Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Le Procès-verbal

Le Procès-verbal

Lettre de prison 24

31 mai 1935

Dialogue Maïeutique

La chanson, Lucien l’âne mon ami, s’intitule « Le Procès Verbal ». Et il me vient à l’esprit soudain cette question : « Combien y a-t-il de procès-verbaux dans le monde chaque heure, chaque jour, chaque année et ainsi de suite et dans toutes les autres ? ». J’en ai la tête qui chavire et plus encore quand je pense qu’ils sont tous conservés dans des archives.

Ah, les archives, Marco Valdo M.I. mon ami, j’en ai le tournis. Si on les empile à un endroit, elles doivent être plus grandes que l’Himalaya et dire que certains craignent les inondations ou les mouvements tectoniques qui engendrent les montagnes et les plissements de terrain. Mais les archives seront bien plus rapides, car nourries par les procès verbaux, copieusement, elles vont bientôt nous submerger, tous. C’est le délire de l’humanité de vouloir tout conserver... (continua)
Un critique d’art du futur
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 25/4/2019 - 16:50
Video!

Kun mun kultani tulisi

anonimo
Di una delle innumerevoli versioni di questo canto popolare esiste una traduzione italiana, precisamente quella data da quel Giuseppe Acerbi di cui si parla sopra nella presentazione in inglese, nell’edizione italiana del suo resoconto di viaggio al Capo Nord, di trent’anni successiva all’edizione inglese sopra citata (Viaggio al Capo-nord fatto l’anno 1799 dal Sig. cavaliere Giuseppe Acerbi... Milano, Sonzogno, 1832 - reperibile anche in rete); la presenta (a p. 89 e seguenti) come
(continua)
inviata da Francesco Mazzocchi 25/4/2019 - 11:53
Video!

Poesia facile

Chanson italienne – Poesia facile – Massimiliano Larocca – 2015

Poème de Dino Campana [1928]
Tiré des Canti Orfici (édition à compte d’auteur – Firenze 1914
Musique : Massimiliano Larocca
Interprétation : Massimiliano Larocca
Voix et guitare ténor : Cesare Basile
Album : Un mistero di sogni avverati [2015]

Le poète Dino Campana, né le 20 août 1885 à Marradi, en Toscane romagnole, aurait été fou, dit-on. Comme il y a maintenant beaucoup de biographies de ce grand poète, philologiquement correctes ou romancées (ainsi que des films et des scénarios), je n’en ajouterai certainement pas une autre, je ne parlerai pas de son célèbre et grand amour avec Sibilla Aleramo et ça se terminera que je ne dirai même pas qu’il est mort, vraiment là à l’asile, le 1er mars 1932 à Castelpulci près de Lastra a Signa, à deux pas de la villa (appartenant au ténor Enrico Caruso), qui vit beaucoup de sa relation... (continua)
POÉSIE FACILE
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 25/4/2019 - 11:16

Das Lied Der Obdachlosen

LA CANZONE DEI SENZATETTO
(continua)
inviata da Francesco Mazzocchi 25/4/2019 - 10:22
Video!

Irish Ways and Irish Laws

Flavio Poltronieri
USANZE E LEGGI IRLANDESI
(continua)
inviata da Flavio Poltronieri 24/4/2019 - 20:49
Video!

Poesia facile

Sonya Gray Redi
InTranslation / Poetry by Dino Campana

Dino Campana (1885-1932) was an innovative Italian poet. His controversial writings are captured in his only published book of poetry, the emotionally intense and visionary Canti Orfici (“Orphic Songs”). The prime Italian example of a poète maudit, Campana battled mental health problems from an early age and spent a great deal of his youth in and out of lunatic asylums and traveling across Europe. An autodidact, he taught himself several languages and became part of the thriving literary scene in Florence. He composed the poems for Canti Orfici sometime between 1906 and 1913, and self-published them in 1914. Shortly after, Campana began a notorious and tumultuous love affair with Sibilla Aleramo, the author of Una donna. In 1918, Campana was admitted to a psychiatric hospital near Florence where he remained until his death in 1932. His remains were given a proper burial in 1946 in a ceremony attended by many Italian intellectuals, including Eugenio Montale and Carlo Bo.
EASY POEM
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 24/4/2019 - 20:22
Video!

Io ti racconto

Vorrei farti vedere la mia vita.

http://www.cinemateatrogalliera.it/?p=4691
Flavio Poltronieri 24/4/2019 - 19:02
Video!

Primo Maggio di festa

Grandissimo illuminato e schivo
24/4/2019 - 14:15
Video!

Canção da terra

[1964]
Scritta da Edu Lobo e Ruy Guerra
Nell'album d'esordio di Nara Leão, intitolato semplicemente "Nara"
Olorum dê
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 23/4/2019 - 23:03
Video!

