Lingua   

Oltre il ponte

Cantacronache
Lingua: Italiano

Scarica / ascolta

Loading...

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

L'unica superstite
(Modena City Ramblers)
Dalle belle città (Siamo i ribelli della montagna)
(Emilio Casalini e Angelo Rossi)
Il massacro dei trecentoventi (Le Fosse Ardeatine)
(anonimo)

partigiani
Resistenza Italiana al Nazifascismo

Vai al testo
[1958]
Italo Calvino
Italo Calvino

Testo di Italo Calvino
Musica di Sergio Liberovici.
Prima Incisione: "Cantacronache 1", 1961.
cantacuno
Lyrics by Italo Calvino
Music by Sergio Liberovici.
First Recording: "Cantacronache 1", 1961.


Un bellissimo testo di Calvino, nato ovviamente dall'esperienza di Cantacronache, ricorda la sua militanza nella Resistenza e la necessità di tramandare alle future generazioni i valori che stavano alla base di quella scelta.

È stato recentemente interpretato anche da Moni Ovadia insieme ai Modena City Ramblers nell'album collettivo "Appunti Partigiani" (con un arrangiamento musicale ispirato alla musica originale di Sergio Liberovici e al tradizionale irlandese "The Blacksmith"). Ancora più recentemente è entrato a far parte, con risultati straordinari, del repertorio degli Apuamater Indiesfolk di Davide Giromini, che la propongono spesso durante i loro spettacoli (così, ad esempio, il 1° maggio 2008 a Sesto Fiorentino, all'Istituto De Martino).

Lo spartito (trascritto da Mario Orla, che ringraziamo, scusandoci per il ritardo della pubblicazione)


appunti partigianiModena City Ramblers Appunti partigiani

Appunti partigiani è l'ottavo album dei Modena City Ramblers (il settimo in studio). L'album riprende idealmente Materiale Resistente (con ovvi riferimenti a un periodo storico molto caro ai Modena) prodotto 10 anni prima (1995) da Giovanni Lindo Ferretti, richiama a raccolta molti ex Ramblers: Alberto Cottica, Massimo Giuntini, Luciano Gaetani e Giovanni Rubbiani, oltre ad altri compagni di viaggio Paolo Rossi, Gang, Bandabardò e Casa del vento

Bella ciao con Goran Bregović (Tradizionale)
Auschwitz con Francesco Guccini (Francesco Guccini)
Oltre il ponte con Moni Ovadia (Italo Calvino, tradizionale, Liberovici)
I ribelli della montagna con la Bandabardò (Tradizionale)
La guerra di Piero con Piero Pelù (Fabrizio De André)
Al Dievel con il Coro delle Mondine di Novi
All you fascists con Billy Bragg (Woody Guthrie)
Notte di San Severo con la Casa del Vento (Casa Del Vento)
Il sentiero (liberamente ispirato a Il sentiero dei nidi di ragno di Italo Calvino)
Il partigiano John con Bunna (Africa Unite)
L'unica superstite con Fiamma
Spara Jury - con Paolo Rossi (C.C.C.P.)
La pianura dei sette fratelli con i Gang (Marino e Sandro Severini)
Pietà l'è morta con Ginevra Di Marco (Nuto Revelli)
Viva l'Italia con Cisco, Ginevra, Piero, Morgan, Bunna, Paolo, Erriquez, Marino (Francesco De Gregori)




O ragazza dalle guance di pesca,
O ragazza dalle guance d'aurora,
Io spero che a narrarti riesca
La mia vita all'età che tu hai ora.
Coprifuoco: la truppa tedesca
La città dominava. Siam pronti.
Chi non vuole chinare la testa
Con noi prenda la strada dei monti.

Silenziosi sugli aghi di pino,
Su spinosi ricci di castagna,
Una squadra nel buio mattino
Discendeva l'oscura montagna.
La speranza era nostra compagna
Ad assaltar caposaldi nemici
Conquistandoci l'armi in battaglia
Scalzi e laceri eppure felici.

Avevamo vent'anni e oltre il ponte
Oltre il ponte che è in mano nemica
Vedevam l'altra riva, la vita,
Tutto il bene del mondo oltre il ponte.
Tutto il male avevamo di fronte,
Tutto il bene avevamo nel cuore,
A vent'anni la vita è oltre il ponte,
Oltre il fuoco comincia l'amore.

Non è detto che fossimo santi,
L'eroismo non è sovrumano,
Corri, abbassati, dài, balza avanti,
Ogni passo che fai non è vano.
Vedevamo a portata di mano,
Dietro il tronco, il cespuglio, il canneto,
L'avvenire d'un mondo più umano
E più giusto, più libero e lieto.

