Language   

In The Dark

Josh Ritter
Language: English

List of versions


Related Songs

The Torch Committee
(Josh Ritter)
Girl In The War
(Josh Ritter)
All Some Kind of Dream
(Josh Ritter)


Non è di facile interpretazione, questa canzone. Credo però che sia evidente che parli di guerra, e in particolare dell'11 settembre e delle sue conseguenze, come mostrano i versi "We saw the wrecks of buildings-We saw the ghosts of angels/ That spoke of falls from tremendous heights" che rimandano immediatamente alle terribili immagini delle persone che si buttavano dalle finestre delle torri prima che crollassero.

Josh Ritter


Anche le caverne citate all'inizio potrebbero far pensare ai famigerati nascondigli di Bin Laden che hanno portato alla guerra in Afghanistan. Resta da capire che siano i "noi" e chi sia il "tu". Stando a quanto ho appena detto, il "tu" potrebbe essere lo stesso Osama Bin Laden, e di conseguenza il "noi" sarebbero gli islamici moderati, che hanno visto l'orrore compiuto dai loro stessi consimili che magari prima stimavano (We thought you were a saint/But the halo was an eye) e che nell'"illuminazione" tanto propagandata e perseguita c'è in realtà molto ma molto buio ("It's hard to see how there could be/So much dark inside the light"): questa è la mia personale interpretazione. Probabilmente, sbaglio (d'altro canto era Guccini che diceva "a vent'anni si è stupidi davvero, quante balle si ha in testa a quell'età"!)
We started looking for you
In the darker caves
We had a lot of love
We thought would light the way
We saw the wrecks of buildings
And ships that sank in starlight
We saw the ghosts of angels
That spoke of falls from tremendous heights

Don't you leave us in the dark
Don't you leave us in the dark
Don't you leave us in the dark
Don't you leave us in the dark

We saw your old flames
And some were burning yet
It made us smile to see
Just how well tended each was kept
But other fires were burning too
And I saw the battlefields
The dying Light Brigade
Stretched out upon the wheel

Don't you leave us in the dark
Don't you leave us in the dark
Don't you leave us in the dark
Don't you leave us in the dark

Every heart is much the same
We tell ourselves down here
The same chambers fed by veins
The same maze of love and fear
We thought you were a saint
But the halo was an eye
It's hard to see how there could be
So much dark inside the light

Don't you leave us in the dark
Don't you leave us in the dark
Don't you leave us in the dark
Don't you leave us in the dark
Don't you leave us in the dark
Don't you leave us in the dark
Don't you leave us in the dark

Contributed by Lorenzo Caccianiga - 2009/11/9 - 11:53



Language: Italian

Versione italiana di Lorenzo Caccianiga

Traduzione fatta piuttosto di getto, pensando già ad una eventuale futura versione cantabile. Probabilmente contiene molti errori.
NEL BUIO

Abbiamo iniziato a cercarti
Nelle caverne più buie
Noi avevamo un sacco di amore
Che pensavamo avrebbe illuminato la via
Noi abbiamo visto il crollo di edifici
E navi che affondavano alla luce delle stelle
Abbiamo visto fantasmi di angeli
Che raccontavano di cadute da altezze tremende

Non lasciarci nel buio
Non lasciarci nel buio
Non lasciarci nel buio
Non lasciarci nel buio

Abbiamo visto le tue vecchie fiamme
E alcune stavano ancora bruciando
Ci ha fatto sorridere il vedere
Con quanta cura fossero tenute
Ma anche altri fuochi bruciavano
E io ho visto i campi di battaglia
La morente Brigata della Luce
Torturata sulla ruota*

Non lasciarci nel buio...

Noi qua sotto ci diciamo
Che ogni cuore è più o meno lo stesso
Le stesse camere riempite dalle vene
Lo stesso labirinto di amore e paura
Noi pensavamo tu fossi un santo
Ma l’aureola era un occhio
E’ difficile vedere come possa esserci
Tanto buio nella luce

Non lasciarci nel buio...

* letteralmente "stirata sulla ruota". Ho interpretato la ruota come l'omonimo strumento di tortura

Contributed by Lorenzo Caccianiga - 2009/11/9 - 11:56



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org