Lingua   

Enzo Jannacci: El purtava i scarp de tennis

GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG


Lingua: Italiano (Lombardo Milanese)


Ti può interessare anche...

Colonnello beneamato
(Dario Fo)
Viva Radeschi
(anonimo)
Quand g'avevi sedes ann
(Ivan Della Mea)


(1964)
Testo e musica di Enzo Jannacci

29 marzo 2013, ci lascia uno dei più grandi cantautori italiani di sempre. Lo ricordiamo senza tante parole con uno dei suoi pezzi più belli e famosi.

El purtava i scarp de tennis


Dal blog Blogorrea, 5 aprile 2012:

Enzo


Ho visto un uomo morto che camminava e che cantava. E cantava con una voce pazzesca, di cuore, straziata, straziante. Cantava la vita che se ne va, la sua. Cantava l’amore, la voglia di conoscere e capire gli altri, i sogni, le speranze, l’emarginazione.
Ho visto Enzo Jannacci, stamattina. Sta male, malissimo. Non so esattamente cos’abbia, ma credo di intuirlo. E ormai fa vita ritirata, quella che fa chi aspetta (serenamente o per nulla) il peggio, l’inevitabile, oltretutto sapendo perfettamente tutto visto che è dottore. Però oggi si è alzato dal suo letto di dolore per andare a salutare Dario Fo, che a Palazzo Reale ha allestito una mostra di suoi dipinti. Doveva essere lì solo per un saluto, ma quando ha visto che in una sala di Palazzo Reale era stato allestito un angolo musicale animato da Franco Cerri ed Enrico Intra (jazzisti strepitosi, aggiungiamolo) non ha resistito. Si è alzato a stento, un po’ barcollante, e si è messo lì in piedi a cantare El purtava i scarp del tenis. Commovente, e splendido il coro di un pubblico in visibilio per il privilegio di poter assistere a una scena così. A cui potete assistere anche voi: un bravo giornalista di Repubblica ha ripreso tutto.

Guardate gli occhi del pubblico, molti orlati di lacrime, guardate sullo sfondo Fo che si unisce al coro, guardate gli occhi di Jannacci, che hanno allegria e tristezza allo stesso momento, l’allegria della musica e della poesia, la tristezza di chi sa come sta. Ma per un momento prevale la gioia di esserci, di cantare e di cantare i poveri, chi ha solo le scarpe da tennis (che all’epoca della canzone l’eran roba de barbun, mica Nike e Adidas), ma non rinuncia a sognare, a provare a innamorarsi, prima di essere vinto dalla vita, e dalla morte.
Sono ancora scosso da tutto questo: vedere l’ultima esibizione (tale sarà, temo) dal vivo di uno dei tuoi idoli (è stato di gran lunga il miglior cantautore italiano di sempre, anche più di Endrigo e di De Gregori), e vederlo ridotto così, eppure ancora con la forza e la voglia di vivere e lottare e di omaggiare un amico, tutto questo è una lezione di vita e di umanità indimenticabile.
Che scuse', ma mi vori cuntav
d'un me amis che l'era anda a fa'l bagn
sul stradun, per andare all'idroscalo
l'era li', e l'amore lo colpi'.

El purtava i scarp de tennis, el parlava de per lu
rincorreva già da tempo un bel sogno d'amore.
El purtava i scarp de tennis, el g'aveva du occ de bun
l'era il prim a mena via, perche' l'era un barbun.

Un bel di', che l'era dre' a parla'
de per lu, l'aveva vista passa'
bianca e rossa, che pareva il tricolore
ma po lu, l'e' sta bon pu' de parla'.

