Language   

Piazza Fontana (Luna Rossa)

Claudio Bernieri
Language: Italian

List of versions

Watch Video


La versione di Claudio Bernieri


More videos...


Related Songs

Povero Calabresi
(Sandro Portelli)
La ballata del Pinelli
(Autori Vari / Different Authors / Différents Auteurs)
28-03-1997
(La Fame di Camilla)


[1971]
Parole e musica di Claudio Bernieri
Lyrics and music by Claudio Bernieri

strage piazza fontana interno banca


Incisa poi dagli Yu Kung nell'album "Pietre della mia gente" (1976).
Interpretata anche anche dalla Banda Bassotti nell'album "Avanzo de cantiere" (1995) con una variante sul finale ("la classe operaia continua la sua lotta") e con il titolo "Luna Rossa".

Per maggiori notizie sulla strage di Piazza Fontana si veda l'introduzione a La ballata del Pinelli.
Il pomeriggio del dodici dicembre
in piazza del Duomo c'è l'abete illuminato
ma in via del Corso non ci sono le luci
per l'autunno caldo il comune le ha levate

In piazza Fontana il traffico è animato
c'è il mercatino degli agricoltori
sull'autobus a Milano in poche ore
la testa nel bavero del cappotto alzato

Bisogna fare tutto molto in fretta
perché la banca chiude gli sportelli
dio come tutto vola così in fretta
risparmi e gente, tutti così in fretta

No, no, no, non si può più dormire
la luna è rossa, rossa di violenza
bisogna piangere insonni per capire
che l'ultima giustizia borghese si è spenta

Scende dicembre sopra la sera
sopra la gente che parla di Natale
se questa vita avrà un futuro
metterà casa, potrà anche andare.

Dice la gente che in piazza Fontana
forse è scoppiata una caldaia
là nella piazza sedici morti
li benediva un cardinale

No, no, no, non si può più dormire
la luna è rossa, rossa di violenza
bisogna piangere insonni per capire
che l'ultima giustizia borghese si è spenta

Notti di sangue e di terrore
scendono a valle sul mio paese
chi pagherà le vittime innocenti?
Chi darà vita a Pinelli il ferroviere?

Ieri ho sognato il mio padrone
a una riunione confidenziale
si son levati tutti il cappello
prima di fare questo macello

No, no, no, non si può più dormire
la luna è rossa, rossa di violenza
bisogna piangere insonni per capire
che l'ultima giustizia borghese si è spenta

Sulla montagna dei martiri nostri
canto giurando su Gramsci e Matteotti
sull'operaio caduto in cantiere
e sui compagni in carcere sepolti

Come un vecchio discende il fascismo
succhia la vita, ogni gioventù
non sentite il grido sulla barricata?
La classe operaia lo attenderà armata.

No, no, no, non si può più dormire
la luna è rossa, rossa di violenza
bisogna piangere insonni per capire
che l'ultima giustizia borghese si è spenta

No, no, no, non si può più dormire
la luna è rossa, rossa di violenza
bisogna piangere insonni per capire
che l'ultima giustizia borghese si è spenta

Contributed by Riccardo Venturi - 2005/5/5 - 09:54




Language: English

Versione inglese di ZugNachPankow.
English translation by ZugNachPankow

È un peccato che una canzone così bella su Piazza Fontana sia disponibile solo in Italiano; perciò, ecco il mio tentativo di tradurla in inglese. Ho tradotto letteralmente alcuni passaggi, che non sono stato capace di interpretare nel testo originale (es. "se questa vita avrà un futuro // metterà casa, potrà anche andare").
RED MOON (PIAZZA FONTANA)

It's an afternoon, the 12th of December
in piazza del Duomo the fir is lit up
but in via del Corso there are no Christmas lights
the Municipality took them out, because of the Hot Autumn

In piazza Fontana there's quite some traffic
it's market day
on the bus, heading to Milan
the head, concealed in the collar of the coat

Everything must be done quickly
because the bank is going to close the counters
oh god, everything flies so fast
money and people, everything, so fast

No, no, no, we can no longer sleep
the moon is red, red with violence
one must cry sleepless to understand
that the last bourgeois justice is dead.

December is coming
People are talking of Christmas
shall this life have a future
they'll take a home, they will go.

