Lingua   

Sarò libero

Fabrizio Zanotti
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Workin' Man Blues
(Merle Haggard)
Il lavoro rende liberi
(Daniele Biacchessi)


[2007]

Album: Il ragno in una stanza

ragno
Anche oggi si va a caritare
tra la mia gente a muso duro
tu sei così lontana
che c'è di mezzo il mare.

Le promesse vibrano quaggiù
tra pane, polvere e televisione
terra di sangue e di diamanti
lunghe notti africane.

Tra poche ore vedrò la fortuna
e amerò la vita più di ogni morte
senza rancore né paura
lascio la mia terra e abbraccio il mare, il mare

Questo destino di pietra
lo romperò con un sol colpo
lascio questa terra dolorosa
con il mio cuore mercante.
Mi hanno lasciato a Lampedusa
terra bastarda del mio mare
la spiaggia è di Carabinieri
ma lassù ho ancora il mio Dio.

Tra poche ore lascerò la fortuna
faccia a faccia con la folla africana
un giorno cambierò la mia sorte
vaffanculo, sarò libero, libero, libero
si, sarò libero, libero, libero

inviata da adriana - 16/1/2010 - 09:36



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org