Lingua   

Gimme Hope Jo'anna

Eddy Grant


Lingua: Inglese


Ti può interessare anche...

Death of Medgar Evers
(Tom Paxton)
War Party
(Eddy Grant)
Madiba
(Albert Claude Benoit)


[1988]
Lyrics and Music by Eddy Grant
Testo e musica di Eddy Grant
Album: File Under Rock

gimmehope


Alzi la mano chi, alla fine degli anni '80 e anche dopo, non ha mai ascoltato e/o canticchiato questa canzone di Eddy Grant, che è stata un hit assoluto e rischia di diventare una specie di evergreen. Un motivetto facile facile, "orecchiabile" come si diceva una volta, adatta anche ad essere ballettata in discoteca, persino adattata per il jingle pubblicitario dello yogurt Yop. Poiché in Italia tutti capiscono l'inglese alla perfezione, possiamo tranquillamente affermare che il 98% delle persone ha creduto e crede tuttora che si tratti di una canzonetta d'amore preconfezionata, come ce ne sono a migliaia, in cui -mettiamo- uno spasimante chiede a una ragazza di nome Joanna (o Jo Anna) di "dargli speranza". E, invece, il nostro sito è lieto di informare tutte le sue amiche ed amici che la "Jo'anna" di questa canzone è la città di Johannesburg, capitale della Repubblica Sudafricana, e che questa è una canzone contro l'apartheid. Ed anche tra le più esplicite; talmente esplicita da essere vietata in Sudafrica fino alla fine del regime segregazionista; vi sono nominati persino Nelson Mandela (il predicatore) e l'arcivescovo Desmond Tutu. Il motivetto orecchiabile delle nostre discoteche, insomma, è stato una canzone censurata severamente da un regime tra i più orribili che la storia dell'umanità abbia mai visto; eppure anche la copertina del singolo era decisamente inequivocabile. Le CCG/AWS la ripropongono con una traduzione integrale. [RV]
Well Jo'anna she runs a country
She runs in Durban and the Transvaal
She makes a few of her people happy oh
She don't care about the rest at all
She's got a system they call apartheid
It keeps a brother in a subjection
But maybe pressure can make Jo'anna see
How everybody could live as one

Gimme hope Jo'anna
Hope Jo'anna
Gimme hope Jo'anna
'Fore the morning come
Gimme hope Jo'anna
Hope Jo'anna
Hope before the morning come

I hear she makes all the golden money
To buy new weapons any shape of guns
While every mother in black Soweto fears
The killing of another son
Sneakin' across all the neighbours' borders
Now and again having little fun
She doesn't care if the fun and games she play
Is dang'rous to ev'ryone

Gimme hope Jo'anna
Hope Jo'anna
Gimme hope Jo'anna
'Fore the morning come
Gimme hope Jo'anna
Hope Jo'anna
Hope before the morning come

She's got supporters in high up places
Who turn their heads to the city sun
Jo'anna give them the fancy money
Oh to tempt anyone who'd come
She even knows how to swing opinion
In every magazine and the journals
For every bad move that this Jo'anna makes
They got a good explanation

Gimme hope Jo'anna
Hope Jo'anna
Gimme hope Jo'anna
'Fore the morning come
Gimme hope Jo'anna
Hope Jo'anna
Hope before the morning come

Even the preacher who works for Jesus
The Archbishop who's a peaceful man
Together say that the freedom fighters
Will overcome the very strong
I wanna know if you're blind Jo'anna
If you wanna hear the sound of drums
Can't you see that the tide is turning
Oh don't make me wait till the morning come

Gimme hope Jo'anna
Hope Jo'anna
Gimme hope Jo'anna
'Fore the morning come
Gimme hope Jo'anna
Hope Jo'anna
Hope before the morning come

Gimme hope Jo'anna
Hope Jo'anna
Gimme hope Jo'anna
'Fore the morning comes
Gimme hope Jo'anna
Hope Jo'anna
Hope before the morning come
Hope before the morning come.