People are saying, in piazza Fontana
perhaps a boiler has just blown up
lying in the square, sixteen corpses
and a cardinal blessing them.

No, no, no, we can no longer sleep
the moon is red, red with violence
one must cry sleepless to understand
that the last bourgeois justice is dead.

Nights of blood and terror
descend on my country
Who will pay for the innocent victims?
Who will bring back Pinelli?

Yesterday I dreamed of my master
at a confidential meeting
they all got their hats off
before committing this massacre

No, no, no, we can no longer sleep
the moon is red, red with violence
one must cry sleepless to understand
that the last bourgeois justice is dead.

On the mountain of our martyrs
I sing, swearing on Gramsci and Matteotti
on the worker, fallen at the construction site
and on the comrades, lying in jail

Fascism descends like an old man,
it sucks life from the youth
Can't you hear the cry at the barricades?
The working class will fight it back.

No, no, no, we can no longer sleep
the moon is red, red with violence
one must cry sleepless to understand
that the last bourgeois justice is dead.

No, no, no, we can no longer sleep
the moon is red, red with violence
one must cry sleepless to understand
that the last bourgeois justice is dead.

Contributed by ZugNachPankow - 2014/9/9 - 03:23




Language: Esperanto

Versione in esperanto di ZugNachPankow

Un tributo a una delle canzoni più belle sulla strategia della tensione, e ai diciassette martiri del fascismo morti in piazza Fontana.

Ĉi tiu estas tributo a unu el la plej belaj kanzonoj pri la "strategio de la tensio", kaj a la dek sep faŝismomartiroj mortintaj en piazza Fontana.
Estas la posttagmezo de la dek dua de decembro
In piazza del Duomo estas illuminita abio
sed in via del Corso estas neniu lumo
kaŭze de la tensia aŭtuno, la komunumo ĝi forprenis

En piazza Fontana la trafiko estas vigla
Estas legombazaro
Mi buŝas, direkte al Milano, dum mallonga tempo
mia kapo [estas] en la levita kolumo

Neceso multa rapide agi
ĉar la banko fermos la giĉetojn
Ho, tiel rapide ĉio flugas
Mono kaj homoj, flugas tiel rapide

Ne, ne, ne, oni ne plu povas dormi
La luno estas ruĝa, perfortoruĝa
Neceso sendorme plori pro kompreni
kiu la lasta burĝjustico mortis

Malsuprenas Decembro super la vespero,
super la gento kiu parolas pri Kristnasko
"Se la mia vivo havos estonto
establu mian loĝejon"

La homoj diras kiu en piazza Fontana
eble explodis kaldronego
Dek ses mortintoj kuŝis en la placo
unu kardinala ilin benis

Ne, ne, ne, oni ne plu povas dormi
La luno estas ruĝa, perfortoruĝa
Neceso sendorme plori pro kompreni
kiu la lasta burĝjustico mortis

Sangonoktoj kaj teruronoktoj
malsupreniras super mia lando
Kiu elpagos la senkulpajn viktimon?
Kiu reportos la vivon al fervojisto Pinelli?

Hieraŭ mi sonĝis la mian mastron
en konfidenca kunveno
Ĉiu homo demetis la ĉapelon
antaŭe plenumi ĉin amasbuĉadon

Ne, ne, ne, oni ne plu povas dormi
La luno estas ruĝa, perfortoruĝa
Neceso sendorme plori pro kompreni
kiu la lasta burĝjustico mortis

Sur la montaro de nia martiroj
mi kantas, ĵure sur Gramsci kaj Matteotti
sur la laboristo, en konstruejo falinto
sur ĉiu kamarado, en karcero forlasita

Kiel maljunulo la faŝismo subenvenas
Suĉas la vivo el ĉiu junularo
Sed ne aŭdas vi la krio de la barikado?
La laborista klaso ĝin armita atendos

Ne, ne, ne, oni ne plu povas dormi
La luno estas ruĝa, ruĝa de perforto
Neceso sendorme plori pro kompreni
kiu la lasta burĝjustico mortis

Ne, ne, ne, oni ne plu povas dormi
La luno estas ruĝa, ruĝa de perforto
Neceso sendorme plori pro kompreni
kiu la lasta burĝjustico mortis