Pequenos deuses caseiros

[1974]
Versi dello scrittore e poeta portoghese Sidónio Muralha (1920-1982), nella raccolta "Poemas de Abril", pubblicata nel 1974
Musica di Manuel Freire, nel suo album del 1993 intitolato "Pedra filosofal".
Pequenos deuses caseiros
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 23/4/2019 - 22:42

Walter Fillak

[23 aprile 2019]
Testo / Lyrics / Paroles / Sanat: Anonimo Toscano del XXI Secolo

Walter Fillak, nato a Torino il 10 giugno 1920, fu ben presto genovese. Studente liceale al Gian Domenico Cassini, fu espulso per motivi politici. Nel 1942, arrestato e deferito al Tribunale Speciale fascista; incarcerato poi a Regina Coeli, a Roma. Nel 1943 entra nei GAP con il nome di battaglia di “Gennaio”; diviene commissario politico della III Brigata Garibaldi “Liguria”. Raggiunge poi la Valle d'Aosta, dove combatte con il nome di battaglia di “Martin”; guida numerosi scontri con i Repubblichini nel Canavese e nel Biellese. Catturato a causa di una spiata assieme all'intero comando partigiano, viene condotto all'impiccagione dai nazifascisti. La mattina dell'esecuzione, la corda si spezza; i nazisti non hanno nessuna pietà, si procurano una nuova corda e portano a termine l'impiccagione. E' il 5 febbraio... (continua)
«Mio caro papà,
(continua)
23/4/2019 - 21:05

La guerre, c'est la misère

anonimo
Trovo questo testo su WikiParoles, associato ad un gruppo denominato Furens, del quale non ho altra informazione se non quella, deducibile da Discogs, che ha partecipato ad un paio di antologie della canzone francese dei primi due decenni del 900.

Credo quindi che si tratti del testo datato 1930 e interpretato da tal Georges Gratias nella raccolta "Anthologie sonore du socialisme [1789-1939]" edita da Frémeaux nel 1998.
Anche di Georges Gratias non so nulla, tranne che fu autore di ambito socialista e vicino al Front Populaire.
Sur la plaine aux grands blés mouvants
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 23/4/2019 - 14:48
Video!

Le pauvre laboureur

anonimo
Una canzone tradizionale del Jura francese (Bourgogne-Franche-Comté)
Come tutte le canzoni popolari, anche questa è riscontrabile in molteplici versioni
La registrazione più vecchia che mi è riuscito di trovare è datata 1930, interpretata da tal Reynaldo Hahn nella raccolta "Anthologie sonore du socialisme [1789-1939]" edita da Frémeaux nel 1998.
Sta anche nel secondo LP de La Bamboche, "Jeu à monter sans colle" del 1976
Qui veut savoir la vie
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 23/4/2019 - 13:58

Son proletari i partigiani

Mi sbaglio o la melodia è almeno molto simile alla (successiva) R60?
Emanuela 23/4/2019 - 09:56
Downloadable! Video!

The Ballad of Nick & Bart [Here's To You]

Testo in francese di Georges Moustaki; in catalano e spagnolo di Joan Isaac; in italiano di Sergio Secondiano Sacchi
HERE'S TO YOU
(continua)
22/4/2019 - 23:36
Downloadable! Video!

I treni per Reggio Calabria

Tågen till Reggio Kalabrien: La versione svedese di Kjerstin Norén e Jan Hammarlund dall'album Några här, några där (1981)
Tågen till Reggio Kalabrien: den svenska versionen av Kjerstin Norén och Jan Hammarlund från albumet Några här, några där (1981)
Tågen till Reggio Kalabrien: the Swedish version by Kjerstin Norén and Jan Hammarlund from the album Några här, några där (1981)
Tågen till Reggio Kalabrien: la version suédoise de Kjerstin Norén et Jan Hammarlund tirée de l'album Några här, några där (1981)
Tågen till Reggio Kalabrien: Kjerstin Norénin ja Jan Hammarlundin ruotsinkielinen versio albumista Några här, några där (1981)

Una straordinaria trouvaille del nostro Webmaster, Lorenzo Masetti: cercando, a suo dire, una “fantomatica versione di Contessa in svedese” citata in un “libro sul '68”, si è imbattuto in un album intero di canzoni di lotta e proletarie italiane degli anni... (continua)
CCG/AWS Staff 22/4/2019 - 22:48
Video!

La Suisse

[1980]
Parole e musica di Christian e Francis Décamps
Nell'album "Vu d'un chien", il settimo per questo gruppo rock progressive francese
Testo trovato qui
Je suis pas l’genre de caractère
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 22/4/2019 - 21:39
Percorsi: Disertori
Video!

Les cent quatre vingt pucelles

[1975]
Una canzone tradizionale della Normandia ripresa e riarrangiata da Jean Blanchard de La Bamboche
Dall'album d'esordio del gruppo folk di Lione

Non so con esattezza a quale epoca risalga la canzone, probabilmente all'invasione inglese di Enrico V all'inizio del 400...
A Rouen il y a
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 22/4/2019 - 21:06
Video!

Un'auto targata TO

Con terra e sassi dentro al filo spinato.
Enrico 22/4/2019 - 15:35
Video!

