Lingua   

R.F.C. Blues

Jack Kelly & His South Memphis Jug Band
Lingua: Inglese


Ti può interessare anche...

The Red Clydesiders
(Alistair Hulett)
Sarò libero
(Fabrizio Zanotti)
Abdul
(Paolo Rossi)


[1933]
Scritta da Jack Kelly, oscuro bluesman degli anni 30, leader di una delle tante “jug band” di Memphis, Tennessee, composta anche da D.M. Higgs, Dan Sane e Will Batts
Nella raccolta “Complete Recorded Works In Chronological Order (1933-1939)” pubblicata nel 1990 dall’austriaca Rst Records
Testo trovato su Weeniepedia, il bel sito di Weenie Campbell dedicato al blues

Complete Recorded Works In Chronological Order (1933-1939)

L’acronimo R.F.C. sta per “Reconstruction Finance Corporation”, il nome di un’agenzia federale americana che contribuì al progressivo risanamento delle banche statali nella fase di risposta alla grande crisi del 1929. Istituita da Hoover nel 1932, con Roosevelt la RFC attuò grandi programmi di investimento e di occupazione. Moltissimi sottoproletari americani, bianchi e neri, per anni non ebbero altre occupazioni se non quelle offerte dai programmi federali come il RFC.



Le “jug band” erano blues band di strada che usavano spesso strumenti improvvisati, a percussione come a corda.
That R.F.C. sure is not envied to many men
That R.F.C. sure is not envied to many men
It caused me to walkin', down through the lowland

And early one morning, I went out on my job
Early one morning, I went out on my job
Began to think the work had done got hard

I worked so hard until I got tired
I worked so hard until I got tired
Then I went to town, to get my wife some lard

I sat and I wondered, about R.F.C. today
I sat and I wondered, about R.F.C. today
Its driving many men, and they'll have to obey

inviata da Bernart Bartleby - 6/12/2017 - 10:15


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org