Lingua   

رئيس البلاد (Rayes Le Bled)

El Général / الجنرال


Lingua: Arabo

Scarica / ascolta

Loading...

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

A chi vò ‘sta guerra
(CantoDiscanto)
لازم تنغير
(Shadia Mansour / شادية منصور)
انا الشعب
(Ahmed Fouad Negm احمد فؤاد نجم)


el general


Hamada Ben Amor, in arte El Général, rapper tunisino di 22 anni originario di Sfax, è ormai famoso ed amatissimo nel suo paese, la Tunisia infiammata dalle proteste di questi giorni e bagnata dal sangue del suo popolo, affamato da oltre due decenni ed oggi massacrato per strada dalla polizia del dittatore Zine El-Abidine Ben Ali.

Nelle sue canzoni, infatti, El Général ha avuto come pochi il coraggio di attaccare direttamente il presidente/dittatore/padre-padrone Ben Ali, lo stesso che compare all’inizio del video di questa رئيس البلاد (Rayes Le Bled) intento, con aria molto poco rassicurante, ad estorcere inutilmente una qualche parola ad uno spaventato scolaro (il dittatore chiede – significativamente - al bimbo: “Perché non sei tranquillo? Mi vuoi dire qualcosa?”).

E mentre il nostro buon Frattini dichiara che "L'Italia sostiene i governi in Tunisia e Algeria, che hanno avuto coraggio e che costituiscono un'importante presenza mediterranea, soprattutto nella lotta al terrorismo" (d’altra parte furono Craxi, Andreotti ed il SISMI italiano ad aiutare fattivamente il golpe di Ben Ali nel 1987, quando depose Bourguiba), in Tunisia la protesta non si ferma e così neppure la repressione. Lo stesso Hamada Ben Amor è stato arrestato nei giorni scorsi con un vero e proprio blitz delle forze di sicurezza che ha visto impegnati decine di poliziotti, come se si trattasse di un pericoloso criminale o di un terrorista.

Per fortuna l’hanno rilasciato nel giro di tre giorni, ma l’intimidazione è stata violentissima.
Per fortuna c’è il coraggio di un popolo e di artisti che lo rappresentano con dignità e senza paura, come Hamada Ben Amor, El Général.
Hamada Ben Amor, en art El Général, rappeur tunisien de 22 ans, originaire de Sfax, est désormais fameux et aimé dans son pays, la Tunisie enflammée des protestations de ces derniers jours et baignant dans le sang de son peuple affamé depuis deux décennies et aujourd'hui massacré dans les rues par la police du dictateur Zine El-Abidine Ben Ali.

Dans ses chansons, en fait, El Général a eu comme peu de personnes le courage d'attaquer directement le président/dictateur/ parrain mafieux Ben Ali, le même qui apparaît au départ de cette vidéo رئيس البلاد (Rayes Le Bled), avec un air très peu rassurant pour extorquer inutilement une parole à un élève épouvanté (le dictateur demande – significativement – à l'enfant : "Pourquoi tu n'es pas tranquille? Tu veux me dire quelque chose?")

Et tandis que notre bon Frattini déclare que :  "L'Italie soutient les gouvernements de Tunisie et d'Algérie, qui ont eu le courage et qui constituent une importante présence méditerranéenne surtout dans la lutte au terrorisme" (par ailleurs, ce furent Craxi, Andreotti et le SISMI qui aidèrent le coup d’État de Ben Ali en 1978, quand il déposa Bourguiba) - , en Tunisie, la protestation ne s'arrête pas et de même la répression. Hamada Ben Amor a été arrêté dans les jours qui précédent il y eut un véritable blitz des forces de sécurité qui a mobilisé des dizaines de policiers, comme s'il s'agissait d'un criminel dangereux ou d'un terroriste.

Par chance, ils l'ont relâché dans les trois jours, mais l'intimidation a été très violente.
Par chance, il y a le courage du peuple et des artistes qui le représentent avec dignité et sans peur comme Hamada Ben Amor, El Général.
(traduction de Marco Valdo M.I.)
رئيس البلاد
هاني اليوم نحكي معاك باسمي وباسم الشعب
الكل اللي عايش في العذاب
2011 مازال تم شكون يموت بالجوع،
حابب يخدم باش يعيش لكن صوتوا موش مسموع
اهبط للشارع وشوف العباد ولات وحوش
شوف الحاكم بالمطراك تاك تاك ما يهموش
مادام ما ثمة حد باش يقوله كلمة لا
حتى القانون اللي في الدستور نفخه واشرب ماءه
كل نهار نسمع قضية ركبوهاله بالسيف
بورتان الحاكم يعرف اللي هو عبد نظيف
زعمة ترضاها لبنتك، عارف كلامي يبكي العين
عارف ما دامك بو (أب) ما ترضاش الشر لصغارك
هذا ميساج عبارة واحد من صغارك يحكي معاك
رانا عايشين كالكلاب
نص الشعب عايشين الذل وذاقوا من كأس العذاب
رئيس البلاد، شعبك مات وبرشة عباد من الزبلة كلات
هاك تشوف آش قاعد صاير في البلاد
مآسي باردو والناس ما لقاتش وين تبات
هاني نحكي باسم الشعب
اللي انظلموا واللي نداسو بالصباط
رئيس البلاد، قتلي احكي من غير خوف
هاني حكيت ونعرف اللي نهايتي مش تكون الكفوف
لكن نشوف برشة ظلم وهذاك علاش اخترتك
بورتان وصاوني برشة عباد
الي نهايتي تكون الاعدام
لكن
الى متى التونسي عايش في الأوهام
وين حرية التعبير
رايت منها كان الكلام
اسمها تونس الخضراء
رئيس البلاد...

