'ultima occhiata alla sua busta paga,
l'ultima occhiata alla sua busta paga.


Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org