Lingua   

Supper's Ready

Genesis
Lingua: Inglese

Scarica / ascolta

Loading...

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

Affare Dreyfus
(Davide Giromini)
Get 'em Out By Friday
(Genesis)
The Knife
(Genesis)


Vai al testo
[1972]
Tony Banks/Phil Collins/Peter Gabriel/Steve Hackett/Michael Rutherford
Da/From Foxtrot

Foxtrot. Genesis, 1972.
Foxtrot. Genesis, 1972.


"There was one particular incident that gave me the inspiration for Supper's Ready. There was this room at the top of Jill's [his wife] parents' house. The room was the coldest part of the house. I always used to get the shivers when I went in there. It was covered in strong purple and turquoise wallpaper. Everything was bright purple and turquoise. Anyway, we had this strange evening up there which ended with Jill feeling like she'd been possessed. It was extremely frightening. I don't know how to explain it - it was as if she had had a fit, or something. I experienced a sense of evil at that point - I saw another face in her face. I don't know how much of this was going on inside my head and how much was actually happening, but it was an experience I could not forget and was the starting point for a song about the struggle between good and evil." - Peter Gabriel.

“C’è stato un avvenimento particolare che mi ha dato l’ispirazione per Supper’s Ready. Quella stanza in cima alla casa dei genitori di Jill [sua moglie]. La stanza era la parte più fredda della casa. Quando ci entravo, mi venivano sempre i brividi. Era rivestita con pesante carta da parati porpora e turchese; tutto era porpora e turchese vivo. Ad ogni modo, ci passammo quella strana serata che terminò con Jill che si sentiva come posseduta. Era davvero spaventoso. Non so come spiegarlo, era come se avesse un attacco di convulsioni o qualcosa del genere. A quel punto provai un senso di qualcosa di male, vidi un altro aspetto sul suo viso. Non so dire quanto di ciò mi stesse accadendo in testa, e quanto invece stesse accadendo davvero, ma fu un’esperienza indimenticabile ed il punto di partenza per una canzone sulla lotta tra il bene e il male.” – Peter Gabriel.

1. Lovers' Leap

In which two lovers are lost in each other's eyes, and found again transformed in the bodies of another male and female.

Walking across the sitting-room, I turn the television off.
Sitting beside you, I look into your eyes.
As the sound of motor cars fades in the night time,
I swear I saw your face change, it didn't seem quite right.
...And it's hello babe with your guardian eyes so blue
Hey my baby don't you know our love is true.

Coming closer with our eyes, a distance falls around our bodies.
Out in the garden, the moon seems very bright,
Six saintly shrouded men move across the lawn slowly.
The seventh walks in front with a cross held high in hand.
...And it's hello babe your supper's waiting for you.
Hey my baby, don't you know our love is true.

I've been so far from here,
Far from your loving arms.
It's good to feel you again,
It's been a long long time. Hasn't it?


2. The Guaranteed Eternal Sanctuary Man

The lovers come across a town dominated by two characters: one a benevolent farmer, and the other the head of a highly disciplined scientific religion. The latter likes to be known as "The Guaranteed Eternal Sanctuary Man" and claims to contain a secret new ingredient capable of fighting fire. This is a falsehood, an untruth, a whopper and a taradiddle, or to put it in clearer terms; a lie.

I know a farmer who looks after the farm.
With water clear, he cares for all his harvest.
I know a fireman who looks after the fire.

Can't you see he's fooled you all.
Yes, he's here again, can't you see he's fooled you all.
Share his peace,
Sign the lease.
He's a supersonic scientist,
He's the guaranteed eternal sanctuary man.
Look, look into my mouth he cries,
And all the children lost down many paths,
I bet my life you'll walk inside
Hand in hand,
gland in gland
With a spoonful of miracle,
He's the guaranteed eternal sanctuary.

Children's Choir:

We will rock you, rock you little snake,
We will keep you snug and warm.


3. Ikhnaton And Itsacon And Their Band Of Merry Men

Who the lovers see clad in grays and purples, awaiting to be summoned out of the ground. At the G.E.S.M.'s command they pour forth, from the bowels of the earth, to attack all those without an up-to-date "Eternal Life License" which were obtainable at the head office of the G.E.S.M.'s religion.

Wearing feelings on our faces while our faces took a rest,
We walked across the fields to see the children of the West,
But we saw a host of dark skinned warriors
standing still below the ground,
Waiting for battle.

The fight's begun, they've been released.
Killing foe for peace...bang, bang, bang. Bang, bang, bang...
And they're giving me a wonderful potion,
'Cos I cannot contain my emotion.
And even though I'm feeling good,
Something tells me I'd better activate my prayer capsule.

Today's a day to celebrate, the foe have met their fate.
The order for rejoicing and dancing has come from our warlord.


4. How Dare I Be So Beautiful?

In which our intrepid heroes investigate the aftermath of the battle and discover a solitary figure, obsessed by his own image. They witness an unusual transmutation, and are pulled into their own reflections in the water.

Wandering in the chaos the battle has left,
We climb up the mountain of human flesh,
To a plateau of green grass, and green trees full of life.
A young figure sits still by a pool,
He's been stamped "Human Bacon" by some butchery tool.
(He is you)
Social Security took care of this lad.
We watch in reverence, as Narcissus is turned to a flower.
A flower?


5. Willow Farm

Climbing out of the pool, they are once again in a different existence. They're right in the middle of a myriad of bright colours, filled with all manner of objects, plants, animals and humans. Life flows freely and everything is mindlessly busy. At random, a whistle blows and every single thing is instantly changed into another.

If you go down to Willow Farm,
to look for butterflies, flutterbyes, gutterflies
Open your eyes, it's full of surprise, everyone lies,
like the fox on the rocks,
and the musical box.
Yes, there's Mum & Dad, and good and bad,
and everyone's happy to be here.

There's Winston Churchill dressed in drag,
he used to be a British flag, plastic bag, what a drag.
The frog was a prince, the prince was a brick, the brick was an egg,
the egg was a bird.
(Fly away you sweet little thing, they're hard on your tail)
Hadn't you heard?
(They're going to change you into a human being!)
Yahoo, we're happy as fish and gorgeous as geese,
and wonderfully clean in the morning.

We've got everything, we're growing everything,
We've got some in
We've got some out
We've got some wild things floating about
Everyone, we're changing everyone,
you name them all,
We've had them here,
And the real stars are still to appear.

ALL CHANGE!

Feel your body melt;
Mum to mud to mad to dad
Dad diddley office, Dad diddley office,
You're all full of ball.

Dad to dam to dum to mum
Mum diddley washing, Mum diddley washing,
You're all full of ball.

Let me hear you lies, we're living this up to the eyes.
Ooee-ooee-ooee-oowaa
Momma I want you now.

And as you listen to my voice
To look for hidden doors, tidy floors, more applause.
You've been here all the time,
Like it or not, like what you got,
You're under the soil (the soil, the soil),
Yes, deep in the soil (the soil, the soil, the soil, the soil!).
So we'll end with a whistle and end with a bang
and all of us fit in our places.


6. Apocalypse In 9/8
(Co-Starring the delicious talents of Gabble Ratchet)

At one whistle the lovers become seeds in the soil, where they recognize other seeds to be people from the world in which they had originated. While they wait for Spring, they are returned to their old world to see the Apocalypse of St. John in full progress. The seven trumpeters cause a sensation, the fox keeps throwing sixes, and Pythagoras (a Greek extra) is deliriously happy as he manages to put exactly the right amount of milk and honey on his corn flakes.

With the guards of Magog, swarming around,
The Pied Piper takes his children underground.
Dragons coming out of the sea,
Shimmering silver head of wisdom looking at me.
He brings down the fire from the skies,
You can tell he's doing well by the look in human eyes.
Better not compromise.
It won't be easy.

666 is no longer alone,
He's getting out the marrow in your back bone,
And the seven trumpets blowing sweet rock and roll,
Gonna blow right down inside your soul.
Pythagoras with the looking glass reflects the full moon,
In blood, he's writing the lyrics of a brand new tune.

And it's hey babe, with your guardian eyes so blue,
Hey my baby, don't you know our love is true,
I've been so far from here,
Far from your loving arms,
Now I'm back again, and babe it's gonna work out fine.


7. As Sure As Eggs Is Eggs (Aching Men's Feet)

Above all else an egg is an egg. 'And did those feet ..............' making ends meet.

Can't you feel our souls ignite
Shedding ever changing colours, in the darkness of the fading night,
Like the river joins the ocean, as the germ in a seed grows
We have finally been freed to get back home.

There's an angel standing in the sun, and he's crying with a loud voice,
"This is the supper of the mighty one",
The Lord of Lords,
King of Kings,
Has returned to lead his children home,
To take them to the new Jerusalem.

inviata da Riccardo Venturi - 15/7/2006 - 01:59


confronta con l'originale

Lingua: Italiano

Nuova versione italiana integrale di Riccardo Venturi
Con le note originali di Peter Gabriel e altre note interpretative di R.V.
15/16 luglio 2006
La traduzione è dedicata a Asterix del newsgroup it.sport.calcio.genoa

I Genesis nel 1972.
I Genesis nel 1972.


Una parola dal traduttore. Diversi anni fa avevo fatto una prima traduzione integrale di Supper's Ready, testo difficilissimo e di interpretazione assai ardua. Ne ripropongo una ex novo fatta espressamente per le CCG/AWS, con le note originali di Peter Gabriel tradotte in italiano ed ampliate (indicate con dei *numeri). Ulteriori note "ad hoc" completano la traduzione, indicate con delle *lettere. Sicuramente alcune interpretazioni potranno apparire come controverse, e la traduzione non ha ovviamente nessuna pretesa di essere definitiva; ma il testo stesso impone continuamente degli sguardi "oltre".[RV]

1. Il salto degli innamorati [*1]

Cammino per il salotto e spengo la tv,
Mi siedo al tuo fianco guardandoti negli occhi.
Mentre il rumore delle auto svanisce nella notte
Giuro d’averti vista trasfigurare, e mi sembrava strano.
…Ciao, piccola, coi tuoi occhi indagatori e così azzurri,
Ciao, bambina, non lo sai che ci amiamo davvero?