Avevamo vent'anni e oltre il ponte
Oltre il ponte che è in mano nemica
Vedevam l'altra riva, la vita,
Tutto il bene del mondo oltre il ponte.
Tutto il male avevamo di fronte,
Tutto il bene avevamo nel cuore,
A vent'anni la vita è oltre il ponte,
Oltre il fuoco comincia l'amore.

Ormai tutti han famiglia, hanno figli,
Che non sanno la storia di ieri.
lo son solo e passeggio tra i tigli
Con te, cara, che allora non c'eri.
E vorrei che quei nostri pensieri,
Quelle nostre speranze d'allora,
Rivivessero in quel che tu speri,
O ragazza color dell'aurora.

Avevamo vent'anni e oltre il ponte
Oltre il ponte che è in mano nemica
Vedevam l'altra riva, la vita,
Tutto il bene del mondo oltre il ponte.
Tutto il male avevamo di fronte,
Tutto il bene avevamo nel cuore,
A vent'anni la vita è oltre il ponte,
Oltre il fuoco comincia l'amore. *

*In alcune versioni l'ultimo ritornello viene ripetuto.

inviata da Riccardo Venturi


confronta con l'originale

confronta con un'altra versione

Lingua: Francese

Vai al testo
Versione francese di Marco Valdo M.I. – 2008
Version française de Marco Valdo M.I. – 2008

Un très beau texte d'Italo Calvino, texte né précisément de l'expérience des Cantacronache, et qui rappelle sa militance dans la Résistance et la nécessité de transmettre aux générations futures les valeurs qui se trouvaient à la base de ce choix. Comme dit la devise de Marco Valdo M.I., reprise à Piero Calamandrei : «Ora e sempre : Resistenza!»

Le titre italien de la chanson est très exactement "Oltre il ponte » – il y aurait beaucoup à dire sur la résonance d'un tel titre dans l'histoire de la résistance en Italie (mais ailleurs aussi; la résistance est naturellement internationaliste, même quand elle s'ancre dans un patriotisme ardent), à Ivrea, mais aussi par exemple à Florence, où les ponts ont joué un rôle essentiel dans la lutte populaire contre l'envahisseur. (Voir par exemple, Il ponte a Santa Trinita dopo dieci anni, article du même Calamandrei dans la revue Il Ponte – précisément – paru en septembre 1954).

La traduction française qui vient la première à l'esprit est "De l'autre côté du pont"; elle est assurément exacte et comporte un petit rappel du miroir d'Alice.

Si, dit Marco Valdo M.I. (notez au passage sa parenté avec Calvino), j'ai choisi Outre Pont, c'est par référence à une ville de langue française où les ponts ont aussi joué un grand rôle dans les mêmes circonstances; cette ville, c'est Liège, qui entretient des rapports de voisinage parfois difficiles avec l'Allemagne toute proche (Liège c'est l'extrême pointe de la latinité face au monde germanique) et où un des quartiers les plus anciens, situé de l'autre côté du fleuve, en l'occurrence la Meuse, se nomme Outre Meuse.

En outre, Liège fut elle aussi une ville de résistance, tout au long de son histoire.

OUTRE PONT

O fille aux joues de pêche,
O fille aux joues d'aurore,
J'espère que j'arriverai à te narrer
Ma vie à l'âge que tu as pour lors.
Couvre-feu : la troupe allemande
Dominait la cité. Nous sommes prêts.
Celui qui ne veut pas baisser la tête
Prend la route de la montagne avec nous.

Silencieux sur les aiguilles de pin,
Sur les coques épineuses des châtaignes,
Une équipe dans le matin sombre
descendait de la montagne obscure.
L'espérance était notre compagne
Pour assaillir les repères de l'ennemi
En conquérant les armes dans la bataille
Pieds nus et déguenillés et pourtant heureux.

Nous avions vingt ans et outre pont
Outre pont qui est dans les mains ennemies
Nous voyions l'autre rive, la vie,
Tout le bien du monde, outre pont.
Tout le mal, nous l'avions de front,
Tout le bien nous l'avions dans le cœur,
À vingt ans, la vie est outre pont,
Outre feu commence l'amour.

Il n'est pas dit que nous étions des saints,
L'héroïsme n'est pas surhumain,
Tu cours, t'abaisses, te donnes, bondis en avant,
Aucun pas que tu fais n'est vain.
Bous voyions à portée de main,
Derrière le tronc, le buisson, la cannaie,
L'avenir d'un monde plus humain
Et plus juste, plus libre et heureux.

Nous avions vingt ans et outre pont
Outre pont qui est dans les mains ennemies
Nous voyions l'autre rive, la vie,
Tout le bien du monde, outre pont.
Tout le mal, nous l'avions de front,
Tout le bien nous l'avions dans le cœur,
À vingt ans, la vie est outre pont,
Outre feu commence l'amour.

