Lingua   

Piazza Barberina

anonimo


Lingua: Italiano (Laziale Romanesco)


Ti può interessare anche...

Ballad of Yvonne Johnson
(Eliza Gilkyson)
23 coppie di cromosomi
(Franco Battiato)
Mourn Not the Dead
(Ralph Chaplin)


[intorno al 1910]
Canzone romanesca che ha molte versioni, come accade per qualsiasi canzone nata nella strada. Ho indicato tra parentesi un ritornello cantato in alcune di queste.
Interpretata da molti, tra cui Luisa De Santis, i Controcorente, Franco Nardi de I Menestrelli…



La “lochèscion” è piazza Barberini, con la fontana del Tritone di Gian Lorenzo Bernini (1643)…
L’epoca è quella immediatamente successiva al regio decreto n. 690 del 1907, con cui il governo Giolitti disciplinò competenze e poteri delle “guardie di città”, i vigili urbani…

A piazza Barberina, più su der Tiritone,
sotto l'ombra de 'n lampione 'na pisciata me metto a fa'.

[De qua de lla', ciavemo la libbertà,
De qua de lla', ciavemo la libbertà]


Me s'avvicina un tale, vestito a la borghese,
cor cappello a la calabbrese, che me se mette a fa':

Giovanotto, documenti, via, nun fate lo sfacciato,
Io sono il delegato de le Guardie de Città!

Si séte un delegato nun me ne frega gnente,
che vve piji un accidente, che vve possin'ammazza'!

Se mise un dito ar culo, e fece un fischio acuto,
segnale convenuto de le Guardie de Città.

Coreveno, coreveno, pareveno pompieri
'Sti quattro culattieri de le Guardie de Città.

In cinque contro uno ve ce sapete mette,
me misero le manette, in priggione me fa porta'.

Me misero in priggione, fra cimici e pidocchi,
che faceveno a cazzotti co' le Guardie de Città.

Me diedero 'na pagnotta, mezza cruda e mezza cotta,
quei fiji de 'na mignotta de le Guardie de Città.

Me diedero 'na banana, mezza marcia e mezza sana,
quei fiji de 'na puttana de le Guardie de Città.

Ragazzini, ragazzetti, nun pisciate su li tetti,
ma pisciate sull'ermetti de le Guardie de Città.

Ragazzini, giovinotti, nun pisciate su li muri,
ma pisciate su li culi de le Guardie de Città.

inviata da Bernart Bartleby - 15/7/2014 - 10:39


Nelle penultima strofa, credo che sia più probabile: "Ragazzini, ragazzetti, nun pisciate ne li letti"

Bernart Bartleby - 15/7/2014 - 14:23


Mio padre la canta diversa, più breve e
"Si sei un delegato, nun me ne frega gnente,
tu guarda quanta gente, hai fatto ritunà"
(radunare)

Francesco - 9/6/2016 - 18:35


Della terza strofa esiste una variante: "Attento sor bojaccia, te sbatto sur serciato, io sono un delegato delle guardie di città". Anche la seconda strofa ha una variante: "Me se presenta uno, vestito da borghese, cor cappello alla calabrese, me dice: 'Che stai a fa?' 'Nun vedi, sto a piscià!'
La fonte è mia madre, che nacque nel 1909 e ben conosceva la poesiola il cui titolo dovrebbe essere "Un fischio acuto..."

Domenico - 19/7/2017 - 23:35



Lingua:

Nel 1958 al liceo Virgilio di Roma un amico tradusse in greco la strofetta:
Coreveno, coreveno
pareveno pompieri
questi quattro culattieri
de ‘ste guardie de città.
Eδραμον και εδραμον
εδοκεσαν πομπαιοι
οι τετταρες κυλετταιοι
των μετροπωλιτων.

inviata da lucio versino - 30/1/2018 - 15:49


il finale che conosco e che mi sembra più fedele e logico, (perché i ragazzini dovrebbero farla sui tetti?) recita così: "uccellini uccelletti, nun cacate sopra i tetti, ma cacate sui berretti delle guardie de città".
Mentre l'ultima sembra proprio un'aggiunta raddoppiata!

federico - 13/2/2018 - 07:03



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org