Mi avvicino ai tuoi occhi e i nosti corpi si allontanano,
Fuori in giardino, la luna sembra splendente.
Sei uomini vestiti da sciamani [*a] si muovono lenti sul prato,
Il settimo alla loro testa con su una croce in mano.
…Ciao, piccola, la cena ti sta aspettando,
Ciao, bambina, non lo sai che ci amiamo davvero?

Sono stato tanto lontano da qui,
Dalle tue braccia calde d’amore.
È bello sentirti ancora,
Tanto tempo è passato. O no?


2. Lo sciamano con garanzia di eternità [*2]

Conosco un contadino che ha cura del podere:
Con acqua pulita, si occupa del suo raccolto.
Conosco un pompiere che ha cura del fuoco [*b].

Ma non lo vedete che vi ha tutti infinocchiati?
Sì, è ancora qui, non lo vedete che vi ha fregati tutti?
Condividete la sua pace,
Firmate il contratto d’uso.
È uno scienziato supersonico,
È lo sciamano con garanzia di eternità.
Guardatemi, guardatemi in bocca, urla,
E tutti i suoi figli persi per molte strade.
Ci scommetto ogni cosa che vi entrerete
Mano nella mano
Ghiandola nella ghiandola [*c]
Con un pizzico di miracolo,
È lo sciamano con garanzia di eternità.

Coro di bambini:

Ti culleremo, ti culleremo, serpentello,
Ti terremo bello al calduccio.


Ikhaton, Ìmbroglion e la loro banda di scagnozzi [*3] [*d]

Con i sentimenti addosso in viso, mentre ci riposavamo la faccia
Camminavamo per i campi per vedere i figli dell’Occidente.
Ma vedemmo un’orda di guerrieri dalla pelle scura [*e]
Che stavano fermi giù per terra
Aspettando la battaglia.

La battaglia è iniziata, sono stati lasciati liberi.
Uccidono il nemico per la pace…bang bang bang, Bang bang bang…
Mi stanno dando da bere una pozione meravigliosa
Perché non posso trattenere la mia emozione.
E anche se mi sento bene
Qualcosa mi dice che è meglio attivare la mia pregocapsula. [*f]

Oggi è un giorno da celebrare, il nemico ha incontrato il suo destino.
Il nostro comandante ci ha ordinato di gioire e di danzare.


4. Come oso essere tanto bello? [*4]

Vagando per il caos lasciato dalla battaglia [*g]
Ci arrampichiamo sulla montagna di carne umana
Fino a un pianoro di erba verde e di verdi alberi rigogliosi.
La figura d’un giovane siede ferma vicino a un laghetto,
Marchiata “Pancetta umana” con qualche arnese da macello
(Sei lui).
La Sicurezza Sociale si è presa cura di quel ragazzo,
Guardiamo rispettosi come Narciso si trasforma in fiore.
In fiore?


5. Il Podere dei Salici [*5] [*h]

Se te ne vai per il Podere dei Salici
In cerca di farfalle, di uccel di bosco, di bulletti [*i]
Apri gli occhi, è tutta una sorpresa, tutti mentono
come un furbastro al verde,[*j]
E il carillon… [*k]
Sì, ci son mamma e papà, il bene e il male,
E tutti son contenti di stare qui.

C’è Winston Churchill vestito da donna,
Un tempo era la bandiera inglese, un sacchetto di plastica, che barba!
La rana era un principe, il principe un mattone, il mattone un uovo,
l’uovo era un uccello
(Vola via, piccino, ti stanno alle calcagna)
Non l’hai sentito?
(Ti cambieranno in un essere umano!)
Sì, siamo felici come pesci e sgargianti come oche
E meravigliosamente puliti al mattino.

Ci abbiamo ogni cosa, facciamo crescere ogni cosa,
Un po’ ne prendiamo
Un po’ ne diamo
Ci abbiamo un sacco di cose che galleggiano intorno alla rinfusa
Tutti, stiamo cambiando tutti,
Ti basta chiamarli
Ce li abbiamo già tutti
E le vere star devono ancora apparire.

SIGNORI SI CAM-BIA!

Senti fonderti il corpo,
Mamma diventa fango poi un pazzo e poi papà,
Quell’ufficetto da nulla di papà, quell’ufficetto da nulla di papà
Sei tutto pieno di balle.

Papà diventa mamma quattrozampe [*l] poi un’oca [*m] e poi mamma
Mamma che fa il suo bucatino da nulla, il suo bucatino da nulla
Sei tutto pieno di balle.

Fammele sentire le tue balle, ci siamo dentro fino al collo
uèèèèèè uèèèèèè uèèèèè uààààà
Mamma, ti voglio ora!

E mentre ascolti la mia voce
Per cercare porte nascoste, pavimenti puliti e ancora applausi
Sei stato qui tutto questo tempo,
Ti piaccia o no, come quel che hai
Sei sottoterra (terra, terra),
Sì, proprio sottoterra (terra, terra, terra!)
Così finiremo con un fischio e con uno scoppio
E tutti staremo bene ai nostri posti.


6. Apocalisse in 9/8 [*6]
Con il contributo delle deliziosamente talentuose Gabble Ratchet [*n]

Con le guardie di Magog che brulicano attorno
Il Pifferaio Magico porta i suoi bimbi sottoterra.
Draghi che saltano fuori dal mare
La luccicante testa della saggezza che mi guarda.
Porta giù il fuoco dai cieli
Che fa bene lo puoi capire dagli sguardi negli occhi della gente.
Meglio non cercare un compromesso,
Non sarà facile.

666 non è più solo,
Ti sta smidollando
E le sette trombe suonano un dolce rock&roll
Che ti arriverà diritto al profondo dell’anima.
Pitagora, con uno specchio, riflette la luna piena
Col sangue scrive le parole di una melodia nuova di zecca.

…Ciao, piccola, coi tuoi occhi indagatori e così azzurri,
Ciao, bambina, non lo sai che ci amiamo davvero?
Sono stato tanto lontano da qui,
Dalle tue braccia calde d’amore.
Ora sono tornato, piccola, e tutto andrà bene.


7. Sicuro come che le uova siano uova [Piedi umani doloranti] [*7] [*o]

Non senti che le nostre anime prendono fuoco
Spandendo coloro sempre cangianti nel buio della notte che svanisce?
Come il fiume arriva all’oceano, come il germe cresce nel seme
Siamo stati finalmente liberati per tornare a casa.

C’è un angelo che si erge nel sole gridando a gran voce:
“Questa è la cena dell’Onnipotente,
Signore dei Signori,
Re dei Re,
È tornato per riportare a casa i suoi figli,
Per portarli alla nuova Gerusalemme.”

inviata da Riccardo Venturi - 15/7/2006 - 21:06


LE NOTE ORIGINALI DI PETER GABRIEL (un po' ampliate) E ULTERIORI NOTE INTERPRETATIVE di Riccardo Venturi.

[*1] Due innamorati si fissano profondamente negli occhi perdendosi l'uno nell'altro. Si ritrovano completamente trasformati in corpi differenti. Può essere interpretato come reincarnazione in un salto nel tempo (ma, propriamente, il lovers' leap è anche il tipico punto della scogliera da dove si gettano gli innamorati infelici per morire assieme).

[*a] Per la traduzione di sanctuary man preferisco "sciamano" a "santone", che mi sembra qui più esatta.

[*2] Gli innamorati arrivano in una città dominata da due persone; una è un generoso pastore o contadino (potrebbe essere Cristo) mentre l'altro è il capo di una religione scientifica altamente disciplinata. Questi si fa conoscere come "Sciamano con garanzia di eternità" e professa falsamente di conoscere il segreto per lottare contro il fuoco. Questi potrebbe rappresentare le forze del male, potrebbe essere il diavolo, ma potrebbe in futuro rappresentare qualsiasi persona detentrice di segreti scientifici non comprensibili alle masse.

[*b] Si precisa qui la natura dello "sciamano con garanzia di eternità": è normale che un contadino abbia cura del podere e del raccolto, ma quando mai si è visto un pompiere che ha cura del fuoco? Compito del pompiere sarebbe quello di combattere, non di curare il fuoco. È possibile che Peter Gabriel abbia avuto presente un precedente letterario famosissimo per questa cosa, dove i pompieri devono appiccare il fuoco: Fahrenheit 451 di Ray Bradbury, da cui fu tratto un altrettanto famoso film di François Truffaut (1966).

[*c] Ovvio doppio senso a sfondo sessuale: Gland è sia la "ghiandola" (e, in senso lato, qualsiasi organo del corpo umano e animale), sia il "glande", ovvero la parte superiore del pene.

[*3] Ikhnaton e Itsacon sono due generali dello Sciamano con garanzia di eternità. Itsacon significa "è un imbroglione". I due innamorati vedono una radura purpurea: è l'esercito delle forze del male che attende il segnale per attaccare coloro che non hanno ancora firmato la pace e che non hanno ancora una "Polizza di santità eterna" ottenibile presso uffici dello Sciamano con garanzia di eternità.

[*d] Il nome Itsacon, di voluta apparenza “egiziana”, sembra perfettamente compatibile e “formare una coppia” con il nome di Ikhnaton (o Akhenaton), l’antico faraone egizio della XVIII dinastia morto nel 1354 a.C. legato al culto di Aton (lo stesso nome Ikhnaton significa “Aton è soddisfatto”). Ma, come accennato da Gabriel stesso nella sua nota, deriva invece da it’s a con “è un imbroglione”. Quanto ai merry men, i traduttori italiani si fermano di solito all'apparenza letterale e rendono con cose del tipo "uomini allegri" o "mattacchioni"; ma, propriamente, nelle ballate tradizionali ed in tutta la poesia popolare britannica (cui Supper's Ready deve diverse cose), i merry men sono gli "scagnozzi" di un fuorilegge, di uno sbirro, di un signorotto locale. I "bravi" di Don Rodrigo sarebbero senz'altro stati dei merry men.