Désormais, tous ont une famille, ont des enfants,
Qui ne connaissent pas l'histoire d'hier.
Je suis seul et je promène parmi les tilleuls
Avec toi, chère, qui alors, n'était pas.
Et je voudrais que nos pensées,
Nous espérances d'alors,
Revivent dans ce que tu espères,
Ô fille couleur de l'aurore.

Nous avions vingt ans et outre pont
Outre pont qui est dans les mains ennemies
Nous voyions l'autre rive, la vie,
Tout le bien du monde, outre pont.
Tout le mal, nous l'avions de front,
Tout le bien nous l'avions dans le cœur,
À vingt ans, la vie est outre pont,
Outre feu commence l'amour.

(Dans certaines versions, le dernier refrain est répété.)

inviata da Marco Valdo M.I. - 23/6/2008 - 22:44


confronta con l'originale

confronta con un'altra versione

Lingua: Portoghese

Versione portoghese di José Colaço Barreiros

PARA LÁ DA PONTE

Ó garota das faces de alperce,
ó garota das faces de aurora,
o que eu vivi talvez te interesse
Tinha a idade que tu tens agora:
com o recolher, a tropa alemã
dominava a cidade, e nós prontos:
quem deseja com ânsia a manhã
vem connosco a caminho dos montes.

Pisando as agulhas de pinheiro
ou espinhoso ouriço de castanha,
de noite o mato faz de carreiro,
desce a patrulha a escura montanha.
É a esperança que nos acompanha
ao assalto do posto inimigo
conquistando-lhe armas em batalha,
rotos, descalços, e em paz consigo.

Vinte anos, do outro lado da ponte,
para lá da ponte em mão inimiga,
via-se a outra margem, a vida.
O que é bom, do outro lado da ponte,
e era o mal todo o nosso horizonte.
O bem tínhamos nos corações:
aos vinte anos é para lá da ponte
que está o amor, para lá dos canhões.

Mas não éramos santos de altar;
o heroísmo não é sobre-humano:
corre, baixa-te, vá, toca a andar!
nenhum passo que dás é em vão.
Víamos ao alcance da mão,
atrás de um tronco, ramo ou arbusto,
o futuro de um dia mais humano,
mais alegre, mais livre e mais justo.

Vinte anos, do outro lado da ponte,
para lá da ponte em mão inimiga,
via-se a outra margem, a vida.
O que é bom, do outro lado da ponte,
e era o mal todo o nosso horizonte.
O bem tínhamos nos corações:
aos vinte anos é para lá da ponte
que está o amor, para lá dos canhões.

Hoje eles têm família, têm filhos
que ignoram a história desses dias,
e eu dou estes passeios tranquilos
contigo que inda não existias.
Gostava que essas nossas ideias
essas nossas esperanças de outrora
revivessem naquilo que anseias,
ó garota das cores da aurora.

Vinte anos, do outro lado da ponte,
para lá da ponte em mão inimiga,
via-se a outra margem, a vida.
O que é bom, do outro lado da ponte,
e era o mal todo o nosso horizonte.
O bem tínhamos nos corações:
aos vinte anos é para lá da ponte
que está o amor, para lá dos canhões.

inviata da José Colaço Barreiros - 31/5/2007 - 23:53


confronta con l'originale

confronta con un'altra versione

Lingua: Inglese

English version by Riccardo Venturi
September 4, 2008

BEYOND THE BRIDGE

Come on here, peach-color cheeked girl,
Come on here, dawn-color cheeked girl
And I hope I'm able to tell you
My life when I was your age.
In the curfew hours, the German troops
Ruled the town: we are ready.
They who don't want to bow their heads
shall come with us and go up to mountains.

Keeping silent on the pine needles,
on prickly chestnut husks
a squad in the dusk early morning
went downhill from the dark mountain.
Hope used to be our companion
when we attacked the enemy's strongholds
conquering our weapons in battle
barefoot, in rags and yet so happy.

We were twenty and beyond the bridge,
the bridge in the hand of the enemy
we saw the bank in front, and life,
all the good of the world beyond the bridge.
All the evil did we see in front of us,
all the good did we have in our heart,
life at twenty is beyond the bridge,
beyond the fire, love is beginning.

Let's say so, we were no saints,
heroism is not superhuman,
run, low down, c'mon, jump over,
each step you make isn't useless.
We saw the future at reach,
behind the trees, the bushes, the reeds
the future of a world more human,
and righter, and freer and happier.

We were twenty and beyond the bridge,
the bridge in the hand of the enemy
we saw the bank in front, and life,
all the good of the world beyond the bridge.
All the evil did we see in front of us,
all the good did we have in our heart,
life at twenty is beyond the bridge,
beyond the fire, love is beginning.