inviata da Bartleby - 12/1/2011 - 08:41




Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Gabriele Del Grande da fortresseurope.blogspot.com

Proteste contro il governo sono scoppiate nella provincia centrale di Sidi Bouzid dopo che un laureato di 26 anni ha tentato il suicidio dandosi fuoco il 17 dicembre. In Tunisia il tasso di disoccupazione è del 14,7% - fonte Al Jazeera
Proteste contro il governo sono scoppiate nella provincia centrale di Sidi Bouzid dopo che un laureato di 26 anni ha tentato il suicidio dandosi fuoco il 17 dicembre. In Tunisia il tasso di disoccupazione è del 14,7% - fonte Al Jazeera
PRESIDENTE DEL PAESE

Presidente, oggi parlo con te
nel nome mio e nel nome di tutto il popolo,
un popolo che vive nel dolore ancora nel 2011!
C’è ancora gente che muore di fame!
Vogliono lavorare, vogliono sopravvivere,
ma nessuno ascolta la loro voce!
Scendi in strada e guarda!
La gente sta impazzendo e i poliziotti diventano mostri,
ormai sanno usare solo i manganelli,
tac tac,
non gliene importa,
tanto non c’è nessuno pronto a dire no!

La legge e la costituzione
sono solo sulla carta.
Ogni giorno sento di processi
contro la povera gente,
anche quando tutti sanno che quella è una brava persona!
E vedo serpenti ovunque pronti a mordere le nostre ragazze
Accetteresti che tua figlia fosse morsa?
Lo so, certe parole fanno piangere gli occhi...
Ma tu sei un padre e un padre non permetterebbe
che tutto questo accada ai suoi figli!
Il mio è il messaggio di uno dei tuoi figli,
uno che prova a parlare con te.

Parlo con dolore,
viviamo come cani!
Metà della popolazione vive nell’umiliazione
e beve l’oppressione.
Presidente, il tuo popolo sta morendo!
Guarda quello che sta accadendo!
La gente non ha più un posto dove abitare!
Parlo nel nome di tutto il popolo,
c’è gente che mangia dalla spazzatura!
Guarda quello che sta accadendo nel paese!

Presidente hai detto che era il tempo di parlare senza paura.
Ok, io ho parlato
anche se so che adesso mi aspettano guai!
Vedo l’ingiustizia ovunque,
ecco perché ho deciso di raccontare tutto!

Per quanto tempo ancora i tunisini
dovranno vivere sotto la paura?!
Dov’è la libertà di espressione?
Solo sulla carta!
Presidente guarda!
Oggi il paese è diventato un deserto diviso in due.
Ci sono ladri dappertutto,
tutti li vedono ma nessuno può dire niente!
Rubano i soldi delle infrastrutture,
e tu sai bene di chi parlo!
Figli di un cane!
Si sono mangiati i soldi del povero popolo
e adesso non vogliono lasciare la poltrona!
Signor presidente,
se il nostro popolo vivesse in modo dignitoso,
non avrei ragioni per dire queste cose.
E invece sono sempre gli stessi problemi,
le stesse sofferenze.

inviata da Bartleby - 12/1/2011 - 08:44




Lingua: Francese

Version française - CHEF DU PAYS d'une Chanson tunisienne – Rayes le Bled de Hamada Ben Amor, dit Le Général.

La traduction en langue française, qui est sensiblement différente de la traduction italienne, est tirée de la vidéo sous-titrée relayée par Libération.

tunisia 2011


Mais, dit Lucien l'âne, il faudrait quand même dire que Bourguiba ou Ben Ali, ce sont en fait les mêmes... Simplement, Bourguiba était très vieux, très vieillissant... Tiens, tiens qui se teint les cheveux en noir à présent ?... Qui donc est à son tour sur le déclin ? Qui devrait prévoir une retraite à l'étranger ?C'est le finissant Ben Ali... À chacun son tour, dit le fantôme de Bourguiba. Donc ce régime dictatorial – précédé de la colonisation... dure depuis plus d'un demi-siècle... Et si je peux une autre réflexion à propos des mots de Frattini... Qu'en pense le grand ami Khadafi – grand ami de Silvio B., pas le mien... Qu'est-ce qu'il pense de ce remue-ménage ? Serait-ce de lui – à propos de terrorisme – qu'il faudrait se protéger grâce aux dictateurs concurrents de Tunisie et d'Algérie...sans compter que Moubarak... ou le petit Chérifin...Enfin, moi, je ne dis rien... je viens juste de Madaure... Mais si tout le versant sud de la Méditerranée s'enflamme, qu'est-ce qu'on va prendre de ce côté-ci... Cela dit, on a vu des régimes bien plus solides que ceux-là s'effacer en quelques jours... C'est tout ce qu'on peut souhaiter à nos amis de là-bas...
CHEF DU PAYS

