Language   

Galleria Delle Grazie

Ianva
Language: Italian



Ventidue ottobre del ’42: compivo sedici anni.
Sera assediata da un nero scirocco carico di malanni.
Scirocco è la voce sbagliata d’un mare
Che si ripensa inchiostro,
È il cielo di piombo propizio al rapace
Che va preparando il rostro,

È già troppo tardi quando la sirena
Ci gela in gola una misera cena,
Latrando il suo allarme da anima in pena.

Con lo stesso svelto sciamare dei ratti
Che puntano un pertugio
Andiamo a stiparci in quel tunnel infame
Che chiamano “rifugio”.
Lo schianto assordante, il buio ha un conato,
Il mondo si capovolge
Su un mare di urla mi sento scagliato,
Poi il nulla mi travolge.

Non so dopo quanto riacquisto nozione
D’esserci interamente;
Prendo a strisciare su corpi smembrati,
Risalgo una corrente
Che sa di zolfo e metallo combusto,
Che sa di mattatoio
E se per metà riconquisto la vita
Per l’altra resto e muoio.

Ma c’è quella voglia che avrei di guardare
Negli occhi gli anonimi eroi che mi pare
Abbian pensato di dar contributo
A questo bombardamento
Facendo luce al momento opportuno
Durante l’oscuramento. (*)

E poi che stile quei “liberatori”!
Da ricchi, da gran spreconi
Se per colpire una mezza caserma
Spianano sei rioni…

Ma dalle macerie riguadagno la notte,
Sto qui a riveder le stelle
Con occhi che sento rinati in quest’ora,
Con gli occhi d'un ribelle.
(*) Il passaggio fa riferimento ad una presunta "azione di sabotaggio" al su cui vi furono strascichi polemici fin dopo la guerra ma in merito alla quale non furono mai accertate responsabilità. Difficile credere che un'azione sucida di tal tipo possa aver effettivamente mai avuto luogo... Probabilmente si trattò della propaganda fascista per indirizzare sull'opposizione la rabbia ed il dolore della gente e allontanare da sè le responsabilità per l'insicurezza dei rifugi e la pochezza della difesa antiaerea (pochissimi aerei alleati vennero abbattuti)...


Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org