Lingua   

Claudio Cormio e Ivan Della Mea: Sciambola

GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG


Lingua: Italiano (Lombardo Milanese)

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

L'estaca
(Lluís Llach)
Lumantela par tri nôs paisân
(Collettivo Ticino Riva Sinistra)
Scarpe rotte
(Ivan Della Mea)


idmea
Testo e musica di Omicron-Ivan Della Mea
Interpretazione di Claudio Cormio
Dall'album Ho male all'orologio [1997]

Ivan Della Mea e Claudio Cormio. Sesto Fiorentino, Istituto Ernesto De Martino, 14 maggio 2006. Manifestazione-ricordo per Franco Coggiola. Foto di Manuela Scelsi.
Ivan Della Mea e Claudio Cormio. Sesto Fiorentino, Istituto Ernesto De Martino, 14 maggio 2006. Manifestazione-ricordo per Franco Coggiola. Foto di Manuela Scelsi.


Lo Sciambola nelle CCG, sia pure negli "Extra"...? Uhm, uhm, diranno sicuramente le nostre lettrici/fruitrici e i nostri lettori/fruitori. Ma in fondo, in questa canzone si ricorda anche la Milano del tempo di guerra, e c'è tutta un'atmosfera che riporta a certi anni in contrapposizione a "certi altri" a noi più vicini, visti con gli occhi di uno di quei fantasmagorici e stupefacenti personaggi milanesi di cui Ivan Della Mea e Claudio Cormio sono stati e continuano ad essere i meravigliosi cantori. Racconta proprio Ivan Della Mea in un'intervista radiofonica di aver conosciuto una persona, una di quelle che ora sarebbe definito un "senza dimora fissa", insomma un "barbone", che, la notte, dormendo in un parco o in un giardino, disponeva il suo cartone, si spogliava con cura piegando i vestiti, si accomodava elegantemente e si metteva a dormire. E chissà quant'altre ne potrebbero raccontare, Ivan e Claudio, su quella Milano che magari da qualche parte resiste, che non è diventata solo "Fiat-Berlusca". Almeno ci piace crederlo; magari, a necessario complemento, dovremmo inserire anche un'altra canzone di Claudio Cormio e Ivan Della Mea, "Nico".

Ed è anche un ringraziamento personale a Claudio Cormio, che dietro mia richiesta ha cantato espressamente lo "Sciambola" domenica 14 maggio all'Istituto De Martino, chiappando el guitarrón seduto da qualche parte in mezzo a bordolesi di rosso che si svuotavano a ritmo infernale, dimenticandosi una strofa (il che rende la cosa ancora più bella!) e raccontandomi che le voci che si sentono nella canzone, tra le quali il signore per il quale la "medicina" è "on bel bianchin", mentre un altro gli risponde: "noo, l'è 'l russ, perchè l'è el bianc che fa mal", sono state da lui personalmente registrate all'ARCI del Corvetto. Ci poteva non stare nelle CCG? Ora avete capito perché c'è. [RV]
Sont el Burdun el Sciambola padron de mi e de nient,
padron di mè disgrazzi fortunn e accident
vegnù on quaj annett adrèe dai parti del Lorett
ma incoeu gh'è pocc de sciambolà mi scioppi chi in Corvett

Mi s'eri on fioeu de sciambola fàa su a la so' manera,
de quej che per la micca hann lauràa matina e sera
de quej che hann magnàa crusca coi ratt in temp de guèra
Milan model Berlusca l'è propi una ratera

Mi sont on fioeu de sciambola e ho sciambolàa de bon
chi gh'era gh'era 'ndava ben, vincenz marocc terron,
la mè Milan o brava gent l'era on figon bel grand
Milan leghista incoeu l'è nient g'ha nanca pü i mudand

Mi s'eri on fioeu de sciambola dal Domm a la Bovisa
per mi Milan l'era la miè la mama anca l'amisa
l'era la tela bianca del mè penel d'artista
e adess l'è on strasc color trasù de ciocc de ciucialista

Mi s'eri on fioeu de sciambola giustra birocc e vin
tirà matina in bambola in Briosca coi pumpin
d'on omm ciamàa la Wanda artista e gran signor
che a on bamba come el Bossi ghe sgagna el semper dür

Mi s'eri on fioeu de sciambola ma voeuri vess nissun
perchè Milan el mè Milan me l'han scianfàa i ladron
de gesa o de carriera gh'a minga de importansa
Milan l'è ona baldracca la gh'a nanca pü creansa