Président, aujourd'hui je te parle
En mon nom et au nom de tout le peuple
Qui vit dans la souffrance
En 2011, il y en a encore qui meurent de faim
Il veut travailler pour vivre
Mais a voix n'est pas entendue !
Descends dans la rue et regarde autour de toi !
Les gens sont traités comme des bêtes
Regarde tes flics
À la matraque « tac tac »
Impunément
Puisqu'il n'y a personne pour leur dire « Non ! ».
Même la loi et la constitution
Il n'en a rien à foutre
J'entends chaque jour parler d'une affaire
Montée de toutes pièces
Pourtant le pouvoir sait
Que c'est un honnête citoyen
Je vois les flics
Taper sur des femmes
Est-ce que tu accepterais-ça pour ta fille ?
Ce que je raconte est malheureux
Puisque tu es un père
Et que tu ne voudrais aucun mal à tes enfants
Nous vivons dans la souffrance
Comme des chiens
La moitié du peuple vit dans l'humiliation
Et goûte la misère
Président du pays
Ton peuple est mort
Les gens se nourrissent dans les poubelles
Regarde de qui se passa dans le pays
Les tracas sont partout
Les gens n'ont plus où dormir!
Aujourd’hui, je parle au nom du peuple
Écrasé par le poids de l'injustice
Président du pays
Tu me dis
Parle sans crainte
Voilà, j'ai parlé
Mais je sais ce qui m'attend
C'est que des baffes !
Je vois beaucoup d'injustice
Voilà pourquoi j'ai choisi de parler
Pourtant beaucoup m'ont mis en garde
Jusqu'à quand le Tunisien devra-t-il vivre dans les rêves ?
Où est la liberté d'expression ?
Je n'en ai vu que le nom
Vous appelez la Tunisie « le verte »
Mais Président regarde
Elle est de venue un désert
Coupée en deux blocs
Ils volent aux yeux de tous
pas besoin de les nommer
Tu sais qui sont ces gens
Beaucoup d'argent devait aller
Aux projets, aux réalisations
Aux écoles, aux hôpitaux, aux logements
Mais ces fils de chiens
Avec l'argent du peuple
S'emplissent le ventre
Ils volent, ils pillent, ils se servent
Même une chaise ne leur échappe pas
Le peuple a tant à dire
Mais sa voix ne porte pas
S'il n'y avait pas cette injustice
Je n'aurais pas besoin de parler
Président du pays
Ton peuple est mort
Les gens se nourrissent dans les poubelles
Regarde de qui se passa dans le pays
Les tracas sont partout
Les gens n'ont plus où dormir!
Aujourd’hui, je parle au nom du peuple
Écrasé par le poids de l'injustice
Président du pays
Ton peuple est mort
Les gens se nourrissent dans les poubelles
Regarde de qui se passa dans le pays
Les tracas sont partout
Les gens n'ont plus où dormir!
Aujourd’hui, je parle au nom du peuple
Écrasé par le poids de l'injustice

inviata da Marco Valdo M.I. - 13/1/2011 - 10:16




Lingua: Inglese

Partial English Version of "totalbefun" (from YouTube)
TO THE PRESIDENT

To the president,
today I wanna say something to you,
It is on my behalf and on behalf of my people who are living in misery
2011! Still people dying of hunger!
He wanted to work, he wanted to survive but his voice is silenced
Get to the streets and take a look,
People are turning mad
Police are monsters
Speaking only their batons tac tac tac, they don't care
As long no one is there to say no

Our laws(rights) in the constitution
Are nothing but a decoration
Everyday, I hear of a new lawsuit
Where the poor was setup
Although they know he/she is a decent person
I see snakes (powerful men) everywhere biting our girls
Will you accept for your daughter to be bit?
I know my words are so hard
You are a father and you wouldn't allow that for your sons
Thus, take my message as one from a son to his father

I am speaking out of suffer
We are living like dogs
Half of the population living in humiliation and misery
Mr. President, your people are dying
People are eating rubbish
Look at what is happening
Miseries everywhere Mr. President,
I talk with no fear
Although I know I will only get troubles
I see injustice everywhere

Till when people are living in illusions?
Where is Freedom of expression?
It is only in your speeches

The country thieves are everywhere
You know I am talking about who..
They stick to their positions, to their outracities

12/1/2011 - 18:38


Le combat pour la dignité

Un documentario di Omeyya Seddik e Iyed Dahmani, Tunisia, 2008.