[*e] Con questo brano inizia la parte della suite dedicata propriamente alla guerra tra il bene e il male, che ne giustifica l’inserimento a pieno titolo nelle CCG. La descrizione della battaglia riprende sicuramente qualcosa dal Signore degli Anelli, mentre l’immagine del guerriero cui viene data da bere la “pozione meravigliosa” ricorda da vicino le droghe date ad ogni combattente in ogni guerra. Siamo nel 1972, e la guerra nel Vietnam è in pieno svolgimento.

[*f] La Prayer capsule è forse l’invenzione più famosa di tutta la suite. Un’invenzione o una realtà? La “preghiera” come un semplice farmaco da somministrare per continuare a combattere e uccidere. È noto che Dio è sempre dalla loro parte…

[*4]I due intrepidi eroi vagano sui campi di battaglia e si imbattono in una solitaria figura ossessionata dalla propria immagine. Come Narciso, essa viene tramutata in un fiore non appena si specchia nell'acqua.

[*g] Questo brano, pensiamo, giustificherebbe da solo l’inserimento di Supper’s Ready nella nostra raccolta. È la descrizione universale di ogni campo di battaglia. Il fatto, poi, che la figura del giovane Narciso rechi la stampigliatura riservata alla pancetta, cioè a un salume, alla carne da macello, rimanda possibilmente ai tanti soldati superstiti che vagano come istupiditi (o impazziti) dopo il carnaio.

[*5] I due innamorati come Narciso, sono stati risucchiati dal laghetto e quando ne escono fuori si trovano in un mondo differente. È tutto colorato ed ogni cosa possiede un'enorme vitalità propria. Con un fischio ogni singola cosa cambia in un'altra.

[*h] Si tratta senz’altro del brano più “pazzo” e difficile da rendere sia pur minimanente in un’altra lingua. Un’impresa quasi impossibile, probabilmente. Spesso pura invenzione fonetica e verbale, che vuole esprimere la vitalità stessa del cambiamento continuo, del divenire ininterrotto. Per certi versi risente di certe filastrocche nonsense tipiche della letteratura inglese popolare e colta (si pensi soltanto a quelle di Alice nel paese delle meraviglie). Ciononostante, il traduttore attento può avere molte cose da dire. A partire dal titolo. Le (poche e volonterose) traduzioni italiane di Supper’s Ready lo interpretano invariabilmente come “Fattoria di Willow”; ma willow-tree è il “salice” (e, nel particolare contesto “messianico” della suite, come non pensare al Salmo 137?). Il salice è anche un albero magico che, specialmente nelle ballate tradizionali britanniche, si ritrova assai spesso; ad esempio, in diverse versioni de "I tre corvi" (The Three Ravens) di una delle più antiche Child Ballads (Child #26), stanno proprio sopra un salice mentre ai loro piedi giace un cavaliere morto in battaglia...senza contare che Alle fronde dei salici / Anche le nostre cetre erano appese / oscillavano lievi al triste vento (Salmo di David 137).

[*i] Ovviamente impossibile rendere le assonanze del testo originale. Vi sono poi i vari livelli interpretativi. Butterflies è, ovviamente, "farfalle", ma anche "farfalloni". Flutterbies, cioè, alla lettera, “sbatti le ali e vola via”, è, in slang, "uccel di bosco", gli evasi dal carcere. Gutterflies, alla lettera "mosche di fogna", significa in slang “furbetti da bassifondi”. Il "Podere dei Salici" è il mondo in totale confusione mentre sta svolgendosi una guerra planetaria che vede contrapposte le forze del bene a quelle del male (la presenza di Winston Churchill non è quindi casuale, ma anche lui è come risucchiato nel titanico parapiglia). È l'umanità durante il conflitto, dove ogni cosa è possibile e dove il cambiamento è questione di minuti o di secondi. "Si cam-bia!" (All change!); il mutamento repentino (di testo e di melodia) viene sottolineato con un'interruzione improvvisa con rumori metallici. Un treno che si ferma, e da dove i viaggiatori vengono fatti scendere per prenderne un altro? "All change!" è il grido tipico dei capitreno e dei capistazione: "Signori, si cambia!"... Anche qui la traduzione consueta, "tutto cambia", è errata; caso mai "tutti cambiano" (il verbo è al plurale, non al singolare).

[*j] Anche qui per una possibile interpretazione è necessario ricorrere allo slang. A fox è un “furbastro”, mente on the rocks significa gergalmente “al verde, senza il becco di un quattrino”. Nelle traduzioni italiane esistenti si leggono cose come “la volpe sulle rocce”…però non va neppure dimenticato che, nella stessa copertina dell'album (ispirata in parte a Supper's Ready e ad un vestito di scena di Peter Gabriel), il santone/sciamano indossa una maschera da volpe sul pezzo di ghiaccio staccatosi dalla banchisa: un furbastro alla deriva? Questo potrebbe preconizzare la sconfitta del male già nel momento in cui regna la più totale confusione.

[*k] Tipici dei Genesis sono i riferimenti a particolari di altre canzoni precedenti. In questo caso è evidente il riferimento al musical box di Nursery Crime.

[*l] Qui le traduzioni esistente parlano di solito di un’incomprensibile “diga”; ma dam è anche la “madre di un quadrupede”, parola non comune, ma in un testo del genere la lectio difficilior è senz’altro da preferire.

[*m] Dum (o Dum Dora) significa “ragazza stupida, oca”, in slang. Il diminutivo dummy (comunissimo) significa tout court "stupido, deficiente".

[*6]Ad un fischio gli Innamorati diventano semi per terra, dove riconoscono negli altri semi delle persone che provengono dal loro mondo originario. Mentre aspettano la primavera, vengono fatti ritornare al loro vecchio mondo in cui l'Apocalisse di San Giovanni è in pieno sviluppo. I sette trombettisti fanno sensazione, gettano continuamente 6, 6 e 6 (666 Il numero cabalistico dell’Apocalisse). Pitagora, una comparsa greca, riesce a scrivere una canzone, ma questa nuova melodia non è altro che quella vecchia dell’inizio di Supper's Ready, il mondo rigira su se stesso.....

[*n] Molti si sono scervellati per riuscire a sapere chi sia questo misterioso “Gabble Ratchet” il cui “delizioso talento” ha contribuito a questo brano. Diciamo quindi che gabble ratchet è, più o meno, il verso che fanno i "Cani Infernali" che, nell’Apocalisse di Giovanni, annunciano la venuta degli arcangeli. Nella metafora apocalittica della suite non potevano mancare certamente i "cani infernali", che per l'appunto sono usualmente rappresentati come anatre selvatiche; e l'effetto sonoro che è possibile udire nel brano è il loro verso, è gabble ratchet. Però si dà anche il caso che, nella Bibbia, i cani infernali siano anche chiamati Cani di Gabriele, in inglese Gabriel's Hounds; un colpo di genio di Peter Gabriel per mettere un'autoironica firma...

[*7]Esiste la sicurezza che queste nuove forze del bene sono quelle buone, che condurranno alla Nuova Gerusalemme, luogo di pace.

[*o] Il brano finale di Supper’s Ready è un brano di pace, di trionfo del bene sul male, di certezza che questo trionfo avverrà. Il viaggio degli innamorati, un lungo viaggio che ha fatto loro dolorare i piedi, termina proprio con questa certezza, sottolineata proprio dal titolo. Propriamente, l’espressione as sure as eggs is eggs significherebbe, in slang, “sicuro al 100%, arcisicuro”, ma abbiamo preferito qui mantenere una traduzione letterale per la presenza stessa delle uova, simbolo di vita che nasce.

Riccardo Venturi - 15/7/2006 - 21:11


Un brano meraviglioso che ci mette davanti alla realtà dell'uomo: l'incapacità di amare *tutti* i nostri "prossimi" indistintamente, ovviamente al di là del fatto che si sia religiosi o meno. Ascoltando questo brano, leggendone il testo, immedesimandosi nella storia e nelle melodie, non si può non restare delusi, disgustati da quello che ci circonda: guerre, odio, disprezzo della vita degli altri, indifferenza verso la sofferenza di altri esseri umani, egoismo dilagante, voglia di sopraffare i più deboli... tutto questo per inseguire ed ottenere che cosa? Per raggiungere "il nulla". Per mettere una bandiera sulla terra di qualcun altro, le mani sul patrimonio di qualcuno che non può difendere quel poco che ha, per distruggere la vita di un altro essere umano, portandogli via l'orgoglio, la voglia di vivere, la serenità, la libertà. Questo è Supper's Ready, questo è la musica dei Genesis: grazie Riccardo per averlo capito ed evidenziato. Bye

Asterix - 17/7/2006 - 00:13


Traduzione molto approfondita (non superficiale come tutte le altre). Chi sa se nella mia vita, ancora giovane, potrò mai trovare le parole e le giuste espressioni per esprimere il fascino di questo capolavoro. I Genesis sono il contrario della superficialità, riescono a comporre testi fiabeschi ma con riferimenti significativi, come ci ha ricordato Riccardo con la sua splendida traduzione, con origini molto remote.
(francesco90)

