Language   

Quannu moru

Rosa Balistreri
Language: Sicilian

List of versions


Related Songs

Cantu pi’ diri
(Rosa Balistreri)
A me vita
(Rosa Balistreri)
Ch’è autu lu suli
(Anonymous)


[1987?]
In "Rari e Inediti" (1997, Teatro del Sole)

Il testamento artistico, spirituale e politico della grande cantante, cantautrice e cantastorie siciliana.

rari

Il lavoro che stiamo portando avanti per ricostruire il percorso artistico e umano di Rosa, nonostante proceda ormai da qualche tempo, continua a riservare sorprese e nuovi tasselli si aggiungono ad un quadro che si fa sempre più ricco e interessante.
Si tratta quasi sempre di fatti noti finora ai pochi che li hanno vissuto direttamente o a chi li ha visti da vicino e, quindi, per certi aspetti quasi privati. Testimoniano però l’intensa capacità di relazione umana di Rosa, il suo essere capace di avere amici in ogni parte d’Italia.
La più recente di queste ricostruzioni ha anche un grande valore artistico perchè consente di fare luce su una parte fondamentale del repertorio di Rosa, la parte più autobiografica. Tale segmento del repertorio nasce alla fine degli anni ’70 dall’incontro e dalla collaborazione con un giovane laureando in ingegneria pervaso da una forte passione per lo scrivere e il cantare: Lillo Catania. Per quattro anni Lillo e Rosa si incontrano quasi giornalmente (abitano nello stesso palazzo) e i pezzi di vita che Rosa racconterà a Lillo diventeranno liriche e melodie di struggimento sincero, gran parte delle quali, purtroppo, non vennero allora pubblicate. Ma Rosa le cantò comunque nei suoi concerti, in casa di amici e presto avremo modo di ascoltarle.
Uno di questi canti è venuto già alla luce con determinazione più di dieci anni fa, diventando il brano che maggiormente rappresenta Rosa a livello internazionale, universalmente considerato il suo testamento artistico: "Quannu moru". Oggi sappiamo che questo gioiello è frutto dell’appassionata collaborazione tra due artisti, originari entrambi dell’agrigentino, che il caso ha fatto incontrare in un condominio di Palermo."
(Dall'introduzione al brano su http://www.rosabalistreri.it)
Quannu iu moru nun mi diciti missa
Ma ricurdati di la vostra amica.
Quannu iu moru purtatimillu un ciuri,
un ciuri granni e russu comu lu sangu sparsu

Quannu iu moru faciti ca nun moru,
diciti a tutti chiddu ca vi dissi.
Quannu iu moru 'un vi sintiti suli,
ca suli nun vi lassu mancu di ntra lu fossu.

Quannu iu moru, cantati li me canti
'un li scurdati cantatili pi l'antri,
quannu iu moru pinzatimi ogni tantu,
ca pi sta terra 'ncruci murivu senza vuci,

ca pi sta terra 'ncruci io moru senza vuci.

Contributed by Alessandro - 2010/4/18 - 16:10



Language: Sicilian

Prima stesura della canzone, diversa da quella registrata.
Da www.rosabalistreri.it
QUANN’IU MORU

Quann'iu moru nun mi diciti missa
V'arricurdati? Sugnu vostra amica.
Quann'iu moru purtatimillu un ciuri,
un ciuri ranni e russu comu lu sangu persu.

Quann'iu moru, cantati li me canti
'un li scurdati cantatili pi l'antri,
quann'iu moru pinzatimi ogni tantu,
ca pi sta terra 'ncruci murivu senza vuci.

Quann'iu moru faciti ca nun moru,
diciti a tutti chiddru ca vi dissi,
quann'iu moru 'un vi sintiti suli,
ca suli nun vi lassu mancu d'intra lu fossu.

Quannnu sintiti sunari 'na chitarra
'na vuci forti, la mia ca vi canta
vi canta e dici ca sugnu 'mmenzu l'amici
cumpagni nni la vita, compagni nni la morti.

Contributed by Alessandro - 2010/4/18 - 16:12



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org