A tutti quelli che ancora credono alle guerre del pane e alle infiltrazioni del terrorismo nella piazza in Tunisia. Ecco "Le combat pour la dignité", il bellissimo documentario sulla precedente rivolta, quelle che nel 2008 infiammò le piazze di Redeyef, la capitale mondiale delle miniere di fosfato. Un lavoro di Omeyya Seddik e Iyed Dahmani. Un film che mostra come la crudeltà della repressione del regime tunisino non sia iniziata a Sidi Bouzid lo scorso 17 dicembre. Già nel 2008 la polizia sparava sui manifestanti e torturava chi rivendicava i propri diritti. Il racconto di quei giorni nelle parole delle mogli dei sindacalisti arrestati all'epoca. Sì perché loro, le donne, hanno avuto e hanno un ruolo fondamentale per la Tunisia che verrà.

*

À tous ceux qui croient encore aux guerres du pain ou aux infiltrations de al rue en Tunisie. Voici "Le combat pour la dignité", un très beau documentaire sur le précédente révolte, qui en 2008 enflamma les rues de Redeyef, la capitale mondiale des mines de phosphate. Un film qui montre que la cruauté du régime tunisien n'a pas commencé à Sidi Bouzid le 17 décembre dernier. Déjà en 2008 (mais c'est une tradition dans ce pays) la police tirait sur les manifestants et torturait qui revendiquait ses propres droits. Le récit de ces journées par la parole des femmes des syndicalistes arrêtés à cette époque. Voilà pourquoi les femmes [du peuple...] ont eu un rôle, ont et auront un rôle fondamental pour la Tunisie à venir.

Redeyef : Le combat de la dignité, raconté par des femmes 1/2 from tunisians on Vimeo.




Da Fortress Europe, il blog di Gabriele Del Grande

Bartleby - 13/1/2011 - 07:45


Ecco perché il dittatore Ben Ali può continuare – anche in queste ore – a far sparare sul popolo tunisino: l’avallo occidentale, ed italiano in particolare, arriva da lontano (ed ecco spiegato pure perché Craxi finì i sui giorni latitante proprio ad Hammamet…)

Eppure, benchè la storia – anche quella giudiziaria – li abbia già giudicati per il farabutto e per il mafioso che erano, Craxi ed Andreotti, mandanti del golpe in Tunisia nel 1987, furono ben più lungimiranti degli attuali inetti responsabili della politica estera italiana, il premier Berlusconi e il ministro Frattini: quando il vecchio e suonato Bourguiba alla fine degli anni 80 cominciò a minacciare fucilazioni di massa, allora l’Italia, sempre avvezza a golpe e golpini interni ed esterni, “aiutò” la sorella Tunisia ad evitare spargimenti di sangue e fomentò una “transizione” morbida verso una nuova dittatura che sapesse garantire la continuità degli affari bilaterali… Oggi che Ben Ali, il despota che deve all’Italia la sua ascesa, massacra il suo popolo, l’Italietta berlusconiana lo saluta come il padre della patria ed il baluardo contro il terrorismo di matrice islamica (che con l’attuale rivolta in corso non c’entra una beata minchia): neppure la vecchia, “sana”, sporca “politica estera” dei bei tempi sanno più fare ‘sti incapaci!

Da una seduta segreta della commissione Stragi la verità sull'ascesa al potere di Ben Alì nel 1987.

"1987 - L'ITALIA DIETRO IL GOLPE IN TUNISIA"

L'ammiraglio Martini: Craxi e Andreotti ordinarono al Sismi di agire.


di Carlo Chianura, da La Repubblica

Tunisia, 1987: la foto di Bourguiba viene sostituita con quella di Ben Ali.
Tunisia, 1987: la foto di Bourguiba viene sostituita con quella di Ben Ali.



ROMA - Sette novembre 1987, Tunisi. Nel Palazzo di Cartagine il nuovo leader Ben Alì si insedia alla presidenza della repubblica nordafricana. Durante la notte è succeduto in maniera incruenta al vecchio Habib Bourghiba, destituito con un certificato medico di "incapacità psicofisica". Sei ottobre 1999, ore 20.38, commissione Stragi del Parlamento italiano. Depone Fulvio Martini, per sette anni a capo del Sismi sotto i governi Craxi, Fanfani, Goria, Andreotti. Si discute del caso Moro piuttosto che delle carte del Kgb, quando Martini si rivolge al presidente Pellegrino: "Se noi passassimo in seduta segreta potrei raccontare una cosa...". Pellegrino dispone ventidue minuti prima delle nove la "segreta". E l'ex capo del servizio militare racconta a sorpresa: "Negli anni 1985-1987 noi organizzammo una specie di colpo di Stato in Tunisia, mettendo il presidente Ben Alì a capo dello Stato, sostituendo Burghiba che voleva fuggire".