Grazie davvero di cuore per le tue parole, Francesco. Parole che, oltre a "centrare" alla perfezione quel che c'è in Supper's Ready, pongono l'accento proprio su quel che mi ha spinto a questa nuova traduzione integrale. E' chiaro che nessuna traduzione al mondo, neanche la migliore, sarà mai capace di rendere un centesimo dell'originale; una traduzione è semplicemente uno strumento, un aiuto, e soprattutto un chiarimento di certi punti di un testo che possono altrimenti risultare incomprensibili e dare luogo a interpretazioni sbagliate e, a volte, senza senso. E' necessario quindi prendere il testo e analizzarlo. Posso dire senz'altro che per la traduzione di Supper's Ready mi ci sono voluti anni. Non per stenderla giù, quella è stata questione di pochi giorni; ma per acquisire le conoscenze necessarie a sviscerare alcuni punti, per quelle davvero mi ci sono voluti lunghi anni. Il risultato? Spero che sia almeno...decente e, più che altro, utile per capire quel che davvero si dice in questo brano fondamentale e visionario. Credo che una piccola lacuna sia stata colmata. Con questo non voglio ovviamente...gettare la croce addosso a chi prima di me si è cimentato con questo testo, tramandandosi a volte cose come la "fattoria di Willow" o "il talentuoso Gabble Ratchet"...l'opera di queste persone non sarà mai da buttare, non fosse altro perché testimonia comunque una volontà di comprendere e fare comprendere. Da dire che su Supper's Ready si potrebbe riempire se non un libro, almeno un corposo opuscolo. Ogni parole, a rigore, andrebbe analizzata e commentata. Senza contare il fatto che anche le mie interpretazioni, in quanto tali, possono e dovrebbero essere oggetto di discussione. Ad ogni modo, Supper's Ready resta un brano dove la parola e la mente viaggiano in mondi in gran parte ancora inesplorati. Tant'è vero che il tuo intervento mi ha dato lo spunto per alcune integrazioni e per ampliare alcune parti delle note. Ne riparleremo, senz'altro. E grazie ancora per quel che hai scritto, nonché torna a trovarci! [Riccardo Venturi]

21/8/2006 - 13:11


Complimenti per il lavoro e grazie davvero... in questa grigia domenica mi stavo riascoltando Seconds Out e mi è venuto il pallino di cercare la traduzione di questo capolavoro.
Molto apprezzate soprattutto le note finali, è sempre un piacere ricordare gli splendidi anni in cui ho avuto il gusto di poter suonare alcuni pezzi dei Genesis in live qui a Trieste! :)

Buona giornata a tutti.

Lorenzo Ciuciat - 19/11/2006 - 16:07


Impazzisco, quando trovo un appassionato dei Genesis, SUPPER'S READY, non so quante volte l'avrò ascoltata, tante tante e tante ancora, non è musica terrena, ma divina, come la voce di Peter Gabriel.

There's an angel standing in the sun, and he's crying with a loud voice,
"This is the supper of the mighty one",
The Lord of Lords,
King of Kings,
Has returned to lead his children home,
To take them to the new Jerusalem.

Potrei ascoltare questo ultimo pezzo per altre 10.000 volte, ma ogni volta mi vengono i brividi, è come se toccassi il cielo come se la mia anima venisse catapultata in un mondo diverso.
Grazie comunque per il vostro lavoro

veronica - 27/2/2007 - 16:48


Conosco questa canzone da sempre grazie ad un fratello maggiore che aveva i gusti musicali giusti. Io ho 35 anni, una moglie e 2 bambini ed oggi ero in giro in macchina con loro ascoltando second's out...mi sono ritrovato a cantare parola per parola persino willow farm ed ho sorriso pensando quanto tempo ci avevo messo molti e molti anni fa ad imparare quella parte! Poi sono tornato a casa e mi è venuta voglia di tornare su ciò che la canzone racconta ed ho trovato questa pagina. Grazie davvero per lo splendido lavoro.

(Paolo)

Grazie a te, Paolo, e te lo voglio dire personalmente. Qui dentro cerchiamo tutti quanti di offrire un servizio, senza volere assolutamente niente in cambio; tutto questo per dire che cerchiamo di infilarci dentro la passione ed il cuore. Trovare una cosa come la tua, è la migliore (e l'unica) ricompensa possibile. Un saluto caro anche a tua moglie e ai tuoi bambini. [RV]

10/3/2007 - 19:26


ciao a tutti mi chiamo Antongiulio e ho 19 anni..ascolto questa canzone da quando ne avevo 9 grazie a mio padre che custodisce gelosamente tutti gli album dei genesis, e che mi ha insegnato ad amarli..in particolare questa canzone di cui conosco a memoria ogni singola parola, ogni singolo cambio di accordo..che mi fa salire i brividi sù per la schiena tutte le volte che l'ascolto..quello che mi cattura ancor di più è tutto quello che c'è all'interno, un insieme di passioni e paure che si mischiano alla perfezione..credo che sia uno dei pezzi più incredibili di tutti i tempi..
vi ringrazio per il grande lavoro fatto sulla traduzione e sui commenti di peter gabriel..sono riuscito a capire un pò di più di questo magnifico brano. grazie

Antongiulio - 18/3/2007 - 15:36


Più volte mi sono interrogato sul significato di questo immenso pezzo..non è solo una canzone contro la guerra o il male, è un inno all'amore e al bene supremo.

Francesco - 2/4/2007 - 21:40


Fantastici e unici i Genesis!sono i grandi che hanno fatto la storia della musica.. e di un'intetra generazione!!Supper's ready è la loro miglior canzone il cui testo è perfetto sotto ogni aspetto!

LT - 3/6/2007 - 18:39


Il vero significato di questa canzone rimarrà sempre un mistero.. questo pezzo racchiude in sè la triste verità della guerra e dei sentimenti delle persone durante questa..e chi meglio dei Genesis poteva trattare questo argomento con una canzone, che tra l'alto è la migliore in assoluto?? La frase più bella??: "and it's hey baby with your guardian eyes so blue hey my baby don't you know our love is true::!"

Lisa - 3/6/2007 - 18:45


nel punto 7 io eggs lo tradurrei " giusto" "giusta" "esatto" e vari questi sinonimi....e' slang quindi potrei sbagliarmi

los endos - 13/7/2007 - 17:23


Ho conosciuto i Genesis solo nel 1976: too late!! Si, troppo tardi perchè - secondo me - il meglio lo hanno dato insieme con Gabriel e Hackett dal 1970 al 1975. Supper's Ready è stato, è e sarà sempre THE VERY BEST, imbattibile sotto ogni punto di vista, l'avrò ascoltata migliaia di volte (31 anni non sono pochi) e continua a darmi i brivdi.
Baci a tutti from Little Snake

31/7/2007 - 15:36


Ma non vi sembra un caso tipico del complesso di Edipo questa canzone anzichè una vera e propria canzone dedicata al NO WAR? Cioè, è vero che parla anche di una battaglia, ma con la guerra non c'entra niente secondo me... "Yes, there's Mum & Dad, and good and bad, and everyone's happy to be here." .Willow farm.
(marcovel)

Ora, può darsi che il suo inserimento sia derivato anche da una visione personale del contributore, ma tu che tiri in ballo addirittura il complesso edipico da un verso...? (RV)

26/10/2007 - 19:30


Grazie per la possibilità che ci stai dando di non soffermarci solo sull'eccellenza dei Genesis ma poter entrare nel loro animo.
Eternamente grata ed innamorata di Phil
Stefy-Bologna

27/10/2007 - 19:05


ho 44 anni mi chiamo stefano e sono cresciuto con le dolci melodie di peter e company,ogni volta che li riascolto è come tuffarmi in una soave poesia trasportato dalle loro note(ora sono degnamente rinati nelle vesti dei musical box)andate a vederli sono magici..

stefano(acilia.rm) - 11/11/2007 - 20:28


Ho 44 anni ed ho imparato questa canzone oramai 30 anni fa... ricordo l'enorme fatica per acquisire la giusta pronuncia e la curiosità di conoscerne il significato del testo... ti sono grato per avermi fatto rivivere la gioia delle emozioni lancinanti che mi provoca ascoltare questo brano epico che rimarrà per sempre nella storia del Rock Progressivo e nel mio cuore...
(Enzo)

Carissimo Enzo, anche io ho la tua stessa età e giusto trent'anni fa tentavo già di afferrarne il senso. Mi ce n'è voluto di tempo...ma alla fine spero di aver fatto un buon lavoro:-P Grazie ancora per le tue parole! [RV]

21/11/2007 - 00:21


Dopo più di un trentennio (ho 48 anni), i Genesis continuano ancora e sorprendermi, ogni volta che ascolto un loro disco mi sembra di sentirlo per la prima volta, talmente appassionato dei "vecchi" Genesis che non ho esitato a farmi 600 Km per andare a vedere a Roma il 09/11/2007 il concerto dei "The Musical Box" (mooooolto di più di una semplice cover band), il risultato è stato semplicemente Fantastico e ancor di più quando eseguito Supper's ready !!!
Grazie Riccardo per il lavoro immenso che hai fatto, la cercavo da sempre
Un saluto a tutti i fans
Massimo

Nel ringraziare anche te, Massimo, ho pensato bene di aggiungere qualcosina alle note per meglio precisare il senso di Willow Farm e del Gabble Ratchet. Spero che la cosa sia gradita :-) [RV]

Massimo - 4/12/2007 - 12:03


Io ho 20 anni, e dopo aver rintracciato attraverso libri internet e dischi questa musica che è veramente arte..mi viene nostaglia di anni in cui non ero ancora nato, per la direzione che sta prendendo il mercato adesso, sembra non sia più permesso fare musica a questi livelli, ringrazio quindi per questa bella traduzione e "parafrasi" che ancora di più fa apprezzare questa musica.