inviata da Riccardo Venturi - 24/9/2007 - 21:45




Lingua: Italiano

Versione italiana di Riccardo Venturi
24 settembre 2007

Nella traduzione ho messo "Johannesburg" nel primo verso, poi ho lasciato "Jo'anna".
FAMMI SPERARE, JO'ANNA

Beh, Johannesburg comanda un paese,
comanda a Durban e nel Transvaal,
fa felice poca della sua gente, oh
e del resto se ne frega del tutto
Ha un sistema che chiamano apartheid
che tiene un fratello sottomesso
ma forse la pressione può far vedere a Jo'anna
come ognuno possa vivere insieme

Fammi sperare, Jo'anna,
sperare, Jo'anna
Fammi sperare, Jo'anna
prima che sia mattina
Fammi sperare, Jo'anna,
sperare, Jo'anna,
sperare prima che sia mattina

Sento che fa tutto quel prezioso denaro
per comprare nuove armi e ogni sorta di fucili
mentre ogni madre nella Soweto nera teme
che le ammazzino un altro figlio
S'insinua oltre tutte le frontiere dei vicini
ora e sempre per divertirsi un po'
non le importa se il divertimento e i giochi che fa
sono pericolosi per tutti quanti

Fammi sperare, Jo'anna,
sperare, Jo'anna
Fammi sperare, Jo'anna
prima che sia mattina
Fammi sperare, Jo'anna,
sperare, Jo'anna,
sperare prima che sia mattina

Ha chi la sostiene nei posti che contano
che voltano la testa al sole della città,
Jo'anna dà loro tutti quei bei soldoni
per tentare chiunque voglia arrivare
sa persino come distorcere le opinioni
in ogni rivista e sui giornali
per ogni cattiva mossa che questa cattiva Jo'anna fa
c'è sempre una buona spiegazione

Fammi sperare, Jo'anna,
sperare, Jo'anna
Fammi sperare, Jo'anna
prima che sia mattina
Fammi sperare, Jo'anna,
sperare, Jo'anna,
sperare prima che sia mattina

Persino il predicatore che lavora per Gesù,
e l'Arcivescovo, che è un uomo pacifico
dicono insieme che i combattenti per la libertà
trionferanno sul potente
Voglio vedere se sei cieca, Jo'anna,
se vorrai sentire il suono dei tamburi,
ma non lo vedi che la marea cambia,
non farmi aspettare fino a mattina

Fammi sperare, Jo'anna,
sperare, Jo'anna
Fammi sperare, Jo'anna
prima che sia mattina
Fammi sperare, Jo'anna,
sperare, Jo'anna,
sperare prima che sia mattina

Fammi sperare, Jo'anna,
sperare, Jo'anna
Fammi sperare, Jo'anna
prima che sia mattina
Fammi sperare, Jo'anna,
sperare, Jo'anna,
sperare prima che sia mattina,
sperare prima che sia mattina.

24/9/2007 - 22:15




Lingua: Spagnolo

Traduzione spagnola dal blog di Gustavo Sierra Fernández
DAME ESPERANZA, JO'ANNA

Jo'anna gobierna un país
gobierna en Durban in el Transvaal
Hace a algunos de su pueblo felices, oh
no se preocupa para nada del resto.
Tiene un sistema que llaman Apart-Heid
mantiene a un hermano en la servidumbre
pero quizás la presión haga ver a Jo'anna
como todos pueden vivir juntos.

Dame esperanza, Jo'anna,
esperanza, Jo'anna,
antes de que venga el mañana,
Dame esperanza, Jo'anna,
esperanza, Jo'anna,
esperanza antes de que venga el mañana.

Oigo que hace todo el dinero dorado
para comprar nuevas armas, algún tipo de armas,
mientras cada madre en el negro Soweto teme
el asesinato de otro hijo.
Reptando a través de los límites de todos los vecinos,
ahora y otra vez divirtiéndose un poco,
no le preocupa que las diversiones y los juegos a los que juega
son peligrosos para todos.