Dodici anni dopo quegli avvenimenti di Tunisi che ebbero una grande eco in tutta Europa, "Repubblica" è venuta a conoscere la clamorosa verità su un cambio della guardia che già all'epoca dell'insediamento di Ben Alì aveva destato più d'un sospetto. Dunque in Tunisia l'Italia non si limitò solo a orientare politicamente le scelte del paese africano, puntando sui buoni rapporti storici tra i due paesi o sulle leve finanziarie ed economiche. Secondo le dichiarazioni di Martini, il nostro paese mise in atto un golpe per estromettere dal potere un leader malato e pericoloso per la stabilità dell'intera area maghrebina e porre al comando un presidente gradito all'Italia.

Un vero colpo da maestri, nel suo genere, quello di Martini e dei suoi. "Io evidentemente non posso scendere nei particolari", dice ai membri della Cmmissione l'ammiraglio, "essendo ancora Ben Alì presidente della repubblica tunisina". Lo scenario del golpe Martini lo ha descritto nel suo recente libro "Nome in codice: Ulisse". Senza naturalmente fare riferimenti a ciò che effettivamente avvenne, l'ex capo del Sismi descrive con un ampio giro di parole quello che oggi sappiamo essere stato un golpe organizzato dall'Italia in un paese straniero. Ci fu, dice Martini, "un trasferimento di poteri tranquillo e pacifico". Il cui merito, egli afferma, va soprattutto a due persone: Bettino Craxi e Giulio Andreotti. A partire dal 1985 si era creata nella regione "una situazione politico-diplomatica abbastanza complessa". Si era aperta "una questione di successione al vertice della repubblica tunisina" non facilmente risolvibile. "Si trattava di procedere alla sostituzione di Bourghiba. Bourghiba", racconta l'ex ammiraglio, "era stato il simbolo della resistenza contro i francesi, ma era un uomo di età molto avanzata e non era più nelle condizioni fisiche e mentali di guidare il suo paese". Il vento dell'integralismo islamico che comincia a scuotere il Nord Africa arriva a farsi sentire anche in Tunisia. Bourghiba, ricorda Martini, reagisce ma in maniera "un po' troppo energica". "Minacciò di fucilare un certo numero di persone e fu subito chiaro che una reazione del genere avrebbe portato a sovvertimenti suscettibili di pesanti riflessi negativi anche nei paesi vicini".

Ed è a questo punto che entra in gioco il governo italiano. Bettino Craxi è dal 4 agosto 1983 il presidente del Consiglio. Giulio Andreotti è il ministro degli Esteri. "Su loro direttive", cioè per ordine di Craxi e Andreotti, Martini dice ai suoi uomini di agire in Tunisia "paese con cui avevamo eccellenti rapporti". "Riuscimmo a concludere una prima transazione sui principali punti di contrasto, poi proponemmo una soluzione soddisfacente per tutti che fu accettata e la successione di Bourghiba avvenne con un trasferimento di poteri tranquillo e pacifico".

Insomma, una specie di congiura di palazzo che si conclude in poche ore nella notte tra il sei e il sette novembre 1987. Presidente del Consiglio nel frattempo è diventato Giovanni Goria, sottosegretario alla presidenza Emilio Rubbi, ministro della Difesa Valerio Zanone. Ministro degli Esteri, inutile dirlo: Giulio Andreotti. "Non ci fu una goccia di sangue", nota con soddisfazione l'ex capo del servizio militare. E non rinuncia a una stilettata verso il pari grado di uno Stato estero, forse la Francia. "L'unica vittima fu un capo servizio europeo che ci rimise la poltrona perché al suo governo non piacque la nostra soluzione". Un mese dopo il golpe l'allora presidente dell'Eni, il socialista Franco Reviglio, corre a Tunisi per concludere un accordo. Lo accompagna Bettino Craxi, ridiventato leader del Psi. Sono ancora lontani i tempi in cui Craxi, caduto in disgrazia e pluricondannato per Tangentopoli, otterrà dal riconoscente Ben Alì un sicuro riparo ad Hammamet. Ma questa è un'altra storia.

(10 ottobre 1999)

Bartleby - 13/1/2011 - 08:35


UNE JEUNESSE VÉCUE SOUS L’OMBRE DE BEN ALI

Nawaat

Lycée Pilote Bourguiba Tunis / LPBT supporte la révolution du Jasmin
Lycée Pilote Bourguiba Tunis / LPBT supporte la révolution du Jasmin


Par Sam,

Je fais partie de la nouvelle génération qui a vécu en Tunisie sous le règne absolu de Ben Ali.

Au lycée, et au collège, on a toujours peur de parler politique : “Il y a des rapporteurs partout” qu’on nous dit. Personne n’ose en discuter en public. Tout le monde se méfie. Votre voisin, votre ami, votre épicier, est un rapporteur de Ben Ali, voulez-vous être emmené de force vous ou votre père vers un lieu indéfini, un soir à 4h du mat ?

On grandit avec cette peur de s’engager, et on poursuit nos études, nos sorties, nos soirées, sans se soucier de la politique.

