Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Lingua Ungherese

Rimuovi tutti i filtri
Downloadable! Video!

Birmingham Sunday

Singable translation / énekelhető magyarul is / literary translation / literarische Übersetzung / műfordítás
HALÁL BÖRMINGEMBEN [1]
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 14/7/2018 - 15:24
Video!

Les effarés

Fordítás - Rónay György

Sulla sua pagina Lyricstranslate, Christian Guernes riporta come fonte la pagina Napfény és hús [Luce del giorno e carne], la quale è un'antologia di traduzioni da Rimbaud effettuate dai maggiori poeti ungheresi (ci sono anche Attila József, Gyúla Illyés, Sandor Weöres, Mihály Babits ecc.). [RV]
RIADTAK
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 24/1/2018 - 08:32
Video!

Attila József: Tiszta szívvel

[1925. március / Marzo 1925]
Versi del grande poeta ungherese Attila József (1905-1937)

Musica Márton Vizy (1977-), cantante, cantautore e compositore originario di Budapest.
A partire dal 2009 Vizy Márton e Tóth Dávid Ágoston hanno scritto lo spettacolo teatrale musicale “Én, József Attila” (Io, Attila József), che è andato in scena nel 2012 al teatro Madach di Budapest.
Nincsen apám, se anyám,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 29/11/2017 - 21:43
Video!

Sandokan

Sandokan, Sandokan!
(continua)
inviata da Dq82 6/11/2017 - 12:06
Video!

Katona vagyok én

anonimo
[1848]
Canzone di soldati ungheresi dai moti del 1848
Hungarian soldier's song from 1848 uprisings
Magyar 1848-as katonadal
Melodia: popolare ungherese
Hungarian popular tune
Magyar népdallam
Rielaborazione: Zoltán Kodály (1882-1967), Magyar népzene énekhangra és zongorára VI, 32
Elaboration: Zoltán Kodály, Magyar népzene énekhangra és zongorára VI, 32
Feldolgozás: Kodály Zoltán, Magyar népzene énekhangra és zongorára VI, 32

"I often sang this folksong because it has a unique melody, but in the version I know the last two lines are changed. In the (rather rough) translation below I translated the song that way. This song was also given a piano accompaniment by Kodály. If we can believe Wikipedia, the song was known already in the time of the Hungarian revolution and fight for freedom against the Habsburgs in 1848-1849. Kodály collected this song in 1914 in Bucovina (today Romania)."... (continua)
Katona vagyok én, ország őrizője!
(continua)
inviata da Ildiko Hegedus 15/10/2017 - 21:03
Downloadable! Video!

נרקוד לשלום

19. UNGHERESE / Hungarian
Gigi Silberstein (Sydney)
TÁNC A BÉKÉÉRT 
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 26/8/2017 - 07:27
Downloadable! Video!

We Shall Overcome

megérjük még
(continua)
inviata da dq82 27/11/2016 - 18:32
Downloadable! Video!

What Did You Learn In School Today?

Da questa pagina era possibile scaricare l'mp3 di una rara versione ungherese della canzone, intitolata Mit tanultál az iskolában? (traduzione letterale). Una traduzione ungherese è stata reperita solo oggi [19.11.2016], ma purtroppo la pagina risulta attualmente scomparsa. [CCG/AWS Staff]
MIT TANULTÁL AZ ISKOLÁBAN?
(continua)
inviata da Dq82 19/11/2016 - 09:32
Video!

Mennyből az angyal

[2002]
Poesia di Sándor Márai (1956)
A poem by Sándor Márai
Versek: Márai Sándor
Musica / Music / Zene: Szilveszter Jenei / Jenei Szilveszter
Album: Mennyből az angyal – versek és dalok 56-ról
["Angelo dal cielo - poesie e canzoni del '56"
"Angel from the Heaven - Poems and Songs from 1956"]
Interpretata da / Performed by: Miklós Varga / Varga Miklós

Nel 1956, il sig. Sándor Károly Henrik Grosschmid de Mára ha 56 anni e vive da qualche tempo a New York. Di professione scrittore e poeta, si è abbreviato il chilometrico nome in “Sándor Márai”, ove quel “Márai” altro non è che la forma magiarizzata del gentilizio “de Mára”. E' nato l'11 aprile del 1900 in una città che, in un secolo, ha cambiato quattro nazioni (Impero Austroungarico, Ungheria, Cecoslovacchia e, infine, la Slovacchia dove si trova attualmente); in ungherese si chiama Kassa, in slovacco Košice, in tedesco Kaschau, in... (continua)
Vers:
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 23/10/2016 - 21:52
Video!