Dame esperanza, Jo'anna,
esperanza, Jo'anna,
antes de que venga el mañana,
Dame esperanza, Jo'anna,
esperanza, Jo'anna,
esperanza antes de que venga el mañana.

Tiene partidarios en las altas esferas
que vuelven sus cabezas hacia el sol de la ciudad,
Jo'anna les da el lujoso dinero
para tentar a cualquiera que venga.
Sabe incluso cómo hacer cambiar de opinión
en cada revista y en los periódicos,
para todo mal paso es lo que Jo'anna hace:
tienen una buena explicación.

Dame esperanza, Jo'anna,
esperanza, Jo'anna,
antes de que venga el mañana,
Dame esperanza, Jo'anna,
esperanza, Jo'anna,
esperanza antes de que venga el mañana.

Hasta el sacerdote que trabaja por Jesús,
el Arzobispo, que es un hombre pacífico,
juntos dicen que los luchadores por la libertad
vencerán al muy fuerte.
Yo quiero saber si es que eres ciega Jo'anna,
si quieres oír el sonido de los tambores.
Acaso no ves que la marea está cambiando.
Oh, no me hagas esperar hasta que el mañana venga.

Dame esperanza, Jo'anna,
esperanza, Jo'anna,
antes de que venga el mañana,
Dame esperanza, Jo'anna,
esperanza, Jo'anna,
esperanza antes de que venga el mañana.

inviata da Alessandro - 19/10/2009 - 10:14


In questa canzone è nominato l'arcivescovo anglicano sudafricano Desmond Tutu. Vogliamo qui riprodurre articolo di it.wikipedia che lo riguarda. Spesso e volentieri questo nostro sito ha assunto posizioni decisamente contro ogni tipo di alta sfera religiosa e di totale opposizione nei confronti della chiesa cattolica e di altre chiese; ma per Desmond Tutu è necessario fare un'eccezione più che doverosa.

L'arcivescovo Desmond Tutu.
Desmond Mpilo Tutu (nato il 7 ottobre 1931) è un arcivescovo sudafricano ed un attivista che raggiunse una fama mondiale durante gli anni '80 come oppositore dell'apartheid. Tutu fu il primo arcivescovo anglicano nero di Città del Capo, in Sudafrica, e primate della Chiesa della provincia del Sudafrica. Vinse il premio Nobel per la pace nel 1984.

Viene solitamente accreditato per aver coniato il termine Rainbow Nation, una metafora per descrivere il Sudafrica post-apartheid, guidato dell'ANC dal 1994. L'espressione è entrata nella coscienza nazionale per descrivere la diversità etnica del Sudafrica.

Nato a Klerksdorp (Transvaal), Tutu si trasferì con la famiglia a Johannesburg all'età di 12 anni. Anche se desiderava diventare un medico, la sua famiglia non poteva permettersi di pagargli gli studi e quindi Tutu dovette seguire le orme del padre nel campo dell'insegnamento. Tutu studiò al Pretoria Bantu Normal College dal 1951 al 1953, andò quindi a insegnare alla Johannesburg Bantu High School, dove rimase fino al 1957. Diede le dimissioni a seguito dell'approvazione del Bantu Education Act, protestando contro le misere prospettive educative dei sudafricani neri. Tutu continuò i suoi studi, questa volta in teologia, e nel 1960 venne ordinato come sacerdote anglicano. Divenne cappellano all'Università di Fort Hare, una culla di dissenso e una delle poche università di qualità per gli studenti neri nella parte meridionale del Sudafrica.

Tutu lasciò il suo incarico come cappellano e si spostò al King's College di Londra (1962–1966), dove conseguì il Bachelor e il Master in teologia. Ritornato in Sudafrica, dal 1967 al 1972 usò le sue lezioni per evidenziare le condizioni della popolazione di colore. Tutu scrisse una lettera al Primo Ministro Vorster, nella quale descriveva il Sudafrica come "un barile di polvere da sparo che poteva esplodere in qualsiasi momento". Non ricevette mai risposta.