Contributed by ZugNachPankow - 2014/9/10 - 03:54




Language: French

Traduit par ZugNachPankow
LUNE ROUGE

L'après-midi du 12 décembre
il y a un sapin en piazza del Duomo
mais en via del Corso il n'y a pas de lumières
ils ont été enlevés par le maire

En piazza Fontana, il y a un trafic animé
il y a le marché agricole
sur le bus à Milan en quelques heures
la tête, cachée dans le manteau

Il faut se dépêcher
La banque va fermer
Mon Dieu, tout se passe si vite
Argent et gens, tout si vite

Non, non, non, on ne peut plus dormir
La lune est rouge, rouge comme la violence
Il faut pleurer sans sommeil pour comprendre
que la dernière justice bourgeoise est finie

Décembre descend sur le soir
sur les gens qui parlent Noël
si je vais avoir un futur
je vais acheter une maison, ça se passera bien

On dit qu'en piazza Fontana
une chaudière a éclaté, peut-être
Là, sur le pavé, seize morts
un cardinal les bénit

Non, non, non, on ne peut plus dormir
La lune est rouge, rouge comme la violence
Il faut pleurer sans sommeil pour comprendre
que la dernière justice bourgeoise est finie

Des nuits de sang et terreur
descendent sur mon pays
Qui va venger les victimes innocentes?
Qui va donner la vie à Pinelli, le cheminot?

Hier, j'ai rêvé mon maître
à une réunion confidentielle
ils se sont levés le chapeau
avant de faire ce massacre

Non, non, non, on ne peut plus dormir
La lune est rouge, rouge comme la violence
Il faut pleurer sans sommeil pour comprendre
que la dernière justice bourgeoise est finie

Sur la montagne de nos martyrs
je chant, et jure sur Gramsci et Matteotti
sur l'ouvrier mort dans le chantier
et sur les camarades qui meurent dans les prisons

Le fascisme descend comme un vieux
il suce la vie de tout jeune
N'entendez-vous le cri sur la barricade?
La classe ouvrière va l'attendre armée.

Non, non, non, on ne peut plus dormir
La lune est rouge, rouge comme la violence
Il faut pleurer sans sommeil pour comprendre
que la dernière justice bourgeoise est finie

Non, non, non, on ne peut plus dormir
La lune est rouge, rouge comme la violence
Il faut pleurer sans sommeil pour comprendre
que la dernière justice bourgeoise est finie

Contributed by ZugNachPankow - 2015/12/14 - 20:42


Per Thomas che ci ha segnalato questa canzone a nome della Banda Bassotti: come vedi si tratta di una cover e la canzone era già presente sotto il nome degli interpreti originali.
Grazie comunque.

Lorenzo - 2007/5/23 - 12:24


"L'ultima giustizia borghese si è spenta", dice il verso finale di questa canzone Io invece dico che non si è neppure mai accesa, e che non si può accendere per natura. Non solo per piazza Fontana e per tutte le altre stragi di stato, non solo per la repressione che continua imperterrita, non solo per i morti sul lavoro. Buffe le manifestazioni, per quanto sentite e partecipate possano essere, che chiedono a gran voce "giustizia". A chi? Allo stato? Basterebbe una sola piazza Fontana per seppellire questa richiesta, e ci sono stati l'Italicus, piazza della Loggia, Bologna, Ustica. Basterebbe un solo morto di polizia, e ce ne sono stati a decine e decine. Basterebbe un Cermis, e c'è stata un'altra strage dimenticata, da aereo militare: quella del 6 dicembre 1990 al liceo Salvemini di Casalecchio di Reno, una classe intera sterminata, 12 ragazzi morti e 72 feriti.

Liceo Salvemini, Casalecchio di Reno (BO), 6 dicembre 1990.
Liceo Salvemini, Casalecchio di Reno (BO), 6 dicembre 1990.


Allora, non è più nemmeno il caso di inanellare "ricorrenze", di dire che oggi sono passati 38 anni da quel 12 dicembre 1969. Non è passato niente. Non è successo niente. Nulla passerà e nulla accadrà finché esisteranno lo stato, le sue strutture, la sua polizia, i suoi servizi, i suoi militari, la sua "giustizia". Non c'è da chiedere, no, davvero niente. Ci sarebbe, casomai, da prendersi tutto.