Жди меня и я вернусь

Fordította: Lányi Sarolta
Várj reám
(continua)
inviata da Fehér Illés 15/7/2016 - 06:47

Attila József: Most a jövendő férfiakról szólok

[1923]
Versi di Attila József (1905-1937), poeta ungherese.
Quarto movimento del poema intitolato “Tanítások”
Testo trovato in “József Attila, összes költeménye” (“Tutte le poesie”)

Qualche giorno fa ho visto un bellissimo film ungherese. S’intitola “Fehér isten”, ossia “Dio bianco” ma sul nostro mercato è uscito come “White God - Sinfonia per Hagen”. La regia è di Kornél Mundruczó. Il film ha vinto un prestigioso premio a Cannes nel 2014.

Hagen è un bellissimo cane “meticcio di strada”, un bastardo. La sua giovanissima padrona, Lili, suonatrice di tromba in un orchestra classica, lo adora. I suoi genitori sono separati, lei e il cane vivono con la madre. Quando questa deve partire per un congresso all’estero, bimba e cane vengono parcheggiati a casa dell’ostico e severissimo papà, un veterinario che lavora in un macello della città, che è poi Budapest.
Negli stessi giorni, il governo... (continua)
Ők lesznek az erő és szelidség,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 19/5/2016 - 15:44
Video!

Orbán Viktor

[2015]
Parole e Musica: Központi Hatalom
Lyrics and Music: Központi Hatalom
Dalszöveg és zene: Központi Hatalom

”A népszavazás olyan, mintra az ember arról dönthetne,
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 11/5/2016 - 00:04
Video!

The Hangin Tree

Az akasztófa
(continua)
inviata da dq82 2/3/2016 - 14:02
Video!

Gyöngyhajú lány

[1969]
Testo e musica di Omega
Dall'album "10000 lépés"
Egyszer a Nap úgy
(continua)
inviata da Krzysiek 27/11/2015 - 00:05
Video!

Csak egy éjszakára

[Przemyśl, November 1914/Novembre 1914]
Gyóni Géza költeménye / Poesia di Géza Gyóni
A Poem by Géza Gyóni
Musica di autori vari /Music by various authors
Tra i quali / Among which: HétköznaPICSAlódások
(in RIARIAANARCHIA, 2009)

Géza Áchim, nato a Gyón il 25 giugno 1884 (e dalla sua cittadina natale scelse il nom de plume: Gyóni significa “di Gyón”), proveniva da una famiglia di stretta osservanza luterana, e fu egli stesso teologo protestante. Non verrà mai annoverato tra i grandi della letteratura e della poesia magiara; lo si direbbe un “minore” o qualcosa del genere, di fronte a nomi come Sándor Petőfi, Endre Ady, Attila József, Mihály Vörösmarty e altri. Non fosse che per questa poesia, che è non solo una delle più famose del XX secolo in lingua ungherese, ma anche una delle più citate, musicate, riproposte e quant'altro. Una poesia, tra le altre cose, dal destino assai singolare,... (continua)
Csak egy éjszakára küldjétek el őket;
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 7/10/2015 - 00:05
Video!

Clandestino

Titkos
(continua)
inviata da dq82 3/6/2015 - 14:57
Downloadable! Video!

Gracias a la vida

UNGHERESE / HUNGARIAN / HÚNGARO - Gábor Domján




Versione ungherese di Gábor Domján di Agykontroll
Hungarian version by Gábor Domján of Agykontroll
Versión al húngaro de Gábor Domján de Agykontroll
A magyar nyelvbe fordította Domján Gábor.

KÖSZÖNÖM NEKED ÉLET
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 5/5/2015 - 02:20
Video!