Mi s'eri on fioeu de sciambola ma voeuri vess nissun
compaign fudess on negher sciopàa drogàa terron
per mi che ho sgagnàa guèra coi mondeghi de crusca
Milan incoeu l'è pü Milan se ciama "Fiat-Berlusca"

Sont el Burdun el Sciambola padron de mi e de nient
padron di mè disgrazzi fortunn e accident
vegnù on quaj annett adrèe dai parti del Lorett
ma incoeu gh'è pocc de sciambolà mi scioppi chi in Corvett
ma incoeu gh'è pocc de sciambolà mi scioppi chi in Corvett.

inviata da Riccardo Venturi - 17/5/2006 - 18:41



Lingua: Italiano

Il testo in italiano.
Traduzione di Claudio Cormio.

Sostituisce la traduzione (assai inesatta) fatta a suo tempo fatta "in collettivo" dall'intero newsgroup it.fan.musica.guccini, come si può vedere da questo thread del 25 maggio 2004. Si tratta di un momento importante per le CCG: la prima volta che un autore/interprete esegue una traduzione di un suo testo, o comunque di un testo da lui interpretato, appositamente per le CCG. I ringraziamenti per Claudio Cormio non saranno mai adeguati. [RV]
IL CRAPULA

Sono “Bordoni il crapula”, padrone di me e di niente
padrone delle mie disgrazie, fortune e accidenti
venuto qualche annetto fa dalle parti del Loreto [1]
ma oggi c'è poco da festeggiare, io scoppio qui al Corvetto

Io ero un crapulone fatto alla mia maniera,
di quelli che per il pane han lavorato mattina a sera
di quelli che han mangiato crusca coi ratti in tempo di guerra,
Milano modello Berlusca è proprio una topaia

Io sono un crapulone e ho gavazzato assai
chi c'era c'era, e andavano bene i campagnoli, i marocchini e i terroni…
la mia Milano, o brava gente, era un figone bello grande,
Milano leghista non è più niente, non ha neanche più le mutande.
Ah Ah !!!

Io ero un crapulone dal Duomo alla Bovisa,
per me Milano era l'amante la mamma e anche l'amica
era la tela bianca per il mio pennello d'artista
e ora è uno straccio color vomito di socialista ubriaco

Io ero un crapulone, “giostra calesse e vino” [2]
tirar mattina ubriaco in Briosca [3] coi pompini
di un uomo chiamato Wanda [4], artista e gran signore
che a un stupidotto come Bossi gli mangia il sempre-duro
Ah Ah !!!

Io ero un crapulone, ma vorrei esser nessuno
perché Milano, la mia Milano, me l'hanno sgraffignata i ladroni
di chiesa [5] o di carriera, ha ben poca importanza,
Milano è una baldracca senza più neanche creanza

Io ero un crapulone , ma vorrei esser nessuno,
come fossi un negro, scoppiato, drogato, terrone,
per me che ho mangiato guerra con le polpette di crusca
Milano oggi non è più Milano, si chiama "Fiat-Berlusca"

Sono “Bordoni il crapula”, padrone di me e di niente
padrone delle mie disgrazie, fortune e accidenti
venuto qualche annetto fa dalle parti del Loreto
ma oggi c'è poco da festeggiare, io scoppio qui al Corvetto.
NOTE ALLA TRADUZIONE DI CLAUDIO CORMIO

[1] Loreto, Corvetto, Bovisa: zone periferiche di Milano
[2] Espressione idiomatica sinonimo di "bella vita"
[3] Storica osteria sui Navigli
[4] Noto transessuale realmente esistito
[5] Il primo indagato di tangentopoli si chiamava Mario Chiesa

17/5/2006 - 19:03


Ciao, io sono un tuo gran ammiratore ho un tuo vecchio disco ed è La nave dei folli, vorrei se possibile trovarlo in cd, perchè mi piaci come canti.

musicaribelle59@libero.it - 27/9/2008 - 11:36


"La nave dei folli" si trova agevolmente in CD, riedito (e rimasterizzato) dalle edizioni Ala Bianca, che ha ripreso tutto il catalogo dei "Dischi del Sole" (si veda ad esempio qui). Se abiti a Roma o dintorni puoi trovare tutto alla Libreria Odradek, via dei Banchi Vecchi 57, tel. 06-6833451. Saluti! [CCG/AWS Staff]

CCG/AWS Staff - 27/9/2008 - 17:20


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org