El purtava i scarp de tennis, el parlava de per lu
rincorreva gia' da tempo un bel sogno d'amore.
El purtava i scarp de tennis, el g'aveva du occ de bun
l'era il prim a mena via, perche' l'era un barbon

Un bel di a che'l pover diavul che riva na machina, ven giu' vun e domanda: "Ohè!" "Chi a mi?" "Si', a lu, savaria, savaria no per piasee' la strada per andare all'aeroporto Forlanini?" "No, signore non sono mai stato io all'aeroporto Forlanini, non lo so in due l'e'." "La strada per andare all'Idroscalo, almeno, la conosce?" Si, l'Idroscalo al so in dua l'e', al meni mi all'Idroscalo, vengo su anch'io sulla macchina, e' forte questa, e' forte la macchina." "Lasa sta la machina barbon." "No, signore vengo anch'io sulla macchina, non sono mai stato su una macchina io. Bella questa macchina...Ferma signore, che'l me lasa, che'l me lasa giu chi che sono arrivato,un piasee' che'l se ferma chi"

Un piasee', ch'el me lasa gio' chi
che anca mi mi go avu il mio grande amore
roba minima, s'intend, s'intend roba da barbon.

El purtava i scarp de tennis, el parlava de per lu
rincorreva gia' da tempo un bel sogno d'amore.
El purtava i scarp de tennis, el g'aveva du occ de bun
l'era il prim a mena via, perche' l'era un barbon.

L'an trova, sota a un muc de carton
l'an guarda' che'l pareva nisun
l'an tuca che'l pareva che'l durmiva
lasa sta che l'e' roba de barbon.

El purtava i scarp de tennis, el parlava de per lu
el purtava i scarp de tennis, perche' l'era un barbun,
el purtava i scarp de tennis, el parlava de per lu
el purtava i scarp de tennis, perche' l'era un barbun.

inviata da CCG Staff - 29/3/2013 - 22:46




Lingua: Italiano

Versione italiana da Musica e Memoria

jannacci 2012
PORTAVA LE SCARPE DA TENNIS

Scusatemi, ma vorrei raccontarvi
di un mio amico che era andato a fare un bagno
sullo stradone, per andare all'Idroscalo
era lì, e l'amore lo colpì

Portava le scarpe da tennis, parlava da solo
rincorreva già da tempo un bel sogno d'amore.
Portava le scarpe da tennis, aveva due occhi e basta
era il primo ad andare via, perché era un barbone

Un bel giorno, mentre era dietro a parlare
da solo, l'aveva vista passare
bianca e rossa, che pareva il tricolore
ma dopo quella volta lui, non è più stato capace di parlare

Portava le scarpe da tennis, parlava da solo
rincorreva già da tempo un bel sogno d'amore.
Portava le scarpe da tennis, aveva due occhi e basta
era il primo ad andare via, perché era un barbone


Un bel giorno (accanto) a quel povero diavolo si ferma una macchina, esce fuori uno e gli chiede "Ohe!" "Dici a me?" "Sì, a te, sapresti per piacere la strada per andare all'aeroporto Forlanini?" "No signore, non sono mai stato io all'aeroporto Forlanini, non lo so dov'è" "La strada per andare all'Idroscalo, almeno, la conosce?" "Si, l'Idroscalo lo so dov'è, mi porti all'Idroscalo, salgo anch'io sulla macchina, è forte questa, è forte la macchina" "Lascia stare la macchina, barbone" "No signore, vengo anch'io sulla macchina, non sono mai stato su una macchina io. Bella questa macchina... Ferma signore,mi faccia scendere, mi faccia scendere che sono arrivato, per piacere si fermi qui"

Per piacere si fermi qui
perché anche io ho avuto il mio grande amore
roba minima, s'intende, roba da barboni

Portava le scarpe da tennis, parlava da solo
rincorreva già da tempo un bel sogno d'amore.
Portava le scarpe da tennis, aveva due occhi e basta
era il primo ad andare via, perché era un barbone

L'hanno trovato sotto un mucchio di cartoni
l'hanno guardato come se non avessero visto nessuno
l'hanno toccato per vedere se dormiva
"lascia stare che è roba di barboni"