Fabrizio De André: Dolcenera

@Juha Rämö & Krzysiek Wrona

The Greek lyrics by Christos Thivaios are largely a rewriting of the song in Greek (the title itself, Μαύρο μαργαριτάρι, means “Black Pearl”). I think I'll provide an English translation of the Greek translation to show how it works. I can say Christos Thivaios is a translation genius, anyway: not only had he to cope with a very difficult and multi-faceted poetical text, but also with his own language, Greek, that is characterized by a different tempo, by usually long, uncut words and, like Italian (Finnish, Polish), by vowels that are clearly pronounced in any position (but Greek makes no distinction between long and short vowels, and this is very important in a poetical and musical translation). The same, I say, holds for Krzysiek Wrona's Polish translation: both Christos and Krzysiek have made a true tour de force to bend their languages to a song text like this. And this is also a tribute to skilled translators who put love in what they are doing.
Riccardo Venturi 22/4/2019 - 12:49
Video!

Lob des Revolutionärs

Francesco Mazzocchi
ELOGIO DEL RIVOLUZIONARIO
(continua)
inviata da Francesco Mazzocchi 22/4/2019 - 09:27
Video!

Baba O'Riley

Wasteland è anche il titolo di un poema di Thomas S. Eliot, che in italiano è tradotto come La Terra desolata.

Io avrei pensato a
It's only teenage wasteland

È solo un adolescente in una terra desolata.

Questo perché credo che il soggetto sia teenage
oltretutto è al singolare e non al plurale).

Se il soggetto fosse la terra desolata
È solo una terra desolata per l'adolescente.

Grazie per il lavoro che fate.
Riccardo DV
Riccardo DV 22/4/2019 - 02:04
Video!

McDonald Trump

(2019)
Album Soundtrack To The Struggle 2

In, McDonald Trump, Lowkey is doing what he is most popular for: Calling out the bad politicians. But especially in this one you could see him more vigorous and aggressive than ever. Similar to Obama Nation, Lowkey decides to point out all the negatives in Trump that people might not have noticed yet.

genius

Come McDonald, Trump ti nutre con la spazzatura.
McDonald Trump, Mc-McDonald Trump
(continua)
22/4/2019 - 00:01
Percorsi: Donald Trump
Video!

Long Live Palestine Part 3

(2019)
Album Soundtrack To The Struggle 2

Featuring Khaled Siddique, Chaka Bars, Mai Khalil, Frankie Boyle, Ken Loach & Maverick Sabre
Sample: “Cockney Violin”, by Caspa.

L'introduzione è tratta da una poesia del poeta palestinese Mahmud Darwish
[Intro: Frankie Boyle & Chakabars]
(continua)
21/4/2019 - 23:49
Video!

Soundtrack to the Struggle 2

Featuring Noam Chomsky
Album Soundtrack To The Struggle 2 (2019)
Testo da genius

Soundtrack To The Struggle 2 is the opening song from the album of the same name.

This song focuses on how monetary/corporate greed heavily outweighs the value of human lives in todays society.

The song features an excerpt from a conversation that Lowkey had with renowned philosopher Noam Chomsky, in which Noam explains why civilization is not likely to survive capitalism.


Soundtrack To The Struggle 2 è la traccia d'apertura dall'album dallo stesso nome.

Il tema della canzone è che l'avidita delle imprese e della finanza prevale largamente sul valore della vita umana sulla societa odierna.

La canzone include un estratto da una conversazione che Lowkey ha avuto con il celebre filosofo Noam Chomsky, in cui Noam spiega perché la civilizzazione probabilmente non sopravvivrà al capitalismo.
[Intro: Noam Chomsky, Lowkey]
(continua)
inviata da Lorenzo 21/4/2019 - 23:34
Video!

Ils en sont tous

(1949)

Canzone molto datata, goliardica e tuttavia garbata, che racconta di un piccolo paese francese dove tutti gli uomini sono omosessuali. E, incredibilmente, nel paese regna la pace. Che sia questa la soluzione per far finire le guerre? Bisogna dire che la canzone fu comunque la primissima in Francia a parlare apertamente di omosessualità in chiave positiva e non omofoba, seppur ironica.
C'est une petite ville aimable, comme chez nous on en voit tant
(continua)
21/4/2019 - 20:05
Downloadable! Video!

Michael Conway

My family came from Ireland to the copper mines in Globe, Arizona Territory. I wrote a book about the Irish in Arizona and am working with the McClelland Library at the Irish Cultural Center in Phoenix researching the Irish who came to Arizona. Enjoy your album very much - especially the Michael Conway song.

Are you going to be coming to Arizona to perform anytime in the future?
Janice Ryan Bryson 21/4/2019 - 19:53
Video!

The Last Refugee

Io credo che "soft beneath
Hard bitten shells" possa semplicemente riferito alle bellezze delicate, per certi versi fragili, seppure sotto una corazze (apparentemente) rigide...
Cari saluti
D.
21/4/2019 - 19:33
Video!

Velisurmaaja

Testo inglese / English lyrics / Paroles anglaises / Englanninkieliset sanat: Amorphis
THE BROTHER-SLAYER
(continua)
inviata da Juha Rämö 21/4/2019 - 16:02




hosted by inventati.org