Nel 1972 Tutu fece ritorno nel Regno Unito, dove venne nominato vice-direttore del Fondo per l'Educazione Teologica del Consiglio Mondiale delle Chiese, a Bromley nel Kent. Ritornò in Sudafrica nel 1975 e venne nominato diacono della Cattedrale di St. Mary a Johannesburg, prima persona di colore a reggere tale incarico.

Sposato con Leah Nomalizo Tutu dal 1955, la coppia ha avuto quattro figli: Trevor Thamsanqa, Theresa Thandeka, Naomi Nontombi e Mpho Andrea. Tutti e quattro hanno frequentato la famosa Waterford Kamhlaba School.

Nel 1996, a Tutu venne diagnosticato un cancro della prostata.

Nel 2000 Tutu ha ricevuto un L.H.D. dal Bates College e nel 2005 una laurea honoris causa dalla University of North Florida, una delle tante università in Nordamerica e in Europa dove ha insegnato.

Nel 1976 le proteste di Soweto, note anche come Scontri di Soweto, contro l'uso da parte del governo dell'Afrikaans nelle scuole nere, si trasformò in una massiccia rivolta contro l'apartheid. Da quel momento Tutu appoggiò il boicotaggio economico del suo paese. Desmond Tutu fu vescovo del Lesotho dal 1976 al 1978, quando divenne segretario generale del Consiglio Sudafricano delle Chiese. Da questa posizione fu in grado di portare avanti il suo lavoro contro l'apartheid con il consenso di quasi tutte le chiese. Tutu sostenne risolutamente la riconciliazione tra tutte le parti coinvolte nell'apartheid attraverso i suoi scritti e le sue lezioni, in patria e all'estero.

Il 16 ottobre 1984, Tutu venne premiato con il Premio Nobel per la pace. Il comitato del Nobel citò il suo "ruolo come figura unificante nella campagna per risolvere il problema dell'apartheid in Sudafrica."

Tutu divenne la prima persona di colore a guidare la Chiesa Anglicana in Sudafrica il 7 settembre 1986. Nel 1989 Tutu venne invitato a Birmingham, per le Citywide Christian Celebrations. Tutu e la moglie visitarono diverse fondazioni, trra cui la Nelson Mandela School di Sparkbrook.

Dopo la fine dell'apartheid, Tutu guidò la Commissione per la verità e la riconciliazione, incarico per il quale fu insignito del Sydney Peace Prize nel 1999.

Nel 2004 Tutu ritornò nel Regno Unito, come Visiting Professor in Società Post-conflitto al King's College e tenne il discorso di commemorazione per il 175° anniversario del college. Visitò inoltre il nightclub dell'associazione degli studenti, intitolato "Tutu's" in suo onore, nel quale è presente un busto che lo raffigura.

Tutu crede che il trattamento dei palestinesi da parte dello stato di Israele sia una forma di apartheid. Egli si è ripetutamente appellato al governo israeliano perché rispetti la dignità umana del popolo palestinese, che sia musulmano o cristiano. Nel 2003 è diventato il patrono del Centro Ecumenico Sabeel di Teologia della Liberazione, situato a Gerusalemme.

Il Premio Nobel ha anche espresso il suo appoggio al movimento indipendentista della Papua Occidentale, criticando il ruolo delle Nazioni Unite nella conquista della Papua Occidentale da parte dell'Indonesia. Tutu disse: "Per molti anni la gente del Sudafrica soffrì sotto il giogo dell'oppressione e dell'apartheid. Molti popoli continuano a soffrire un oppressione brutale, in cui la loro fondamentale dignità come esseri umani viene negata. Uno di questi popoli è quello della Papua Occidentale."

Tutu ha criticato inoltre gli abusi dei diritti umani nello Zimbabwe, definendo il presidente Robert Mugabe una "caricatura di un dittatore africano", e criticando la politica di quieta diplomazia del governo sudafriano nei confronti dello Zimbabwe.