Aux années lycées, on commence à connaître les méandres de la famille royale, et on entends des histoires ici et là, sur tel proche de Leila qui a pris le contrôle d’un industrie, qui s’est approprié le terrain d’une autre personne, ou qui traitait avec la mafia italienne.

On en parle, on en discute entre nous, tout le monde est au courant, mais on n’agit pas. On poursuit nos études, on apprends vite que la télévision tunisienne est la pire télévision qui existe, toutes les informations relayés sont des effigies à la gloire du président, Ben Ali est toujours montré sous son meilleur jour, on sait tous qu’il se teint les cheuveux en noir. Personne n’aime sa femme au sourire de bois. Elle n’a jamais eu l’air sincère sa femme.

On vit. On ne vit pas, on pense vivre. On a envie de croire que tout va bien puisqu’on fait partie de la classe moyenne, mais on sait que si les cafés sont pleins à craquer en journée, c’est que les chômeurs y discutent foot.

Les premières boîtes de nuits ouvrent leurs portes, on commence à sortir, à boire, à avoir une vie nocturne du côté de Sousse et de Hammamet, d’autres histoires circulent sur un tel Trabelsi qui a explosé la gueule à une personne parce qu’il en a eu envie, d’un autre qui a provoqué un accident de route puis est retourné dormir chez lui, encore un Trabelsi. On s’échange ces histoires, discrètement, rapidement. On se venge à notre manière, en racontant, on a l’impression de comploter.
Les policiers ont peur, si on leur dit qu’on est un proche de Ben Ali, toutes les portes s’ouvrent, les hôtels privés donnent leurs meilleurs chambres, les parkings deviennent gratuits, le code de la route n’existe plus. La Tunisie devient un terrain de jeu virtuel, ils ne risquent rien, ils peuvent tout faire, les lois sont leurs marionettes.

L’internet est bloqué, les pages censurées sont assimilées à des pages non trouvées, à croire que ces pages n’ont jamais existé. Les écoliers s’échangent les proxy, le mot devient légion : ‘T’as un proxy qui marche ?’.

On en a marre, on en discute entre nous, on sait tous que Leila Ben Ali a tenté de vendre une île tunisienne, qu’elle veut fermer l’école Américaine de Tunis pour promouvoir son école, ces histoires circulent. On s’échange sur Internet et dans les sacs “La régente de Carthage”. On aime notre pays, et on a envie que ça change, mais il n’y a pas de mouvement organisé, la tribu est prête, mais le chef manque à l’appel.

La Tunisie, la corruption, les pots de vin, on a simplement envie de partir d’ici, on commence à candidater pour aller étudier en France, au Canada…On veut tout quitter. On est lâche et on l’assume. On leur laisse le pays.

On part en France, on oublie un peu la Tunisie, on y revient pour les vacances. La Tunisie ? C’est les plages de Sousse et de Hammamet, les boîtes de nuits, et les restaurants. C’est ça la Tunisie, un club med géant.

Et là, Wikileaks révèle au jour ce que tout le monde se murmurait.

Et là, un jeune s’immole par le feu.

Et là, 20 Tunisiens sont tués en un jour.

Et pour la première fois, on y voit l’occasion de se rebeller, de se venger de cette famille royale qui s’est tout approprié, de renverser l’ordre établi qui a accompagné toute notre jeunesse.

Une jeunesse éduquée, qui en a marre, et qui s’apprête à immoler tous les symboles de cette ancienne Tunisie autocratique, par une nouvelle révolution, la révolution du Jasmin, la vraie.


Traduzione italiana di Elisabetta Horvat da La Repubblica

TUNISIA. IO, STUDENTE BLOGGER PRIGIONIERO DI BEN ALI

Censura, povertà e voglia di fuga le micce della rivolta. "Per noi giovani dal futuro negato è cominciata la rivoluzione". La paura del regime e l'amore per il Paese.

Scritto da Sam


Pubblichiamo la testimonianza di uno studente universitario tunisino che si firma con uno pseudonimo: il testo è stato pubblicato sul blog collettivo di Nawaat, sito vicino all'opposizione

Faccio parte della nuova generazione vissuta in Tunisia sotto il regno assoluto di Ben Ali. Al liceo, al college, si ha sempre paura di parlare di politica. "Ci sono spie dovunque", ci dicono.

Nessuno osa discuterne in pubblico. Nessuno si fida. Il vicino, un amico, il droghiere può essere una spia di Ben Ali. Vuoi che ti portino via a forza, te o tuo padre, in qualche luogo indefinito, la sera o alle quattro del mattino?
Si cresce con questa paura di impegnarsi, e si continua a studiare, si va in giro, si esce la sera senza occuparsi di politica. Negli anni del liceo si cominciano a conoscere i meandri della famiglia reale, e si sentono storie qua e là, su questo o quel parente di Leila (la first lady tunisina, ndr.) che ha preso il controllo dell'industria, che si è appropriato dei terreni di qualcun altro o che ha trattato con la mafia italiana.