Now they all have family and children
who don't know yesterday's history.
I am alone, and walk in the lime-trees
with you, darling, who still weren't there.
And I would like that all our thoughts,
all the hopes we had at that time
may revive in all what you hope now,
o my dawn-color cheeked girl.

We were twenty and beyond the bridge,
the bridge in the hand of the enemy
we saw the bank in front, and life,
all the good of the world beyond the bridge.
All the evil did we see in front of us,
all the good did we have in our heart,
life at twenty is beyond the bridge,
beyond the fire, love is beginning.

4/9/2008 - 18:20


confronta con l'originale

confronta con un'altra versione

Lingua: Ungherese

Magyar nyelvre fordította Riccardo Venturi
2009-01-15-én

A HIDON TÚL

Őszibarackszínű orcú leány,
hajnalpírszínű orcú leány,
el akarom mondani életemet
a korban, ami neked van most.
Takarodó: a német seregek
a város urai. Készek vagyunk.
Aki nem akar fejet hajtani
velünk felmenjen a hegyekre.

Szótlanul a fenyőtűkön,
tüskés gesztenyehéjakon
egy osztag a sötét reggelben
lement a homályos hegyről.
A remény volt a társunk
ellenséges állások rohamára,
fegyvereket harcolva nyertünk meg
mezítlábak, szakadtak, boldogok.

Húszévesek voltunk, a hidon túl,
ellenséges kézben levő hidon túl
láttuk mi a más partot, az életet,
a világ egész javát a hidon túl.
Előttünk láttuk az egész rosszat,
a szívünkben volt az egész jó,
húszéveskor a hidon túl van az élet,
a tűzön túl kezdődik a szerelem.

Nem mondom, hogy szentek voltunk,
hősiességünk nem emberfeletti,
futj, állj le, állj fel, szökj előre,
minden lépésed nem hiábavaló.
Kezeügyében mi láttuk a fa,
a bokor és a nádas mögött
egy emberiebb, szabadabb,
igazabb, boldogabb világ jövőjét.

Húszévesek voltunk, a hidon túl,
ellenséges kézben levő hidon túl
láttuk mi a más partot, az életet,
a világ egész javát a hidon túl.
Előttünk láttuk az egész rosszat,
a szívünkben volt az egész jó,
húszéveskor a hidon túl van az élet,
a tűzön túl kezdődik a szerelem.

Mindenkinek van most családja és fiai,
akik nem tudják a tegnapi történetet.
Én egyedül vagyok s a hársfák között
sétálok veled, aki nem voltál akkoriban.
S akarném, hogy azok a gondolataink,
azok az akkori reményeink
újra éljenek abban, amit remélsz,
hajnalpírszínű orcú leány.

Húszévesek voltunk, a hidon túl,
ellenséges kézben levő hidon túl
láttuk mi a más partot, az életet,
a világ egész javát a hidon túl.
Előttünk láttuk az egész rosszat,
a szívünkben volt az egész jó,
húszéveskor a hidon túl van az élet,
a tűzön túl kezdődik a szerelem.

15/1/2009 - 04:07


confronta con l'originale

confronta con un'altra versione

Lingua: Esperanto

Traduzione in esperanto di ZugNachPankow
Tradukis esperanten ZugNachPankow

Ĉi tiu estas mirinda kanto, pli aktuala ol iam antaŭe. La mia liceanogeneracio "ne konas la freŝdatan historion", kaj ne interesiĝas pri la politiko; kaj kiam ilin interesiĝas, sekvas la "revolucikulto" proponata de kelkaj socicentro alikaze estas sur la malĝusta flanko - kriptfaŝismo kaj ekstrema dekstro.
Tial, necesas lukti, memori, por ke "revivu tiujn ĝian esperojn en tion kion ni esperas".
[Dankon al kiu administras CCG/AWS, kaj laboras ĉiutage por antaŭenpuŝi la kontraŭfaŝistan kulturon, sekvanta de la Rezistado.

TRANS LA PONTO

Ho persikevanga knabino
Ho aŭrorevanga knabino
mi esperas kiu mi povas al vi rakonti
la mian vivon, je tia aĝo
Vespersignalo, la germanaj soldatoj
regis la urbon: "Ni estas pretaj"
Kiu ne volas klini la kapon
kun ni venu sur la montoj

Silenta sur la pinpingloj
sur dornoplenaj kaŝtanŝeloj
partizanskipo, en la malluma mateno
malsupreniris la malluma monto
La espero estis nia kunulo
dum ni atakas malamikaj apogpunktoj
konkere la armiloj en la batalo
senŝuaj, ŝiritaj, sed feliĉaj

Ni aĝas dudek jarojn, kaj trans la ponto
trans la ponto, de la malamiko havata
ni vidis la kontraŭan bordon, la vivon
la tutan bono en la mondo, trans la ponto
La tutan malbonon ni havis kontraŭe
La tutan bonon ni havis en la koro
La vivo estas trans la ponto
Trans la ponto komencas la amo