Fabrizio De André: Jamin-a

Fordította Adolfo Salomone

"Jamina: Az eredeti szöveg az első, Genova-i tájszólásban van írva (Fabrizio Genovában született); Olaszországban sok tájszólás van, általában nagyon különböznek az olasz nyelvtől, én se tudnám érteni a szöveget ha nem lenne az olaszra fordítás (második szöveg). Nagyon közönséges a szövege, de milyen költői hangulat, talán nem is közönséges mert az igazi költészet soha nem lehet közönséges." (A.S.)
JAMINA
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 27/3/2015 - 20:15
Video!

Il testamento di Tito

Fordította Adolfo Salomone
TITO VÉGRENDELETE
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 27/3/2015 - 19:48

Kohlen für Mike

MIKE SZÉN-GÖRÖNGYEI
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 24/10/2014 - 11:19
Video!

Ne ébresszetek fel

[1966]
Hoffmann Ödön írta
Scritta da Ödön Hoffmann
Written by Ödön Hoffmann

Tra le numerose disgrazie prodotte dalla cortina di ferro si deve annoverare anche l'ignoranza totale di tutta una serie di scenari musicali che si erano sviluppati “dall'altra parte”. Abituati com'eravamo a considerare i “paesi socialisti” come in preda all'immobilismo più totale, non ci rendevamo conto che -invece- si viveva e si suonava. Che c'erano anche le pop-star, popolarissime, e che, in fondo, la censura di stato non era certamente più attiva di quella democristiana. Così, immergiamoci nell'Ungheria del 1966; l'anno dopo si tenne addirittura un festival beat di cui si dà conto nella pagina linkata, la quale è -ovviamente- in ungherese. Facciamo la conoscenza di una delle più famose “poppiste” ungheresi dell'epoca, Éva Mikes, sfortunatamente scomparsa nel 1986 per una brutta malattia.

So per esperienza... (continua)
Álmomban éjjel egy sivatagot láttam, furcsa egy álom volt.
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 12/8/2014 - 19:30
Downloadable! Video!

Lili Marleen [Lied eines jungen Wachtpostens]

UNGHERESE / HUNGARIAN [2] - Kelly Anna



Anna Ézsöl, in arte Anna Kelly (“Kelly Anna” secondo l’uso ungherese), nata a Léva (l’attuale Levice in Slovacchia) il 6 ottobre 1919 e morta a Budapest il 10 gennaio 1965 è stata una famosa cantante operettistica ungherese degli anni ’40, quando svolse anche un’apprezzata carriera come ballerina. La sua versione di Lili Marleen, intitolata Én édes angyalom („Io, dolce tuo angelo”) è del 1943. Nel 1948 Anna Kelly sposò il musicista rumeno Mihai Vasilopol e, col nome di Anna Vasilopol divenne primadonna del Teatro dell’Operetta di Bucarest.

(Bp., 1919. okt. 6.–Bp., 1965. jún. 10.): énekesnő, előadóművésznő. Magánúton tanult énekelni, 1940-től lépett fel táncdalokkal, operettrészletekkel. 1941-ben szerepelt a Margitszigeti Szabadtéri Színpadon, 1943-ban a Fővárosi Operettszínházban. Mintegy 60 lemezfelvétele készült a Pátria Lemezgyárban. Az ún. kívánságműsorok... (continua)
ÉN ÉDES ANGYALOM
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 29/7/2014 - 01:34
Video!

Arról alúl

[fine 800, inizio 900]
Canzone di soldato anonimo
Su di una melodia popolare riscritta e arrangiata da Zoltán Kodály. Brano incluso nell’opera “Magyar Népzene VI” (“Musica popolare ungherese VI”) pubblicata nel 1925.

Classica canzone di “naja”, identica in ogni epoca ed in ogni angolo del mondo: la triste lettera dall’amata, il dubbio sulla sua fedeltà, il rancore verso i vertici per tutto quel tempo perduto, forzatamente trascorso lontano dalla casa e dagli affetti...
Ho datato il brano a cavallo dei due secoli perchè la ferma è qui di tre anni, e quindi precedente al 1912 quando anche in Ungheria, come già avevano fatto altre nazioni, il servizio militare obbligatorio fu “ridotto” a 2 anni... Dopo poco però arrivò la Grande Guerra a rimettere tutto a posto: la naja non ebbe più termine.
Arról alúl kéken béborult az ég,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 25/7/2014 - 20:55

Körtéfa

Testo di anonimo soldato ungherese.
Su di una qualche aria popolare ovvero originale, riscritta e arrangiata da Zoltán Kodály. Brano incluso nell’opera “Magyar Népzene VII” (“Musica popolare ungherese VII”).