Ahmed il Lavavetri incazzato già di mattina presto - 2007/12/12 - 07:59


Claudio Bernieri ci segnala che su Youtube è finalmente disponibile un video da lui diretto dell'interpretazione della Banda Bassotti. Claudio Bernieri ha anche reso disponibile su Youtube la versione originale incisa dal gruppo folk Yu Kung nel 1976.

CCG / AWS Staff - 2009/5/16 - 23:15


Carissimo ZugNachPankow,

Prima di tutto grazie per la traduzione inglese di questa e altre canzoni; e di canzoni, specie di un "certo periodo" (leggasi: anni '60-'70) che dovrebbero essere rese disponibili in altre lingue, ce ne sono parecchie. Vorrei ora entrare nella questione dei due versi un po' controversi di questa canzone, che hai segnalato.

L'intera strofa:

"Scende dicembre sopra la sera
sopra la gente che parla di Natale
se questa vita avrà un futuro
metterà casa, potrà anche andare."

a mio parere riproduce i discorsi che la gente fa(ceva) attorno a Natale: discorsi qualsiasi, di ambito familiare, che si scambiano magari tra conoscenti (o anche tra sconosciuti) dentro una banca. Si tratta quindi, sempre a mio parere, di un tipico discorso del genere, una semplicissima conversazione che di lì a poco sarà interrotta, come decine di altre, dall'esplosione della bomba di stato.

Sotto Natale, in una banca, qualcuno parla di "mettere su casa", vale a dire, che so io, la formazione di una famiglia, un matrimonio proprio oppure di un figlio o di una figlia ("se questa vita avrà un futuro"); "potrà anche andare" significa che la vita, in questo modo, potrà anche essere passabile.

Il significato di tutto questo è, appunto, l'interruzione di vite qualsiasi, di gente comune, di lavoratori; vite interrotte. La traduzione che proporrei è quindi la seguente, integrandola con la tua:

December is coming
People are talking Christmas
If I see a future in my life
I'll set up house, it will be fairly good.

Ho presupposto una conversazione in prima persona, ma naturalmente altre soluzioni sono ugualmente accettabili (anche spingersi a "I'll get married").

Ho eliminato "of" in "talking Christmas"; comunemente, con "talk" nel senso di "conversare, chiacchierare", non si usa alcuna preposizione e il verbo ha l'oggetto diretto (anche in francese: "parler boulot" (parlare di lavoro) ecc.

Facendo il traduttore e l'interprete di professione, ho un sacro rispetto delle traduzioni altrui; quindi, prima di procedere a qualsiasi sostituzione/integrazione su una traduzione non fatta da me, aspetto prima il tuo parere e una eventuale controproposta.

Saluti cari!

Riccardo Venturi - 2014/9/9 - 05:56


Caro Riccardo,

Grazie per la proposta! Un tale interessamento dello staff verso questa iniziativa vi fa senz'altro onore.
Ti ringrazio per avermi chiarito i due versi in questione, e la accetto, proponendoti però una piccola modifica.
Il verso "se questa vita avrà un futuro", secondo me, in questo contesto viene reso più correttamente da una forma con "shall". "Shall" esprime incertezza riguardo alla condizione seguente, "this life have a future", e perciò credo che traduca meglio il verso in italiano.

A te la scelta se integrare o meno quest'ulteriore modifica, o eventualmente anche di migliorarla ulteriormente (es. riscrivere "[shall] this life have a future" in modo più elegante).

ZugNachPankow - 2014/9/9 - 22:09


Approfitto dei riflettori puntati su questa bella canzone per chiedere se qualcuno ricorda da dove viene la musica: non mi sembra che sia originale, credo di averla sentita anche su testi completamente diversi (forse in spagnolo?), penso che sia una canzone popolare ma non ricordo bene.

Lorenzo - 2014/9/9 - 22:35


Una nota: il testo riportato è quello originale di Claudio Bernieri e cantato dagli Yu Kung. La versione della Banda Bassotti è più "edulcorata", e nella secondultima strofa sostituisce "la classe operaia lo aspetterà armata" con "la classe operaia continua la sua lotta".

ZugNachPankow - 2014/9/30 - 15:00



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org