Sed ni ne estis sanktuloj
La heroeco ne estas superhoma
Kuru, kliniĝu, kuraĝu, saltu antaŭe
ĉiu paŝon kiu vi faras, ne estas vana
Ni vidis ĉemane
malantaŭ la trunko, la arbusto, la kanejo
la estonton, pli humanan mondon
kaj pli justan, pli liberan, pli gajan

Ja fine, kiu ajn havas familion, havas ĝefilojn
kiu ne konas la freŝdatan historion
Mi estas sola, kaj promeni inter la tilioj
kun vi, karulo, kiu tiam ne estis
Revivu tiujn nian pensojn
tiujn nian esperojn
en tion kion vi esperas
ho aŭrorevanga knabino

Ni aĝas dudek jarojn, kaj trans la ponto
trans la ponto, de la malamiko havata
ni vidis la kontraŭan bordon, la vivon
la tutan bono en la mondo, trans la ponto
La tutan malbonon ni havis kontraŭe
La tutan bonon ni havis en la koro
La vivo estas trans la ponto
Trans la ponto komencas la amo

inviata da ZugNachPankow - 21/9/2014 - 01:29


confronta con l'originale

confronta con un'altra versione

Lingua: Italiano

Una canzone degli Zoo (Mercanti di Liquore)
Alla fine contiene una citazione da Oltre il ponte

FRANKENSTEIN

Ringraziando dio, signor Frankenstein, qui nessuno sa di me e te
senti che brusio signor Frankenstein, sono topi, topi benpensanti.

La loro veritˆ non mi convince, non mi va, e mi guardano feroci
vedrai che prima o poi verranno a prendersela con noi,
sono bestie più di te, più di te.

Oh che nostalgia signor Frankenstein, impazzivano dalla paura
oggi pure tu signor Frankenstein, sei una pallida controfigura.

La loro verità è una cazzata limpida e mi guardano feroci
vedrai che prima o poi verranno a prendersela con noi,
sono bestie più di te, più di te.

Meglio andare via signor Frankenstein, prima che respiri la città
perchè ora arrivano i mercanti ed i furbi figli
numerosi e coraggiosi come dei conigli, le massaie, i vagabondi e la mondanità.
E tutti a caccia d'un confine o di un eterno sogno
che li faccia allontanare un po dal loro bisogno, sono bestie affamate di mediocrità.

La loro verità è una cazzata limpida e mi guardano feroci
vedrai che prima o poi verranno a prendersela con noi,
sono bestie più di te, più di te.

Tutto il male avevamo di fronte, tutto il bene avevamo nel cuore
Tutto il male avevamo di fronte, tutto il bene avevamo nel cuore
Tutto il male avevamo di fronte, tutto il bene avevamo nel cuore
Tutto il male avevamo di fronte, tutto il bene avevamo nel cuore

inviata da DonQuijote82 - 4/5/2011 - 15:46


CALVINO E LA RESISTENZA

Alla sua esperienza nella Resistenza Calvino ha dedicato il suo primo romanzo, "Il sentiero dei nidi di ragno" (1947). Da quel libro riportiamo un brano che ben si accompagna al testo di questa canzone.

C'è che noi nella storia siamo dalla parte del riscatto, loro dall'altra. Da noi, niente va perduto, nessun gesto, nessuno sparo, pur uguale al loro, m'intendi? uguale al loro, va perduto, tutto servirà se non a liberare noi a liberare i nostri figli, a costruire un'umanità senza più rabbia, serena, in cui si possa non essere cattivi. L'altra è la parte dei gesti perduti, degli inutili furori, perduti e inutili anche se vincessero, perché non fanno storia, non servono a liberare ma a ripetere e perdurare quel furore e quell'odio, finché dopo altri venti o cento o mille anni si tornerebbe così, noi e loro, a combattere con lo stesso odio anonimo negli occhi e pur sempre, forse senza saperlo, noi per redimercene, loro per restare schiavi.
Questo è il significato della lotta, il significato vero, totale, al di là dei vari significati ufficiali. Una spinta di riscatto umano, elementare, anonimo, da tutte le nostre umiliazioni: per l'operaio dal suo sfruttamento, per il contadino dalla sua ignoranza, per per il piccolo borghese dalle sue inibizioni, per il paria dalla sua corruzione. Io credo che il nostro lavoro sia questo, utilizzare anche la nostra miseria umana, utilizzarla contro se stessa, per la nostra redenzione, così come i fascisti utilizzano la miseria per perpetuare la miseria, e l'uomo contro l'uomo.
(da "Il sentiero dei nidi di ragno")

Vedi anche la canzone Il Sentiero dei Modena City Ramblers, non a caso dallo stesso album "Appunti Partigiani" in cui interpretano questa "Oltre il ponte".