Se ne parla, se ne discute tra noi, tutti sono al corrente, ma non si agisce. Si proseguono gli studi, in breve ci si rende conto che la tv tunisina è la peggiore di tutte, ogni informazione è un inno alla gloria del presidente. Ben Ali appare sempre nella sua luce migliore. Tutti sanno che si tinge i capelli di nero. Sua moglie, con quel suo sorriso legnoso, non piace a nessuno; non è mai sembrata sincera.

Si vive. O non si vive, si pensa di vivere. Si ha voglia di credere che tutto vada bene, perché si fa parte della classe media, ma si sa che durante il giorno i bar sono pieni zeppi di gente: disoccupati che discutono di calcio.
I primi locali notturni aprono le porte, si incomincia a uscire, a bere, a fare vita notturna dalle parti di Sousse o di Hammamet. Circolano altre storie su un certo Trabelsi (il cognome della first lady, ndr) che ha spaccato la faccia a uno perché gli andava di farlo, o di un altro con lo stesso cognome che ha provocato un incidente stradale e poi se ne è tornato a casa a dormire. Queste storie, ce le raccontiamo in fretta, discretamente. Ci vendichiamo a modo nostro: raccontando, ci sembra di complottare.

I poliziotti hanno paura. Se gli dici che sei parente di Ben Ali tutte le porte si aprono, negli alberghi ti danno le stanze migliori, i parcheggi sono gratis, il codice stradale cessa di esistere. La Tunisia diventa un campo da gioco virtuale. Non rischiano nulla, possono fare quello che vogliono, trattare le leggi come fossero marionette.
Internet è bloccato. Le pagine censurate vengono fatte passare per non trovate o inesistenti. A scuola ci si scambiano i proxy (le strade per evitare la censura informatica, ndr). "Hai un proxy che funziona?" è la parola d'ordine; non si sente dir altro.

Siamo stufi, e ne parliamo tra noi, sappiamo tutti che Leila Ben Ali ha cercato di vendere un'isola tunisina, che vuole chiudere la Scuola Americana di Tunisi per promuovere una sua scuola: queste storie circolano. Su Internet e nelle borse ci scambiamo "La reggente di Cartagine" (una biografia impietosa della first lady, ndr). Amiamo il nostro Paese, vorremmo veder cambiare le cose, ma non c'è un movimento organizzato. La tribù è pronta, ma il capo manca all'appello.

La Tunisia, la corruzione, le tangenti - c'è semplicemente la voglia di andarsene di qui, ci si candida per andare a studiare in Francia, in Canada ... Vorresti piantar lì tutto. Sei un vigliacco, lo riconosci. Il Paese, lo lasci a loro.
Te ne vai in Francia, dimentichi per un po' la Tunisia, ci torni in vacanza. La Tunisia? È la spiaggia di Sousse, o quella di Hammamet, o locali notturni, i ristoranti. Ecco cos'è la Tunisia: un gigantesco Club Méditerranée.
Ed ecco che WikiLeaks rivela in piena luce quello che tutti mormoravano.

Ed ecco che un giovane si immola col fuoco..

E 20 tunisini sono uccisi in un solo giorno.

E per la prima volta si vede in tutto questo l'occasione per ribellarsi, per vendicarsi di questa famiglia reale che si è impossessata di ogni cosa, di rovesciare l'ordine costituito che ha accompagnato l'intera vita di noi giovani.
Giovani che hanno studiato; e che ora ne hanno abbastanza. E si preparano a immolare tutti i simboli di questa vecchia Tunisia autocratica, con una nuova rivoluzione, la Rivoluzione del Gelsomino, quella vera.

Bartleby - 13/1/2011 - 12:00


False proteste del pane e vere lotte di liberazione
di Anna Castiglioni via Canale di Sicilia

Ben Ali visita all'ospedale Bouazizi


“L'aumento dei prezzi del pane aveva fatto esplodere l'esasperazione della popolazione tunisina…”
E’ una frase tratta da uno degli ultimissimi articoli sui fatti di Tunisi, in questo caso pubblicato da La Repubblica. Non che la Repubblica faccia peggio di altri organi di informazione.
Dalla televisione ai quotidiani sembra che per i media italiani la falsa e fuorviante definizione di “rivolta del pane” sia la più gettonata. Non so se per risparmiare sui tempi televisivi, accomunando così due notizie e due paesi nettamente distinti, se per disinformazione causata da ignoranza o se per una disinformazione più studiata, che associare la parola dittatura al governo di Ben Ali potrebbe essere cosa non gradita. Ma se rimane il dubbio che mentano sapendo o meno di mentire, è invece una certezza che parlare di rivolta del pane significhi, giustappunto, mentire.

Innanzitutto l’ultimo rialzo del prezzo del pane in Tunisia risale al luglio scorso; non si sono registrate proteste di sorta.
In secondo luogo parlarne in questi termini equivale a dire che, con qualche ritocco all’economia del paese, il governo attuale avrebbe tutte le carte in regola per continuare a reggere il paese. Equivale a mettere la mani avanti per sostenere da una rovinosa caduta un presidente così caro all’Europa.
In migliaia però non sono scesi in strada per reclamare riforme all’economia del paese. O almeno non solo. Scendere in strada in Tunisia significa rischiare la proprio incolumità, la propria vita. Cinquanta morti ammazzati dovrebbero averci chiarito il concetto.

