Lingua   

Gianfranco Mattei

Stormy Six


Lingua: Italiano

Scarica / ascolta

Loading...

Ti può interessare anche...

Figli dell'officina
(Giuseppe Raffaelli e Giuseppe Del Freo)
Canto dei sarti ebrei della Wehrmacht
(Stormy Six)
La Fabbrica
(Stormy Six)


[1975]
Testo e musica degli Stormy Six
Lyrics and music by Stormy Six
Ora e sempre: Resistenza!
Now and Always: Resistance!
Maintenant et Toujours: Résistance!
Τώρα και πάντα: Αντίσταση!


Stormy Six, 1974.
Stormy Six, 1974.


Anni caldi questi. Siamo a metà degli anni settanta ed esattamente nel ’75 esce questo disco che è il più bell’esempio di “musica politica” mai prodotto in Italia. L'album “Un biglietto del tram” è il primo vero album decisamente originale e con forti contenuti politici degli Stormy Six. Forse è storia o forse è leggenda che a Milano alcune frange del “movimento” abbiano accusato gli Stormy Six di deviazionismo, la colpa: incidere dischi e, soprattutto, venderli! Questo è stato lo scotto di una notorietà costruita concerto dopo concerto, piazza dopo piazza. La grandezza di questo “progetto” è stata nella capacità di saper raccontare attraverso le “immagini”, un’Italia in guerra.

bigtramIl disco apre con quello che diventerà uno dei loro portabandiera, la bellissima Stalingrado (…sulla sua strada gelata la croce uncinata lo sa d'ora in poi troverà Stalingrado in ogni città) canzone di forte spessore che rievoca l’omonimo assedio. La Fabbrica (…e corre qua e là un ragazzo a dar la voce si ferma un'altra fabbrica, altre braccia vanno in croce) ci restituisce l’atmosfera di paura e fervore che precede il grande sciopero del marzo del 1943 nelle fabbriche del nord. Arrivano gli americani (…arrivano gli americani, garibaldini marziani, Vergine Santa, hai sentito le nostre preghiere!) testo ironico e di facile riff che rimane nella mente, imperniato sulla “liberazione americana (?)”. Otto Settembre (…ammazzati come cani, un cartello appeso al collo: ’PARTIGIANI’) probabilmente il brano più intenso dove i testi e la musica si intrecciano in un tutt’uno canzone carica e profonda ed espressione di una grande tragedia. Nuvole a Vinca (…dove sono i giovani, prigionieri in Africa, deportati a Buchenwald o sui monti, liberi...) rende palpabile la paura provocata dalla polvere che si solleva e da quella moto con sidecar che sgomma sulla piazza prima del massacro. La bellissima Dante Di Nanni (…e cento volte l'hanno ucciso, ma tu lo puoi vedere: gira per la città, Dante di Nanni) affronta naturalmente la resistenza e diviene una figura quasi mitica, il simbolo di una battaglia che, trent’anni dopo, non doveva cessare. Gianfranco Mattei (…e se per di più sei un comunista ed un ebreo, dalle mani dei nazisti ti salvi il tuo Dio!) brano a ricordare tutte quelle persone che hanno speso la propria vita in cambio della nostra libertà. In La sepoltura dei morti (…la morte non vale nemmeno il giornale che leggi e che poi butti via) c’è l’amara riflessione di quello che è avvenuto in seguito ai fatti cruciali del ‘900 e delle sue conseguenze. Un biglietto del tram (…non bastava un biglietto, un biglietto del tram per tornare in piazzale Loreto?) conclude amaramente l’album.

Ora più che mai questo disco risuona attuale, in un momento che i giovani sembrano incapaci di stare a sentire un ragionamento politico per più di cinque minuti, sarebbe l’occasione giusta per ascoltare questo disco. Disco che, sia chiaro pur essendo “politico” nei suoi testi, rimane musicalmente parlando ricco di spunti e di idee. Gli strumenti creano un tappeto sonoro che non fa da supporto ma, è parte integrante alle parole stesse, un disco quindi dove anche la Musica ha un valore non secondario. - Appunti Novalis, 23/10/2008.


Roma, 1 Febbraio 1944. Irruzione della Gestapo in via Giulia 25, santabarbara dei GAP Centrali, dove vengono confezionati gli ordigni eplosivi e modificate le bombe da mortaio leggero Brixia per il lancio a mano. Vengono arrestati Giorgio Labò e Gianfranco Mattei. Questi si impiccherà in una cella di via Tasso temendo di non reggere ad altri interrogatori dopo le torture subite, Labò verrà fucilato a Forte Bravetta, trascinato dai carnefici davanti al plotone di esecuzione perchè incapace di reggersi in piedi a causa delle sevizie sopportate senza rivelare nulla alle SS.
Nella soffitta in via Giulia c'e' un viavai:
strane visite notturne a Gianfranco Mattei...
"...metti nella sporta il barattolo, è libero, vai!"
ed un ponte salterà al chilometro sei.
Gianfranco Mattei,
la tua scienza è andata troppo in là:
Gianfranco Mattei,
sulla cattedra non tornerai.
Anche se inganni i tedeschi e la polizia,
per finire in via Tasso ti basta una spia,
e se per di più sei un comunista ed un ebreo,
dalle mani dei nazisti ti salvi il tuo Dio!
Gianfranco Mattei,
la tua scienza è andata troppo in là:
Gianfranco Mattei,
sulla cattedra non tornerai.
Toglie il respiro il nitrile nei corridoi,
mentre marciano in divisa baroni plebei:
vanno in processione col camice, il regolo, i quiz
la superbia, l'ignoranza e la routine.
Gianfranco Mattei,
la tua cattedra è rimasta là:
Gianfranco Mattei,
la lezione non si perderà.