24/9/2005 - 18:48


la migliore canzone fatta dai modena dopo Ebano

luna senza nuvole - 10/6/2005 - 21:09


Un testo emozionante che esprime tutta la vitalità di chi era davvero sui campi di battaglia e sopratutto fa riflettere chi invece non c'è stato.
È il pezzo forte della mia tesina d' esame. Grazie MCR

Francesca Stermieri - 5/7/2005 - 15:33


È vergognoso che molta gente non conosca la storia, ma è ancora peggio se la conosce distorta. Conosco molta gente che crede che la responsabilità delle numerose rappresaglie nazi-fasciste sia dei partigiani. Una mia professoressa in classe disse che il vero colpevole dell'eccidio delle Fosse Ardeatine era il partigiano che aveva piazzato una bomba uccidendo 32 tedeschi, poichè quest'ultimi avevano applicato la loro legge, ossia la decimazione. Accusa i tedeschi solo per quelle vittime in più che fecero, accusando il partigiano di essere un codardo che "lancia il sasso e nasconde la mano" . Non si può permettere a nessuno di lasciare insultare gli eroi della Resistenza come il mio bisnonno. E quel che è peggio è che gli altri studenti le hanno creduto bollando i partigiani come vigliacchi assassini.

Alessandro Tontoni - 8/6/2006 - 19:50


C'è una bellissma versione arrangiata e interpretata dalla cantautrice Grazia Di Michele. è incisa nel CD "Chiamalavita", pubblicato da raitrade nel 2005 e distribuito dalla coop.

Nicola Cirillo - 6/11/2006 - 23:04


"Tutto il male avevamo di fronte” La canzone d’autore italiana contro la guerra - ciclo di serate a cura di Michele Antonellini
Riceviamo da Michele Antonellini e volentieri publicizziamo questa iniziativa

CANZONI CONTRO LA GUERRA
Un ciclo di serate, dal 5 marzo al 2 aprile 2007 a Bagnacavallo (Ravenna)

Chi di noi non ricorda i versi e la musica di canzoni come Generale, Fiume Sand Creek, Auschwitz o La guerra di Piero?

La canzone d’autore si è spesso schierata contro la guerra.

Per capire come, Controsenso, Doremi e il comune di Bagnacavallo (Ravenna) hanno ideato e organizzato un ciclo di serate che si terrà nella sala del Museo civico delle Cappuccine di via Vittorio Veneto 1/a, tutti i lunedì sera dal 5 marzo al 2 aprile, dalle ore 20.30 alle 22.30 circa.

Durante gli incontri si ascolteranno canzoni, commentate e inserite nel contesto storico che le ha motivate, si assisterà a scampoli di film che hanno fatto epoca e ciascuno potrà partecipare attivamente con opinioni, esperienze, giudizi.

A condurre le serate, intitolate Tutto il male avevamo di fronte, sarà MICHELE ANTONELLINI, laureato in Conservazione dei Beni Culturali, autore di libri e ricerche sulla canzone d’autore italiana.

Il percorso si snoderà attraverso una cinquantina di brani composti dagli anni Cinquanta a oggi: dalla canzone militante al rock, dal cabaret al folk, passando per i cantautori e i gruppi.

Per partecipare, è necessario iscriversi e versare un contributo spese di 30 euro (ridotto a 15 euro per giovani fino a 25 anni): sarà possibile farlo, dal 19 al 28 febbraio, entrando nella farmacia Catozzi (Bagnacavallo, via Matteotti 32), nella libreria Alfabeta (Lugo, via Lumagni 25) o nei locali della scuola comunale di musica (Bagnacavallo, via Cavour, scuole medie).

Per ricevere chiarimenti, o iscriversi da casa, contattare la scuola di musica al n° 0545 61186 (ore pomeridiane), o visitare il sito www.webalice.it/micheleantonellini.
L’immagine, disegnata per l’occasione, è di Marco Gaietti.

10/2/2007 - 14:52


La Cassazione ha condannato per diffamazione Il Giornale di Paolo Berlusconi, smentendo così anche una signora professoressa e Mike Bongiorno. Meno male.

7/8/2007 - 18:09


Questa canzone per me è molto significativa sopratutto perchè, essendo di Ivrea, mi ricorda la storia dei partigiani locali che salvarono la città dai bombardamenti degli alleati.
L'aviazione americana aveva infatti intenzione di bombardare il ponte ferroviario presente nel centro della città per bloccare i rifornimenti ai tedeschi. Facile comprendere che una simile operazione avrebbe raso al suolo il centro città.
I partigiani locali, eroicamente, una notte distrussero il ponte con delle cariche esplosive evitando quindi la distruzione della nostra bella Eporedia.