Portava le scarpe da tennis, parlava da solo
rincorreva già da tempo un bel sogno d'amore.
Portava le scarpe da tennis, aveva due occhi e basta
era il primo ad andare via, perché era un barbone

29/3/2013 - 22:51




Lingua: Francese

Version française - IL PORTAIT DES TENNIS – Marco Valdo M.I. – 2013
tirée de la version italienne de Musica e Memoria d'une chanson milanaise d'Enzo Jannacci – 1964

Texte et musique d'Enzo Jannacci

29 Mars 2013 : un des plus grands auteurs-compositeur italiens de toujours s'en est allé . In memoriam, une des plus belles et des plus célèbres de ses chansons
IL PORTAIT DES TENNIS

Excusez-moi, mais je voudrais vous raconter
Mon ami qui s'en allait sur le chemin
À l'Idroscalo pour aller prendre un bain
C'est que l'amour l'a frappé

Il portait des tennis, il parlait tout seul
Depuis longtemps déjà, il suivait un beau rêve d'amour.
Il portait des tennis, il avait bon œil
Ce fut le premier à partir, c'était son tour.

Un beau jour, qu'il marmonnait derrière
Tout seul, il l'avait vu passer
Blanche et rouge, telle une bannière
Et depuis lors, il n'a plus pu parler

Il portait des tennis, il parlait tout seul
Depuis longtemps déjà, il suivait un beau rêve d'amour.
Il portait des tennis, il avait bon œil
Ce fut le premier à partir, c'était son tour.

Un beau jour à côté de ce pauvre diable s'arrête une auto, quelqu'un en sort et lui demande « Oh ! » « C'est à moi que vous parlez ? » « Oui, à toi, tu ne connaîtrais pas, s'il te plaît, la route pour aller à l'aéroport Forlanini ? » « Non monsieur, moi, je n'ai jamais été à l'aéroport Forlanini, je ne sais pas où il est » « La route pour aller à l'Idroscalo, au moins, tu la connais ? » «  L'Idroscalo, je le sais où il est, vous me conduisez à l'Idroscalo, je monte dans l'auto, elle est puissante, c'est une puissante machine » « Pas dans l'auto, clochard » « Non monsieur, je viens aussi dans l'auto, je n'ai pas jamais été en auto, moi. Une belle auto… Arrêtez, monsieur, laissez-moi descendre, laissez-moi descendre, je suis arrivé, s'il vous plaît, arrêtez-vous ici »

S'il vous plaît, arrêtez-vous ici
Car j'ai eu mon grand amour, moi aussi,
Un amour, un bel amour, comme on dit.

Il portait des tennis, il parlait tout seul
Depuis longtemps déjà, il suivait un beau rêve d'amour.
Il portait des tennis, il avait bon œil
Ce fut le premier à partir, c'était son tour.

On l'a trouvé sous un tas de cartons
On l'a regardé, personne ne le connaissait
On l'a touché pour voir s'il dormait
« Laissez tomber, c'est un vagabond »

Il portait des tennis, il parlait tout seul
Depuis longtemps déjà, il suivait un beau rêve d'amour.
Il portait des tennis, il avait bon œil
Ce fut le premier à partir, c'était son tour.

inviata da Marco Valdo M.I. - 31/3/2013 - 10:12


Scritta da Enzo Jannacci e dal figlio Paolo
Inedito compreso nella compilation “The Best” pubblicata da Ala Bianca records nel 2006

8012855395127

RIEN NE VA PLUS

Un sogno è un sogno però è un sogno
Un fiore è un cuore però è un fiore
Un grattacielo in mezzo al mare
Un calcio dato ad un pallone
Bella fontana che è la vita
Vive tra mosche e gelsomini
Quando vien l’ora di brindare
Con volti da dimenticare
La biglia è ferma ma è laggiù
Signore, non la sento più…
Signore, non la sento più…
Rien ne va plus
Rien ne va plus
Rien ne va plus

