Train de vie

Antiwar songs by Train de vie
MusicBrainzMusicBrainz Italy Italy

Il progetto dei Train de Vie nasce nel 2002, da un’idea di Andrea Landi.
Immaginate un violino e un flauto traverso che si intrecciano creando affascinanti atmosfere, un front man eccezionale con la sua voce e la sua chitarra, il tutto condito da una sezione ritmica coinvolgente e trascinante ed ecco i Train de Vie.
Nasce un nuovo modo di proporre la musica folk, nasce il Popfolk, un mix tra musica cantautoriale italiana e sonorità etniche che si ispirano alle sonorità Irlandesi, Balcaniche, Latinoamericane e Africane.
Durante i primi 2 anni il gruppo si dedica principalmente all’attività concertistica che porterà la band al di là dei confini toscani.
Dall’aprile del 2004 cominciano le riprese del primo disco “Cacciatori di nuvole”, che uscirà poi nel marzo 2005 con una tiratura di 2000 copie. Il disco, seppur semplice, riscuote un grande successo e durante i loro concerti i Train de Vie arriveranno a vendere più di 50 dischi per serata.
Tra la primavera del 2005 e la primavera del 2008 continua l’attività LIVE dei Train de Vie, la loro vera dimensione, un gruppo che dal vivo sprigiona la sua più grande forza: il coinvolgimento.
Nel dicembre del 2006 Boubacar Camara, regista, produttore e pittore di nazionalità senegalese, premio Unicef per l’infanzia nel 1997, ascolta le canzoni dei Train de Vie e rimanendone subito colpito le sceglierà poi come colonna sonora per il suo nuovo telefilm con distribuzione in Senegal, Francia e Italia.
Nel 2007 il gruppo arriva ad avere un curriculum con più di 230 esibizioni dal vivo.
Dal marzo 2008 il gruppo ha tenuto una serie di concerti con il “Train de Vie Afro Sound Project”, un progetto parallelo multietnico che Andrea ha creato dalla collaborazione con Boubacar Camara alle percussioni e Daniel Stratznig alla fisarmonica.
Nel giugno 2008 esce il secondo lavoro autoprodotto, che per scelta del pubblico è un disco dal vivo: “TRAIN DE VIE LIVE”, registrato presso il Teatro SASCHall di Firenze nel marzo dello stesso anno. Il disco racchiude in sé tutti i viaggi, le emozioni e le esperienze che questi giovanissimi ragazzi si sono fatti in questi anni suonando su e giù per l’Italia. Nell’album è contenuto un inedito speciale, scritto per il 60° anniversario della Costituzione Italiana: ArticolOne, una canzone sul precariato, che esprime un disagio sociale purtroppo ancora molto attuale.
Sempre in giugno, partecipano al MAGGIO CONTEST indetto dal MAGGIO OFF, manifestazione di importanza nazionale all’interno del programma del MAGGIO MUSICALE FIORENTINO presso il Teatro Comunale di Firenze, vincendo il premio GIURIA DEL PUBBLICO.
La musica dei Train de Vie appare originale e di facile ascolto, rivelandosi ricca di messaggi sociali e suggerimenti per un mondo migliore; è proprio con questo intento che tematiche come l'uguaglianza, la non discriminazione e la libertà di pensiero prendono vita tra le note degli strumenti. Impegnati da sempre sul fronte sociale, partecipano a molte manifestazioni di raccolta fondi per l’Africa, a Palermo per l’ANTIMAFIA, a Belluno nel palasport di Sedico in occasione della giornata mondiale dedicata ai bambini con sindrome di Down.
Considerati una delle band emergenti più travolgenti del momento, con più di 300 concerti eseguiti in tutta Italia, per il “TOUR 2009” i Train de Vie rinnovano il sound e lo rendono più elettrico e accattivante. Il nuovo spettacolo è caratterizzato dai nuovi arrangiamenti e dai brani inediti, che faranno parte del prossimo lavoro in studio.
Nel decennale della scomparsa di Fabrizio De André i Train de Vie dedicano parte dello spettacolo all’esecuzione di alcuni dei suoi più grandi successi (Il Pescatore, Volta la Carta, Via del Campo, Geordie, Creuza de Ma).
I Train de Vie sono: Andrea chitarra acustica/elettrica e voce, Elia violino/cori, Eleonora flauto traverso/cori, Davide al basso elettrico/cori, alla batteria Alessandro.

ENGLISH VERSION
The project “Train de vie” was born in 2002, based on an idea by Andrea Landi.
Imagine a violin and a transverse flute which intertwine one another creating charming atmospheres, an exceptional front man with his voice and guitar, add an involving rhythm section and here is “Train de Vie”.
The popfolk is born, a new way to propose folk music, a mix between Italian music and ethnical sounds inspired by Irish, Balcanic, Latin American and African ones.
During the first two years the band devotes itself mainly to the concerts, which bring it beyond the borders of Tuscany.
In April 2004 the band starts preparing the CD “Cacciatori di nuvole” (Cloud Hunters) which comes out on March 2005 with an edition of 2000 copies. The CD, although simple, is a great success and during their tour the sales reach the amount of 50 cds in a single performance.
Between 2005 and 2008 the band carries on with the live concerts: it is its real dimension, its spirit becomes reality and its power involves the audience.
On December 2006 Boubacar Camara, producer and painter from Senegal, Unicef prize for children on 1997, listens to the songs by Train de Vie and enchanted he chooses them as the soundtrack for his new telefilm produced and distributed in Senegal, France and Italy.
In 2007 the band reaches more than 230 live performaces.
Since March 2008 the band is working with "Train de Vie Afro Sound Project", created by Andrea Landi with help from Boubacar Camara (drums) plus Daniel Stratznig at accordion.
On June 2008 the second CD, called “Train de Vie Live” and recorded at the SASCHall Theatre in Florence on March, is out. The CD contains the emotions and the experience of this young musicians travelling throughout Italy. In the album there is a particular song, written for the 60th anniversary of Italian Constitution: ArticolOne, a song which declares a present social discomfort.
On June as well, the band partecipates in the Maggio Contest promoted by Maggio Off (Popular Theatre of Florence), a national event, winning the prize “Public Jury”.
Music by “Train de Vie” appears original and easy to listen, rich of social messages and suggestions for a better world; and it's by following this idea that the freedom and antiracial contest take form among the lyrics and the notes of their instruments. The band is also sensitive on the social side, it partecipates to shows for Africa, against Mafia in Palermo, and in Belluno during the International Day dedicated to children with Down syndrome.
Up to today, the band made at least 300 concerts in Italy, sharing important stages with well known singers and an affectionate audience always present and… a lot of stories to be continued.

A.L. (Translation by trinità)

http://www.myspace.com/traindeviefolkband
http://www.traindevie.net/