Claudio - 5/2/2008 - 20:27


Molto bello che loro abbiano preso da un testo famoso di Italo Calvino, ma nella canzone hanno dimenticato il ritornello tra la prima e la seconda strofa e anche tra la quarta e la quinta non ho capito bene il perché... vabbè, però dovete fare più attenzione...!!! Il Ritornello c'è dopo ogni strofa e bisogna riportarlo come Calvino l'ha scritto!


(Stud.ssa94)

Carissima "Stud.ssa 94", abbiamo approfittato del tuo commento per ristabilire, dopo controlli, il testo esatto: effettivamente avevi ragione, e preso per assunto che tu sia del '94, e che tu abbia quindi soltanto 14 anni, ci fa particolarmente piacere che una ragazza della tua età contribuisca alla pagina di una canzone del genere (che del resto fu indirizzata da Calvino ai giovani, e che dei giovani parla). Detto questo scusaci se ti abbiamo eliminato le "abbreviazioni da SMS": questo è un sito SMS-free. Saluti cari! [CCG/AWS Staff]

3/5/2008 - 19:36


Leggendo "Per chi suona la campana" ho sentito l'eco di "Oltre il ponte". Mentre leggo, a tratti, sembra di ascoltare la storia che il vecchio racconta alla ragazza.
Michele

Michele - 17/9/2009 - 11:19


Qui c'è un video con la Versione (bellissima) di Grazia DI Michele e Maria Rosaria Omaggio.
Oltre il ponte

Lucio - 21/5/2011 - 23:09


Ad Affile, fiaccole contro il monumento a Graziani
di Alessandro Portelli
il manifesto 13.11.2012

La strade del borgo di Affile sono strette, perciò la silenziosa fiaccolata sembra forse più lunga di quello che è veramente. Ma siamo qualche centinaio, saliti fin quassù per dire il nostro dissenso all’esecrabile mausoleo in onore del massacratore Rodolfo Graziani eretto per volontà dell’amministrazione locale, col consenso di tutte le istituzioni regionali, statali e religiose, e col silenzio annoiato dei media e del governo; e per esprimere col nostro silenzio il rispetto e l’omaggio per le vittime del colonialismo italiano e del fascismo repubblichino. Dai lati della strada, sugli angoli in salita delle traverse o dai balconi, ci guardano sfilare, silenziosi anche loro. Una signora anziana da un balcone mi chiede che cos’è questo corteo, glielo dico, lei fa un gesto come per dire che non gliene importa niente. In mezzo a noi ci sono quattro carabinieri; facendo finta di credere che sono lì per manifestare anche loro gli dico, “Sono contento che ci siate anche voi. Graziani e i suoi complici hanno fatto deportare settecento carabinieri e non si sa quanti ne sono tornati vivi”. Prendono atto senza scomporsi. Altri mi diranno più tardi che qualcuno, anche persone anziane, ha espresso consenso e ringraziamento. Verso la fine, in piazza, quando il silenzio finisce canto di Bella Ciao, un ragazzino dietro le spalle di altri al margine della piazza, soffia dentro un fischietto. Ma per il resto, lontananza e sguardi muti. Molti di noi vengono da fuori: c’è un pullman dell’ANPI provinciale e ci sono tutte le sezioni ANPI dei paesi vicini; c’è il Circolo Gianni Bosio, un gruppo di compagni di Rifondazione, persino una piccola rappresentanza della Lega di Cultura di Piadena (dove sono riusciti a far ricoprire un fascio littorio misteriosamente spuntato e accuratamente restaurato sulla facciata del comune di Voltido); c’è un gruppo di ragazzi e ragazze africane, il deputato PD Jean-Léonard Touadi (autore di un’interrogazione parlamentare a cui nessuno risponde), la scrittrice afro-italiana Igiaba Scego. Più tardi, nell’assemblea che chiude la giornata, il rappresentante del comitato antifascista di Affile dirà che siamo ancora troppo pochi, e che è un peccato che siamo quasi tutti venuti da fuori, e delle voci si alzano orgogliose: noi siamo di Affile, e siamo qui. Ed è molto bello importante che il comitato antifascista di Affile sia composto soprattutto di ragazzi giovani: segno che l’antifascismo non è un rottame ideologico di epoche passate, e che forse la tradizione fascista di questi luoghi comincia a sfrangiarsi col passare delle generazioni. Ma certo ci vuole coraggio per dirsi e farsi vedere antifascisti in questi posti dove la cultura nostalgica ha radici solide coltivate anche dal potere democristiano (chi non ricorda il miserabile abbraccio di Giulio Andreotti al criminale di guerra Graziani, proprio qui vicino, sui piani di Arcinazzo?) e perpetuate nel fascismo dichiarato dei ras bel basso Lazio, da Ciarrapico nella vicina Fiuggi all’ineffabile Fiorito di Anagni (e a Bellegra, poco lontano, ha appena aperto un circolo di Forza Nuova). Perciò mi pare importante che siamo usciti da Roma: è stata anche l’idea che nel Lazio sia solo Roma a contare che ha favorito le sconfitte maturate nelle regionali scorse e anche in passato. Alla sala dove si svolge l’assemblea si scende per gradini tappezzati di manifesti che gridano, “Non in mio nome”. Alle pareti, una dettagliata mostra sui criminali di guerra italiani. Sara Modigliani apre l’assemblea guidando il canto di “Oltre il ponte” di Italo Calvino e Sergio Liberovici, la canzone che trasmette la memoria della resistenza alle ragazze e ai ragazzi che allora non c’erano.

