Language   

Scene di un matrimonio a Ramadi

Mauro Geraci
Language: Italian


Related Songs

La storia di Nonno Giovanni
(Laboratori didattici alla Scuola media statale A. Gramsci di Roma)
All'Expo,all'Expo!
(Mauro Geraci)
La storia di Azarias
(Laboratori didattici alla Scuola media statale A. Gramsci di Roma)


Versi e musica di Mauro Geraci


Si tratta di una ballata legata al tragico episodio avvenuto in Iraq, a Ramadi, nel maggio del 2004, in cui un marines americano sganciò un missile su un gruppo di persone che festeggiavano un matrimonio, scambiando i giochi di fuoco del festeggiamento per attacco bellico. I morti sul colpo furono 45 di cui molti bambini.
Quarantacinque coperte di lana,
disegni a fiori, colori vivaci,
quarantacinque senza una campana,
non hanno nome, non danno più baci.

Quarantacinque col filo attaccati,
sotto quel sole non sudano più,
marito e moglie son meravigliati
che Allah in persona li sposa lassù.

E il marines non scende
quando il missile ha sparato,
e il marines non piange
l’elicottero è scappato.

A New York lui ritorna,
nel suo letto moglie e figlio,
al mattin non si frastorna
caffèlatte e uno sbadiglio.

Mezzogiorno ed è in caserma,
una pacca il suo miraggio,
vuole presto una conferma,
Berlusconi è ancora in viaggio.

Quarantacinque per un matrimonio,
giochi di fuoco e canti di festa,
quarantacinque con un patrimonio,
bombe di pace nella loro testa.

Quarantacinque ma è stato un errore,
giochi di fuoco scambiati per spari,
perciò il marines al primo bagliore
schiacciò il bottone e corse ai ripari.

E il marines ritorna,
l’elicottero è leggero,
a Ramadi nella folla
ha sganciato il passeggero

A New York è notte nera,
un rapporto al generale,
e domani tanto spera
che ne parli anche il giornale.

A suo figlio che ora dorme
piano pianino dà un bacetto,
poi si spoglia e con sua moglie
fa l’amore nel suo letto.

Contributed by Simonetta Ceglie - 2005/8/2 - 10:36



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org