Commentando l'elezione di Gene Robinson, avvenuta il 5 agosto 2003, primo uomo apertamente gay a diventare vescovo della Chiesa Episcopale degli Stati Uniti d'America, Desmond Tutu disse, "Nella nostra chiesa qui in Sudafrica, ciò non fa differenza. Possiamo solo dire che, al momento, noi riteniamo che dovrebbero rimanere celibi e quindi non vediamo quale sia il problema."

Nel gennaio 2005, Tutu aggiunse la sua voce al crescente dissenso sui sospetti terroristi detenuti a Camp X-Ray nella Baia di Guantanamo (Cuba), definendo le detenzioni senza processo come "completamente inaccettabili".

Usò inoltre l'opportunità per deplorare l'omofobia e chiedere l'accettazione del vescovo gay Gene Robinson.

Il 20 aprile 2005, a seguito dell'elezione del Cardinale Joseph Ratzinger come Papa Benedetto XVI, Tutu disse di essere rattristato dal fatto che fosse improbabile che la Chiesa Cattolica Romana cambiasse la sua opposizione ai preservativi nella lotta all'HIV/AIDS in Africa: "Avremmo sperato in qualcuno più aperto ai più recenti sviluppi del mondo, l'intera questione del ministero delle donne e una posizione più ragionevole riguardo ai preservativi e all'HIV/AIDS."

Riccardo Venturi - 24/9/2007 - 22:22


Nuovi schiavi del mondo
di Desmond Tutu
(Traduzione di Guiomar Parada)

Oggi la maggior parte del Terzo Mondo è tenuta in ostaggio da una schiavitù altrettanto orribile, nelle sue conseguenze devastanti, di quella del passato. La maggior parte del Terzo Mondo è stremato sotto il peso del più invalidante e stremante debito internazionale. Le statistiche sono impressionanti: in Etiopia 100.000 bambini muoiono ogni anno di malattie facili da prevenire, mentre il governo spende per ripagare il debito quattro volte quello che spende per la spesa sanitaria. Spesso ci è difficile capire le statistiche e gli giriamo le spalle. E' tutto così impersonale. Proviamo a personalizzarlo un poco. Immaginate il vostro piccolo, non vaccinato contro il morbillo o la difterite, che lentamente si spegne davanti ai vostri occhi senza che voi possiate fare alcunché, perché non ci sono medicinali a disposizione. I paesi poveri sono costretti alla povertà, all'ignoranza, alla malattia, alla fame e alla morte. Le risorse che dovrebbero essere impegnate per costruire strade e dighe, per le scuole e per pagare i maestri, per comperare libri e per l'assistenza sanitaria, sono deviate, con conseguenze disastrose, per ripagare debiti che non diminuiscono, ma anzi aumentano per via dei crescenti tassi d'interesse e della svalutazione delle valute di questi paesi poveri. Anche se economicamente fosse una cosa logica, e non lo è, certamente non è logico dal punto di vista morale. I paesi poveri non sono in grado di spezzare le catene che li hanno schiavizzati in maniera così rovinosa. Noi che seguiamo il Falegname di Nazareth sappiamo che quando si dà da mangiare agli affamati e da vestire ai poveri, lo si fa per Lui ed Egli ci ha esortato a perdonare i nostri debitori per essere perdonati dal nostro Padre in cielo. Ma più chiaramente siamo vincolati dalla lezione del Capitolo 25 del Levitico, che decreta che ogni 50 anni gli schiavi siano messi in libertà, che i debiti siano cancellati e che la proprietà ipotecata ritorni ai proprietari legittimi senza vincoli, per dare una opportunità alle persone di ricominciare da capo, di iniziare nuovamente, nello spirito della nostra fede che è la fede di sempre nuovi inizi quando si è perdonati. Le cancellazioni del debito si sono già verificate nel passato; nei confronti della Germania dopo la guerra, e gli Usa hanno cancellato 7 miliardi di dollari all'Egitto a seguito dell'operazione Desert Storm. I paesi poveri, sollevati dal
vincolo del debito, potrebbero sviluppare economie robuste che potrebbero diventare anche vigorosi mercati di consumo. Siamo fatti per essere uniti. In Africa diciamo che "una persona è una persona attraverso altre persone". Siamo legati da una delicata rete di interdipendenza. Crediamo nell'ubuntu, la mia umanità è dentro alla tua umanità. Ubuntu parla di generosità, di compassione, di ospitalità, di condivisione. Io sono perché voi siete. Se io vi disumanizzo, allora, che lo voglia o no, mi disumanizzo anch'io. Liberare il Terzo Mondo da questa nuova forma di schiavitù vi permetterà di rendere migliore la vostra propria umanità e camminerete a testa alta, anche voi liberati. (l'autore è premio Nobel per la pace)