A Gyöngyös durante la Grande Guerra c’era un ospedale da campo e lì vicino un grande pero sotto il quale i soldati convalescenti si radunavano e se la contavano e se la ridevano, e se la cantavano… Un’oasi di pace e di vita lontana dal furore della guerra, dall’orrore della morte…
Körtéfa, körtéfa,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 25/7/2014 - 14:58
Video!

Doberdói dal

[1916]
Testo di anonimo soldato ungherese.
Su di una qualche aria popolare ovvero originale, riscritta e arrangiata da Zoltán Kodály. Brano incluso nell’opera “Magyar Népzene VI” (“Musica popolare ungherese VI”). Ignoro la data precisa di composizione dell’opera.

Una “katonadal”, una canzone soldatesca ungherese direttamente dalle trincee della Grande Guerra, precisamente da Doberdob (Doberdó del Lago), dove nell’agosto del 1916 fu combattuta una delle battaglie più sanguinose dell’intero conflitto…

Da quello che sono riuscito a capire dalla traduzione inglese, il protagonista della canzone, certamente un contadino povero privo persino del certificato di nascita, acquista il suo primo documento d’identità quando viene arruolato per andare a combattere contro gli italiani: non gli servirà a gran che, perché morirà subito e avrà una sepoltura anonima sul campo di battaglia…
Keresik a, nem lelik a keresztelő levelemet,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 25/7/2014 - 14:12

Eddig való dolgom a tavaszi szántás

Testo di anonimo autore popolare, ignoro a che epoca possa risalire.
Musica popolare, riscritta e arrangiata da Béla Bartók. Brano incluso nell’opera “Nyolc magyar népdal” (“Canzoni popolari ungheresi”), per voce e pianoforte (Sz. 64, BB 47) del 1917.

Bartók intento a registrare canzoni in un villaggio magiaro, 1906

Uno dei tanti canti popolari raccolti intorno al 1907 da Béla Bartók insieme all’amico Zoltán Kodály nel corso delle loro peregrinazioni per i villaggi rurali del Regno d’Ungheria. Bartók lo arrangiò dieci anni dopo, in piena prima guerra mondiale.
Eddig való dolgom a tavaszi szántás,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 25/7/2014 - 11:49
Video!

ציגײַנערליד

28 gennaio 2014
Riccardo Venturi fordította 2014 január 28-án



Che dire dell'Ungheria di oggi? Con il governo parafascista di Viktor Orbán e le bande di estrema destra che scorrazzano, per i gitani ungheresi la situazione si è fatta di nuovo precaria. Nuove leggi "per la sicurezza" (ovviamente) equiparano i gitani, che in Ungheria sono parte del tessuto sociale e addirittura organizzati in un partito (il MCOP, Partito Nazionale dei Gitani Ungheresi), a dei criminali. Tanto da costringere i gitani a scendere in piazza con striscioni che dicono tout court "I gitani ungheresi vogliono vivere qua":

oppure a manifestare davanti alla sede del partito di estrema destra "Jobbik" con felpe con la scritta: "Sono un rom, non un criminale":

Ogni altro commento è superfluo.
CIGÁNYDAL
(continua)
28/1/2014 - 00:59
Downloadable! Video!

A desalambrar!

Da Holnapután Anarchista újság. "Az Uruguayban született Daniel Viglietti dalát Bársony Júlia fordította."
TÖRD A KERÍTÉST
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 24/1/2014 - 17:08
Downloadable! Video!

La muralla

Da Holnapután Anarchista újság. "Szövegét Nicolas Guillen kubai származású munkásmozgalmi költő írta az 1958-ban, zenéjét Victor Manuel és Ana Belén szerezte. Vas János fordítása."
A FAL
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 24/1/2014 - 15:00
Downloadable! Video!

Plegaria a un labrador

Magyar fordítás Holnapután Anarchista újságtól.

A dalt Victor Jara chilei forradalmár, énekes, zeneszerző, folklórgyűjtő, költő, színházigazgató, pantomimes, tanár szerezte 1969-ben, akit 1973-ban Pinochet hóhérai, elfogtak, megkínoztak, majd agyonvertek. Dalait szerte a világon éneklik. A szöveget Dobos Éva fordította.
KÖNYÖRGÉS A FÖLDMŰVESHEZ
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 23/1/2014 - 06:48
Downloadable! Video!