(Marco)

Nel ringraziare anche te di persona, Marco, ne ho approfittato per ampliare ancora leggermente le note. Grazie davvero per le tue parole! [RV]

27/1/2008 - 20:05


sono cresciuta con questa canzone :( ...con la voce di peter che mi parlava d'innamorati, di narciso, di Winston Churchill vestito da donna... XD la adoro!
purtroppo non ho mai incontrato ragazzi o ragazze della mia età appassionati dei genesis in tutta la mia vita...ed è un peccato perchè trasmettono tanto. penso che nessun altro gruppo prog sia stato tanto poetico e romantico quanto loro...soprattutto peter grazie alla sua vena artistica ha dato tanto, troppo! e senza di lui i genesis non sono stati più quelli che erano... un gran peccato!!!
ciaociao a tutti :)
p.s: rivoglio il rock progressiveeeeeeeeeeeeeeeee :'(

Julia90 - 13/3/2008 - 23:07


..Quando ascolto supper's ready..., mi si accapona la pelle , le orecchie tendono per ascoltare suoni mai uditi ed ogni volta è nuova, il petto mi si stringe, la gola si chiude perchè non sa e non puo cantare , gli occhi si velano di lacrime.....
Non so come spiegare le emozioni che mi da questa canzone...canzone forse è troppo riduttiva ...ma non mi stanco mai di ascoltarla dopo piu di 25 anni di ascolto

luca63 - 29/4/2008 - 13:38


Avevo circa quindici anni (1974) e un amico coetaneo che aveva fratelli più grandi mi consigliò l'acquisto del disco, insieme a Nursery Crime. L'ho ascoltato per tanti anni e per motivi vari negli ultimi dieci quindici anni l'avevo abbandonato. Mi è capitato di riascoltare Supper's Ready recentemente e non riesco ad ascoltare altro. Ho comprato abbastanza musica nella mia vita ma l'acquisto fatto a quindici anni forse è stato il migliore.

Poli - 9/5/2008 - 16:57


Complimenti al traduttore, conosco questo capolavoro da 30 anni ma questa traduzione approfondita e meditata mi ha fatto scoprire sfumature del testo che non avevo mai afferrato!

Fabio - 3/8/2008 - 16:35


Complimenti al traduttore.
Supper's ready è un po' la summa del rock progressivo che suonavano i genesis in quegli anni.

carl - 2/10/2008 - 16:37


Ragazzi, conosco questo brano da 36 anni, l'ho imparato a memoria, l'ho anche suonato. Ma è la prima volta che comprendo a fondo il significato del testo. E pensare che Peter nel 1972 aveva solo 22 anni, ed è riuscito a scrivere così bene!!! Penso ai giovani di oggi, cresciuti a televisione e telefonino.....

enzo - 3/10/2008 - 19:21


Per caso ho trovato questa traduzione: francamente ne sono rimasto deluso. Ma non per il lavoro certosino che sta alle spalle: è solo che il progressive è la vera musica; quella che riesce a farti sognare, e ricondurla ad un mero sistema di segni convenzionali a noi noti (il nostro idioma) ne snatura molto l'originale impatto.
E' un pò come superare le colonne d'ercole: vediamo quello che v'è oltre, mentre quello che era al di qua perde di senso.
ripeto: ineccepibile il lavoro di traduzione. Ma a me non frega un cazzo sapere della storia di amanti, se mi viene parafrasata: preferisco che sia la musica dei Genesis a lasciarmi intuire il nesso. Ottimo lavoro 'artigianale'da amanuense, però, il tuo.
(carlo puglia)

Naturalmente, da traduttore, so benissimo che ogni "traduzione" non può altro che snaturare il testo originale. E' l'eterno dilemma: lasciare, come dici tu, che sia la musica a lasciarti intuire il nesso, oppure, come dire, "aiutarne" la comprensione con una traduzione? Vi sono molti pro e molti contro in entrambe le possibilità. Un'obiezione che ti si potrebbe fare è che qui si tratta comunque di musica che gli autori hanno voluto accompagnare con un dato testo; se avessero voluto affidare ogni nesso alla musica, avrebbero scelto un brano interamente musicale, esattamente come avviene -mutatis mutandis- nella musica sinfonica. A mio parere la presenza di un testo, e i significati che racchiude, necessitano un aiuto pensando a coloro che non sono in possesso di un'adeguata conoscenza della lingua originale, oppure non la conoscono affatto. Questo, ovviamente, fatto ben presente che un qualsiasi testo poetico, con o senza accompagnamento musicale, è fatto unicamente per la lingua in cui è stato scritto e che una "traduzione", o riscrittura, in una lingua diversa è sempre e comunque un atto arbitrario. Dipende naturalmente poi dal fruitore: chi si accontenta di lasciarsi guidare dalla musica, e chi invece desidera poter penetrare un po' più a fondo anche nel significato delle parole. Credo che entrambe le cose siano pienamente legittime e giustificate. Cordialissimi saluti e a risentirci! [RV]

11/10/2008 - 07:33


Per prima cosa complimenti per il suo lavoro di traduzione ed interpretazione, davvero succulento per un patito dei Genesis come me!

Vorrei fare una segnalazione, il grido "All change!" può essere una frase del Cappellaio Matto di Alice nel paese delle meraviglie? Purtroppo non ho ancora letto il romanzo, ma ricordo che nel cartone animato della Disney durante il party improvvisamente gridava: "Cambiatevi di posto!".
Ho cercato su internet ma non ho trovato riscontri in propsito...lei ne sa qualcosa?

Grazie,
STefano

Stefano A. - 3/11/2008 - 10:08


Prima di tutto grazie per le Sue parole, che ovviamente mi fanno un enorme piacere.
Quanto alla questione da Lei posta, purtroppo non ho mai letto "Alice" nell'originale inglese e quindi non saprei davvero dire nulla al riguardo; ma il suggerimento da Lei fatto è, come dire, molto "ghiotto". Quindi mi riprometto di controllare il testo originale dell'opera di Carroll, sperando che si trovi in rete.
Saluti e grazie ancora!

Riccardo Venturi - 3/11/2008 - 15:41


Ciao,
ho appena letto la tua traduzione e ti devo lodare per l' immenso lavoro fatto.
E' però piena di inesattezze.
Se ti interessa conoscere la storia di Foxtrot e di Supper's Ready in particolare, ti consiglio il libro "Foxtrot" di Claudio Fracasso, uscito alla fine del 2007.
Fra le altre cose, contiene interviste ad Hackett, Mc Pail ecc. molto interessanti.
Ciao, Claudio.

(Claudio Scotti)

Ciao Claudio. Ovviamente sarò ben lieto di acquistare il libro di Claudio Fracasso; però, già che ci siamo, potresti cominciare a segnalare almeno qualcuna di quelle che hai definito "inesattezze", in modo da poter eventualmente offrire una traduzione migliore. Vale a dire: qui si offre un servizio, ed ogni modo per migliorarlo è sempre bene accetto :-) Grazie di tutto e a risentirci presto! [RV]

6/11/2008 - 18:42


Nell'aprile del 1974 avevo diciotto anni allora e andai a Reggio Emilia ad ascoltare i Genesis al Palasport. Come dimenticare il pienone, il lancio di arance in platea prima del concerto, i cancelli sfondati nella seconda parte del concerto con uno strano tipo che guardò il concerto appeso ad una ringhiera... Come dimenticare Supper's ready con i travestimenti di Peter Gabriel e l'esplosione di una bomba al magnesio prima del finale (la carica per uno scherzo fu doppia nell'occasione e lasciò tutti accecati...) da cui emerse la figura angelica de Peter Gabriel a torso nudo con pantaloni bianchi che cantò "And it's ... hey baby ..." in un'atmosfera onirica. Il finale subito dopo fu "The knife" (uno stupendo pezzo scritto da Anthony Philips prima della sua fuoriuscita dal gruppo) cantata da un Peter Gabriel tarantolato.
Rimasi sconvolto per una settimana e ancoa oggi non posso dimenticare quella serata.
Dopo due anni dopo che appresi su Ciao 2001 che Gabriel aveva lasciato i Genesis ebbi provai un dolore folle. Per me i Genesis finivano lì....

Old King Cole - 23/11/2008 - 14:09


Ciao sono Stefano, classe 1965. La musica ed i testi dei Genesis accompagnano la mia vita da 30 anni.
Provo ancora i brividi solo a ripensare questa canzone che ho ascoltato e suonato fino a farla divenire una delle poche cose costanti della mia vita. E mi meraviglia scoprire di non essere il solo a perdersi in queste, che più che canzoni sono mondi onirici. E lo dico pensando che il sogno è la parte più fertile dell'esistenza.
Una parola per chi non apprezza il GRANDE tentativo di traduzione: dopo averla letta tornate all'ascolto! Il testo originale è quello che va gustato, e non perde nulla se prima abbiamo approfondito qualche possibile significato.
Si sa, tradurre è tradire...
Ciao e grazie ancora

Stefano - 25/11/2008 - 00:32


Caro Stefano, ovviamente prima di tutto ti ringrazio "ad personam" per le tue parole, che peraltro trovo molto azzeccate soprattutto per l'invito ad ascoltare sempre questa canzone (e tutte le altre!) nell'originale. Questa è la sostanza. E' verissimo, e hai fatto bene a sottolinearlo, che ogni "traduttore" è per forza di cose un traditore: il vecchio detto non sbaglia. Questo perché (e lo dico per l'ennesima volta, da traduttore) la cosiddetta "traduzione", in realtà, non esiste; niente, neppure un testo tecnico o un manuale di istruzioni, può essere reso esattamente in un'altra lingua. Figurarsi un testo di una canzone o, comunque, poetico. Al massimo può essere un ausilio alla comprensione (dato che, altrimenti, sarebbe impossibile poter anche minimamente apprezzare un testo in una lingua che non si conosce; in questo sito sono presenti canzoni in ottantasei lingue*, ed è semplicemente un servizio quello che offriamo, per avere almeno un'idea di ciò che si dice in una canzone scritta, ad esempio, in cinese o in arabo). Funzioniamo, è vero, un po' come una sorta di "Babelfish" (fortunatamente un po' più raffinato perché il qui presente e tutti gli altri traduttori non siamo macchinette, ma persone con le proprie conoscenze), cercando al contempo di reperire (e in alcuni casi anche di produrre) delle "traduzioni d'arte" che, però, sono in definitiva dei testi autonomi, delle reinterpretazioni o addirittura delle riscritture (come ad esempio fa a volte il sottoscritto con le sue versioni in livornese).

