Language   

La canzone della Michelin

Fausto Amodei
Language: Italian



Cantiamo questa sera una canzone
per tutti i cittadini di Torino,
che serva a darci a tutti uno scrollone
e a dire pane al pane e vino al vino.
Noi crediamo fascista vero
solo chi ha l'orbace nero;
ma ci son quelli
colla camicia bianca e coi gemelli.

Fascisti, qui da noi, sono i padroni
di oggi alla Michelin, ieri alla Lancia:
se non riusciamo a farli stare buoni
finisce a casa nostra come in Francia.
Non nutriamo le pretese
di chiamarci il "Bel paese":
questo è retaggio
al massimo di un tipo di formaggio.

Sentite, impiegati e contadini
sentite voi, studenti ed artigiani:
ci son quattromila cittadini
che da due mesi sono senza pane.
Stan lottando per noi tutti
contro i vecchi farabutti:
che, guarda caso,
da un secolo ci menan per il naso.

Che ci hanno sempre e solo comandati,
ci han fatto far le guerre in casa altrui,
che ci hanno addormentati e comperati
per fare sempre i comodacci sui.
Cerchiam d'essere cittadini
e non sudditi cretini:
dobbiam capire
che è finito il tempo di servire.

Togliamoci di dosso 'sta mania
che chi ci ha i soldi deve aver ragione:
piantiamola così di darlo via
in cambio a un'auto e ad un televisore,
ché diventa un fatto comico
'sto miracolo economico:
se tanta gente
da ben due mesi vive senza niente.

Facciamolo noialtri, 'sto miracolo
di unirci nella lotta all'ingiustizia:
su questa strada non esiste ostacolo
che possa trattenere chi la inizia.
La bandiera del lavoro
è di noi come di loro:
andiamo avanti,
tenendoci per mano tutti quanti.


Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org