Where Have all the Flowers Gone

C´è scritto che una donna canta questa canzone in tv (RÉVAY KRÓNIKA Tv), piena di dolore.
In questa versione ci sono i fiori (mancano le ragazze), i ragazzi, i soldati e le croci sulle tombe, ma alla fine mancano i fiori di nuovo. Invece il vento d´autunno si mette a piangere e le croci si sono crollate molto tempo fa.

Fonte
Mondd, hol van az a sok virág,
(continua)
inviata da Heidi 18/1/2014 - 21:48
Downloadable! Video!

Canción de soldados (o Dicen que la patria es)

"Spanyol ellenállási dal. Zenéjét és szövegét Chicso Sánchez Ferlosio anarchista dalnok tette nemzetközileg is ismerté. Magyarra Nemes István és Vas János fordította. A dalt Rolando Alarcón további két versszakkal toldotta meg."
SPANYOL KATONADAL (TARKA ZÁSZLÓ)
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 18/1/2014 - 00:16

A nemzetközi brigád indulója

[1936]
Testo: Aladár Komját
Musica: Paul Arma
Lyrics: Aladár Komját
Music: Paul Arma
Szöveg: Komját Aladár
Zene: Arma Pál


"Baloldali forradalmi dalt Arma Pál zeneszerző, Komját Aladár szövegére írta 1936-ban, a spanyol polgárháború idején, amikor a fasiszta Franco tábornok erői már Madridot ostromolták. A zeneszerzőt e műve tette világhírűvé. A dal a köztársasági kormány oldalán harcoló nemzetközi brigádoknak állít emléket. Több nyelvre lefordították és a Nemzetközi brigádok indulója címen is ismertté vált. Nálunk, csak 1947-ben adták ki." (Holnapután Anarchista újság). Aladár Komját, giornalista, scrittore e poeta comunista ungherese che si trovava in esilio fin dal 1920 per sfuggire alla dittatura e alla repressione dell'ammiraglio clerico-fascista Miklós Horthy von Nagybánya, scrisse questa canzone nel 1936, nella prima fase della Guerra civile spagnola mentre Madrid era sotto... (continua)
Madrid határán állunk a vártán,
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 17/1/2014 - 12:23
Video!

Hetedik ecloga

[Luglio 1944]
Versi del poeta ungherese Radnóti Miklós.
Forse questa poesia non è mai stata messa in musica, eppure provo lo stesso a proporla come CCG e non come Extra, visto il suo contenuto.
In ogni caso ci sono su YouTube molti video in cui questi splendidi e disperati versi vengono proposti o recitati con un sottofondo musicale: quello più appropriato mi è sembrato dei Nine Inch Nails, dal loro album del 2008 intitolato «Ghosts I-IV (Halo 26)»... Ma anche il video con la declamazione di Latinovits Zoltán, accompagnata dalla musica del compositore ungherese Béla Bartók (nell’esecuzione della New York Philharmonic Orchestra diretta da Leonard Bernstein), lascia davvero di sale.

Miklós Rádnoti (Budapest, 5 maggio 1909 – Abda, 10 novembre 1944) aveva studiato filosofia, voleva insegnare, ma nell’Ungheria filonazista gli fu impedito perché ebreo. Lo mandarono comunque al fronte, seppur... (continua)
Látod-e, esteledik s a szögesdróttal beszegett, vad
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 16/1/2014 - 22:36
Downloadable! Video!

Gallo rojo, gallo negro

Magyar fordítás Holnapután Anarchista újságtól

Spanyol dal, a Franco diktatúrája elleni harc egyik legismertebb himnusza. Szerzője az anarchista Jose Antonio „Chicho” Sánchez Ferlosio.
A KÉT KAKAS
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 16/1/2014 - 01:11
Downloadable! Video!

Warszawianka 1905 roku [La Varsovienne; Варшавянка; ¡A las barricadas!]

2t. Fel a barikádra (Hungarian version

Da/from Holnapután Anarchista újság.