Lo storico Alessandro Volterra illustra con dovizia di documenti originali i crimini di Graziani in Libia e anche la sua inadeguatezza militare (alla faccia del “soldato Graziani” di cui favoleggiano i promotori del mausoleo). Igiaba Scego ricorda che quello che è successo ad Affile fa parte di un clima che comprende la strage dei senegalesi di Firenze, le continue violenze e le discriminazioni razziali contro gli immigrati (è di ieri l’irruzione di Forza Nuova in un teatro di Pontedera dove si festeggiava il riconoscimento della cittadinanza italiana a un gruppo di immigrati – in sinista continuità coi raid fascisti recenti nelle scuole romane), ma anche la quotidiana strage di genere che ha preso il sinistro nome di “femminicidio”. Perciò ha ragione Francesco Polcaro, presidente dell’ANPI provinciale romana, quando dice che i ragazzi antifascisti di Affile hanno reso un grandissimo servizio non solo al loro paese, ma all’Italia tutta che di persone come loro ha un gran bisogno in questi tempi cupi.

Alla fine, una proposta di un intervenuto sembra interpretare il consenso di tutti: rovesciamo il clima di Affile, facciamone un polo di cultura democratica, chiamiamo qui Marco Paolini e Ascanio Celestini, Giovanna Marini, i Tetes de Bois, i suonatori del Circolo Bosio… Facciamo vedere, dice Ernesto Nassi dell’ANPI romana, a questi cultori dei sacrari, dei mausolei, della ricerca della buona morte, che gli antifascisti sono gente tosta, sì, ma anche gente felice di vivere.

23/11/2012 - 09:51


Una canzone di per sé meravigliosa, messa in musica in modo stupendo dai Modena City Ramblers, e più che mai attuale tra la mia generazione di liceali, che "non sanno la storia di ieri" e non si interessa di politica [e quando lo fa, o segue il "culto della rivoluzione" proposto da certi centri sociali o è dalla "parte sbagliata", del criptofascismo di Lotta Studentesca].
E allora bisogna lottare, ricordare, perché "quelle loro speranze di allora rivivano in quel che speriamo". [A tal proposito, un complimento a chi è dietro a CCG/AWS, e si impegna ogni giorno per promuovere la cultura antifascista figlia della Resistenza.]

ZugNachPankow - 21/9/2014 - 00:22


Posso chiederti un paio di favori, Zug? Oramai dovresti avere intuito la mia spaventosa pignoleria, ma del resto questo sito si caratterizza rispetto a tanti altri per una cura testuale estrema. Ti chiederei quindi: a) Nelle tue traduzioni (sia in inglese che in esperanto), di farle sempre precedere dalla dicitura "Traduzione/Versione in (inglese/esperanto) di ZugNachPankow", seguita dalla medesima dicitura nella lingua di arrivo ("English Translation by..." / "Tradukis esperanten..."). Vero che lo possiamo fare anche da amministrazione, ma così ci risparmieresti quei due minutini di tempo. b) Quando scrivi in esperanto, niente "x"; oramai l' "esperanto con le x" dovrebbe essere stato mandato in pensione (e lo spero). Saluti cari!

Riccardo Venturi - 21/9/2014 - 13:05


Nessun problema! Lo farò. (Per quanto riguarda il secondo punto, devo ammettere che si è trattato più di pigrizia da parte mia, per evitare il tedioso compito di navigare tra i caratteri speciali per cercare la C maiuscola con accento circonflesso; mi sforzerò di di adattarmi al layout US International.)

ZugNachPankow - 21/9/2014 - 13:36


Presente anche sul Cd "Contro Canto Popolare" pubblicato dal Cantovivo, gruppo vocale strumentale di musica popolare, per il cinquantennale della Liberazione. Edito da "Il Manifesto"

gianfranco - 10/10/2014 - 16:15

Aggiungi...

 Nuova versione o traduzione   Commento   Segnala indirizzo per scaricare la canzone 

Pagina principale CCG
L'archivio Chi siamo Novità Guestbook Links

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org