Saluti cari!

*novantatré lingue (dicembre 2009)

Riccardo Venturi - 2/12/2008 - 12:13


Ciao a tutti, sono un ragazzo di 14 anni, innamorato dei Genesis...
La mia vita è cambiata grazie a loro:
Il 14 Luglio del 2007 sono andato a vedere il mio primo concerto: Genesis Live In Rome...
Sono stato stupito dalle loro canzoni (del dopo Gabriel), ma dopo aver sentito quelle scritte con il vecchio nucleo dei Genesis, sono rimasto scioccato...
Sono rimasto scioccato con questa canzone...Supper'S Ready...
Non ho mai sentito una canzone cosi, incredibimente progressiva!!
Il pezzo dell'assolo dell'organo in 9/8 è fenomenale, fenomenale è l'intensità con cui cresce tutta la canzone fino a finire magnificamente...
Il Pezzo finale è Sublime, sia per le parole, sia per la musica...
Grazie agli amministratori di questo sito per averci regalato questa splendida traduzione.

Davide - 27/12/2008 - 22:35


Li conosco da quando avevo 12 anni, e ora ho ascoltato di tutto, ma niente, niente e mai niente si avvicinerà mai a quanto hanno fatto questi 5 qui, grazie per la traduzione:)

mattia - 15/1/2009 - 01:31


Grazie per quest'ottima pagina...fa sempre piacere ascoltare questa gemma di canzone...23 minuti di viaggio...adoro la versione di SecondsOut...

Grazie ancora per il minuzioso lavoro da te eseguito!

Alex P. - 14/2/2009 - 02:37


Allora esiste ancora qualcuno che ama i Genesis.

Grazie per l'emozione, il lavoro da certosino della traduzione e delle note.

Mi sono venuti i brivide riacoltando la voce di Peter Gabriel.

"This is the supper of the mighty one",
The Lord of Lords,
King of Kings,
Has returned to lead his children home,
To take them to the new Jerusalem.

Lilliwhite - 14/2/2009 - 12:40


semplicemente incredibile profondità di testo e musica.
la canzone migliore del prog-rock e non credo di esagerare

(Ciro) - 11/4/2009 - 16:17


e pensare che mi ritenevo una mosca bianca a cui piaceva volare ascoltando questo pezzo (e non solo), per fortuna siamo ancora in tantissimi e forse lo saremo sempre. ho 50 anni di cui più di 30 ascoltando i GENESIS.come dice un comico di colorado cafè : ma perchè in inghilterra è toccato avere i Genesis i Pink Floyd gli Yes i Beatles, mentre a noi pupo michele zarrillo i cugini di campagna????

26/9/2009 - 22:06


Ho conosciuto i Genesis con Wind and Wuthering: mi sono perciò perso la stagione d'oro dei concerti italiani. Sulla soglia dei 50, dopo aver ascoltato di tutto, li ho comunque posti al primo posto tra i gruppi rock, una musica immortale sempre attuale anche nelle sonorità. e SUPPER'S READY rimarrà immortale tra i grandi capolavori del rock.
Che altro dire: GRANDISSIMI!!!!!

Peppe - 5/10/2009 - 09:37


Vorrei fare solo un appunto su una nota di traduzione. La copertina di Foxtrot non è ispirata a questa canzone, o almeno non la volpe: quello è un costume che si mise Peter Gabriel ad un live (senza dire niente a nessuno prima tra l'altro, neanche ai suoi compagni), il primo in assoluto dei suoi stravaganti travestimenti.

fonte


Ad ogni modo, complimenti per la traduzione, davvero ben fatta.

Lorenzo (TraductionProduction) - 30/12/2009 - 13:54


Grazie davvero tante, Lorenzo, e ho provveduto a integrare la nota con la tua opportuna osservazione. Auguri di buon anno da parte mia e di tutto lo staff delle CCG!

Riccardo Venturi - 30/12/2009 - 18:25


è la perfezione fatta musica..Incredibile,magica,unica..La mia canzone preferita della storia della musica..Non ho parole per descrivere cosa provo ogni volta che la ascolto..Mi vengono sempre i brividi nell'ascoltare l'ultima parte..È entrata direttamente nella mia anima e non è mai più uscita..

Can't you feel our souls ignite,
Sheddind ever-changing colours,in the darkness of the fading night..

CRISTAN - 1/5/2010 - 13:42


La mia vita è piena di musica, la musica è la mia vita. Tutti i momenti più significativi della mia esistenza (per quanto giovane possa essere!) sono accompagnati dalla musica dei Genesis. Ne sono fiera perchè le loro canzoni fanno parte di me, sono parte della mia vita, e vi giuro che nessun film ha mai avuto una colonna sonora migliore di quella che ho io mentre giorno per giorno vivo la mia vita, vivo le mie emozioni, le mie paure, le mie debolezze con loro e con le loro magnifiche canzoni... Un ringraziamento speciale va a tutti voi, che come me, sapete ascoltare ed amare la buona musica. Eleonora

Eleonora - 18/5/2010 - 00:40


E' bellissimo leggere i commenti di altre persone che ancora oggi amano i Genesis, nonostante i loro capolavori siano ormai piuttosto "datati": sono stati i più grandi, ineguagliabili, la loro musica ancora oggi emoziona più di quella di qualunque altro gruppo mai esistito, ed emoziona sempre con la stessa intensità di allora, se non di più...

Carlo - 22/8/2010 - 23:53


ti ringrazio per questa grandissima traduzione,anche se quando comprai il disco nel lontano 1973 (avevo 14 anni) imparai Supper's Ready a memoria senza preoccuparmi delle parole ma ascoltando la musica di esse dopo nel 1974 ebbi la grandissima fortuna di vedere i Genesis al Palasport di Torino e penso che sia stato il concerto più bello che abbia mai visto, adesso che ho 51 anni sono tornato a riascoltarli (premetto che ho studiato musica e mi sono diplomato e tuttora svolgo la professione di musicista classico in orchestra) e vi giuro che i Genesis passeranno alla storia come sono passati i vari J.S.Bach,L.van Beethoven,A.Vivaldi e tutti gli altri perché avevano una sensibilità sia musicale che umana fuori dalla norma
ancora grazie Genesis

Roberto - 29/12/2010 - 23:40


Grazie per la traduzione commentata!
Qui si trovano altre informazioni che magari si possono pure aggiungere: http://www.centrosangiorgio.com/rock_satanico/articoli/pagine_articoli/genesis_e_apocalisse.htm

mcb - 22/1/2011 - 21:28


il commento al link che hai riportato è senz'altro interessante, ma le conclusioni sulla "famiglia cristiana tradizionale" sono tremendamente reazionarie!

Lorenzo - 23/1/2011 - 19:16


Ho apprezzato molto la traduzione, grazie per il prezioso contributo! ciao

Federico - 10/2/2011 - 09:18


Alla nota [*h] "Alle fronde dei salici [per voto]/ Anche le nostre cetre erano appese / oscillavano lievi al triste vento" è la strofa finale della poesia Alle fronde dei salici di Salvatore Quasimodo che in effetti si rifa' al salmo di David 137 che recita:
137:2 Ai salici di quella terra appendemmo le nostre cetre.
137:4 Come cantare i canti del Signore in terra straniera?

grazie per l'interessante lavoro di traduzione

Donato

Donato - 4/4/2011 - 23:11


Davvero un testo grandioso..il brano musicalmente parlando è strabiliante, ora leggendo la traduzione capisco anke l'enorme complessità,bellezza del testo..e spratutto la genialità di Peter nello scrivere qst parole ke nonostante qst ricca traduzione rimangono ancora un pò un mistero x me..i Genesis Sn puri Geni!..l'ultima parte Mi fa smpre venire i brividi lungo la schiena!!..applausi a nn finire per voi e un SINCERO grazie di cuore.

BAxitorCH - 5/8/2011 - 00:56


Che dire, ci sono parole cioè riferimenti simbolici adeguati per esternare emotivamente quanto un testo simile su una musica simile elicitano in chi li ascolta? Non mi prodigo in un tanto. Posso però dire che dopo decenni che oramai riascolto queste note continuano a non stancarmi ma al contrario, a deliziarmi. Da ragazzo, quando uscivano in negozio questi LP, cercavo di tradurmi i testi di Peter Gabriel, anche se a scuola non avevo mai studiato l'inglese: ero evidentemente moooolto lontano dallo splendido lavoro fatto da Riccardo che ringrazio sentitamente.

Bruno - 18/11/2011 - 13:47


spero di risentire questo meraviglioso pezzo almeno un' altro migliaio di volte nella mia vita. ormai ne sono quasi dipendente.........La traduzione seconde me è molto poetica e riesce ad immergerti ancora più profondamente nella meraviglia dei suoni. Ma chi fà più una musica così strabiliante e sensazionale? Grazie Genesis!!Ciao a tutti i fans. Andrea (ud)

andrea voncini - 3/12/2011 - 01:43


Ho letto tutti gli interventi di chi mi ha preceduto e mi sono commosso a vedere quanta gente appassionata come me che pensa le stesse e identiche cose.
Supper's ready non ha niente da invidiare ai capolavori assoluti della musica perfino di Vivaldi o Beethoven.
Ogni volta che sento questi Genesis, mi commuovo.
Grazie a tutti.
tra l'altro ssono di Genva e se non sbaglio anche Roberto venturi lo è.
Ovviamente genoano:-)

Lello Sarti - 17/2/2012 - 17:41


Ho scoperto questo gruppo per caso.Sono relativamente giovane perchè oggi ho 33 anni, ma ai miei 15 anni li ascoltavo.
Presi un libro con tutti i testi e le traduzioni e un professore a scuola mi diede delle copie, sempre dei testi con immagini stile copertina Fxtrot, oltre che avermi copiato su musicassetta 2 o 3 LP. Ho consumato i nastri.
Le ho imparate a memoria quasi tutte e ancora oggi ricordo non solo le parole ma tutta la composizione.
Non è una musica facile, ma incantevole. Epica.