"Az egyike volt a legnépszerűbb spanyol anarcho szindikalista daloknak, a spanyol polgárháború idejéből. A Varszavianka (1905) dallamával azonos, dalszövegét Valeriano Orobón Fernández írta 1933-ban. A munkásszövetség, a CNT-t jelenti."
FEL A BARIKÁDRA
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 16/1/2014 - 01:04
Downloadable! Video!

Los cuatro generales [Coplas de la defensa de Madrid; Puente de los Franceses; Mamita mía]

anonimo
Maróthy János fordítása.
Da: Holnapután Anarchista Újságtól.
NÉGY TÁBORNOK
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 16/1/2014 - 00:52
Video!

Attila József: Külvárosi éj

[1932]
Poesia di Attila József
A poem by Attila József

Se prendessi il via, temo che questo sito diventerebbe un ricettacolo delle poesie di Attila József; ma almeno una, un'altra sola, ce la voglio e ce la devo mettere. Questa. La „Notte di sobborgo”. Del 1932. Accingendomene a parlare dopo averla tradotta, mi accorgo che mi è molto difficile farlo. Troppe, troppe cose in testa; ma ci proverò.

Quando conobbi questa poesia, avevo circa sedici anni e avevo appena cominciato a imparare l'ungherese nel modo che, in questo sito, raccontai una volta proprio a un magiaro che vi era capitato. L'effetto che una poesia del genere può fare su un ragazzo di quell'età, è facilmente immaginabile, ma c'era di più. Io, certamente, non vivevo allora e non ho mai vissuto in un quartiere operaio e povero; ma mio padre sì. Nato, vissuto e lavorato a partire dai suoi tredici anni. In fabbrica a tredici... (continua)
A mellékudvarból a fény
(continua)
15/1/2014 - 13:49
Video!

Töredék

[1944]
Versi del poeta ungherese Rádnoti Miklós.
Musica di Faggyas László, chitarrista, che con F. Sipos Bea, violinista, compone ilduo ungherese degli Hangraforgó.

Miklós Rádnoti (1909-1944) aveva studiato filosofia, voleva insegnare, ma gli fu impedito perché ebreo. Perseguitato, rinchiuso in diversi campi di concentramento, fu eliminato al Abda, nell’Ungheria nordoccidentale, al confine con Austria e Slovacchia.
Nei suoi vestiti, rintracciati in una fossa comune, fu trovato il suo ultimo taccuino di versi.
Questi furono scritti il 9 maggio del 1944, poche settimane prima di finire fucilato.
Oly korban éltem én e földön,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 15/1/2014 - 10:25
Video!

Attila József: Anyám

[Jánuar 6, 1931]
[6 gennaio 1931]
Poesia di Attila József
A poem by Attila József

Confesso che ho cercato in lungo in largo in rete, sperando che qualcuno avesse messo in musica questa spaventosa e bellissima poesia; non ho trovato nulla. Pazienza, mi sono detto; ci deve stare. Non può mancare. Starà negli „Extra” in quanto poesia non musicata; il motivo tutti lo capiranno dopo averla letta e ascoltata recitata nella sua lingua originale.

Negli anni '70, quand'ero ragazzo, le poesie di Attila József erano abbastanza conosciute; non credo che lo siano ancora adesso. Tra di esse, questa: „Mia madre”. Prima di parlarne un po', è bene di parlare della breve e tragica vita del più grande poeta ungherese moderno, un comunista che nemmeno la rivoluzione anticomunista del '56 si sognò minimamente di toccare. Attila József, o meglio József Attila (come è obbligatorio dire in ungherese), era... (continua)
A bögrét két kezébe fogta,
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 14/1/2014 - 19:47
Downloadable! Video!

Fischia il vento

UNGHERESE / HUNGARIAN



È gradito destino che, ogni tanto, il nostro sito e le ”Poesie del fiume Wang”, il sito dell'amico ungherese Tamás Sajó si incontrino; così per la sorprendente traduzione in lingua azera di Katiuscia (sembra dovuta al suo bisnonno!), e così pure per questa bella versione magiara di “Fischia il vento”, dovuta senz'altro a Tamás stesso. Non resta altro che riprodurla qui, nella sua estrema esattezza.