In migliaia hanno deciso di ritrovare il coraggio per chiedere la fine di una dittatura: lotta di liberazione è il nome esatto, se si volesse dare un senso alle parole e se si volessero rispettare le lotte di liberazione e non solo festeggiarne gli anniversari.

In migliaia combattono, perché è questo che fanno, contro una dittatura liberticida nel senso proprio della parola perché uccide ogni diritto civile e oltraggia i diritti umani. Combattono contro un sistema di polizia e delazione che per ventitré anni ha soffocato le aspirazioni di un popolo con la paura di ritorsioni, soprusi e violenze; una paura così tangibile da sfuggire solo ai turisti beati e beoti che non distinguono i paesi dalle cartoline. Combattono contro un sistema di arresti arbitrari, processi sommari, condanne politiche e torture. Combattono contro le vessazioni quotidiane inferte da una polizia che ha l’arroganza tipica di chi sa di avere il potere vero; le stesse vessazioni cui si è voluto sottrarre Mohamed Bouazizi il 17 dicembre dandosi fuoco. Non si voluto sottrarre a un rincaro del pane ma a un sistema che frustra il popolo e lo umilia.

La dittatura di Ben Ali violenta e mortifica. Alcuni casi di tortura hanno avuto come sfondo il Ministero degli Interni, Av.Bourguiba, pieno centro città; da lì è partito l’ultimo messaggio di Azyz Amamou, blogger arrestato il 6 gennaio. Violare i diritti umani in un palazzo governativo nel centro capitale: la dittatura di Ben Ali mortifica, certa com’è di non correre rischi e che la paura abbia ormai totalmente impregnato la vita di ogni tunisino.

E’ su questa certezza che la dittatura di Ben Ali vacilla.
“Da oggi in poi non abbiamo più paura” era uno degli slogan scanditi con voce sicura durante le prime manifestazioni a Sidi Bouzid.
“Non abbiamo paura, non abbiamo paura, temiamo solo Dio” è il grido che si sentiva poche ore fa finalmente nella capitale. Ed è bello sentire persone costrette per anni al silenzio, persone che meritano un paese diverso, parlare con fiducia, fiducia!, di una speranza e di un cambiamento.
“Forse domani qui ci sarà la guerra. Ma se vogliamo cambiare bisogna combattere.”

Hanno sconfitto la paura. Che se ne fanno adesso di un regime basato sulla paura?

13/1/2011 - 19:09


Tra i passeggeri di un aereo tunisino in scalo tecnico a Cagliari è stato sorpreso il solito clandestino, un tipo anziano questa volta, che dice di chiamarsi Zine El-Abidine Ben Ali. Sostiene che nel suo paese c'è una feroce dittatura e che gli vogliono fare la pelle. Vorrebbe asilo politico. Maroni, interpellato, ha osservato: "Dicono tutti così", e l'ha fatto custodire nel CIE locale, in attesa di rimpatriarlo con il primo volo. (Fantapolitica, naturalmente).

A Tunisi vengono rimossi i ritratti di Ben Ali
A Tunisi vengono rimossi i ritratti di Ben Ali

Gian Piero Testa - 15/1/2011 - 06:59





Questa, secondo Nawaat, il portale dell'opposizione all'ormai defunto regime di Ben Ali, è la foto simbolo del nuovo corso della Tunisia...
Lascio la parola a Gabriele Del Grande di Fortress Europe, ma mi pare che il sentimento (anche giustamente) ottimista che traspare dal suo articolo sia involontariamente contraddetto dal titolo che poi ha scelto: "Tunisia: nuovo corso, vecchia rotta". L'autore si riferisce alle rotte dei clandestini, battute pure dai tunisini (anche ieri ne sono sbarcati 39 in Sicilia provenienti da Sfax, la città de El Général...) ma al sottoscritto quella foto sa di altre "vecchie rotte", quelle dei vecchi lupi capaci di rimanare saldamente al potere anche quando il capo branco è costretto a squagliarsela...
Stiamo a vedere, magari si tratta davvero di una riedizione maghrebina della rivoluzione dei garofani portoghese... in fondo qui sono gelsomini, no?
Intanto però il governo provvisorio, che aveva annunciato immediate elezioni, oggi dice che saranno fra non meno di sei mesi e molti si chiedono se tutto il sangue versato servirà davvero a qualcosa...
"Essere ottimisti è un dovere" dice il redattore di un giornale tunisino a Domenico Quirico, come riportato alla fine di questo interessante articolo dell'inviato de La Stampa di Torino, però forse sarà altrettanto necessario vigilare su questo virgulto di democrazia, cosa assai rara nel Maghreb, che potrebbe risultare scomodo per molti da quelle parti.

Bartleby - 17/1/2011 - 20:16


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org