inviata da Riccardo Venturi


La lezione non si fermerà!

PER L'INTITOLAZIONE DI UNA CASA DELLO STUDENTE A TERESA E GIANFRANCO MATTEI



Famiglia Mattei
Famiglia Mattei.
Fonte: PDF, Patrizia Pacini



Vogliamo intitolare la Casa dello Studente di Valdirose, Sesto Fiorentino (FI) a Teresa e Gianfranco Mattei, sorella e fratello entrambi partigiani, protagonisti della Resistenza, che si distinsero per l'altissimo esempio civile delle loro vite. Quest'anno ricorre l'anniversario della morte di Teresa (12 marzo 2013) e i settant'anni dalla morte di Gianfranco (6-7 febbraio 1944).



TERESA MATTEI (sito ANPI, Wikipedia)

Teresa detta "Teresita", laureata in Filosofia, è stata comandante di una compagnia fiorentina del Fronte della Gioventù, la più giovane madre costituente, dirigente dell'Unione delle Donne Italiane; fu lei a proporre che per l'8 marzo venisse regalata alle donne una mimosa, un fiore povero ma diffusissimo nelle campagne; ha continuato a lottare anche dopo la Liberazione, per i diritti dei fanciulli e delle donne, ma sopratutto in difesa di quella che lei riteneva "il più grande monumento, costruito in Italia alla Libertà, alla Resistenza e all'antifascismo": la Costituzione.



GIANFRANCO MATTEI (sito ANPI, Wikipedia)

Gianfranco, laureato in Chimica, è stato docente universitario e brillante assistente di Giulio Natta (unico italiano insignito del Nobel per la Chimica, dedicato proprio a Gianfranco). Scrisse con altri (pochissimi) docenti il 25 luglio '43 un nuovo manifesto dei docenti universitari antifascisti che pretendeva un cambiamento radicale nella vita accademica italiana. Girò mezza Italia tra Firenze, Milano e Roma tra i gruppi antifascisti. Offrì la sua scienza e il suo fine intelletto alla causa, allestendo con Giorgiò Labò la "santabarbara" dei gappisti romani e contribuendo a numerose e efficaci azioni militari contro i nazifascisti. Probabilmente scovato da una spia repubblichina, catturato e torturato in prigionia a via Tasso dai tedeschi, si impiccò con la cintura dei pantaloni per non tradire i compagni di lotta.



Le motivazioni per intitolare questa residenza ai due partigiani sono molteplici:

- Si sono spesi per la libertà e i diritti di tutte e tutti senza nulla chiedere in cambio, in un'Italia che in quel momento li ripudiava e li braccava perché di origine ebraica. Si opposero al regime fascista sia nelle parole che nei fatti, più volte mettendo a repentaglio la propria esistenza e nel caso di Gianfranco arrivando perfino all'estremo sacrificio.

- Sono personaggi molto legati alla nostra città: hanno seguito gli studi superiori presso il Liceo Classico Michelangiolo in via della Colonna; si sono laureati entrambi proprio nell'Ateneo fiorentino e Teresa ha passato il periodo della Resistenza proprio a Firenze. Quale luogo migliore se non una residenza universitaria fiorentina - per di più all'interno di un Polo Scientifico, il perno della chimica accademica a Firenze - per ricordare due persone così legate alla realtà cittadina e universitaria?

- Vogliamo sottolineare che la toponomastica li ha poco toccati: non ci sono infatti ad oggi vie/strade/piazze a loro dedicate se non un vicolo cieco a Bagno a Ripoli e una traversina di viale Monza a Milano, lunga 300 metri appena...



Per tutti questi motivi, pensiamo che sia non solo giusto ma doveroso intitolare la Residenza a due figure così importanti eppure così poco conosciute tra la popolazione, ritenendole archetipi dei valori costituzionali e efficaci veicoli di fratellanza e solidarietà tra le generazioni a venire degli studenti di tutti i Paesi che lì vivranno la loro esperienza universitaria.



Per adesioni: mail a teresagianfrancomattei presso gmail punto com

a Teresa e Gianfranco Mattei - 21/4/2014 - 19:20


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org