It is our welcome lot in this life that our website and the ”Poems of Wang River”, our Hungarian friend Tamás Sajó's website, meet sometimes; so with the astonishing Azeri translation of Katyusha (apparently due to his grand-grandfather!), and so with this beautiful Hungarian translation of “Fischia il vento”, clearly due to Tamás himself. We cannot but reproduce it in its fullness and utterly precision. [RV]
FÜTYÜL A SZÉL
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 8/10/2013 - 15:38
Video!

Zombie

UNGHERESE / HUNGARIAN [2]

Versione Ungherese da lyricstranslate.com
Hungarian translation from lyricstranslate.com
Zombi
(continua)
inviata da DQ82 30/9/2013 - 09:38
Downloadable! Video!

Imagine

UNGHERESE / HUNGARIAN

Versione ungherese da lyricstranslate.com

Hungarian version from lyricstranslate.com
KÉPZELD EL!
(continua)
inviata da DQ82 22/9/2013 - 22:56
Video!

Węgrom

Vesione ungherese di Gömöri György

Lengyelből fordította: Gömöri György

Da Youtube
1956
(continua)
inviata da Krzysztof Wrona 19/9/2013 - 02:03
Video!

Betyárnóta

‎[1989]‎
Canzone tradizionale ungherese.‎
Nell’album dei Muzsikás intitolato “Ösz Az Idő”

Proseguendo in uno dei miei percorsi preferiti - quello dei “fuorilegge”, dei “banditi”, degli ‎‎“outlaws”, dei “bushrangers”, dei “bandidos rurales” – eccovi una “I Shot the Sheriff” in salsa magiara, più ‎nota dalle nostra parti nella bella versione inglese, intitolata “Outlaw Song” che qualche anno fa ne ‎fece il gruppo californiano dei “Sixteen Horsepower” del carismatico David Eugene Edwards. ‎Quest’ultimo, con la sua formazione successiva, i “Woven Hand”, ha eseguito il brano dal vivo ‎insieme ai Muzsikás in una versione bilingue.‎

Il protagonista della canzone è un giovane cui piace la vita vagabonda, all’aria aperta, forse uno ‎zingaro, o un disertore… Ha trovato (rubato?) un bel puledro ancora selvaggio e ne ha fatto il suo ‎cavallo… Si addormenta sotto le stelle e sogna la sua amata, ma... (continua)
Csütörtökön virradóra
(continua)
inviata da Bernart 4/9/2013 - 10:47
Downloadable! Video!

Die Arbeiter von Wien

Bécsi munkásinduló: The Hungarian version



La prima, storica versione del canto è stata quella ungherese, e non è certo un caso: le due componenti principali dell'Impero Asburgico avevano avuto destini non dissimili. Se in Austria si venne configurando un regime clericofascista spalleggiato da Mussolini e di natura violentemente repressiva, l'Ungheria (che nel 1919 aveva conosciuto la breve esperienza rivoluzionaria della „Repubblica dei Consigli“ di Béla Kun, rovesciata e repressa sanguinosamente) sperimentava già dal 1920 il regime reazionario e parafascista dell'ammiraglio Miklós Horthy von Nagybánya (non a caso „rivalutato“ fortemente nell'Ungheria attuale del fascista Orbán). La cosa può essere letta da un lato di classe: nella repressione del movimento operaio, i lavoratori austriaci e quelli ungheresi non riconoscevano differenze „nazionali“. [RV]

A Bécsi munkásinduló Bécsben keletkezett... (continua)
BÉCSI MUNKÁSINDULÓ
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 1/9/2013 - 12:33
Downloadable! Video!

La Lega (Sebben che siamo donne)

anonimo
Ferenc Baranyi magyar fordítása
BÁR NŐK VAGYUNK...
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 26/8/2013 - 19:00
Downloadable! Video!

Fuoco e mitragliatrici

anonimo
Magyar fordítás a blogról A Nagy Háború írásban és képben

L'articolo di Natasa Gajdarova Két dal a Doberdóról (Due canzoni su Doberdò) contiene anche una traduzione ungherese di Fuoco e mitragliatrici, che qui si riporta. [RV]
TŰZ ÉS GÉPPUSKÁK
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 26/8/2013 - 18:42
Downloadable! Video!

Un capretto [Dona, dona]

Molnár Erzsébet a magyar nyelvre lefordította

E' stata interpretata dallo scomparso cantautore Róbert Baffia.


DONA-DONA
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 6/6/2013 - 17:33
Downloadable! Video!

