Language   

L'italiante

Casa del Vento
Language: Italian



Mamma mia, dammi cento lire
che in America voglio andar ...!
Cento lire io te li do,
ma in America no, no, no.

Partiti per il mondo per questa povertà
Da secoli lasciati senza una dignità
Uno stivale che ci umilia e non ci da
Né pane né lavoro, che sfrutta e sfrutterà
Pigiati nelle navi e chi ce la farà
I morsi dei pidocchi e mai si arriverà
Rinchiusi giorni e giorni da quelle autorità
Nel mito del successo e della libertà

Veneti, lombardi, piemontesi ed emiliani
Liguri, trentini, valdostani e poi friulani
Umbri, marchigiani poi pugliesi e molisani
Pizza maccaroni la valigia nelle mani

L’italiante nel mondo va
Nelle stive navigherà
Sopra i treni lui sognerà
E nessuno sa se ritornerà

L’America cercavi, l’America sognavi
Là dentro in terza classe nel ventre delle navi
Insonne dentro ai treni verso l’Europa intera
Verso quella ricchezza che spesso poi non c’era

Le storie pù umilianti, eri da disprezzare
Anche i peggior lavori ce li hanno fatti fare
Almeno notte e giorno facevi mille cose
A un italiano mai, si affittano le case

Veneti, lombardi, piemontesi ed emiliani
Sardi calabresi poi campani e anche lucani
Siculi laziali poi abruzzesi e toscani
Pizza maccaroni la valigia nelle mani

L’italiante nel mondo va
Nelle stive navigherà
Sopra i treni lui sognerà
E nessuno sa se ritornerà

L’italiante nel mondo va
Nelle stive navigherà
Sopra i treni lui sognerà
E nessuno sa se ritornerà


Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org