Mirka - 23/3/2012 - 22:53


E' la seconda volta in vita mia che vengo chiamato "Roberto" Venturi e devo dire che mi fa un po' piacere, perché il primo ad averlo fatto è stato Davide Giromini! Con un saluto a Lello Sarti: effettivamente sono un simpatizzante genoano, da tanto tempo, anche se il tifo vero e proprio è per la Fiorentina. Ma ultimamente sono diventato quasi alieno dal mondo del calcio...

Riccardo Venturi - 14/4/2012 - 00:16


Complimenti traduzione molto accurata....I Genesis sono stati i primi a farmi sentire i brividi molti anni fà.
Per mia fortuna sono stato il sound engineer di una coverband che eseguiva brani dei Mitici e vi garantisco che farli bene è difficile.Adesso con la maturità...mi diletto a smontare la casa ascoltandoli a palla...1500wrms FBT...buon ascolto a tutti.

Niko Mantelli - 31/7/2012 - 18:50


Bè.... difficile dare giudizi su questo capolavoro (canzone e traduzione compresa) ...la poliedrica personalità di Peter si riflette in tutta la sua lucentezza nei capoversi di questa che pare proprio un' opera di antica fattura ma anche di rara bellezza .... e proprio la possibilità di interpretare ,quasi a piacere ,i giochi di parole e doppi sensi 'gabrieliani'dà il senso della grandezza di questo immenso personaggio.
Non serve dire che adoro Gabriel per il taglio poetico ancor più caricato dalle note che escono dalla sua voce .....
Unico ^__^

Roberto da Mantova - 31/8/2012 - 19:25


caro Riccardo, nella ricchissime note alla canzone, al punto h,ricordi il salmo di Davide e riporti i versi di Salvatore Quasimodo, che a quel salmo si è ispirato, senza però nominarlo (forse lo ritieni così famoso che chiunque lo può riconoscere immediatamente?)

silva - 1/9/2012 - 09:21


Ho conosciuto i Genesis grazie a mio fratello maggiore er ora a 47 anni suonati... ormai sono 30 anni che ascolto quasi esclusivamente Genesis. Un limite? Forse... ma sapete quando hai la scarica perchè hai trovato l'"amore" della tua vita? ecco... Il capire i testi è lo step successivo. Grazie, un lavoro notevole questa traduzione....

Valerio - 5/9/2012 - 23:09


Fantastico Riccardo. Per me leggere questa traduzione è 2 volte emozionante. La prima perchè Peter è da sempre il mio artista preferito. La seconda perchè tu devi essere quel Riccardo Venturi amico di Gabriele Soleri e Stefano Mannelli, che ho conosciuto ai tempi del liceo classico....
Se così è io ho nitido il ricordo di essere stato ai tempi ospite in una tua cantina dove c'erano centinaia di vocabolari e dizionari di tutte le lingue e di tutti i dialetti del mondo! Inoltre ricordo che tu e Gabriele facevate parte degli amici della bicicletta! Che tempi !

Filippo da Firenze - 19/10/2012 - 13:56


E son proprio io quel Riccardo Venturi, carissimo Filippo! Madonna, certo che ne è passato di tempo...ma sempre in banda e ti assicuro che i dizionari che vedevi trentacinqu'anni fa in quella cantina sono parecchio aumentati di numero :-) Certo che per ritrovarsi, e lo dico una volta di più, Facebook non è necessario...
Fatti vivo quando vuoi! Puoi scrivermi a: k.riccardo@gmail.com, così ti racconto un po' di cose! A presto!

Riccardo Venturi - 20/10/2012 - 15:05


Ho 47 anni e ascolto i Genesis da quando ne avevo 14... a 24 anni ho lasciato l'Italia e gli unici vinili che mi hanno seguito sono stati naturalmente la mia collezione completa dei Genesis... li ho ricomprati in CD, ho cercato nei mercatini tutti i bootlegs che ho potuto per anni e anni, finche' internet ha messo a disposizione di tutti praticamente le registrazioni di ogni loro concerto... Non mi stanco mai di questa musica meravigliosa... periodicamente rispolvero uno dopo l'altro i dischi dell'epoca dorata con Gabiel e nonostante ascolti musica da sempre nessun gruppo mi ha mai dato le sensazioni della musica geniale dei Genesis.
Grazie Riccardo per la tua stupnda traduzione di Supper's Ready e grazie a tutti questi commenti che non fanno che confermare la grandezza di questa musica meravigliosa (e mi fanno sentire meno solo in questa trentennale passione)

Andrea - 28/10/2012 - 23:06


Il lavoro dei Genesis, nel periodo 1969/1974, è la colonna sonora della mia gioventù. Supper's Ready è, a mio avviso, la massima espressione delle capacità del gruppo inglese ed anche del rock-progressivo universale. Questa traduzione è la ciliegina sulla torta. Grazie a Riccardo e a tutti gli autori dei commenti qui sopra.

Giorgio - 8/2/2013 - 19:36


Salve, Riccardo
complimenti sinceri per la qualità linguistica e la accuratezza filologica della traduzione.
Volevo segnalarti che su 'Willow Farm' (italiana) manca il secondo parlato:
« ti muteranno in un essere umano! ».

Fabiopalms - 5/4/2013 - 15:30


Ops, Fabiopalms! Questa è la dimostrazione pratica che una traduzione è sempre... "in fieri" :-PP. Ti ringrazio veramente per la segnalazione, in anni ed anni non me ne ero mai accorto...e provvedo immediatamente. Con tantissimi cari saluti!

Riccardo Venturi - 5/4/2013 - 17:27


...è come immergersi nell'acqua tiepida del mare quando una pioggia torrenziale ti riempie il naso e la bocca e non c'è soluzione di continuità tra mare e pioggia! Supper's Ready al primo ascolto è puro godimento...poi gli interessanti risvolti rivelati dalla traduzione soddisfano il bisogno di conoscenza!
Complimenti Riccardo, non solo per il lavoro svolto ma per la serenità e la compostezza con la quale replichi anche alle critiche più aspre...segno di grande equilibrio e spirito democratico e, come dire, in questo momento è una dote rara!

un saluto sincero Marco59

Marco Santacesaria - 9/6/2013 - 03:23


Carissimo Marco, ti ringrazio davvero di cuore delle tue parole. Mi dai anche l'occasione per parlare di una cosa; ogni tanto, poiché sono un "pignuolo" terrificante, mi riguardo questa mia traduzione che, a suo tempo, mi diede veramente parecchio da fare, e mi dico che -un giorno o l'altro- dovrei riprenderla in mano. Ci sono delle cose, per dirtela proprio tutta, che non mi soddisfano appieno, oppure che hanno bisogno di approfondimento; ad esempio, quel "dam", la "diga" o "madre del quadrupede" come la avevo intesa io. Potrebbe anche trattarsi di una sorta di serie a caso di "cambi di lettera", un gioco enigmistico...ma chissà. Rileggendo, forse, e specialmente in quella parte della suite ho un po' voluto dare per forza un significato a ogni cosa; insomma, tutto questo per dire che il fine ultimo della mia traduzione, neppure troppo nascosto, era che ci si cimentasse anche qualcun altro, magari arrivando a conclusioni del tutto diverse dalle mie. Sono sempre stato molto sereno su questo fatto, non solo accettando ma anzi sollecitando le critiche, proprio perché sono convinto che la conoscenza profonda provenga non dalla cosiddetta "autorevolezza" (che presuppone un'imposizione), ma dal confronto, perché ci possono sempre essere delle cose che ignoro e che altri sanno. Probabilmente, una traduzione veramente esatta di questa canzone scaturirebbe incrociando la mia traduzione con quella, eventuale, di X, Y e Z; e, del resto, pur non lesinando critiche io stesso alle precedenti traduzioni italiane di questa suite (ve ne sono), ne ho comunque tenuto conto. Di fronte a queste cose non è possibile che porsi di fronte al testo che in modo estremamente umile; è lui, il testo scritto in una data lingua, che ha sempre e comunque la prevalenza, e che non si "dà" mai tanto facilmente. Ci sono persone che hanno tradotto in altre lingue, che so io, la "Finnegans Wake" di Joyce o la "Petite cosmogonie portative" di Quéneau...altro che "Supper's Ready"! In ultimo, devo dirti che ci sono comunque delle cose che fanno incavolare anche il sottoscritto; ad esempio quelli che commentano con frasi del tipo "questa traduzione è inesatta", oppure "fa schifo" e altre cose del genere, condite magari con sarcasmi e battute varie. Non mi offendo; mi offende soltanto la mancata motivazione di tali affermazioni, e allora rispondo di solito: "Bene, carino...provaci tu allora!" Stranamente, però, non ci prova mai nessuno...
Saluti cari Marco, e torna a trovarci!