Le Déserteur

UNGHERESE / HUNGARIAN / HONGROIS [2] - Balázs Andor

Hungarian version by Balázs Andor (2012).

andorbalazs87@gmail.com
A DEZERTŐR
(continua)
inviata da Balázs Andor 26/3/2013 - 14:20
Downloadable! Video!

Zöld az erdő

Una canzone che è considerata l’inno dei Roma magiari e, in particolare, del gruppo etnico ‎minoritario dei Beás.‎
Secondo la wikipedia ‎ungherese il testo in lingua magiara sarebbe stato scritto da tal Gustráv Varga mentre quello nella ‎lingua dei Beás (un antico dialetto che ha a che vedere con il rumeno e non con il romaní) da tal ‎Jakab Órsós, ma la canzone derivererebbe da un racconto zingaro, come riferisce il poeta Károly ‎Bari.‎
Nell’album degli Ando Drom intitolato “Kaj phirel o Del?” (1995)‎
Ho trovato testo, varianti e traduzioni su Gypsy lyrics, ‎‎Wikipedia e il ‎blog The ‎Balkanita.‎
Zöld az erdő, zöld a hegy is
(continua)
inviata da Dead End 23/11/2012 - 10:38
Downloadable! Video!

Περιμένοντας τοὺς βαρβάρους

Somlyó György magyar fordítása

Avevo quasi giurato di non mettere più nulla in ungherese in questo sito, finché i magiari non si fossero tolti di mezzo il principale "hitlerino" europeo attuale, l'orrendo Viktor Orbán; faccio un'eccezione oggi, ma solo oggi. Ed è un'eccezione che mi ha fatto sudare, perché il testo della versione ungherese di György Somlyó mi è riuscito di trovarlo solamente su uno stramaledetto documento scribd, che mi ha costretto a dargliene di santa ragione con l'editing. Inoltre, sia mai che riporti qua dentro un testo in "magiaro internettaro", con "ô" e "û" al posto di "ő" e "ű". Mi ripaga un po' il fatto che questa traduzione ungherese sia l'unica, per ora, in cui i "confini" siano tradotti con "limes". Questo mi piace assai. (rv)
A BARBÁROKRA VÁRVA
(continua)
7/11/2012 - 17:53
Downloadable! Video!

A bujdosó

[1930; origini del XVI/XVII secolo]
Da “Magyar népdalok” [Canti popolari ungheresi], editi a Vienna nel 1932.
Testo trovato su The Lied, Art Song and Choral Texts Archive

Una canzone popolare ungherese, raccolta sul campo e poi arrangiata da Bartók, che risale addirittura al XVI/XVII secolo, alla dominazione turco ottomana instauratasi dopo la battaglia di Mohács del 1526, evento che abbiamo già incontrato a proposito di Blood And Gold / Mohacs delle Silly Sisters, canzone che, non a caso, fu anch’essa originariamente raccolta da Béla Bartók in Romania.

Ideje bujdosásimnak,
(continua)
inviata da Bartleby 29/7/2011 - 09:14
Downloadable!

Töltik a nagy erdő útját

[1917]
Da “Nyolc magyar népdal” [8 Canti popolari ungheresi)] editi a Vienna nel 1922.
Testo trovato su The Lied, Art Song and Choral Texts Archive

Uno dei tanti canti popolari raccolti intorno al 1907 da Béla Bartók insieme all’amico Zoltán Kodály nel corso delle loro peregrinazioni per i villaggi rurali del Regno d’Ungheria. Bartók lo arrangiò dieci anni dopo, in piena prima guerra mondiale. E il fatto mi pare significativo, anche se la canzone risale probabilmente alla seconda metà del 700, quando l’imperatrice Maria Teresa decise di costituire in Transilvania un corpo di guardie di frontiera a controllo dei confini con l’impero Ottomano e per fare questo iniziò a reclutare, volenti o nolenti, migliaia di giovani Romeni e Siculi dei Carpazi… I Siculi si opposero ad una coscrizione siffatta, chiedendo garanzie e pretendendo che vi fossero Siculi anche tra gli ufficiali di comando ma... (continua)
Töltik a nagy erdő útját,
(continua)
inviata da Bartleby 28/7/2011 - 15:39




hosted by inventati.org