P.s : Oltre a Tutu non dimenticatevi di Padre Kolbe,Madre Teresa di Calcutta,San Francesco d'Assisi,Bartolomeo de la Casas,Monsignor Romero,Don Milani e al mio amico Padre Alex Zanotelli
(katholikos)

Non ce ne dimentichiamo, assolutamente. Per alcuni dei personaggi che hai citati esistono CCG intere in cui se ne parla. Segui i link. Saluti! [RV]

29/9/2007 - 16:58


non lo sapevo di questa bella canzone cosa trattava grazie per la conoscenza

giuseppe - 19/3/2008 - 13:33


..il mio nome è Joana,i miei genitori hanno deciso di darmi questo nome nel 1988,appunto quando sono nata;sicuramente anche loro credevano fosse una bella canzone d'amore,come daltronde anche io ho sempre pensato,oggi finalmente so che il mio nome e soprattutto il testo di questa canzone hanno radici molto più profonde e una vera storia..collegata alla città di Johannesburg,invocata come una "nuova terra promessa".

Joana,dalla bellissima terra lucana - 16/12/2008 - 11:41


poichè la presunzione tipica di una certa mentalità, anche a voi proprio non manca, vi faccio presente, in qualità di una delle "tante" italiane che capisce "bene" l'inglese, così come dite voi, che in inglese la terza persona singolare (riferita a Jo'anna) usa la desinenza s e does nelle forme negative ed interrogative. Questi sono solo i principali errori nel riportare il testo originale. Visto che parlate di pace, tra l'altro, siate più umili e soprattutto invece di andare ad attaccare una sfera religiosa per prevenzione e partito preso (è proprio il caso di dirlo) CERCATE DI SEGUIRE LE ORME DI CHI DI PACE SE NE INTENDE DAVVERO COME GANDHI E MADRE TERESA DI CALCUTTA.
(blu)

Cara blu, intanto stai calmina... Comunque anche chi non sa "benissimo" l'inglese sa che nella lingua parlata e nello slang, soprattutto negli Stati Uniti e probabilmente anche in Sudafrica, la s della terza persona tende a scomparire. Com'è che fa la canzone più famosa di Nina Simone? "My baby don't care for clothes"... non mi sembra di avere mai sentito doesn't. [CCG/AWS Staff]

17/9/2010 - 09:26


...Nel caso la risposta non la soddisfacesse, 'sta Blu può anche considerare l'idea di andare a lavorare, no?

Io non sto con Oriana - 23/9/2010 - 21:14


Grazie per questo stupendo articolo!

Enrico - 2/3/2015 - 09:59


Grazie x il testo e per i commenti. Ho scoperto qualcosa che davvero ignoravo, e questo mi spingerà in futuro ad approfondire di più i testi anche di quelle canzoni che, solo apparentemente, sembrano innocenti canzonette d'amore... ed invece hanno contenuti davvero notevoli!

marco - 10/12/2015 - 11:42


E molto bella la canzone

Yakidale - 28/2/2016 - 23:24



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org