Mettere lacrime sulle sue dita
Parlare un pò con le matite
Spiegare cose mai ben capite
Lavar le scarpe e le ferite
Brutta puttana che è la vita
Vuol pareggiare la partita
Come un amico che tradisce
Come un furgone che impazzisce
La biglia è ferma e non capisce che
Tu come storia non vai più...
Rien ne va plus
Rien ne va plus
Rien ne va plus
Rien ne va plus
Rien ne va plus
Rien ne va plus

Un grido è un salto però è un grido
Il grattacielo è in fondo al mare
Quando vien sera in ospedale
I sogni, i fiori, quelle dita…
Facce che in un cinematografo
Raccontan poco di una vita
Grande Pantani scappa in salita
Va via come fosse ad una gita
Brutta puttana che è ‘sta vita
Vive tra mosche e gelsomini
Ma il berrettino non c’è più
Signore, non lo sento più…
Rien ne va plus
Rien ne va plus
Rien ne va plus
Rien ne va plus
Rien ne va plus
Rien ne va...

Rien ne va plus

Bernart - 30/3/2013 - 11:59


Da “Vengo anch’io. No, tu no”, 1968
Parole di Enzo Jannacci e Dario Fo
Musica di Enzo Jannacci e Fiorenzo Forentini.

vengo

"[...] Si potrebbe poi sperare tutti in un mondo migliore
- Vengo anch'io!
No, tu no! -
Dove ognuno sia già pronto a tagliarti una mano
un bel mondo sol con l'odio ma senza l'amore
e vedere di nascosto l'effetto che fa [...]"

Vengo anch’io. No, tu no

Bernart - 31/3/2013 - 09:59


Da La disperazione della pietà, canzone inclusa nel disco “Vengo anch’io. No, tu no”, 1968
Versi di Vinícius de Moraes, tratti parzialmente da "O desespero da piedade", seconda parte della poesia "Elegia desesperada" scritta nel 1938 e pubblicata nel 1943 nella raccolta “Cinco elegias”.
Adattamento in italiano di Ruggero Jacobbi ed Enzo Jannacci
Musica di Enzo Jannacci

Vengo anch’io. No, tu no

Vinicius em Portugal

“[...] Signore, nella vostra pietà non dimenticate i poveri che arricchirono
e per i quali il suicidio è ancora la soluzione più dolce,
ma, ma abbiate vera pietà dei ricchi che impoverirono
e diventano eroi e alla santa povertà danno un'aria grande
Signore abbiate pietà, pietà, pietà, pietà, Signore [...]”

La disperazione della pietà

Bernart - 31/3/2013 - 10:23


“ g'aveva du occ de bun” non significa “avere gli occhi da persona buona” ma “avere di buono solo i due occhi”, ovvero essere tanto povero da non avere altra cosa di valore che i due occhi.

Cordialmente.

Alberto - 30/11/2015 - 20:26


Grazie Alberto, penso che tu abbia ragione, abbiamo corretto la traduzione.

CCG Staff - 30/11/2015 - 20:40


solo chi ha provato ad essere emarginato dalla societa ma per sempre onesto ,dignitoso,
e rispettoso verso gli altri ,questa canzone .questa poesia che negli anni ancora è attuale , questo barbone con una grande dignità dice fermati che voglio scendere ,non è che lei è meglio di mè (sicuramente come dicevano una volta in dialetto cremasco:(non ti porta neanche le scarpe )sei superiore , quello è solo un cafone ignorante che offende la dignità di un barbone ,che nella realtà sicuramente ,non è l'abito che fa il monaco .
voglio solo dire che jannacci è sempre stato dalla parte dei più deboli ,mario,vincenzina all fabbrica me lo dicevi prima .ecc,ecc sei stato un cantautore che negli anni 60 70 80 un grande ,grazie jannacci,!!!mi hai comosso . ciao.

dossena tino - 20/1/2016 - 21:26


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org