Riccardo Venturi - 9/6/2013 - 10:29


Ciao Riccardo,
mi chiamo Roberto e ho ascoltato Supper leggendo la tua traduzione e mi sono ritrovato con gli occhi lucidi. La poetica di Gabriel meritava una tale dedizione e qui ha davvero trovato nel tuo potente (e sincero) lavoro, un'eccellente catarsi. E' la magia della musica e dell'arte in generale. Bello trovare questa pagine e poter fare due chiacchiere con "belle" persone come te.
Sai già che troverai sempre dei soloni sulla tua strada; ma è il destino degli innamorati, della vita, della bellezza, della musica.......fregatene e butta lì quello che senti, sempre; ne vale la pena.
Modestamente in Supper vedo (e sento) la speranza verso una maggiore consapevolezza della razza umana. E' un testo progressivo in questo senso ed è comunque sconvolgente trovare questa sensibilità in anni tanto densi e poco spirituali, quali i '70. Ma si sà i Genesis erano (e rimaranno) tra le band più importanti del secolo scorso.
Ho passato una bella domenica pomeriggio (piovosa tanto per cambiare) e la chiudo con questo grandioso ascolto di Seconds Out.
Non c'è niente da fare: ascolto un sacco di roba nuova, compro dischi, vado ai concerti (Radiohead, Cave, Swans, Wilson, ecc.), ma quando metto un disco dei Genesis, il tempo si ferma e sento quel piacevole calore allo stomaco e mi si stampa in faccia un bel sorriso.....

roberto - 9/6/2013 - 20:01


Ho cominciato ad ascoltare i Genesis nel 72,da allora ho ascoltato tantissima altra musica ,in particolare jazz e classica,e quando mi capita di riascoltare Nursery crime o Foxtrot o selling england rimango sempre stupito dal fatto che mi danno ancora emozioni e dall'inventiva di questo gruppo .E mi fa piacere constatare che da ragazzi non ascoltavamo musica tanto scarsa,anzi.

Nanni - 14/7/2013 - 01:55


...dimenticavo,grazie per la bella traduzione e le preziose spiegazioni

Nanni - 14/7/2013 - 01:57


So che forse esagero, ma Genesis e Pink Floyd sono una parte di eredità che sto lasciando ai miei figli. Grande lavoro d esegesi e traduzione. Grazie.

Walter - 15/11/2013 - 18:02


La cosa sconvolgente è che quando i Genesis scrivevano queste opere così intense e ancora oggi ineguagliate, erano dei ragazzini poco più che ventenni.
Gestisco una sala prove per gruppi rock, e solo pensare di fare un paragone con quello che sento suonare abitualmente, è deprimente.

Emiliano - 23/11/2013 - 17:32


e che te dico...rasegnati

krzyś - 24/11/2013 - 03:24


Ho fatto il salto nel '71.
Dalle medie alle superiori.
Il mondo in cui non andavi + a scuola a piedi, avevi compagni di scuola diversi dagli amici del quartiere.
Insomma, si ampliavano gli input.
E da una musica ascoltata per caso (sanremo, celentano, mina, mario Tessuto) sono passato ad una musica ascoltata.
Bellissimo. Genesis, Yes, Led Zeppelin, EL&P, Jethro Tull, Pink Floyd.
Un altro mondo. Per radio fecero ascoltare Supper's Ready (Carlo Massarini a "Per voi giovani").
Folgorato comperai il disco senza avere il giradischi.
Ancora oggi ascoltandolo ritrovo cose dimenticate e cose nuove. Ogni volta. Immenso!
Secondo me dovrebbero insegnarlo nelle ore di musica in tutto il mondo. Ovviamente insieme agli altri, ma Supper's Ready non dovrebbe mancare.

La colonna sonora della mia vita. Grazie Genesis

damiano - 24/11/2013 - 11:41


C'è solo un altro gruppo di cui sopporterei un pezzo di 30 minuti, si chiamano Grateful Dead. Lì però le traduzioni risulterebbero ancora più difficili...

Pierluigi - 1/12/2013 - 00:06


supper's ready faceva da colonna sonora alle mie prime esperienze con la mia fidanzata dell'epoca. dopo quasi quarant'anni ancora la ascolto. é uno di quei pochi pezzi che riesce a tirarmi fuori lacrime emozionali in maniera spontanea.
adesso riesco anche a leggere le liriche, che finora non ho mai compreso, neanche in lingua originale.
Grazie

vincenzo - 14/12/2013 - 23:59


Ho 47 anni e sono cresciuto a suon di brit-pop, new wave e post- punk. Abbandonati i furori ideologici dell'adolescenza (appartenevo ad una minoranza che ascoltava Clash, U2, Big Country, Alarm, Dire Straits ecc. contrapposta alla maggioranza del funky - dance a manetta)mi sono rivolto al passato con curiosità. Prima l'hard-rock e solo adesso il prog mi hanno aperto un mondo. Quando avevo 15 anni i Genesis producevano pop insulso ed io per tali li conoscevo e li ignoravo; mi piaceva invece, e molto, Peter Gabriel e la sua world music. Non sapevo affatto che, insieme, avessero scritto pagine immaginifiche, spaziali, a loro modo eterne. Supper's ready strugge e diverte, inquieta e addolcisce, ti fa pensare al firmamento ed ai suoi segreti. Ora ho una playlist solo dei Genesis gabrielliani sul telefono, che mi fa da colonna sonora quando sudo in palestra. E la fatica, con il mellotron di Tony, non si avverte affatto.

Paky66 - 27/1/2014 - 12:35


Tutte le lingue, dietro la vetrina "Ufficiale" hanno un meraviglioso sottobosco quali sono le così dette frasi idiomatiche, altro modo per dire "intraducibili". Ma tutto l'insieme dell'ambito dove sono immerse, può dare una precisa idea di cosa vogliono dire e sopratutto comunicare. Sta alla sensibilità di chi legge, riuscire a capirne il vero senso.

Sergio SEU - 20/5/2014 - 17:35


Ho 67 anni suonati e nell'82 una mia amica i regalò A trick of the tail e Seconds Out: da allora ho praticamente tutti i dischi dei Genesis ma ho un dubbio atroce: sono matto forse per il fatto che (a parte i Pink Floyd, i Beatles e i Rolling Stones ) ogni canzone o cantante che ascolto mi sembrano robetta di poco conto? Sono maniaco ossessivo per un gruppo oppure questo gruppo arriva veramente a delle vette non usuali? Preciso che ho una formazione musicale di tipo classico (Beethoven. Chopin, Liszt etc.) e quindi penso di aver maturato un gusto musicale particolare per ciò che riguarda il rock: non mi accontento più. Anzi il mio mondo musicale è iniziato con i Genesis ed è terminato con i Genesis: per capire cosa sono , non solo dal punto di vista compositivo ma anche da quello della strumentazione occorre sentire le loro cose in cuffia: le sensazioni che danno sono straordinarie, a volte raggiungono vette sinfoniche tanto gli strumenti sono amalgamati tra loro. Supper's ready poi è una opera breve ma pur sempre un'opera nel senso classico del termine.Non amo molto nei concerti l'istrionismo di Collins che a volte snatura il senso della loro musica. Un monumento per Tony Banks : è inutile dire il perché. Messi insieme fanno cose sensazionali, al contrario quando si sono prodotti singolarmente come compositori i risultati sono stati piuttosto deludenti.

leonardo d'annunzio - 9/7/2014 - 16:51


Avevo 16 anni, mollato dalla prima fidanzatina che negli ultimissimi tempi mi regalò una musicassetta di Seconds Out, ascoltata distrattamente. Dopo l'addio iniziai ad ascoltare questa musica e, sebbene pieno di dolore, scoprii un mondo di sonorità ed emozioni inaspettato, al confronto tutto era robetta. Tra i brani preferiti c'erano Supper's Ready e Mad Man Moon che, a distanza di molti decenni restano delle vette di bellezza unica. E' l'erdità di Maya che ringrazio molto.

Peppe G. - 26/7/2014 - 19:18


La settimana scorsa ho assistito al concerto torinese di Steve Hackett, dove è stata riproposta Supper's ready. Ottima esecuzione musicale, discutibile interpretazione vocale, che se da un lato mi ha fatto rimpiangere il grande Peter, dall'altro mi ha indotto a riascoltare la versione originale e a riguardare sul Tube il concerto del 1973. Che nostalgia! La prima volta che ho visto i Genesis è stato nel febbraio del 1974, una domenica, in un Palasport gremito all'inverosimile. Uno spettacolo indimenticabile, da brivido... E in quell'occasione l'adrenalina è salita a valori paurosi proprio nel corso dell'esecuzione di Supper's ready, quando Peter, tutto vestito di bianco e di luce accecante come l'angelo "che si erge nel sole" ci ha portato tutti quanti alla nuova Gerusalemme. Ho 62 anni, ma queste cose riescono ancora ad emozionarmi come se fossi un adolescente, soprattutto di fronte ad un testo visionario e geniale come quello di questa cosa che mi sembra riduttivo definire "canzone". La traduzione che ho letto è senz'altro la migliore in assoluto perché ne coglie degnamente lo spirito: la resa precisa credo sia assolutamente impossibile.

Davide '52 - 31/7/2014 - 08:47


Bellissima traduzione...sono sempre stato un fan dei genesis purtroppo essendo nato nel 1964 non sono riuscito a vederli dal vivo nei loro anni d'oro cioè primi anni settanta..pero' ho visto due volte il concerto di Steve Hackett genesis rivisited e sono stato per tutto il tempo con la pelle d'oca,non so immaginare cosa sarebbe stato assistere a suppers ready dal vivo cantata da Peter Gabriel!!!! Comunque genesis forever!!

maurizio - 10/8/2014 - 14:49


Carissimo Maurizio, oltre a aver provato a tradurre la suite in qualche modo, ho avuto in sorte di sentirla dal vivo a Torino nel 1974; essendo del 1963, avevo 11 anni di età. Feci una specie di capriccio clamoroso perché mio fratello, che all'epoca aveva 18 anni, mi portasse con sé e ce la feci a spuntarla. Il fatto è che mio fratello aveva allora la ragazza a Torino (un posto a caso!) e gli ruppi clamorosamente i coglioni le uova nel paniere; ma giuro che ero senza malizia, a me interessavano solo i Genesis, e del resto proprio grazie a mio fratello, da bambino invece di crescere con lo Zecchino d'Oro sono cresciuto a De André, rock progressive, Led Zeppelin, Uriah Heep, Byrds, eccetera eccetera. Altri tempi, mi sa... Saluti cari!

Riccardo Venturi - 10/8/2014 - 16:02

Aggiungi...

 Nuova versione o traduzione   Commento   Segnala indirizzo per scaricare la canzone 

Pagina principale CCG
L'archivio Chi siamo Novità Guestbook Links

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org